Posts by tag: Castel San Pietro

Cronaca 21 Ottobre 2021

Castel San Pietro sperimenta una nuova viabilità lungo via Gramsci dal 24 al 26 ottobre

Castel San Pietro è uno dei primi due comuni del bolognese scelti per la fase sperimentale di 2 dei 30 Centri di mobilità previsti dal Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums) metropolitano, per ridurre gli spostamenti in auto dal 69% al 51% (nel 2030).

Da maggio la Città Metropolitana di Bologna e il Comune di Castel San Pietro stanno coinvolgendo la cittadinanza nel progetto di fattibilità di un hub che renda più semplice passare dall’auto privata ai mezzi di trasporto meno inquinanti, con una serie di servizi e interventi di riqualificazione intorno alla stazione.

Per sapere cosa ne pensano i castellani, dal 24 al 26 ottobre sarà effettuato un «test su strada»: a tale scopo la viabilità e la sosta in via Gramsci verranno modificate per ospitare le attività relative al test. Domenica 24 (dalle 11) sul primo tratto di via Gramsci, in uscita dalla stazione, le auto lasceranno il posto a biciclette, pedoni e carrozzine. Qui il gruppo progettuale e i tecnici della Città metropolitana di Bologna e del Comune di Castel San Pietro presenteranno le proposte contenute nel progetto di fattibilità; tutti i cittadini e le realtà sociali già coinvolte nel percorso di ascolto sono invitate all’appuntamento, a cui interverrà anche la banda musicale della città. Lunedì 25 e martedì 26: spazio ai pendolari e alle scuole. Ripristinata la normale viabilità, in via Gramsci rimarranno dedicati al test solo alcuni stalli per la sosta delle auto. (lo.mi.) 

Nella foto (d’archivio): via Gramsci a Castel San Pietro

Castel San Pietro sperimenta una nuova viabilità lungo via Gramsci dal 24 al 26 ottobre
Economia 18 Ottobre 2021

Packaging, nuovo contratto integrativo alla Robopac di Castello, per i 130 dipendenti premi di risultato e benefit

Dopo una lunga trattativa lo scorso 13 ottobre è stato approvato il nuovo contratto integrativo che verrà applicato negli stabilimenti bolognesi di Aetna Group, che produce macchine per il packaging: alla Robopac di Castel San Pietro, dove lavorano 130 dipendenti, e in quello di Valsamoggia, con 40 addetti. «È un accordo importante – fa sapere la Fiom-Cgil di Imola – per il lavoro di sinergia tra rappresentanze sindacali e lavoratori, che hanno deciso di presentare un’unica piattaforma rivendicativa».

Concordata la flessibilità dell’orario in ingresso e in uscita, istituito un premio di risultato di un importo di 1.300 euro per il 2021, 1.350 euro per il 2022 e 1.400 euro per il 2023 che sarà erogato a tutti i lavoratori anche in somministrazione e a tempo determinato; il 30% della media dei premi effettivamente conseguiti nel triennio sarà trasformato, a partire dal 2024, in salario aziendale fisso e consolidato. Infine, entro il 31 dicembre, l’azienda erogherà 200 euro sotto forma di «flexible benefits». (lo.mi.)

Nella foto: lo stabilimento Robopac a Castel San Pietro

Packaging, nuovo contratto integrativo alla Robopac di Castello, per i 130 dipendenti premi di risultato e benefit
Cronaca 15 Ottobre 2021

Volontariato, a Castel San Pietro e Osteria Grande sabato 16 torna l’iniziativa «Dona la spesa»

Domani, sabato 16 ottobre, presso i supermercati Coop Alleanza 3.0 a Castel San Pietro e Coop Reno a Osteria Grande torna l’iniziativa di solidarietà «Dona la spesa», organizzata dai volontari di Auser Castel San Pietro in collaborazione con altre associazioni locali. L’obiettivo, come sempre, è sostenere persone e famiglie in difficoltà nel territorio comunale. Lo scorso maggio, nella precedente edizione, sono state raccolte 2,260 tonnellate di prodotti. (lo.mi.) 

Nella foto: la precedente edizione di «Dona la tua spesa»

Volontariato, a Castel San Pietro e Osteria Grande sabato 16 torna l’iniziativa «Dona la spesa»
Cronaca 13 Ottobre 2021

Lotta all’evasione fiscale, per il Comune di Castel San Pietro in arrivo altri 57 mila euro

Per il 2021 Castel San Pietro riceverà dal ministero delle Finanze, tramite il ministero dell’Interno, oltre 57 mila euro quale contributo alla lotta all’evasione fiscale. La somma infatti corrisponde a quanto riscosso dall’Agenzia delle entrate a titolo di imposte, interessi e sanzioni, in seguito alle segnalazioni qualificate effettuate dal Comune.

Dal 2013 a oggi questo sistema ha portato nelle casse comunali oltre 1,9 milioni di euro. «Negli ultimi anni – sottolinea il sindaco, Fausto Tinti – la somma ottenuta dalla lotta all’evasione è sempre stata restituita alla città sotto forma di investimenti e servizi a favore della comunità. E così sarà anche questa volta. Appena incasseremo gli oltre 57 mila euro, li inseriremo in una apposita variazione di bilancio». (lo.mi.) 

Nella foto: veduta aerea del centro storico di Castel San Pietro

Lotta all’evasione fiscale, per il Comune di Castel San Pietro in arrivo altri 57 mila euro
Cronaca 27 Settembre 2021

A Castello e Casalfiumanese oltre un milione di euro per sistemare strade e Sillaro

Oltre un milione di euro per la sistemazione idrogeologica della valle del Sillaro. È questo il cospicuo finanziamento che il ministero dell’Interno ha concesso ai Comuni di Castel San Pietro e Casalfiumanese per due progetti nell’ambito di un bando al quale i due enti locali hanno partecipato l’anno scorso.

Il finanziamento più cospicuo (998.500 euro) è relativo all’intervento del Comune di Casalfiumanese di consolidamento della sede stradale e regimazione delle acque, con realizzazione di opere di sostegno per i tratti a mezza- costa della strada comunale via Gesso. Il contributo riconosciuto a Castel San Pietro, invece, è di 136 mila euro, che verranno destinati al consolidamento della sede stradale e regimazione delle acque nelle vie Rio Acqua Bona e Destra Sillaro. Si tratta del quarto intervento di sistemazione idrogeologica della valle del Sillaro, che segue i primi tre già finanziati a febbraio di quest’anno.

A questi si aggiungono altri interventi sempre finanziati con fondi ministeriali, ossia il secondo stralcio dei lavori di raccolta delle acque e consolidamento del pendio in località Molino dell’Aquila, la sistemazione idraulica del torrente Sillaro a valle del ponte della Mingardona e in località Molinetto. Tutte queste opere verrano realizzate nel 2022. Altre due, invece, sono già state completate durante l’estate, e sono il primo stralcio del consolidamento della scarpata di Molino dell’Aquila e la sistemazione idraulica del Sillaro all’altezza dell’affluenza del rio dei Gralchi (campo da golf).

Approfondimenti su «sabato sera» del 23 settembre.

Nella foto: l’intervento nei pressi del campo da golf a Castel San Pietro

A Castello e Casalfiumanese oltre un milione di euro per sistemare strade e Sillaro
Cultura e Spettacoli 25 Settembre 2021

A Imola e Castello l’Erf suona con fisarmonica e archi

Un concerto interamente dedicato alle suggestioni della fisarmonica. A proporlo, nell’ambito dell’Emilia Romagna festival, sarà il giovane talento Andrea Coruzzi questa sera alle 21 nel giardino storico del Palazzo vescovile a Imola. In programma musiche classiche di Mozart e Paganini, ma anche brani di autori contemporanei come Franck Angelis, Vladimir Zubitsky, Astor Piazzolla, Richard Galliano. E una composizione originale dello stesso Coruzzi intitolata Tango para mi Hermana.

Due giorni dopo l’Erf si sposta a Castel San Pietro per l’ultimo appuntamento della stagione estiva. Lunedì 27 settembre alle 21 al teatro Cassero si esibiranno gli archi del Trio di Strumentisti del Teatro alla Scala: la violinista Laura Marzadori, la violista Elena Faccani, tra i primi violini dell’Orchestra del Teatro alla Scala, e il violoncellista Massimo Polidori, primo violoncello dell’Orchestra Scaligera.

Nella foto: Andrea Coruzzi

A Imola e Castello l’Erf suona con fisarmonica e archi
Economia 23 Settembre 2021

Bio on torna all’asta per la terza volta il 27 ottobre

Da 95 a 54,5 milioni di euro. Scende ancora il prezzo con cui l’azienda castellana di bioplastiche Bio on tornerà all’asta il prossimo 27 ottobre. Si tratta del terzo tentativo, dopo quelli del 5 maggio e del 28 luglio andati deserti. Sul fronte occupazionale, preoccupa l’imminente scadenza degli ammortizzatori sociali per i circa 20 dipendenti. I curatori fallimentari e i sindacati sono al lavoro per trovare soluzioni che possano continuare a tutelare gli addetti. (lo.mi.) 

Nella foto: la sede di Bio on a Gaiana, frazione di Castel San Pietro

Bio on torna all’asta per la terza volta il 27 ottobre
Economia 23 Settembre 2021

Apicoltura Piana di Castel San Pietro torna per intero di proprietà di Flara Holding

Flara Holding, di proprietà della famiglia Mengoli, ha deciso di riacquistare il 60% delle quote di Apicoltura Piana, in passato cedute a Naturalia Ingredients, società che faceva capo a Seci Holding del gruppo industriale Maccaferri. «Attraverso questa operazione, del valore di 2,7 milioni di euro – fa sapere l’azienda – Flara Holding conferma il proprio interesse a proseguire gli investimenti nel segmento food e crea le condizioni per la valorizzazione di un’azienda storica presente sul mercato dal 1903». A conferma del proprio impegno, Flara Holding ha chiuso anche l’accordo per l’acquisto dello storico stabilimento di Apicoltura Piana a Castel San Pietro.

Nel 2020 Apicoltura Piana ha registrato un valore della produzione pari a oltre 22 milioni di euro, con una crescita del 9,5% rispetto all’anno precedente. (lo.mi.)

Nella foto: Massimo Mengoli, amministratore delegato di Apicoltura Piana 

Apicoltura Piana di Castel San Pietro torna per intero di proprietà di Flara Holding
Economia 22 Settembre 2021

L’assessore regionale Vincenzo Colla in visita all’hub logistico metropolitano di Castel San Pietro

L’assessore allo Sviluppo economico dell’Emilia Romagna Vincenzo Colla ha visitato ieri, 21 settembre, l’hub logistico metropolitano San Carlo, dove sono insediati Hines Italy, Aspiag Service del gruppo Despar e Decathlon. Ad accompagnarlo c’erano il sindaco di Castel San Pietro, Fausto Tinti, e il presidente del Consiglio di amministrazione di Arcese Trasporti, Matteo Arcese. Con loro anche la consigliera regionale Pd, Francesca Marchetti, e i due dirigenti del Comune castellano, Barbara Emiliani (servizi amministrativi al territorio) e Angelo Premi (area tecnica).

A Castel San Pietro Arcese Trasporti ha inaugurato il suo sito negli anni 2000 come centro logistico ricambi Italia per l’allora Ford Motor Company. Oggi il gruppo, che conta circa 2.800 dipendenti nel mondo e un fatturato pre Covid di quasi 700 milioni di euro, ha 4 attività principali a Castel San Pietro: il magazzino ricambi Italia Ford, il magazzino Italia Viessmann, il magazzino ricambi area Emilia Romagna e Toscana per Company Service, rivenditore marchi Stellantis, e la piattaforma di raccolta e distribuzione di Arcese Trasporti. «Il gruppo Arcese – sottolinea il primo cittadino – è un esempio di logistica di qualità, perché portatore di un progetto di grande valore economico e sociale, attuato nel rispetto dei principi della sostenibilità ambientale e sociale e, dunque, del contratto nazionale di lavoro». (lo.mi.) 

Nella foto: la visita dell’assessore regionale Colla al deposito logistico di Decathlon a Castel San Pietro

L’assessore regionale Vincenzo Colla in visita all’hub logistico metropolitano di Castel San Pietro
Economia 17 Settembre 2021

Annata amara per il miele, produzione a picco soprattutto per acacia e millefiori

Quest’anno la produzione di miele sarà probabilmente tra le più basse degli ultimi decenni. La previsione di Coldiretti è confermata anche dall’Osservatorio nazionale miele, con sede a Castel San Pietro. «Una perdita produttiva senza precedenti – sottolinea il direttore, Giancarlo Naldi -. Se in Emilia Romagna la produzione media annuale si attesta sui 20/25 chili, quest’anno per molti è stata zero, talvolta 2 o 3 chili e, solo in rarissimi casi, si è arrivati a 5. Le intense gelate che si sono verificate all’inizio del mese di aprile e l’andamento meteorologico sfavorevole che ha caratterizzato il mese di maggio, con basse temperature notturne e vento persistente, hanno compromesso irrimediabilmente le principali produzioni primaverili».

Intanto nel weekend del 18 e 19 settembre a Castel San Pietro torna l’appuntamento con il concorso Tre Gocce d’Oro-Grandi Mieli d’Italia, che ha registrato l’arrivo di 1.100 campioni di mieli da analizzare, un risultato straordinario considerando la pessima annata. In centro città, la Fiera del miele, convegni e incontri. (r.cr.)

Ulteriori approfondimenti sul «sabato sera» del 9 settembre

Annata amara per il miele, produzione a picco soprattutto per acacia e millefiori

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast