Posts by tag: ozzano

Cronaca 13 Settembre 2021

Inizio dell’anno scolastico, il suono della campanella a Imola, Castel San Pietro, Medicina e Ozzano

Oggi tutti studenti del circondario sono tornati in classe per l’inizio del nuovo anno scolastico. A Imola il sindaco Marco Panieri e l’assessore Fabrizio Castellari, come da tradizione, hanno portare loro il saluto ad alunni ed insegnanti. A Castel San Pietro, invece, il compito è spettato all’assessore Giulia Naldi che ha rivolto il benvenuto e l’augurio di buon anno scolastico a studenti, famiglie, dirigenti, docenti e personale a nome del sindaco Fausto Tinti e di tutta l’amministrazione comunale.

A Medicina, invece, al campo sportivo erano presenti oltre al sindaco Matteo Montanari, la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein, l’Assessore all’Istruzione Dilva Fava, la Dirigente scolastica Loredana Bilardi e il vicario Marco Baldini. Alle scuole Simoni gli studenti troveranno una palestra più ampia e moderna.

Infine, ad Ozzano, è toccato a dirigente scolastico ed amministrazione comunale accogliere gli studenti nel primo giorno di scuola. (r.cr.)

Foto Isolapress

Inizio dell’anno scolastico, il suono della campanella a Imola, Castel San Pietro, Medicina e Ozzano
Economia 18 Agosto 2021

L’ozzanese Pelliconi si espande in Cina, nuovo stabilimento nel distretto hi tech di Changzhou

Il gruppo ozzanese Pelliconi, produttore di tappi per bevande, si espande in Cina. A cinque anni dall’inaugurazione del primo stabilimento produttivo di tappi a strappo a Suzhou, nella provincia di Jiangsu, lo scorso 5 luglio è stato siglato un accordo con le autorità consolari e cinesi per una nuova base produttiva, questa volta nel distretto nazionale hi-tech della città di Changzhou, tra i poli tecnologici più competitivi riconosciuti in Cina, sempre nella provincia dello Jiangsu.

«Inizieremo con una produzione su due linee, per poi vedere come si sviluppa il mercato ed eventualmente espanderci in caso di richiesta – fa sapere l’azienda -. La produzione inizierà intorno alla prima metà del 2022 e per questo progetto sono stati investiti 13 milioni di dollari. Nel nuovo stabilimento produrremo alcune chiusure sviluppate dal dipartimento Ricerca e sviluppo».

Si tratta di articoli di imballaggio a basso contenuto di carbonio, produzione supportata da linee di produzione di nuova concezione, per un abbattimento dei consumi e altamente automatizzate. Nella Pelliconi Changzhou metal packaging technology si stima di creare, dopo tre anni dall’effettivo avviamento delle linee, una produzione annuale di 15,5 milioni di dollari, pari a circa 100 milioni di renminbi cinesi. (lo.mi.) 

Nella foto: la sottoscrizione dell’accordo per il nuovo stabilimento Pelliconi in Cina (foto tratta dalla pagina Facebook di Pelliconi)

L’ozzanese Pelliconi si espande in Cina, nuovo stabilimento nel distretto hi tech di Changzhou
Cronaca 14 Agosto 2021

Incendio vicino alla linea ferroviaria tra Ozzano e Castello, ritardi nella circolazione dei treni

Un incendio è divampato oggi pomeriggio tra Ozzano Emilia e Castel San Pietro, nei pressi della linea ferroviaria.

Le fiamme hanno causato il danneggiamento e l’interruzione della linea elettrica, tra le 17.20 e le 18.20. Disagi ovviamente alla circolazione dei treni, poi ripresa su uno dei due binari, con forti rallentamenti e ritardi. Sul posto i vigili del fuoco. (r.cr.)

Incendio vicino alla linea ferroviaria tra Ozzano e Castello, ritardi nella circolazione dei treni
Cronaca 18 Luglio 2021

La Città metropolitana stanzia 3,6 milioni di euro per nuove ciclabili, previsti interventi a Imola e Ozzano

Continua a espandersi la rete della Bicipolitana bolognese. La Città metropolitana, infatti, ha finanziato nuovi progetti per 3,6 milioni di euro (cofinanziamento pari al 50% dell’importo stimato delle opere) che serviranno per realizzare 26,5 chilometri di nuove ciclabili. Per quanto ci riguarda da vicino, gli interventi riguarderanno Imola e Ozzano Emilia.

Il Comune di Imola ha ottenuto 100 mila euro che «serviranno per connettere le frazioni di San Prospero, Ponticelli e Fabbrica alla nuova ciclopista del Santerno. Inoltre – dettaglia l’assessora alla Mobilità sostenibile, Elisa Spada -, verrà realizzata una ciclabile lungo via Punta, dall’incrocio con la via Montanara fino a via Dalla Chiesa, per collegare Ponticelli alla Pedagna». Complessivamente, si tratta di 10 chilometri di nuove piste.

Altrettanti chilometri verranno realizzati tra Noce di Ozzano e Monterenzio. «Sarà un tratto in sede propria, in alcuni punti sarà più vicina a via Idice, in altri più lontana, molto simile alla ciclopista del Santerno – dettaglia il sindaco Lelli -. «Il tratto consentirà quasi di arrivare alla via Emilia utilizzando viabilità già esistente». (gi.gi.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 15 luglio.

Nella foto: la ciclopista del Santerno

La Città metropolitana stanzia 3,6 milioni di euro per nuove ciclabili, previsti interventi a Imola e Ozzano
Economia 14 Giugno 2021

Vaccinazioni al via oggi nell’hub interaziendale di Ima a Ozzano Emilia

Al via oggi le prime vaccinazioni nei tre hub vaccinali interaziendali organizzati da Confindustria Emilia area centro, per la vaccinazione dei dipendenti e dei collaboratori di tutte le imprese del territorio, associate e non. Oltre a Bonfiglioli Riduttori a Calderara di Reno e Voilàp Holding a Limidi di Soliera (Modena), anche il gruppo del packaging Ima ha messo a disposizione i propri locali in via Nobel 28/c a Ozzano Emilia.

Le prenotazioni per aderire alla campagna vaccinale, aperte lo scorso 4 giugno, avvengono attraverso la compilazione del form on line sulla piattaforma web di Confindustria Emilia e le imprese del territorio possono richiedere le somministrazioni oltre che per i propri dipendenti e collaboratori anche per tutti i loro familiari, decidendo dove e in quali settimane vaccinare le proprie persone.Questo darà modo alle aziende di avere date certe e di terminare i cicli completi di somministrazioni vaccinali con i richiami al più tardi entro la prima decade di agosto, permettendo così di velocizzare i tempi di attesa.

«Con questa rete di hub – spiega il presidente di Confindustria Emilia, Valter Caiumi – vogliamo perseguire la volontà di tutte le nostre imprese di tornare già dai primi giorni di settembre nuovamente in condizioni di normalità». (lo.mi.) 

Nella foto: l’esterno dell’hub vaccinale accolto da Ima a Ozzano Emilia

Vaccinazioni al via oggi nell’hub interaziendale di Ima a Ozzano Emilia
Sport 30 Maggio 2021

Basket serie B, ancora un finale amaro per Ozzano. Cecina va avanti 1-0

Inizia male la finale play-out della Sinermatic, caduta 69-65 in gara-1 sul campo di Cecina.

Ozzano parte bene e si affida alla serata ispirata di Bertocco (27 punti e 10 rimbalzi) e Bedin (14 punti e 16 rimbalzi). In vantaggio fino all’intervallo lungo, alla squadra di Grandi si spegne la luce nel terzo parziale che riporta i toscani a contatto. Nel finale, per l’ennesima volta in stagione, i biancorossi non reggono il punto a punto e sono costretti ad alzare bandiera bianca.

Gara-2, ancora in Toscana, è in programma martedì 31 maggio (ore 20.30).

Cecina-Sinermatic 69-65 (14-19; 32-36; 48-46)

Foto dalla pagina Fb della Sinermatic Ozzano (photo@bySusy)

Basket serie B, ancora un finale amaro per Ozzano. Cecina va avanti 1-0
Cronaca 8 Maggio 2021

A nove anni dalla scomparsa anche il Comune di Ozzano si unisce al ricordo di Maurizio Cevenini

A nove anni da quel tragico 8 maggio 2012, oggi Bologna ricorda Maurizio Cevenini, ex consigliere regionale e comunale a Bologna. E lo fa con una staffetta che nel pomeriggio abbraccerà luoghi importanti per lui come Ozzano Emilia e  San Lazzaro.

Si parte alle 16 dal portone di Palazzo d’Accursio in Piazza Maggiore dove l’assessore regionale Raffaele Donini, assieme all”assessore del Comune di Bologna Matteo Lepore, darà il via a 4 podisti della Run Tune Up (due uomini e due donne) che, preceduti in bicicletta da Federica Cevenini e Andrea Cevenini (figlio di Gabriele, il fratello di Maurizio), si dirigeranno verso le Due Torri. Da lì, scortati dalla municipale e da due 500 (una rossa e una blu) raggiungeranno San Lazzaro di Savena lungo Strada Maggiore, via Mazzini e via Emilia. Negli stessi minuti, alle 16, quattro podisti partiranno da Ozzano Emilia, dal monumento dedicato nel parco Cevenini, in direzione San Lazzaro. In mattinata, alle 11, il sindaco Luca Lelli, accompagnato dalla figlia del Cev Federica e dalla storica segretaria Tamara Imbaglione, deporrà un mazzo di fiori ai piedi del monumento in ricordo di Maurizio.

L”arrivo per tutti sarà alle 17 in piazza Bracci a San Lazzaro dove ad accogliere i podisti ci sarà la sindaca Isabella Conti. Infine alle 17.30 i podisti raggiungeranno lo stadio Cevenini, a lui intitolato nel 2018: ai piedi del murales realizzato dal writer Fabieke, che raffigura il sorriso del Cev, si svolgerà un triangolare a porte chiuse tra le squadre del Consiglio comunale di Bologna, «Gli amici dei Cev» e «Le amiche dei Cev».

Foto dal sito del Comune di Bologna

   

A nove anni dalla scomparsa anche il Comune di Ozzano si unisce al ricordo di Maurizio Cevenini
Cronaca 30 Aprile 2021

Coronavirus, continua la battaglia dei gestori delle piscine: «Decreto riaperture da rivedere»

Continua in Emilia Romagna la battaglia dei gestori delle piscine per arrivare ad un quadro delle riaperture che consenta la sopravvivenza economica degli impianti natatori della regione, in gran parte pubblici e gestiti da associazioni e società sportive.

Alla luce delle indicazioni contenute nel nuovo decreto sulle riaperture rimangono infatti dubbi sull’attività al coperto (consentita dal 15 maggio), per cui non ci sono indicazioni normative, e sui 10 metri quadrati di distanza fra gli utenti per le piscine all’aperto ipotizzati (mentre i protocolli attuali ne raccomandano 7). Norme che rendono impossibile la sostenibilità economica di impianti di prossimità, a costi bassi, che garantiscono salute e danno lavoro, in un ambiente ostile al Coronavirus per l’alto livello di misure di igienizzazione da sempre messe in campo. Per questo motivo Uisp Emilia-Romagna ha coordinato un tavolo di lavoro sull’impiantistica natatoria raccogliendo la voce di 65 impianti, tra cui Ortignola gestita da Deai srl Imola, Ozzano e Castel San Pietro (curiosamente però non Medicina) in rappresentanza del 60% degli impianti coperti in regione.

«Sono 147 le piscine di proprietà degli Enti Locali in Emilia-Romagna; di queste 81 sono le piscine pubbliche coperte. A causa del Covid-19, non possiamo svolgere la nostra attività e molte Amministrazioni Comunali proprietarie degli impianti sono restie a rinegoziare un piano economico-finanziario che dovrebbe essere assicurato dall’Ente, non rientrando la pandemia nel rischio d’impresa, come definito dalle normative vigenti – si legge nel documento sottoscritto da tutti i gestori -. Dietro alle nostre società di gestione, società sportive e associazioni ci sono persone che hanno fatto di questa difficile missione il loro lavoro, si sono indebitati, hanno investito per migliorare la qualità del servizio. Stiamo parlando di 1.500 lavoratori fissi più un migliaio di stagionali estivi, e di oltre 5 mila istruttori e allenatori che collaborano per assicurare la continuità del servizio e sono cittadini, al pari di tutte quelle persone che godono delle attività sportive fruibili nei nostri impianti. La gestione delle piscine pubbliche si basa storicamente su tariffe basse con un numero elevato di frequentatori, a fronte di costi fissi molto elevati ma soprattutto poco comprimibili e un’altrettanto elevata complessità gestionale, legata al mantenimento di scrupolosi protocolli sanitari. Questa situazione, impattando con i problemi e le chiusure derivanti dalla pandemia, ha portato l’intero comparto ad una crisi drammatica: sulla base dei dati raccolti possiamo stimare che la perdita per l’intero comparto delle piscine pubbliche coperte si aggiri nel 2020 su circa il 40% in meno del fatturato dell’anno precedente e che, negli ultimi 6 mesi di lockdown, da novembre 2020 ad aprile 2021, esploda al 90% in meno. Il disavanzo medio per ogni impianto in questi 14 mesi di pandemia è pari a centinaia di migliaia di euro. In questi 14 mesi ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo apportato significative modifiche per rendere i nostri impianti sicuri, abbiamo studiato i protocolli e interloquito con le istituzioni. Abbiamo usufruito degli esigui ristori (meno dell’1% per chi è stato fortunato) e abbiamo accumulato debito. Noi chiediamo che la riapertura degli impianti sia definita da protocolli di buon senso che garantiscano sicurezza e sostenibilità economica (è ingestibile economicamente aprire un impianto al 30% della sua capienza e con 10 metri quadrati di distanza fra ogni utente) e accompagnata da detrazioni fiscali, sgravi su utenze, blocco delle accise, imposte differite e da una norma che vincoli i Comuni a ridefinire con i gestori i piani economici finanziari con allungamento convenzione e ridefinizione dei costi. Se non si verificassero le condizioni che abbiamo elencato, non avremo alternative e saremo costretti a restituire gli impianti ed esigere la restituzione degli investimenti fatti. Così, invece di discutere di riaperture e di progressivo ritorno alla normalità, nel nostro caso si discuterà di chiusure definitive e di impianti natatori pubblici destinati a diventare cattedrali nel deserto, luoghi non più sede del benessere delle persone ma cimiteri dell’incuria e dell’abbandono». (r.cr.)

Nella foto: la piscina comunale di Castel San Pietro

Coronavirus, continua la battaglia dei gestori delle piscine: «Decreto riaperture da rivedere»
Sport 18 Aprile 2021

Basket serie B, l’Andrea Costa ritrova la vittoria. Volata fatale ad Alba per la Sinermatic

Torna al successo l’Andrea Costa che, al Ruggi, regola 70-64 San Miniato. Sconfitta, invece, per la Sinermatic Ozzano, caduta in volata 80-78 ad Alba.

Imolesi, a differenza delle ultime uscite, capaci di tenere le redini del match per quasi tutti i 40’. I toscani provano la rimonta nel finale, ma nulla hanno potuto controllo la serata ispirata del capitano Preti (19 punti), Corcelli (15 punti) e Sgorbati (doppia doppia da 12 punti e 10 rimbalzi).

La squadra di coach Grandi perde un’altra partita in volata. Questa volta però contro una diretta concorrente per la salvezza diretta. Ad Alba, dopo un primo quarto giocato da protagonisti, i biancorossi hanno dovuto rincorrere fino alla fine, trascinati dal solito Bertocco (21 punti), Bedin (17 punti) e e Okiljevic (16 punti). Fatali gli ultimi secondi, con i piemontesi che, favoriti dall’imprecisione degli ospiti, hanno chiuso la sfida ai liberi.

Nel prossimo turno, in programma mercoledì 21 aprile, l’Andrea Costa sarà impegnata a Cecina (ore 20.30), mentre la Sinermatic ospiterà Rimini (alle 19). (da.be.)

Andrea Costa – San Miniato 70-64 (17-13; 34-26; 57-45)

Alba – Sinermatic 80-78 (21-22; 40-35; 66-57)

Foto dalla pagina Facebook dell’Andrea Costa

Basket serie B, l’Andrea Costa ritrova la vittoria. Volata fatale ad Alba per la Sinermatic
Cronaca 7 Aprile 2021

Mense scolastiche biologiche, all’Emilia-Romagna quasi 1,5 milioni di euro. Tra i destinatari anche Medicina e Ozzano

Biologico è la parola d’ordine nelle mense delle scuole della Regione. Per il terzo anno consecutivo, infatti, l’Emilia-Romagna si è aggiudicata aggiudica la quota più alta prevista dal Fondo per le mense scolastiche biologiche: 1 milione e 471mila euro di risorse su 5 milioni di euro complessivi. Tra le amministrazioni locali e le imprese destinatarie anche il Comune di Medicina (oltre 32mila euro) e la Solaris srl (69mila euro), stazione appaltante tra le altre del Comune di Ozzano

La Giunta regionale ha così approvato, con un provvedimento, la ripartizione dei fondi,  relativi al 2020, trasferiti dal ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali alle amministrazioni locali che offrono il servizio di refezione scolastica biologica. Si tratta di risorse che servono a coprire le maggiori spese sostenute per l’erogazione dei pasti bio senza aumentare il costo della refezione scolastica a carico delle famiglie.  Gli importi, che ammontano a 1 milione e 471mila euro corrispondenti a circa 8 milioni di pasti erogati nel 2020, sono calcolati in base al numero di beneficiari del servizio di ristorazione scolastica in ciascun ambito territoriale e relativi alle stazioni appaltanti che gestiscono le mense scolastiche biologiche, in possesso dei requisiti previsti dal decreto ministeriale. (da.be.)

Foto dal sito della Regione Emilia-Romagna

Mense scolastiche biologiche, all’Emilia-Romagna quasi 1,5 milioni di euro. Tra i destinatari anche Medicina e Ozzano

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast