Posts by tag: emilia-romagna

Cronaca 21 Agosto 2018

Viticoltura, la Regione mette a disposizione 6,5 milioni per una maggiore competitività dei produttori fuori dall'Europa

6,5 milioni di euro è la cifra che la Regione Emilia-Romagna utilizzerà a sostegno e per azioni di promozione dei vini Doc, Docg e Igt e da agricoltura biologica, sempre più apprezzati sui mercati esteri. Dopo la vendemmia dello scorso anno, infatti, i dati dell’export hanno registrato un fatturato di oltre 320 milioni di euro con un balzo in avanti del 10,7% sull’anno precedente.

Il bando è rivolto ad aziende agricole in forma singola e associata, consorzi e gruppi di imprese, per progetti che prevedono un investimento minimo di 100 mila euro. Verranno finanziati, nella misura massima del 50% della spesa ammissibile, gli interventi aziendali relativi alla partecipazione ad eventi e fiere, azioni di incoming riservate agli operatori commerciali di altri Paesi, promozioni nei punti vendita, allestimento di spazi e di attrezzature destinate alle degustazioni da realizzare direttamente in azienda.

Il bando, inoltre, tiene conto delle  caratteristiche delle proposte di promozione, con diversi criteri premiali: si va dall’attenzione particolare ai soggetti che si occupano di promuovere prevalentemente vini di propria produzione, alle nuove imprese che per la prima volta si dedicano all’export e alle aziende interessate a nuovi Paesi e mercati, fino alle imprese che si dedicano alla promozione esclusivamente di vini Doc, Docg o Igt.

Le domande devono essere presentate entro le ore 15.00 del 5 ottobre 2018 al servizio Innovazione, Qualità, Promozione e Internazionalizzazione del Sistema Agroalimentare della direzione generale Agricoltura, caccia e pesca della Regione Emilia-Romagna (viale della Fiera, 8 – Bologna) tel.  051.527.4843

r.c.

Foto tratta alla Cantina vinicola Assirelli di Dozza

Viticoltura, la Regione mette a disposizione 6,5 milioni per una maggiore competitività dei produttori fuori dall'Europa
Cronaca 21 Agosto 2018

Ambiente, stanziati circa nove milioni di euro per la rimozione dell'amianto da scuole e ospedali in Emilia-Romagna

Ammontano a 8,8 milioni di euro le risorse stanziate per la rimozione dell’amianto da scuole e ospedali in Emilia-RomagnaE’ questa la cifra dei finanziamenti assegnati dal Cipe lo scorso 28 febbraio nel «Fondo sviluppo e coesione 2014-2020», un documento che ha tra gli obiettivi strategici prioritari l’avvio di un piano nazionale di interventi, tra gli altri, appunto di bonifica da amianto negli edifici pubblici. «E” un passaggio fondamentale che attendevamo per rendere le risorse operative al più presto, trasformandole in cantieri e interventi – commenta Paola Gazzolo, assessore regionale all”Ambiente-. Si tratta di risorse importanti che prmetteranno di compiere un passo avanti importante per la bonifica dall”amianto di strutture pubbliche strategiche come le scuole e gli ospedali».

I fondi saranno assegnati attraverso un bando regionale ad hoc e gli interventi andranno ad affiancarsi a quelli già realizzati grazie al Piano amianto della Regione Emilia-Romagna. Negli ultimi 10 anni, l’assessorato regionale alle Politiche ambientali ha destinato oltre 18 milioni di euro di contributi a enti pubblici e aziende per la bonifica. Di questi, 2,7 milioni sono serviti per effettuare rimozioni d’amianto in 20 scuole già mappate dalla Sanità col piano del 1996, oltre ad altre 52 scuole extra mappatura. Inoltre, con i lavori di ricostruzione post sisma 2012 e una spesa complessiva di 3,2 milioni di euro, sono state rimosse e smaltite 6.500 tonnellate di macerie contenenti amianto.

r.c.

Foto tratta dal Ministero della Salute

Ambiente, stanziati circa nove milioni di euro per la rimozione dell'amianto da scuole e ospedali in Emilia-Romagna
Cronaca 3 Luglio 2018

Dal 1° settembre in Emilia-Romagna autobus gratis per chi ha l'abbonamento del treno

Importanti novità sulla mobilità sostenibile arrivano direttamente dalla nostra regione. Dal 1° settembre, infatti, l”autobus sarà gratis per chi avrà l”abbonamento del treno e questo provvedimento è mirato proprio per venire incontro a pendolari, lavoratori, studenti, cittadini che così arriveranno a risparmiare in media oltre 150 euro l’anno. Tutto questo, inoltre, permetterà di utilizzare meno le auto negli spostamenti e tutto ciò gioverà senza dubbio alla qualità dell”aria nelle nostre città.

A settembre quindi parte «Mi muovo anche in città», l’integrazione tariffaria tra treno e bus destinata a chi possiede un abbonamento ferroviario annuale o mensile: chi da quella data validerà l’abbonamento potrà infatti viaggiare gratuitamente sugli autobus urbani della città sia di partenza che di destinazione. Un’opportunità valida nelle 13 città dell’Emilia-Romagna con più di 50 mila abitanti (tra le quali Bologna, Faenza, Forli, Ravenna e Imola), resa possibile grazie all’investimento della Regione di 6 milioni di euro l’anno.

L’integrazione tariffaria è valida anche per gli abbonamenti con destinazione o partenza da una delle 13 città indicate e arrivo o partenza da fuori regione, a condizione di avere la residenza in Emilia-Romagna. In totale saranno 58mila gli abbonati che godranno dell’integrazione tariffaria treno/bus urbano, ai quali si aggiungeranno circa 8mila abbonati al servizio ferroviario che usufruiscono dell’integrazione al servizio urbano (oggi a pagamento). Gli abbonamenti annuali e mensili dovranno essere caricati sulla tessera “Mi muovo” emessa dalle aziende del trasporto pubblico locale oppure sulla tessera “Unica” emessa da Trenitalia.

r.c.

Foto tratta dal sito della Regione Emilia-Romagna

Dal 1° settembre in Emilia-Romagna autobus gratis per chi ha l'abbonamento del treno

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast