Posts by tag: Economia

Economia 6 Luglio 2022

Sacmi, Cefla e Ceramica: le nostre cooperative crescono

Le tre grandi imprese tirano le somme di metà anno e i numeri parlano di portafogli ordini pieni e di fatturati in crescita. Le incognite legate all’inflazione e alla guerra in Ucraina. Il presidente di Legacoop Imola, Raffaele Mazzanti: «Se vanno bene le nostre cooperative, va bene l’economia del territorio. Il nostro grido per la pace. Tra i soci delle nostre cooperative ho visto un forte senso di ap- partenenza. Le donne hanno un ruolo rilevante e decisivo. Non c’è niente di più moderno e più umano del cooperare». (r.e.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 7 luglio.

Nella foto: il presidente di Legacoop Imola Raffaele Mazzanti insieme ai loghi delle tre cooperative

Sacmi, Cefla e Ceramica: le nostre cooperative crescono
Economia 6 Luglio 2022

Antreem-Gellyfi, un matrimonio per l’innovazione

La società imolese Antreem che opera nella progettazione digitale per grandi imprese ha ceduto l’83% del capitale alla società di Casalecchio che porta innovazione in tutti i tipi d’impresa. (r.e.)

Approfondimento su «sabato sera» del 7 luglio.

Nella foto: la sede di Antreem

Antreem-Gellyfi, un matrimonio per l’innovazione
Cronaca 4 Luglio 2022

Teleriscaldamento, Hera aumenta ed estende il bonus per famiglie in difficoltà

Il Gruppo Hera sostiene ulteriormente le famiglie servite dal teleriscaldamento e in difficoltà economica attraverso l’integrazione del bonus sociale già previsto su base volontaria su tutti i territori.

I nuclei più numerosi potrebbero risparmiare fino a 712 euro: l’ammontare dell’integrazione, infatti, sarà pari a 405 euro per le famiglie fino a 4 componenti e a 566 euro per le famiglie con più di 4 componenti, e questo bonus, applicato in via straordinaria per quest’anno, si andrà a sommare a quello che ammonta a 106 euro per i nuclei famigliari fino a 4 componenti o 146 euro per i nuclei famigliari più numerosi.
Inoltre, il bonus ordinario e straordinario verrà esteso alle famiglie con meno di 4 figli a carico con reddito Isee fino a 12.000 euro (in precedenza, la soglia di reddito massima era di 8.265 euro).

Gli aventi diritto (anche famiglie con più di 3 figli a carico e con un indicatore Isee fino a 20.000 euro, beneficiari di reddito di cittadinanza e beneficiari di pensione di cittadinanza), potranno presentare la richiesta entro il 9 settembre 2022, recandosi presso gli uffici comunali preposti. Agli aventi diritto che avranno presentato la domanda correttamente, il bonus verrà riconosciuto entro il 30 settembre 2022. (lu.ba.)

Immagine di archivio della centrale di cogenerazione di Imola

Teleriscaldamento, Hera aumenta ed estende il bonus per famiglie in difficoltà
Cronaca 30 Giugno 2022

Il Sangiovese di Imola si beve nelle Rocche, il Consorzio vini di Romagna lancia un marchio europeo

Se vi siete mai chiesti che vino bevesse Caterina Sforza, la Leonessa di Romagna, nella sue Rocche di Imola e Dozza, la risposta è il Sangiovese. Ovviamente stiamo giocando con la storia e con l’enologia. Non ha giocato invece il Consorzio vini di Romagna che ha curato il progetto e il marchio collettivo europeo «Rocche di Romagna» allo scopo di valorizzare il patrimonio enologico a partire dal Sangiovese delle Sottozone.

Il Consorzio vini di Romagna, realtà che oggi riunisce 115 aziende vitivinicole di cui 7 cantine cooperative, 5 imbottigliatori e 103 produttori vinificatori, ha curato e lanciato il nuovo marchio collettivo europeo «Rocche di Romagna» con lo scopo di valorizzare il patrimonio enologico a partire dal Sangiovese delle Sottozone, ovvero il miglior prodotto per il rosso romagnolo. L’adesione all’uso del marchio è libera e aperta a tutti i produttori di Romagna Sangiovese Sottozona e Sottozona Riserva. Sono stati introdotti nuovi vini tra i quali il Romagna Bianco e Rosato e il Romagna Rosso. Inoltre, è stato allargato il sistema delle Sottozone, che da 12 passano a 16 con Imola, Verucchio, Coriano e San Clemente che si aggiungono alle altre. 

Articolo completo su «Sabato Sera» di oggi in edicola. 

Nella foto: Ruenza Santandrea, presidente del Consorzio vini di Romagna, Francesco Bordini, consigliere del Consorzio e nel Cda dell’Enoteca Regionale, e Filiberto Mazzanti, direttore del Consorzio; la mappa delle 16 sottozone; in alto il marchio «Rocche di Romagna» che identifica i Sangiovese Sottozona.

Il Sangiovese di Imola si beve nelle Rocche, il Consorzio vini di Romagna lancia un marchio europeo
Cronaca 30 Giugno 2022

Pos obbligatorio, da oggi via alle multe per chi non accetterà i pagamenti digitali

Da domani, come chiarisce l”Opi (Osservatorio professionale imolese), il Pos per i pagamenti con carte bancomat e carte di credito diventa un obbligo che interessa non solo i commercianti ed i prestatori di servizi, ma riguarda anche gli studi professionali. Il cliente può scegliere in autonomia se pagare in contanti o con il Pos.  Il decreto n. 36/2022 ha anticipato al 30 giugno (anziché al 1° gennaio 2023) le sanzioni per gli esercenti che rifiutano i pagamenti con il Pos: multe da 30 euro come somma fissa a cui si aggiunge una quota variabile pari al 4% del valore della transazione per la quale è stato rifiutato il pagamento elettronico. 

Qualsiasi cliente, quindi, resta libero di scegliere il mezzo di pagamento (contante o digitale) tramite il quale regolare una determinata transazione, seppure entro i limiti all’utilizzo del denaro contante. Sono presenti sostegni per commercianti e professionisti in relazione alle spese sostenute per l”acquisto, il noleggio o l’utilizzo di strumenti che consentono forme di pagamento elettronico. Verranno effettuati controlli sul posto dagli ufficiali e gli agenti di Polizia giudiziaria. La gestione della procedura sanzionatoria è attribuita al Prefetto territorialmente competente.

Tutti i dettagli su «sabato sera» oggi in edicola. 

Foto d’archivio

Pos obbligatorio, da oggi via alle multe per chi non accetterà i pagamenti digitali
Cronaca 17 Giugno 2022

Terremerse chiude il 2021 con un bilancio consolidato da 270 milioni di euro

Nel 2021 il fatturato di Terremerse è risultato pari a 248,4 milioni di euro, in crescita per oltre 88 milioni rispetto al 2020, mentre quello del bilancio consolidato è di circa 270 milioni. Il risultato netto, positivo per oltre 1,2 milioni di euro, include importanti accantonamenti incrementali rispetto al budget per circa 1,7 milioni di euro, a fronte di rischi collegati alla congiuntura attuale e a fondo spese future per costi che dovranno essere sostenuti nei prossimi esercizi, di importo non esattamente determinabile.

«Da qualche anno si è innescato un circolo virtuoso che ha permesso a Terremerse di migliorare tutti i propri indici economici, patrimoniali e finanziari, rendendo la cooperativa più solida e attrattiva per gli agricoltori e gli stakeholders in generale – commenta Emilio Sabatini, direttore generale –. Questo è stato reso possibile anche grazie a un processo di riorganizzazione e sviluppo organizzativo che, a fronte delle aumentate dimensioni e del necessario ricambio generazionale, ha permesso di valorizzare risorse interne e acquisire nuove competenze dall’esterno. La marcata riduzione del debito finanziario, le maggiori risorse e il migliore accreditamento di Terremerse sono anche funzionali a poter cogliere, in modo selettivo, opportunità di investimento per la continua crescita e affermazione del nostro modello di impresa».

«Lo sviluppo dimensionale, se correttamente gestito, consente di elevare le sinergie e l’integrazione tra i vari comparti della cooperativa – aggiunge Marco Casalini, presidente –. Ricordiamo, infatti, che il dialogo con nuove aziende agricole e con un nuovo territorio, può offrire opportunità contestualmente per le agroforniture, i cereali e l’ortofrutta. Senza mai trascurare il aettore Carni, che sta puntando anch’esso su uno sviluppo commerciale e industriale attraverso investimenti in tecnologia». (lu.ba.)

Fotografia di Terremerse

Terremerse chiude il 2021 con un bilancio consolidato da 270 milioni di euro
Economia 12 Giugno 2022

TeaPak premiata a Washington con Google e Intel per il rispetto delle diverse culture dei dipendenti

Nuovo prestigioso riconoscimento per l’azienda imolese TeaPak, che miscela e confeziona tisane biologiche a marchio Yogi Tea. Lo scorso 23 maggio a Washington Dc è stato assegnato il Corporate Religious equity, diversity & inclusion index award «per l’impegno quotidiano e le azioni messe in atto per facilitare l’integrazione religiosa e il rispetto delle differenti culture che abbiamo il privilegio di annoverare tra i nostri dipendenti» annuncia l’azienda sulla propria pagina Facebook. TeaPak, premiata dalla Religious freedom&business foundation (Rfb), era l’unica realtà interamente europea ad essersi qualificata tra le aziende vincenti, alla presenza di numerosi altri gruppi internazionali di rilievo, tra cui American Airlines, Paypal, Google e Intel. (r.e.)

Foto d’archivio tratta dalla pagina Facebook Teapak srl Sb

TeaPak premiata a Washington con Google e Intel per il rispetto delle diverse culture dei dipendenti
Economia 1 Giugno 2022

Nel bilancio Cefla l’utile netto cresce del 59%, Cda riconfermato

Un utile netto a 50 milioni, in crescita del 59% rispetto al 2020, ricavi per 574 milioni di euro (+21%), patrimonio netto a 308 milioni (+14%). Sono alcuni dei risultati conseguiti da Cefla nel 2021, «risultati raggiunti – spiega la cooperativa imolese – in uno scenario macro-economico globale che ha visto nel secondo e terzo trimestre del 2021 una ripresa dell’economia italiana molto sostenuta».

Nel quarto trimestre del 2021 e nel primo del 2022 sull’attività economica mondiale hanno pesato gli effetti della recrudescenza della pandemia e le tensioni nelle catene di fornitura globali. «Nonostante ciò – proseguono da Cefla – le attività di ricerca e sviluppo, innovazione, ampliamento della gamma prodotti, digitalizzazione ed esplorazione di nuove iniziative si sono sviluppate, settore per settore, sia a vantaggio delle Business unit a vocazione industriale (Medical, Finishing e Lighting), sia a vantaggio della business unit Engineering per un ammontare complessivo di 9,4 milioni di euro».

In occasione dell’assemblea sociale del 27 maggio scorso, che ha visto l’approvazione del Bilancio 2021, è stato inoltre riconfermato per i prossimi tre anni l’intero Consiglio di amministrazione uscente: Gianmaria Balducci alla Presidenza, Claudio Fedrigo alla Vice Presidenza, oltre ai Consiglieri Yuri Della Godenza, Nevio Pelliconi e Cristian Pungetti. (lo.mi.) 

Nella foto: il Cda riconfermato di Cefla (secondo da sinistra, il presidente Gianmaria Balducci)

Nel bilancio Cefla l’utile netto cresce del 59%, Cda riconfermato
Economia 29 Maggio 2022

A Fossatone novità per la Profilati. Il punto sullo sviluppo dell'area con il sindaco Montanari. IL VIDEO

Ieri, sabato 28 maggio, nell’area artigianale di Fossatone la Profilati Spa, l’azienda più longeva del comparto, ha inaugurato una nuova pressa a estrusione di alluminio che consentirà di incrementare la produzione e abbattere anche i consumi di energia elettrica e metano. Il taglio del nastro è stata l”occasione anche per fare il punto sullo sviluppo dell”area con il sindaco di Medicina, Matteo Montanari. (gi.gi.)

Foto dell’inaugurazione alla Profilati Spa

A Fossatone novità per la Profilati. Il punto sullo sviluppo dell'area con il sindaco Montanari. IL VIDEO
Cronaca 27 Maggio 2022

Sacmi sulla Televisione centrale cinese, l’appello alla pace del presidente Mongardi

L’appello alla pace del presidente di Sacmi, Paolo Mongardi, è stato trasmesso oggi dalla Televisione centrale cinese (Cctv), la più grande emittente televisiva della Cina continentale, controllata dal Governo centrale della Repubblica popolare cinese.

«Sarà difficile tornare ai tempi pre-conflitto – ha spiegato Mongardi nel servizio in cui ha raccontato le conseguenze del conflitto Russo-Ucraino sulla manifattura italiana -, ma per fortuna le aziende stanno mitigando l’effetto dell’aumento dei costi del gas con una richiesta notevolmente superiore al periodo prima della guerra. La pace è però fondamentale sia da un punto di vista umano, ma anche per riavviare gli scambi economici».

Nel servizio anche il contributo di Demostenes Floros, senior energy economist presso il Centro europa ricerche, che ha affermato che per aiutare il settore manifatturiero in breve tempo e ridurre la volatilità dei mercati è prioritario «tornare a negoziare con la Russia i contratti e i prezzi del gas, che devono essere calcolati in base al costo del petrolio, come avveniva una volta». (lo.mi.)

Nella foto: il presidente Sacmi alla televisione cinese

Sacmi sulla Televisione centrale cinese, l’appello alla pace del presidente Mongardi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA