Posts by tag: ladri

Cronaca 28 Luglio 2021

Ladri all’Antico Tre Monti, tra scorte rubate e tanti danni sparita pure un’auto

Dopo la Fattoria Romagnola i ladri hanno fatto visita anche al vicino e storico ristorante imolese Antico Tre Monti di via Bergullo. L’episodio è avvenuto nella notte tra venerdì 23 e sabato 24 luglio. A lanciare l’allarme, il mattino seguente, alcuni dipendenti di una ditta impegnata in autodromo per le gare del weekend che, dopo aver dormito nella struttura, hanno trovato il vetro di una loro auto in frantumi e poco distante il registratore di cassa del ristorante.

Sull’accaduto indagano i carabinieri. «Hanno rubato pochi spiccioli, ma hanno messo sottosopra ogni angolo pur di trovare qualche euro – ha confessato la titolare Ondina Bassi che gestisce l’Antico Tre Monti insieme al marito -. Oltre ai danni, quantificabili in diverse migliaia di euro, quello che mi fa più male è l’aver profanato un luogo a me caro».

I malviventi, infatti, con un modus operandi simile a quello utilizzato pochi giorni prima alla Fattoria Romagnola (difficile però al momento stabilire se si tratta della stessa mano), hanno forzato la porta della cucina ed una volta entrati hanno razziato quanto possibile. «Dagli uffici hanno rubato un pc ed un tablet, al cui interno c’era tutta la nostra contabilità, per poi buttare a terra tutte le cartelle contenenti le fatture di anni di attività – ha spiegato Ondina -. Non contenti hanno anche aperto e rotto bottiglie di alcolici e portato via numerosi generi alimentari, arrivando anche a lasciare aperte le celle frigorifere in modo da far deperire le scorte. E per finire, dopo essere usciti dalla vetrata della sala che abbiamo trovato spalancata, sono fuggiti a bordo della nostra auto aziendale, una Fiat Ulysse grigio scuro, le cui chiavi erano in ufficio».

Il ristorante, però, sabato mattina ha riaperto regolarmente, come se quasi nulla fosse successo. «E’ la prima volta che siamo vittime di un episodio simile – ha concluso Ondina –, ma sono davvero stremata, soprattutto dopo tutta la fatica fatta per colpa del Covid». (da.be.)

Foto d’archivio

Ladri all’Antico Tre Monti, tra scorte rubate e tanti danni sparita pure un’auto
Cronaca 17 Marzo 2021

A Medicina trenta «pillole» di sicurezza per difendersi dai ladri

Nuova versione aggiornata per la guida pratica «Pillole di sicurezza» contro le truffe, i furti e i raggiri creata dai sedici gruppi Whatsapp di vicinato di Medicina, ossia cittadini auto-organizzati che dal 2015 si tengono in contatto scambiandosi informazioni su furti o persone sospette tramite messaggini in chat di gruppo su cellulare. «È uno strumento che uti- lizziamo già da tempo per presentarci come realtà sul territorio e per gli scopi di prevenzione che vogliamo raggiungere – spiegano i volontari referenti dei gruppi, guidati dai nuovi coordinatori Annalisa Calzoni e Daniele Odorici -. Dopo consultazione e accordi con l’amministrazione comunale, abbiamo creato una nuova edizione più completa di informazioni, in modo che le persone possano interessarsi ai gruppi e decidere di parteciparvi. Vista la situazione attuale, non potendo organizzare le riunioni, l’opuscolo ci sembrava lo strumento migliore per raggiungere più persone possibili».

Sono una trentina le raccomandazioni e i consigli per riconoscere eventuali truffe che i referenti hanno riunito nel pieghevole: «In questo territorio, fino a qualche anno fa, si lasciava la chiave appesa fuori dalla porta, e quindi ribadire i concetti di attenzione e prevenzione è necessario – osservano -. Il nostro obiettivo è incrementare il senso civico delle persone e sensibilizzare i cittadini a collaborare con le forze dell’ordine». (lu.ba.)

Approfondimenti sui «sabato sera» dell’11 marzo.

Nella foto (pre emergenza Covid): Daniele Odorici e Barbara Ghedini pubblicizzano i gruppi di vicinato al Medicì

A Medicina trenta «pillole» di sicurezza per difendersi dai ladri
Cronaca 5 Dicembre 2018

Vede tre uomini sospetti girare attorno al capannone, titolare di una ditta di Medicina colpito con un pugno

I titolari di una ditta di Medicina hanno notato due uomini che giravano attorno al capannone della ditta. Sono usciti e li hanno inseguiti ma è arrivato un terzo che ha colpito con un violento pugno al volto uno dei due titolari. E’ accaduto venerdì scorso in via Fabbri. I due soci si sono attardati in azienda e sulle 19 hanno visto le due figure muoversi furtivamente fuori dall’edificio. A quel punto sono usciti in cortile e hanno chiesto agli estranei cosa stessero facendo, le due figure hanno iniziato a scappare, ad un certo punto dal buio è sbucato il terzo che ha sferrato il pugno, poi si è dileguato insieme agli altri. 

Questa la ricostruzione dei carabinieri che stanno cercando di dare un volto e identificare i tre uomini, molto probabilmente dei ladri che pensavano di poter approfittare del buio e di un capannone già vuoto oppure stavano facendo un sopralluogo con l’intenzione di agire in un secondo momento. Per ora le informazioni sono scarne, la ditta non ha telecamere ma i militari sperano di recuperare qualche immagine da altri apparecchi di videosorveglianza dei dintorni. (l.a.) 

Vede tre uomini sospetti girare attorno al capannone, titolare di una ditta di Medicina colpito con un pugno
Cronaca 21 Settembre 2018

Ancora nei guai il giovanissimo imolese arrestato per le rapine in tabaccheria e in lavanderia

E” stato portato nel carcere del Pratello a Bologna il giovanissimo imolese già finito nei guai a fine anno per aver rapinato la tabaccheria in via Zanotti e la lavanderia di via Pambera. Il giovane, divenuto diciottenne nei mesi scorsi, ha pensato bene di allontanarsi dalla comunità per minori nella quale stava scontando la pena per i reati commessi rendendosi irreperibile. A questo punto la Corte d”Appello ha emesso nei suoi confronti un”ordinanza di carcerazione, che i carabinieri di Imola hanno eseguito non appena l”hanno individuato mentre si trovava in giro per Imola.

Il provvedimento rappresenta un aggravamento della limitazione della libertà personale dovuto al fatto che il giovane si è allontanato violando consapevolmente la precedente prescrizione dell’autorità giudiziaria.

Il ragazzo aveva compiuto le due rapine insieme ad altri tre amici, tutti minorenni, due ragazze all”epoca di 16 e 17 anni, e un ragazzo di 16 anni. Una banda di adolescenti che vedeva nel neo-diciottenne il capo e che è stata fermata pressoché sul nascere sia dalle indagini di carabinieri e polizia, sia dalla collaborazione delle famiglie delle ragazze che le hanno convinte a collaborare con le forze dell”ordine. (r.c.)

Ancora nei guai il giovanissimo imolese arrestato per le rapine in tabaccheria e in lavanderia
Cronaca 25 Luglio 2018

I topi d'appartamento scappano a piedi e lasciano le biciclette rubate

I ladri stavano per entrare nell”’abitazione di una 86enne, situata in via Ludovico Ariosto, ma l”arrivo della pattuglia dei carabinieri li ha fatti fuggire. E” accaduto la notte scorsa. Qualcuno ha notato quanto stava accadendo e ha chiamato il 112. I carabinieri sono giunti sul posto e hanno visto i malviventi scappare a piedi rendendosi, per ora, irreperibili. In zona hanno lasciato tre biciclette, verosimilmente rubate in precedenza e utilizzate per raggiungere l’abitazione presa di mira. Si tratta di due mountain bike e una city bike al momento collocate negli uffici dell”Arma in  via Cosimo Morelli a Imola. Chi ne avesse denunciato il furto può andare a visionarle oppure per informazioni chiamare il tel. 0542/611800.   

Nella foto la caserma dei carabinieri in via Morelli a Imola

I topi d'appartamento scappano a piedi e lasciano le biciclette rubate
Cronaca 20 Luglio 2018

Ladri in azione a Osteria Grande, rubate undici bici da corsa da Dalfiume Cicli

Razzia di bici ai danni di Dalfiume Cicli, azienda specializzata in realizzazione di telai, riparazione e vendita di via Piemonte a Osteria Grande. E” successo verso le 3 nella notte. I ladri hanno prima forzato le inferriate che proteggono le vetrate, poi, usando un crick, le hanno ridotte in frantumi. Una volta all”interno, si sono impossessati del registratore di cassa e di undici biciclette da corsa. Il colpo, stando ad una prima stima, si aggirerebbe sui 12 mila euro.

Il negozio è collegato ad un allarme che, scattando, ha allertato alcuni residenti nei paraggi che hanno chiamato il 112. Alcuni di loro hanno detto di aver visto cinque persone caricare le due ruote a bordo di un furgone e poi fuggire via. Ora spetterà ai carabinieri cercare di risalire all”identità dei ladri. Per farlo stanno visionando anche le telecamere della videosorveglianza.

Non è la prima volta che Dalfiume Cicli subisce la spiacevole visita dei ladri. Cinque anni fa approfittarono di una notte con un forte temporale per coprire il rumore per forzare l”ingresso e fuggirono con ben tredici bici. (gi.gi.)

Immagine dalla Pagina Facebook di Dalfiume Cicli

Ladri in azione a Osteria Grande, rubate undici bici da corsa da Dalfiume Cicli
Cronaca 12 Giugno 2018

Spaccata notturna al Gigi's Bar di Mordano, i ladri poi finiscono con l'auto fuori strada

Ennesimo furto con spaccata ai danni del Gigi”s Bar di via Borgo General Vitali a Mordano. Questa volta, però, i gestori sono almeno riusciti a recuperare la refurtiva, ossia diversi pacchetti di sigarette. Tutto è successo la scorsa notte, verso le 3. Come mostrano le telecamere di videosorveglianza del bar, quattro malviventi con il volto nascosto si sono avvicinati alla porta d”accesso e l”hanno preso a mazzate fino a frantumarla. Una volta dentro, incuranti del fatto che l”allarme era scattato, hanno arraffato quanti più pacchetti di sigarette potevano e poi sono risaliti in macchina per fuggire.

Proprio mentre si stavano allontanando, sul posto è arrivato il titolare del bar, che ha il telefono collegato con l”allarme e li ha seguiti in macchina lungo la via Lughese in direzione di Imola. Arrivati alla prima curva all”altezza dell”intersezione con via Maduno e via Mordano, però, i malviventi avrebbero perso il controllo dell”auto finendo fuori strada. Da lì la decisione di allontanarsi a piedi, abbandonando sia l”auto che la refertiva. «Alla fine siamo riusciti a recuperare praticamente tutti i pacchetti di sigarette rubati» confermano dal Gigi”s Bar. 

Ora spetterà alla polizia cercare di dare un volto ai ladri. Tra l”altro, il Gigi”s Bar, purtroppo, non è nuovo a furti e spaccate notturne. L”ultima in ordine di tempo si era verificata nel novembre del 2017, quando ignoti avevano fatto incetta di sigarette e poi erano fuggiti. Un annetto prima, invece, avevano sfondato una porta-finestra laterale lanciandosi con un”auto in retromarcia per rubare qualche sigaretta. Spesso, tra l”altro, il danno per i vetri frantumati superava il valore del bottino. 

gi.gi.

Nella foto: l”interno del Gigi”s Bar

Spaccata notturna al Gigi's Bar di Mordano, i ladri poi finiscono con l'auto fuori strada
Cronaca 24 Aprile 2018

Identificati gli autori dei furti nei bar del centro storico, arrivavano in treno dalla Riviera

I carabinieri sono riusciti ad individuare gli autori dei furti avvenuti a metà gennaio ai danni di alcuni bar del centro storico di Imola. Si tratta di due uomini di 32 anni e 37 anni, nazionalità tunisina il primo e marocchina il secondo, di fatto senza fissa dimora ma gravitanti in Riviera romagnola. I militari sono riusciti ad individuarli dopo un”indagine che si è avvalsa sia dell”aiuto di alcuni testimoni, sia dell”analisi scrupolosa delle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza presenti in città, comunali e di privati, a partire dai bar stessi, che hanno permesso di ricostruire l”esatto percorso compiuto dai ladruncoli.

Come ipotizzato, i ladruncoli utilizzavano il treno per spostarsi e prendevano di mira gli esercizi pubblici del centro raggiungibili a piedi, poi una volta compiuto i furti risalivano su un convoglio e lasciavano la città.

I due attualmente sono stati denunciati per concorso in furto e tentato furto in esercizio pubblico ma il magistrato potrebbe disporre un”eventuale custodia cautelare in carcere. Sono facce già note alle forze dell”ordine, disoccupati e non in regola col permesso di soggiorno, con diversi precedenti di polizia per reati contro la persona e il patrimonio (furti). Fino ad ora avevano colpito soprattutto nel ravennate e nel riminese. 

Per il momento i carabinieri gli hanno addebitato con certezza tre furti, quelli al Bar Roma e al Barcode situati in via Emilia e al Bar Opera Dulcis di piazza Matteotti risalenti al 19 gennaio. Ma esattamente una settimana dopo, con un modus operandi similare erano stati visitati altri tre locali l”edicola Martini nel porticato all”angolo del palazzo del centro cittadino, il bar Ai Giardini di via Orsini e la pizzeria Porta Montanara. (r.c.)

Nella foto i carabinieri impegnati nei sopralluoghi dopo i furti

Identificati gli autori dei furti nei bar del centro storico, arrivavano in treno dalla Riviera

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast