Posts by tag: carabinieri

Cronaca 29 Settembre 2020

Ferito dalla falciatrice mentre taglia l’erba, grave 78enne

Ieri, intorno alle 18.30, un 78enne di Sesto Imolese è rimasto ferito da una falciatrice mentre stava tagliando l’erba nel suo terreno adiacente all’abitazione. 

Da una prima ricostruzione dei carabinieri, l’anziano, inizialmente soccorso da un vicino di casa, sarebbe stato colto da un malore mentre stava adoperando l’attrezzo agricolo che gli è poi caduto addosso, per fortuna spegnendosi immediatamente grazie a un dispositivo di sicurezza. Illeso dalle lame taglienti che si sono bloccate, il malcapitato, però, è rimasto gravemente ustionato dal motore a scoppio del macchinario che era rovente per via dell’intensa attività lavorativa.

Il 78enne è stato così soccorso dai sanitari del 118 e trasportato d’urgenza al Pronto Soccorso dell’ospedale di Imola. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Ferito dalla falciatrice mentre taglia l’erba, grave 78enne
Cronaca 26 Settembre 2020

Fanno saltare il bancomat e scappano con il denaro, sull’episodio indagano i carabinieri

Esplosione nella notte a Castel San Pietro. Ignoti, infatti, intorno alle 3, hanno fatto saltare lo sportello bancomat della Banca di Imola in piazza Garibaldi, angolo via Camillo Benso Conte di Cavour. Sul fatto indagano i carabinieri. Per gli autori l’accusa è di furto aggravato.

Secondo la ricostruzione dei militari, supportati dal reparto Investigazioni Scientifiche di Bologna per i rilievi, i malviventi si sono impossessati del denaro contenuto nel dispositivo che è stato aperto grazie all’utilizzo di un ordigno artigianale. Ancora presto, però, per fare una stima dei danni strutturali e per stabilire con precisione a quanto ammonta il denaro rubato. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Fanno saltare il bancomat e scappano con il denaro, sull’episodio indagano i carabinieri
Cronaca 24 Settembre 2020

Fa vedere i documenti ai carabinieri ma dalla tasca gli cade una bustina di cocaina, arrestato spacciatore

I carabinieri di Imola, durante i servizi di vigilanza e ordine pubblico in occasione del Mondiale di ciclismo, hanno arrestato uno spacciatore di cocaina che si stava aggirando in modo sospetto nei pressi di un parco pubblico.

Di fronte alla richiesta dei militari di esibire un documento d’identità, al soggetto, identificato in un ristoratore 40enne, mentre estraeva i documenti di riconoscimento, è caduta accidentalmente anche una bustina di plastica contenente una sostanza polverosa di colore bianco. Imbarazzato, l’uomo, incensurato, ha riferito agli operanti che all’interno della bustina c’era della cocaina per uso personale, perché dipendente dalla droga.

I carabinieri, però, non hanno creduto alle affermazioni dell’uomo che è stato sottoposto a una perquisizione personale e domiciliare. Durante quest’ultima, in un appartamento della città, i militari hanno trovato quasi 200 grammi di droga, tra cui cocaina, hashish, marijuana e una sostanza da taglio di quelle tipicamente utilizzate dai trafficanti di sostanze stupefacenti per aumentare la quantità del prodotto, a scapito della qualità, ma con un maggior profitto ricavato dalla vendita al dettaglio. Il rinvenimento del materiale da confezionamento della droga e 14 mila euro in contanti hanno confermato l’attitudine criminale del soggetto arrestato. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, l’uomo è stato tradotto in camera di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Fa vedere i documenti ai carabinieri ma dalla tasca gli cade una bustina di cocaina, arrestato spacciatore
Cronaca 21 Settembre 2020

Viaggiano nascosti nel cassone frigorifero di un camion, sei profughi afghani salvati dai carabinieri

Notizia che ha purtroppo dell’incredibile quella arrivata da Castel San Pietro. I carabinieri, infatti, hanno salvato sei profughi afghani che per entrare in Italia hanno viaggiato nascosti nel cassone frigorifero di un camion proveniente dal porto greco di Salonicco e diretto ad Ancona.

A fare la sconcertante scoperta i militari di Castel San Pietro aprendo il portellone di un autocarro destinato al trasporto di feta, il tradizionale formaggio greco, che si era fermato in un’area di servizio sugli Stradelli Guelfi per fare rifornimento. Sentendo che i militari stavano ispezionando il cassone frigo del veicolo, i profughi, magri, malati di scabbia e in evidente stato di shock provocato dall’ipotermia, hanno iniziato a urlare, chiedendo aiuto. Soccorsi dai sanitari del 118, i malcapitati sono stati trasportati d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale di Imola per ricevere le prime cure. Dopo molte ore, assistiti dall’Arma di Imola, dai sanitari e con l’interessamento del personale del reparto di Igiene e Sanità Pubblica e della Prefettura di Bologna, cinque profughi sono stati trasferiti in un «Centro Accoglienza Straordinaria», mentre il sesto, positivo al Covid-19, è stato sottoposto alla sorveglianza sanitaria, con isolamento fiduciario in un albergo di Imola.

L’autista dell’autocarro, un 62enne serbo, dipendente di un’azienda ungherese di trasporti su gomma, è risultato estraneo alla vicenda. L’Autorità giudiziaria è stata informata dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Imola he hanno avviato le indagini per far luce sulla vicenda. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Viaggiano nascosti nel cassone frigorifero di un camion, sei profughi afghani salvati dai carabinieri
Cronaca 18 Settembre 2020

Coltivano una piantagione di marijuana in Valsellustra, denunciati due ventenni

Nella giornata di ieri i carabinieri hanno denunciato due giovani per produzione, coltivazione, smercio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. A finire nei guai, entrambi incensurati, un 20enne imolese e un suo coetaneo originario di Bologna ma residente a Casalfiumanese.

I due coltivavano in Valsellustra, territorio all”interno del Comune di Casalfiumanese, una piantagione di marijuana di 20 mq. circa con all’interno 17 piante del peso complessivo di 14,5 Kg. Le successive perquisizioni personali e domiciliari hanno permesso ai militari di rinvenire anche quasi 7 etti di marijuana, due siringhe contenenti 4,5 ml. di estratto di marijuana, 500 euro in contanti divisi in vari tagli, due lampade per serra e vari fertilizzanti.

La sostanza stupefacente ed il materiale utile per la coltivazione della marijuana è stato sequestrato ai carabinieri, mentre il denaro contante è stato versato sul libretto di deposito giudiziario. (da.be.)

Foto d’archivio

Coltivano una piantagione di marijuana in Valsellustra, denunciati due ventenni
Cronaca 18 Settembre 2020

Picchia l’ex fidanzata dopo una lite, denunciato 30enne

Nel pomeriggio di ieri i carabinieri sono intervenuti in via Serotti, a Castel San Pietro, per una violenta lite scoppiata tra due ex fidanzati. Lui cameriere 30enne e lei 24enne al momento in cerca di una occupazione. Entrambi risiedono in città e sono già noti alle forze dell’ordine.

La lite, secondo la ricostruzione dei carabinieri sarebbe scaturita proprio a seguito della fine della loro relazione sentimentale avvenuta poche settimane prima. Dopo le parole grosse, i due sono passati alle mani. Ad avere la peggio la donna, trasportata dai sanitari del 118 all’ospedale di Imola. Per lei una prognosi di 15 giorni per «trauma contusivo multiplo facciale con ematomi». Dell’accaduto i carabinieri hanno informato immediatamente l’Autorità Giudiziaria. (da.be.)

Foto d’archivio

Picchia l’ex fidanzata dopo una lite, denunciato 30enne
Cronaca 15 Settembre 2020

Trovata senza vita l’anziana scomparsa a Castel San Pietro

E’ deceduta la 78enne di Castel San Pietro di cui si erano perse le tracce domenica scorsa mentre si era allontanata alla guida della sua Fiat Punto grigio metallizzata. Nella ricerca erano impegnati carabinieri, protezione civile, polizia locale, vigili del fuoco e alpini, con il Comune castellano che sui social avevo divulgato anche il numero di targa della vettura per facilitare le operazioni.

Oggi pomeriggio, verso le 15, purtroppo, la triste notizia. L’auto della donna è stata avvistata da alcuni cittadini in un calanco lungo la via che porta a Monte Calderaro. A confermare la notizia della morte della 78enne i carabinieri e il Comune di Castel San Pietro con un post su Facebook. Ai militari ora il compito in queste ore ricostruire l’accaduto. (da.be.)

Foto d’archivio

Trovata senza vita l’anziana scomparsa a Castel San Pietro
Cronaca 13 Settembre 2020

Perde il controllo dell’auto e si ribalta in un campo, grave 61enne

Grave incidente stradale oggi, intorno alle 14, lungo la via Correcchio a Imola. Una 61enne, per cause ancora da accertare, ha perso il controllo della sua Mazda, uscendo di strada, prima di ribaltarsi e finire nel campo accanto alla carreggiata.

Sul posto i carabinieri e i sanitari del 118 che hanno estratto la donna dalle lamiere. Per lei diversi traumi e il trasporto in ospedale in codice rosso. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): il luogo dell’incidente

Perde il controllo dell’auto e si ribalta in un campo, grave 61enne
Cronaca 12 Settembre 2020

Tre automobilisti denunciati per guida in stato di ebbrezza, 74enne con valori quattro volte oltre il limite

Tre automobilisti sono stati denunciati dai carabinieri per guida sotto l’influenza dell’alcol. Il primo un 26enne, stato controllato questa notte e trovato positivo all’alcol test con un valore di 1,48 g/l. Il provvedimento per gli altri due, invece, è arrivato come conseguenza al referto delle analisi del sangue svolte a seguito di incidenti stradali in cui si erano resi protagonisti. Nello specifico si tratta di un 60enne e di un 74enne sorpresi con valori rispettivamente di 1,86 g/l e 2,06 g/l. (da.be.)

Foto d’archivio

Tre automobilisti denunciati per guida in stato di ebbrezza, 74enne con valori quattro volte oltre il limite
Cronaca 12 Settembre 2020

Chiede denaro per la droga e picchia la madre, 20enne finisce in carcere

Un 20enne è stato arrestato dai carabinieri per maltrattamenti contro familiari o conviventi, lesioni personali aggravate e tentata estorsione. L’episodio è avvenuto ieri sera a Imola.

Il giovane è finito in carcere per aver offeso e picchiato sua madre, 45enne, allo scopo di estorcerle denaro per comprare la droga. Potrebbe essere stata proprio la sostanza stupefacente, cannabis e forse anche cocaina, ad aver tirato fuori il carattere violento del ragazzo che, per ottenere una cosa, faceva ricorso alla violenza fisica e psicologica. Come accaduto qualche giorno fa nei confronti della nonna paterna, quando, rientrato in casa affamato, l’aveva offesa, sollecitandola di preparagli un piatto di pasta. In quell’occasione, la situazione era degenerata al punto che il 20enne aveva preso a calci e pugni la madre, costringendola, dopo averle scaraventato contro una sedia, a chiudersi in bagno.

Resasi conto che la situazione non era più tollerabile, ma soprattutto era diventata pericolosa, la donna ha chiesto aiuto ai carabinieri. La Procura della Repubblica di Bologna, ricevuta l’informativa dei militari, ha richiesto l’applicazione della custodia cautelare in carcere, misura che è stata accolta ed emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna, dott.ssa Francesca Zavaglia. Arrestato dai militari, il 20enne è stato tradotto in carcere, a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Nella circostanza, il giovane è stato anche segnalato alla Prefettura di Bologna perché, durante le fasi dell’arresto, è stato trovato anche in possesso di marijuana. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Chiede denaro per la droga e picchia la madre, 20enne finisce in carcere

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast