Posts by tag: libri

Cultura e Spettacoli 19 Aprile 2018

Premio Nati per Leggere a ''Il viaggio di Piedino'', i salti di gioia di Elisa e Marianna

Il viaggio di Piedino” di Elisa Mazzoli e Marianna Balducci (pubblicato dalla casa editrice Bacchilega Junior di Imola) ha vinto il premio nazionaleNati per Leggere nella sezione Nascere con i libri (6-18 mesi).

“Il viaggio di Piedino è un libro semplice che racconta con un progetto profondo e un linguaggio speciale un viaggio molto importante – commenta l”autrice Elisa Mazzoli -. Un libro da leggere e immaginare insieme, senza fretta, senza pretese, così come ognuno sa fare. Da gustare seguendo con rispetto il ritmo e la meraviglia dei nostri piccoli. Perché la lettura non è una prova d”attore, ma una prova d”amore! Ricevere il premio Nati per Leggere è stata una grande gioia! Ringrazio Marianna, coraggioso talento di cui sentiremo parlare, la editor Angela Catrani che ha apprezzato il mio testo e mi ha proposto l”abbinamento con Marianna, Fabio Gervasoni che ha sapientemente fotografato Piedino, Piedino Marco e la sua famiglia, Paolo Bernardi editore Bacchilega Junior. E ringrazio anche chi ha scelto di premiare questo progetto profondo”.

“Vincere un premio è sempre la rassicurante conferma che il tuo lavoro sta parlando nel modo giusto e si sta muovendo in armonia col suo tempo, perciò è un bellissimo segnale che incoraggia a proseguire sulla strada intrapresa – conclude l”illustratrice Marianna Balducci -. Nati per Leggere è un premio importante e per me lo è ancora di più pensando che Il viaggio di Piedino è il mio primo libro per piccoli ed è un libro foto-illustrato, realizzato attraverso un linguaggio che studio e che amo da tanto tempo. È una gioia grande averlo vinto assieme a una squadra con cui si è lavorato in sintonia e che ha messo insieme professionalità diverse investendo fiducia e risorse per realizzare una cosa diversa, curata, ed anche un po” coraggiosa. Sono quindi fiera e grata del fatto che il mio segno sia uno dei protagonisti di questo progetto diverso da tanti altri”.

Qui dove acquistarlo.

Nella foto di Fabio Gervasoni, da sinistra: Marianna Balducci ed Elisa Mazzoli

Premio Nati per Leggere a ''Il viaggio di Piedino'', i salti di gioia di Elisa e Marianna
Cultura e Spettacoli 19 Aprile 2018

Bacchilega Junior vince il premio Nati per Leggere con Il viaggio di Piedino

Il viaggio di Piedino” è arrivato lontano! Il nuovo libro per bambini di Elisa Mazzoli e Marianna Balducci pubblicato dalla casa editrice Bacchilega Junior di Imola ha vinto la nona edizione del premio nazionale “Nati per Leggere”, conferito ogni anno da una giuria di docenti, bibliotecari, pediatri, giornalisti, librai ed esperti di letteratura per l”infanzia. Il viaggio di Piedino ha vinto nella sezione Nascere con i libri (6-18 mesi) con la seguente motivazione: “Una prova riuscita di far convivere due linguaggi visivi differenti, in questo dialogo la parte fotografica risulta la più convincente”.

Il premio Nati per Leggere. Tema dell”edizione 2018 del premio era “un posto per crescere, la tana e la casa”, argomento ampiamente quanto delicatamente trattato nelle pagine del libro “Il viaggio di Piedino” che racconta e mostra, con immagini e fotografie che dialogano alla perfezione, la crescita che segue i primi passi, il viaggio, la scoperta e il ritorno nella sicura ed accogliente casa-tana. Nel settore dell”editoria per bambini il premio Nati per Leggere rappresenta e sostiene la migliore produzione editoriale per la fascia di età prescolare e riconosce la creatività e l”impegno degli operatori attivi. Il progetto Nati per Leggere pone infatti l”attenzione sulla qualità delle proposte presenti sul mercato e premia le espressioni più vive e significative della letteratura per l”infanzia.

Il viaggio di Piedino. Scritto da Elisa Mazzoli, scrittrice e narratrice, ed illustrato da Marianna Balducci, specializzata nell”interpolazione tra fantasia e realtà, Il viaggio di Piedino è uno dei rari esempi in Italia che coniuga il linguaggio fotografico, di immediata comprensione per il lettore più piccolo, con illustrazioni e parole delicate, essenziali, fresche e vivaci. Proprio come i primi passi di un piccolo piedino. Grazie alla collaborazione fra le due Piedino intraprende un vero viaggio che lo porta alla scoperta del mondo e lo riaccompagna a casa, dove, sorpresa, c”è “piedone” ad attenderlo. Un finale che emoziona piccoli e grandi, soprattutto i papà.
Imola

Bacchilega Junior vince il premio Nati per Leggere con Il viaggio di Piedino
Cultura e Spettacoli 13 Aprile 2018

CooperAttivaMente torna oggi pomeriggio con Mara Mussoni, autrice di “Cancro, la linea di partenza per la tua rinascita'

Tornano oggi pomeriggio (ore 18) alla Librerie.coop presso il Centro Leonardo (viale Amendola, 129) di Imola gli appuntamenti con CooperAttivaMente.

Protagonista dell”incontro di oggi sarà Mara Mussoni, autrice di “Cancro, la linea di partenza per la tua rinascita” (Verdechiaro Edizioni) in cui racconta la sua esperienza col cancro: il primo a soli diciotto anni, mentre il secondo cancro esattamente vent”anni dopo. L”autrice sottolinea definisce questi come “percorsi di crescita personale” che l”hanno “portata alla consapevolezza che cambiare, o anche semplicemente migliorare, si può, partendo da piccoli passi quotidiani, che porteranno inevitabilmente a grandi conquiste future”.

Qui i prossimi appuntamenti.

c.f.

CooperAttivaMente torna oggi pomeriggio con Mara Mussoni, autrice di “Cancro, la linea di partenza per la tua rinascita'
Cultura e Spettacoli 29 Marzo 2018

Bacchilega Junior, Antonio Ferrara e Filippo Mittino un fiume in piena “Visti di profilo'

Antonio Ferrara e Filippo Mittino, autori di Visti di profilo (Bacchilega Junior,2018), sono sbarcati ieri al Bologna Children”s Book Fair seminando scompiglio e simpatia tra gli stand della fiera.

Non paghi dopo una giornata impegnativa, Antonio e Filippo hanno presentato nella prestigiosa cornice della Libreria.Coop Zanichelli il libro edito con Bacchilega Junior.

.

Bacchilega Junior, Antonio Ferrara e Filippo Mittino un fiume in piena “Visti di profilo'
Cultura e Spettacoli 28 Marzo 2018

Bacchilega Junior: Papini, Mingozzi e Possentini, tre artiste protagoniste alla Ubik

Sonia MariaLuce Possentini, Arianna Papini e Clementina Mingozzi, tre artiste e illustratrici di pregio di Bacchilega Junior, sono state le protagoniste della presentazione ieri sera alla Libreria Ubik di Bologna.

Sonia MariaLuce Possentini è illustratrice di A colori, un potente albo illustrato in cui il testo formato da sinestesie originali si mette in relazione con le illustrazioni in un progetto completo e armonico.

Arianna Papini è autrice e illustratrice di Nonne con le ali che racconta di una assenza che si fa presenza concreta, piena, profumata. Le nonne e i nonni che ci lasciano in realtà rimangono negli sguardi di un gatto sornione, nel profumo di un risotto allo zafferano, nell’erba che ci punge le gambe: un libro poetico delicatissimo per parlare della morte.

Clementina Mingozzi è l”anima del progetto di Little Girl, un albo nato da un paio di forbici. L’artista papirografa si misura con una fiaba della tradizione afroamericana vicina alla fiaba tradizionale di matrice europea Cappuccetto Rosso. Ci sono infatti una bambina e un lupo cattivo. Ma Little Girl utilizza un espediente per sfuggire alla presa del lupo: canta e facendo così si salva.

Nella foto da sinistra: Arianna Papini, Clementina Mingozzi e Sonia MariaLuce Possentini.

Bologna

Bacchilega Junior: Papini, Mingozzi e Possentini, tre artiste protagoniste alla Ubik
Cultura e Spettacoli 27 Marzo 2018

Bacchilega Junior presenta Visti di profilo domani nella prestigiosissima Libreria.Coop Zanichelli di Bologna

Visti di profilo (Bacchilega Junior,2018), di Antonio Ferrara e Filippo Mittino, sarà al centro della presentazione di mercoledì 28 marzo (alle ore 18) a Bologna nella prestigiosa cornice della Libreria.Coop Zanichelli in Piazza Galvani 1/h.

Tenteranno di moderare i due vulcanici autori durante l’incontro Angela Catrani e Paolo Bernardi di Bacchilega Junior.

Visti di profilo, di Antonio Ferrara e Filippo Mittino, è un racconto illustrato per ragazzi dai 12 anni. In una classe del liceo vengono ritrovate le chiavi di casa della professoressa di matematica dentro allo zaino di Ciro, che si dichiara innocente. Si scatena un grosso conflitto in classe e viene chiamato lo psicologo della scuola. Le illustrazioni originalissime di Ferrara completano questo racconto a 17 voci.

Bacchilega Junior presenta Visti di profilo domani nella prestigiosissima Libreria.Coop Zanichelli di Bologna
Cultura e Spettacoli 27 Marzo 2018

Bacchilega Junior, tanto interesse al Bologna Children’s Book Fair per le sette novità della casa editrice imolese

Tanto interesse al Bologna Children’s Book Fair per le sette novità presentate dalla casa editrice imolese Bacchilega Junior tra libri per bambini e ragazzi a partire da un anno fino all’adolescenza.

Ecco quali sono le novità.

Nella foto alcune delle autrici insieme all”editor Angela Catrani e al presidente Paolo Bernardi. 

Nell”altra foto la platea alla presentazione.

Bacchilega Junior, tanto interesse al Bologna Children’s Book Fair per le sette novità della casa editrice imolese
Cultura e Spettacoli 27 Marzo 2018

Il presidente della Federazione Europea degli Editori visita lo stand della Bacchilega Junior a Bcbf18

Il libro Little Girl di Clementina Mingozzi ha portato allo stand della Bacchilega Junior un ospite d’eccezione qual è il presidente della Federazione Europea degli Editori, Henrique Mota. Mota, accompagnato da Piero Attanasio dell’Associazione italiana editori, si è soffermato a guardare il lavoro della grande papirografa bolognese che ha illustrato una fiaba della tradizione africana poi ripresa in special modo nell’America del Nord.

Mota si è poi  interessato a tutta la produzione libraria della Bacchilega Junior e si è detto molto incuriosito dal fatto che una cooperativa di giornalisti lavori nel mondo dell’editoria. Mota ha chiesto al presidente della Bacchilega, Paolo Bernardi, quali sono le strategie di un piccolo editore. Il presidente dell’Associazione internazionale degli  editori ha apprezzato le scelte della Bacchilega di cercare la qualità nelle storie e nelle illustrazioni, di portare grande attenzione alla stampa dei volumi e alla loro distribuzione. Infine Bernardi ha indicato a Mota come la scelta culturale della Bacchilega sia quella di prestare grande attenzione alla promozione della lettura tra i più giovani, anche al di là della sola propria produzione, e di lavorare ad una nuova idea di filiera editoriale nell’ambito di un gruppo di lavoro nato in seno a CulTurMedia di Legacoop.

r.c.

Nella foto: il presidente della Bacchilega Paolo Bernardi con Piero Attanasio e Henrique Mota

Il presidente della Federazione Europea degli Editori visita lo stand della Bacchilega Junior a Bcbf18
Cultura e Spettacoli 26 Marzo 2018

Inaugurata a Bologna la Children's Book Fair, la fiera del libro per ragazzi. C'è anche Bacchilega Junior

L”edizione 2018 della Children”s Book Fair, l”annuale fiera del libro per ragazzi di Bologna, è stata ufficialmente inaugurata alla presenza del sindaco bolognese Virginio Merola, del presidente della Regione Stefano Bonaccini, di Riccardo Franco Levi presidente dell”Associazione italiana editori ed Enrique Mota presidente dell”associazione Editori mondiali. Ospite d”onore dell”edizione 2018 della fiera è la Cina. Del resto disse Confucio, “La lettura alimenta la mente“.

Fra i tanti stand allestiti di libri e colori, illustrazioni e parole, cӏ anche Bacchilega Junior (padiglione 26 stand A52), branca editoriale della cooperativa Bacchilega che si occupa appunto di editoria per bambini e ragazzi.

Lo scenario odierno dell”editoria per bambini e ragazzi è quello di un settore in grande fermento, nel quale non aumentano solo le proposte editate ma anche e soprattutto le proposte di qualità. “La letteratura per ragazzi rappresenta il 20% del mercato editoriali – conferma il presidente Mota -. L”editoria è la garanzia per la diffusione delle idee e il confronto delle differenti opinioni”.

In questo scenario, con la sua fiera, “Bologna rappresenta un gioiello per il mondo del libro italiano e per tutta l”economia“, ha precisato Levi. “La lettura e l”illustrazione aprono la mente, investire nei libri è un investimento culturale – ha aggiunto Bonaccini -. In un mondo che innalza muri, la presenza di tanti Paesi in questa fiera ci fa sperare che la cultura possa abbattere muri e costruire ponti. Leggere significa conoscere gli altri e avviare relazioni che è una delle missioni della città di Bologna“.

Una considerazione che viene confermata da Riccardo Franco Levi, presidente dell”Associazione italiana editori: “Bologna rappresenta un gioiello per il mondo del libro italiano e per tutta l”economia”.

r.c.

Nelle foto: le autorità che hanno inaugurato ufficialmente la Children”s Book Fair. In apertura l”ambasciatore cinese e di seguito: Merola, Bonaccini, Levi, Mota

Inaugurata a Bologna la Children's Book Fair, la fiera del libro per ragazzi. C'è anche Bacchilega Junior
Cultura e Spettacoli 25 Marzo 2018

Luca Occhi intervista Sara Magnoli su «sabatosera.it» e alla Mondadori

Appuntamento ad alta tensione mercoledì 28 marzo alle 18 alla libreria Mondadori di Imola: la giallista Sara Magnoli, definita da Maurizio de Giovanni «una nuova, straordinaria voce nel romanzo nero italiano», parla del suo «Se il freddo fa rumore» (Damster Edizioni, collana Comma21), presentata dallo scrittore imolese Luca Occhi tra i promotori di Officine Wort e del concorso letterario Turno di notte.

Il libro di Sara Magnoli, giornalista professionista, ha vinto il premio speciale dell’associazione culturale L’Aringo alla seconda edizione del concorso «Essere Donna Oggi» di Gallicano, in provincia di Lucca, e si è classificato al secondo posto della sezione editi nella prima edizione del premio letterario Milano International.

«Il romanzo parte dalla sparizione, o dalla fuga, di due ragazzine di 13 e 17 anni – spiega l”autrice – che non si conoscono dalla stessa città nello stesso momento e prosegue con l’indagine per ritrovarle. Una doppia indagine, la prima è quella ufficiale, della polizia, l’altra è condotta da due giornalisti inviati sul posto. In un crescendo drammatico di cose dette e non dette, sapute e non sapute, volutamente o involontariamente nascoste che porta inesorabilmente non a un solo dramma, ma a tanti».

Che cosa nasconde la sinestesia del titolo?
«Quando fa freddo la gente si chiude in casa, esce meno volentieri, è come se alzasse quasi una barriera tra sé e il mondo. Quando questo freddo che ci fa chiudere in noi stessi diventa freddo dell’anima, del cuore, dei sentimenti, tutto quello che di buono e di positivo potrebbe accadere, tutte le speranze, la solidarietà, l’aiuto, vengono a mancare. E chi di questo aiuto ha bisogno resta inascoltato. Per questo il freddo fa rumore, ti pulsa nella testa, quasi a insistere sul fatto che lui è più forte della voglia di stare insieme. È come se la sua fosse una risata sarcastica di chi sa che sta facendo vincere l’indifferenza».

«Se il freddo fa rumore» è il secondo caso di cronaca nera che ha per protagonisti la giornalista Lorenza Maj e il vicequestore Luciano Mauri. Il primo era la storia contenuta nel romanzo «Se un cadavere chiede di te». Entrambi iniziano con un periodo ipotetico….
«Mi è piaciuto intitolare entrambi i libri partendo da un se per vari motivi: il primo è che il se introduce appunto sempre un’ipotesi, qualcosa che va così, ma potrebbe andare in un altro modo. E poi io amo la poesia If, la lettera a un figlio di Kipling, che enuncia tutto ciò che si deve saper affrontare per diventare grandi. E con questa piccola serie vorrei proprio che la protagonista, Lorenza, compisse un viaggio per diventare, appunto, grande, per sconfiggere le sue paure. Infatti ho proprio in mente una trilogia con questi personaggi, come nelle fiabe sono solitamente tre le prove che si devono superare per crescere».

Perché proprio una giornalista come protagonista, nonostante vicina a un poliziotto?
«Pur non avendo alcun riferimento autobiografico nei testi, io sono giornalista e nello scrivere un giallo, genere dove tutto deve essere oliato alla perfezione, dove tutto deve essere verosimile per accompagnare il lettore alla soluzione, ho preferito avere al centro un personaggio di cui conoscessi la professione, così da farlo muovere in maniera realistica».

In copertina appare un enorme fungo rosso: quale il suo significato?
«Pur essendo la storia totalmente inventata, ho voluto ambientarla in un luogo preciso e in case abbandonate. Un giorno, mentre stavo facendo un sopralluogo in queste case abbandonate vicino all’aeroporto della Malpensa per un servizio giornalistico, in una villa ho notato che qualcuno aveva disegnato su una parete un enorme fungo rosso. E allora, sarà stata la serial killer che alberga in me fin da quando ero bambina, sarà stata l’appassionata di gialli, sarà stata la giornalista di nera, ma ho proprio pensato a quanto ci sarebbe stato bene un omicidio lì davanti. E il fungo è diventato protagonista non solo della copertina, ma anche della storia raccontata in questo romanzo».

Luca Occhi

Luca Occhi intervista Sara Magnoli su «sabatosera.it» e alla Mondadori

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast