Posts by tag: agrintesa

Economia 24 Marzo 2021

L’ananas Dolcetto a marchio Alce Nero fa crescere l’agricoltura cooperativa in Togo

Bilancio positivo per il primo anno del progetto «Ananas Dolcetto», nato per sviluppare l’agricoltura cooperativa in Togo. L’iniziativa è promossa da Coopermondo, la Ong del sistema Confcooperative, con il contributo dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo assegnato nell’ambito del Bando Profit 2018, e vede tra i soggetti convolti anche la cooperativa Agrintesa, come partner industriale e agronomico, e Alce Nero, con sede a Castel San Pietro, come partner commerciale.

Nonostante le difficoltà dovute alla pandemia, 500 giovani sono stati avviati all’agricoltura e oltre 1.500 agricoltori togolesi, di cui oltre un terzo donne,  hanno ottenuto la certificazione Bio e Fairtrade. Centrato anche il bersaglio della giusta remunerazione per l’ananas. Dall’inizio del progetto, l’ananas biologico del Togo, venduto a marchio Alce Nero, ha raggiunto oltre 250 mila consumatori italiani. (lo.mi.) 

Nella foto: produzione dell’ananas Dolcetto in Togo

L’ananas Dolcetto a marchio Alce Nero fa crescere l’agricoltura cooperativa in Togo
Economia 25 Febbraio 2021

L’Enoteca regionale coordina maxi-progetto di filiera «green» per il comparto vitivinicolo dell’Emilia Romagna

«Legàmi di vite» è il nuovo contratto di sviluppo «green» nel comparto vitivinicolo dell’Emilia Romagna, che prevede interventi per oltre 115 milioni di euro, di cui 81 milioni sul versante ambientale. Il progetto, che vede il coordinamento di Enoteca regionale, è stato presentato al ministero dello Sviluppo economico.

Vi hanno aderito le più importanti realtà regionali cooperative, rappresentative di 12 mila imprese agricole socie, per un totale di 470 mila tonnellate di uva lavorata (il 61% della produzione dell’Emilia Romagna, dato 2019) e di 3.400.000 ettolitri di vino imbottigliato all’anno. Numeri importanti anche sotto il punto di vista occupazionale, con ben 1.232.000 giornate/lavoro agricolo e con circa 2.800 unità impiegate nelle cantine. Le aziende aderenti al progetto sono: Caviro Extra, Caviro, Agrintesa, Cantina Forlì Predappio, Cantina di Carpi e Sorbara, Terre Cevico, Le Romagnole, Medici Ermete, Cantine Riunite & Civ, Enomondo.

Obiettivo del contratto è lo sviluppo di una filiera sostenibile e circolare, anche con la messa a punto di un protocollo ambientale. Tra gli interventi che saranno realizzati in Emilia Romagna, oltre all’ampliamento della capacità produttiva, si prevede la trasformazione di prodotti agricoli del settore vitivinicolo e loro sottoprodotti (circa 67 mila tonnellate/anno derivanti dai processi di vinificazione) in acido tartarico naturale e biocarburanti avanzati, efficientamento energetico nei processi produttivi, riduzioni dei gas effetto serra, riduzione dell’impatto ambientale dei processi, realizzazione e potenziamento di sistemi di depurazione delle acque reflue in uscita dagli stabilimenti (attualmente 560 mila metri cubi/anno di reflui da attività agroalimentare ceduti in depurazione) e miglioramento dei sistemi di confezionamento e di stoccaggio. (lo.mi.)

Nella foto: il modello di economia circolare del progetto «Legàmi di vite»

L’Enoteca regionale coordina maxi-progetto di filiera «green» per il comparto vitivinicolo dell’Emilia Romagna
Economia 13 Novembre 2020

Il nuovo presidente della cooperativa Agrintesa è l’imprenditore agricolo faentino Aristide Castellari

L’imprenditore agricolo faentino Aristide Castellari è il nuovo presidente di Agrintesa, cooperativa agricola leader italiana dell’ortofrutta e del vino, con 4 mila aziende socie, oltre 450 mila tonnellate annue di prodotti conferiti e un giro d’affari che raggiunge i 300 milioni di euro. Presente soprattutto nel ravennate, ha un centro di ritiro e stoccaggio anche a Mordano.

Vicepresidente dal 2015, Castellari succede a Raffaele Drei, per 23 anni alla guida della cooperativa e che ora sarà vicepresidente fino al rinnovo delle cariche nel 2021. «Il primo nodo da affrontare – commenta Castellari – è quello di un’annata molto difficile, segnata dalle gelate primaverili e dalla pandemia, dopo un 2019 caratterizzato dall’invasione della cimice asiatica. Saremo al fianco dei nostri soci per tutelare e sostenere chi ha perso gran parte o addirittura tutto il raccolto: anche su questo fronte ringrazio Drei per avermi lasciato le redini di una cooperativa finanziariamente ed economicamente solida». (r.e.)

Nella foto: l’imprenditore agricolo faentino Aristide Castellari

Il nuovo presidente della cooperativa Agrintesa è l’imprenditore agricolo faentino Aristide Castellari

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast