Posts by tag: anpi

Cultura e Spettacoli 26 Giugno 2021

Officine Re-Esistenti, oggi la prima visita guidata al museo a cielo aperto sulla Resistenza imolese

Tutto pronto per la prima camminata urbana del progetto Officine Re-Esistenti, il museo diffuso nel centro di Imola dedicato alla storia della Resistenza cittadina. Un’idea lanciata dalla cooperativa Officina Immaginata, dal Cidra, dalla sezione di Imola dell’Anpi e dall’Istituto comprensivo 7, assieme alla cooperativa Il Mosaico, all’associazione Noi giovani, al presidio «Giudice Alberto Giacomelli» di Imola e del circondario dell’associazione Libera, con la partecipazione di Bacchilega editore.

La visita guidata partirà questo pomeriggio dal Cidra (ore 18.30), a gruppi, e toccherà le tappe del museo diffuso nel centro storico. La conclusione sarà al prato della rocca (ore 19.30) con aperitivo di lancio della raccolta fondi di Officine Re-Esistenti. In serata (ore 20.30) presentazione dei libri «La scelta di una vita» e «Il valore della memoria» di Lisa Laffi, presso il Verziere delle monache in via Caterina Sforza, con la partecipazione di Virginia «Gina» Manaresi e degli studenti dell’Istituto comprensivo 7. Letture a cura di Extravagantis Teatro.

COME PRENOTARSI 

Nella foto: la sede del Cidra a Imola, punto di ritrovo per la camminata urbana di oggi

Officine Re-Esistenti, oggi la prima visita guidata al museo a cielo aperto sulla Resistenza imolese
Cronaca 14 Maggio 2021

Imola ha ricordato le vittime del primo bombardamento aereo avvenuto il 13 maggio 1944

Nel 77° anniversario del primo bombardamento aereo su Imola, avvenuto il 13 maggio 1944, il sindaco Marco Panieri ha deposto una corona al monumento nella pineta del Macello (via Baviera Maghinardo) a ricordo delle vittime, 53 civili tra donne, bambini e anziani. Presenti fra gli altri anche il presidente dell’Anpi, Gabrio Salieri, la staffetta partigiana Virginia Manaresi e il vicesindaco Fabrizio Castellari.

Il 13 maggio 1944 le cosiddette «fortezze volanti» alleate sganciarono sulla città circa 300 bombe da 240 chili, da un’altezza di circa 6.800 metri. Nell’ambito della cerimonia, nel rispetto delle normative anti Covid in vigore, alcuni studenti della classe 3ªB della scuola media Innocenzo da Imola, con la docente Alessia Resce, hanno rievocato quei momenti terribili nell’ambito del progetto «Quando un posto diventa un luogo – Vedere voci 2021». (lo.mi.) 

Nella foto (di Isolapress): un momento della commemorazione  

Imola ha ricordato le vittime del primo bombardamento aereo avvenuto il 13 maggio 1944
Cronaca 9 Aprile 2021

A Imola cerimonia per ricordare don Giulio Minardi

Sabato 3 aprile si è svolta una breve cerimonia in ricordo di don Giulio Minardi quale simbolo autentico di solidarietà e coraggio. Il sindaco di Imola, Marco Panieri, e il presidente dell’Anpi imolese, Gabrio Salieri, hanno deposto corone presso il busto eretto nel 2000 nel giardino dell’Istituto di Santa Caterina, in via Cavour.

Durante la Seconda guerra mondiale, il parroco imolese diede asilo a partigiani, perseguitati politici, ebrei e a militari disertori, ospitandoli nelle grandi cantine della canonica della chiesa del Carmine e in altre strutture religiose, salvando così loro la vita.

Nella foto: il busto in memoria di don Giulio Minardi 

A Imola cerimonia per ricordare don Giulio Minardi
Cronaca 24 Marzo 2021

L’Anpi ricorda i partigiani caduti a Spazzate Sassatelli

Nella mattinata di domenica 21 marzo il sindaco di Imola, Marco Panieri, e il presidente dell’Anpi di Imola, Gabrio Salieri, hanno deposto una corona di alloro alla base della lapide che nell’area delle ex scuole comunali della frazione imolese di Spazzate Sassatelli ricorda il sacrificio di tre partigiani caduti durante la lotta di Liberazione, uccisi dal nazifascismo: Amedeo Marchi (1914-1944), Leonida Passerini (1921-1945) e Giuseppe Tinarelli (1898-1945).

La cerimonia, come ormai avviene da un anno a questa parte, si è svolta in forma ridotta, senza la presenza di cittadini, in ottemperanza alle normative in vigore per il contrasto alla diffusione del Coronavirus. I tre partigiani «Caduti per la Libertà» di cui si è celebrato il ricordo facevano parte del Battaglione Pianura della brigata Sap Imola. (r.cr.)

Approfondimenti su «sabato sera» in edicola dal 25 marzo.

Per saperne di più date un’occhiata al libro «La Resistenza a Imola e nel suo circondario» di Bacchilega editore.

Nella foto: il sindaco Marco Panieri e il presidente dell’Anpi Gabrio Salieri depongono la corona sotto la lapide dei caduti a Spazzate Sassatelli

L’Anpi ricorda i partigiani caduti a Spazzate Sassatelli
Cronaca 25 Febbraio 2021

Cerimonia dell’Anpi a Osteriola in ricordo dei partigiani caduti

Durante una sobria cerimonia, svoltasi domenica 21 febbraio, è stata deposta una corona ai piedi della lapide che nella frazione imolese di Osteriola ricorda sette partigiani caduti per la Libertà: Lino Afflitti, Otello Cardelli, Candido Contoli, Zelino Frascari, Armando Gardi, Enea Suzzi e Angelo Volta. Presenti alla cerimonia il sindaco di Imola, Marco Panieri, il vicesindaco Fabrizio Castellari e il presidente del Consiglio comunale, Roberto Visani. «Malgrado le restrizioni imposte dalla lotta alla pandemia sanitaria – ha spiegato Gabrio Salieri, presidente dell’Anpi di Imola – abbiamo egualmente voluto mantenere in agenda questa cerimonia e altre cerimonie analoghe, pur svolgendole in tono minore e nel rispetto delle regole anti-Covid, al fine di preservare la memoria di coloro che hanno dato la propria vita per la libertà e la democrazia».

Ma la cerimonia di domenica è stata anche l’occasione per ricordare l’onorevole Bruno Solaroli, scomparso nel marzo 2020. «La cerimonia dello scorso anno qui a Osteriola fu l’ultima iniziativa svolta da Solaroli in qualità di presidente onorario dell’Anpi di Imola», ha ricordato Salieri con commozione. «Un anno fa eravamo qui ad ascoltare le parole appassionate di Bruno Solaroli, che ci ricordava il contributo importante dato da questo territorio alla lotta di liberazione dal nazifascismo ed i pesanti sacrifici e i lutti sopportati dalla sua popolazione – ha poi aggiunto il sindaco Panieri -. Bruno è stato un personaggio pubblico importante, che ha dato tanto alla nostra città e non solo». (r.cr.)

Approfondimenti sulla lotta partigiana nella «bassa» imolese e sulla raccolta firme per una legge popolare contro la propaganda fascista e nazista su «sabato sera» del 25 febbraio.

Nella foto: la cerimonia ad Osteriola

Cerimonia dell’Anpi a Osteriola in ricordo dei partigiani caduti
Cronaca 24 Luglio 2020

La «Pastasciutta antifascista» 2020 di Medicina sarà (anche) virtuale

Torna a Medicina, sabato 25 luglio (anniversario della caduta del fascismo), la Pastasciutta antifascista organizzata dall’Anpi.
Il programma della giornata, organizzata nel giardino della biblioteca, prevede musica con i Taverna de Rodas e letture a cura di Lorenzo Monti. Ingresso su prenotazione al 338/2893111.

La pastasciutta, invece, sarà “vituale”: «Questo 2020 ci sta mettendo di fronte alla necessità di reinventarci occasioni nelle quali far vivere la memoria – osserva l’Anpi –. Perché non possiamo smettere di ricordare».
L’invito è quello di fotografare il proprio piatto di pasta, pubblicare una storia taggando la pagina Facebook Istituto Alcide Cervi o il profilo Instagram @istitutocervi e usando l”hashtag #pastaliberatutti. (r.cr.)

Foto tratta dalla pagina Facebook dell”Istituto Alcide Cervi

La «Pastasciutta antifascista» 2020 di Medicina sarà (anche) virtuale
Cronaca 2 Marzo 2020

Si è spento Bruno Solaroli, ex sindaco di Imola e deputato

Nella notte fra domenica 1 e lunedì 2 marzo, all’età di 81 anni (compiuti il 12 febbraio scorso), a causa di un malore improvviso, si è spento Bruno Solaroli, primo cittadino di Imola fra il 1976 e il 1987 e deputato per quattro legislature.

Durante la tredicesima legislatura, il 27 settembre del 1999, Solaroli era stato nominato Sottosegretario di Stato per il tesoro, il bilancio e la programmazione economica del primo Governo guidato da Massimo D’Alema, un incarico in cui era stato riconfermato anche nel secondo Governo D’Alema (22 dicembre dello stesso anno) e nel secondo Governo di Giuliano Amato (27 aprile 2000).

Dal febbraio del 2011 al febbraio dello scorso anno, inoltre, Solaroli è stato presidente della sezione di Imola dell’Anpi-Associazione nazionale partigiani d’Italia. (r.cr.)

Si è spento Bruno Solaroli, ex sindaco di Imola e deputato
Cronaca 23 Febbraio 2020

Le cose buone di Mussolini, come ti smonto le bufale. Iniziative dell’Anpi per il libro di Francesco Filippi

Doppio impegno dell’Anpi nel circondario imolese, che presenterà il libro di France- sco Filippi Mussolini ha fatto anche cose buone. Le idiozie che continuano a circolare sul fascismo, sia a Medicina che a Imola. Gli appuntamenti sono per lunedì 24 febbraio alle ore 20.30, all’Auditorium di via Pillio 1, dove Giuseppe Martelli dialogherà con l’autore, e per mercoledì 26 febbraio a Imola, alle ore 20.30 alla sala delle Stagioni in via Emilia 25, dove l’autore terrà una conferenza. Quest’ultima iniziativa è stata organizzata dall’Anpi imolese con la collaborazione di Università Aperta, Cidra, Anppia, Aned e associazione culturale Imprese e Professioni nell’ambito del ciclo di iniziative «Conoscere il nazifascismo e la destra estrema di oggi per difendere la democrazia».

La presenza di Mussolini e del fascismo nei nostri territori è stata forse più sentita che altrove, non fosse per la vicinanza geografica della sua città natale, della forte resistenza antifascista attiva per tutto il Ventennio e per la presenza oppressiva della Repubblica di Salò, dalla sua nascita fino al suo crollo nell’aprile 1945. C’è voluto l’accurato lavoro di Francesco Filippi per fare chiarezza su questo argomento, far capire che, in verità, alla verifica precisa dei fatti, di buono c’era ben poco e smontare queste «bufale», fondamento e sostegno di una nuova propaganda fascista diffusa soprattutto su internet. (r.cr.)

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 19: INIZIATIVA RINVIATA CAUSA ORDINANZA REGIONALE PER IL CONTENIMENTO DEL CORONAVIRUS

Nella foto: da sinistra la copertina del libro e Francesco Filippi

Le cose buone di Mussolini, come ti smonto le bufale. Iniziative dell’Anpi per il libro di Francesco Filippi
Cronaca 21 Settembre 2019

A Ca' di Guzzo, Belvedere e Castel del Rio camminata e cerimonie nel 75° anniversario dei fatti del 1944

In occasione del 75° anniversario, l’Anpi di Imola e di Castel del Rio e il Comune di Castel del Rio organizzano una camminata (organizzazione congiunta Anpi e Cai) e una cerimonia a Ca’ di Guzzo in onore dei partigiani per domani, domenica 22 settembre. La battaglia di Ca’ di Guzzo si svolse tra il 27 e il 28 settembre 1944 tra i partigiani della 36ª Brigata Garibaldi «Bianconcini» e reparti tedeschi che si stavano ritirando sotto l’attacco delle divisioni della V Armata americana. I partigiani, che avevano scelto Ca’ di Guzzo per una sosta, furono accerchiati dai tedeschi e, per sganciarsi, ingaggiarono un furioso combattimento che si protrasse fino al mattino del 28, quando i superstiti riuscirono a sfuggire all’accerchiamento; le vittime furono una trentina, tra le quali almeno 4 civili.

Il programma prevede la partenza della camminata alle ore 8.30 presso la curva del Montale (dopo Belvedere), oppure, per chi parte da Imola, alle 7.30 presso il parcheggio della Bocciofila (info: Romano Bacchilega, tel. 335 6411488). Alle 9.45 è previsto il ritrovo con la posa di una corona presso il monumento che si trova presso Ca’ di Guzzo e, a seguire, la posa di una corona presso la stele a ricordo di Gianni Palmieri (Medaglia d’oro al valor militare); anche Palmieri, studente di medicina, volontario della 36ª Brigata, fu ucciso dai tedeschi dopo che gli ebbero fatto curare i feriti.

Alle 11.15, ritrovo presso il monumento di Belvedere dove, dopo la cerimonia, interverranno il presidente dell’Anpi di Imola, Gabrio Salieri, la consigliera regionale Francesca Marchetti, il sindaco di Castel del Rio, Alberto Baldazzi, e il senatore Vasco Errani; a seguire, pranzo presso il centro sociale di Belvedere. La giornata si concluderà con la cerimonia a ricordo della liberazione di Castel del Rio, alle ore 18.30, con la posa di una corona al monumento alla Resistenza e a quello della Folgore. Il paese alidosiano fu liberato dagli uomini dell’88ª Divisione americana il 27 settembre 1944, che costrinsero alla fuga un battaglione tedesco dopo averlo accerchiato. (r.cr.)

A Ca' di Guzzo, Belvedere e Castel del Rio camminata e cerimonie nel 75° anniversario dei fatti del 1944
Cronaca 6 Luglio 2019

A Casetta di Tiara passeggiata e incontro partigiano a ricordo della 36ª Brigata Garibaldi

L”Anpi di Imola organizza domenica 7 luglio un incontro partigiano per ricordare la 36ª Brigata Garibaldi, al quale è collegata una passeggiata organizzata dal Cai di Imola in collaborazione con l”Anpi. Per chi vuole partecipare alla passeggiata la partenza è in auto da Imola alle 7.45 dal parcheggio della Bocciofila, poi la camminata avrà inizio alle 8.45 dalla curva del Molinaccio sul Rovigo seguendo il sentiero 711 fino al Fosso della Lastra. Attraversato il Rovigo si sale a Porcìa e a Casetta di Tiara lungo il 607A, quindi si prosegue fino ai ruderi dell’Otro e si rientra a Casetta di Tiara per lo stesso sentiero.

A seguire l”iniziativa vera e propria che comincia alle 10, proprio a Casetta di Tiara, con musiche partigiane e popolari alle quali seguirà la Santa Messa (ore 11). Sarà poi il momento degli interventi, di Gabrio Salieri (presidente Anpi Imola), Fabrizio Castellari (vicepresidente consiglio comunale di Imola), Philip Moschetti (sindaco di Palazzuolo), Tommaso Triberti (sindaco di Marradi) e Martina Sorelli (rappresentante del comitato locale). A conclusione, intervento dell”on. Serse Soverini e deposizione di corone ai monumenti ai Caduti civili e ai Partigiani. Seguirà, alle 12.30 il pranzo popolare in piazza e, nel pomeriggio, ripresa delle musiche partigiane e popolari. (r.cr.)

Nella foto il volantino dell”iniziativa

A Casetta di Tiara passeggiata e incontro partigiano a ricordo della 36ª Brigata Garibaldi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast