Cronaca

San Prospero ricorda i suoi quattro martiri antifascisti, il sogno dell’indimenticato Bruno Solaroli è realtà

San Prospero ricorda i suoi quattro martiri antifascisti, il sogno dell’indimenticato Bruno Solaroli è realtà

L’onorevole Bruno Solaroli, presidente dell’Anpi di Imola, l’aveva pensata e voluta, ma purtroppo la sua morte e le successive restrizioni dovute al Covid, ne avevano sempre rimandato lo svolgimento.

Finalmente, però, lo scorso 18 giugno si è svolta, in tarda mattinata, per la prima volta la cerimonia commemorativa dei quattro antifascisti, Ugo Masré, Giuseppe Casadio  Gaddoni, Natale Bolognesi e Gino Geminiani, vilmente uccisi dai brigatisti neri nella frazione di San Prospero. Fulvio Andalò, del comitato direttivo dell’Anpi di Imola, ha ricordato chi erano i quattro antifascisti e in quale occasione vennero assassinati, mentre il sindaco di Imola Marco Panieri ha rimarcato l’importanza e l’attualità di valori quali «la libertà, il lavoro e la pace» per la difesa dei quali i quattro antifascisti persero la vita  durante la dittatura mussoliniana e l’occupazione militare  tedesca dell’Italia. Presenti anche il presidente del Consiglio comunale Roberto Visani, il vicesindaco Fabrizio Castellari, l’assessora Daniela Spadoni, il presidente del Centro sociale Giuseppe Franceschelli e l’ex presidente Fulvio Fabbi, Ettore Bacchilega dell’Anpi di Sesto Imolese, il partigiano Vittorio Gardi, la 94enne Apollonia Bedeschi, nipote dell’antifascista Giuseppe Casadio Gaddoni e il 98enne Claudio Tozzi. Al termine, posata una corona d’alloro. (r.cr.)

Foto della cerimonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook