Posts by tag: politica

Cronaca 14 Gennaio 2021

Giunta Imola, il sindaco Panieri apporta alcune modifiche e integrazioni alle deleghe

A poco più di cento giorni dall’insediamento dell’Amministrazione comunale, il sindaco Marco Panieri ha apportato alcune modifiche ed integrazioni alle deleghe degli assessori, oltre che alle proprie, che sono già in vigore da ieri, mercoledì 13 gennaio. «Si tratta per lo più di piccoli aggiustamenti, finalizzati a migliorare l’efficienza dell’attività sia dal punto di vista del lavoro degli amministratori sia del personale dipendente, per far funzionare al meglio la ‘macchina comunale’, a servizio dei cittadini» spiega il primo cittadino.

Nello specifico, le modifiche ed integrazioni riguardano il trasferimento della delega alla polizia Municipale e protezione civile dal vice sindaco Castellari al sindaco Panieri. Un passaggio funzionale ad integrare queste due deleghe a quella alla sicurezza già in capo al sindaco, e legato anche al nuovo assetto del Circondario Imolese, dopo la recente elezione del sindaco a presidente dell’ente di via Boccaccio, tenuto conto in particolare che il servizio di polizia municipale è gestito in forma associata proprio a livello di Circondario.  Al vice sindaco Castellari viene invece attribuita la delega ai rapporti con il Consiglio comunale e attività istituzionale, prima in capo all’assessore Spadoni. La delega alla toponomastica è stata esplicitata fra quelle già in capo all’assessore Zanelli, così come per quanto riguarda l’assessore Penazzi la delega ai gemellaggi è stata resa esplicita e collegata alle politiche comunitarie e quella ai grandi eventi collegata all’autodromo. Quella ai teatri è stata esplicita e legata a quella a biblioteche e pinacoteche per quanto riguarda l’assessore alla Cultura, Gambi. Infine, la delega all’immigrazione è stata resa esplicita fra quelle dell’assessore al Welfare, Spadoni. (da.be.)

Nella foto: il sindaco di Imola Marco Panieri

Giunta Imola, il sindaco Panieri apporta alcune modifiche e integrazioni alle deleghe
Cronaca 9 Gennaio 2021

Marco Panieri eletto presidente del Nuovo Circondario Imolese

Nei giorni scorsi l’Assemblea del Circondario ha eletto il sindaco di Imola, Marco Panieri, presidente del Nuovo Circondario Imolese. Nella stessa seduta sono stati eletti anche gli altri due componenti della Giunta dell’ente, entrambi con il ruolo di vicepresidente, ovvero Matteo Montanari e Beatrice Poli, rispettivamente primo cittadino di Medicina e Casalfiumanese. «Voglio ringraziare il sindaco Matteo Montanari per la competenza e la passione con cui ha guidato il Circondario nel suo anno di presidenza, particolarmente delicato, vista la pandemia – ha commentato Panieri -. Proprio partendo da questa situazione, il futuro dovrà vederci fortemente impegnati nella piena collaborazione e dialogo fra tutti i Comuni. A questo proposito ringrazio fin da ora tutti i sindaci che sono chiamati a guidare le prossime sfide, a cominciare dal dare continuità al percorso di riorganizzazione del personale e delle gestioni associate e dal rafforzare il ruolo di un territorio che dovrà vedere una sinergia sempre più stretta non solo fra i dieci Comuni del Circondario, ma anche in rapporto con la Città Metropolitana e la Regione».

Il presidente Panieri ha attribuito a Matteo Montanari le deleghe a Politiche sociali, Servizi informatici, Piano strategico/Partecipazione ed a Beatrice Poli le deleghe a Montagna, Cultura, Pari Opportunità, Giovani e Legalità. Inoltre, nell’ottica della collaborazione amministrativa, in relazione alle deleghe che il presidente riserva ha riservato per sé (Urbanistica, Sanità, Sicurezza, Personale, Bilancio e Gestioni Associate), Panieri ha individuato quali propri referenti i sindaci Luca Albertazzi – Turismo e Tributi; Claudio Franceschi – Agricoltura; Gabriele Meluzzi – Servizi educativi (CISS/T),  rapporti con il Gal Appennino Bolognese; Nicola Tassinari – Ambiente (delega per Consiglio Atersir); Fausto Tinti – Sviluppo economico e Lavoro; Mauro Ghini – Parco, Attività venatoria, Protezione Civile ed Alberto Baldazzi – Mobilità e Trasporto Pubblico locale.

Nella foto (Isolapress): Marco Panieri

Marco Panieri eletto presidente del Nuovo Circondario Imolese
Cronaca 31 Dicembre 2020

Il Consiglio comunale di Imola approva il Dup, il commento della capogruppo del Pd Francesca Degli Esposti

«Il documento unico di programmazione (Dup) approvato dal consiglio comunale di Imola crediamo rappresenti un’ottima base per il lavoro e l’indirizzo politico dei prossimi anni. In quanto fissa quei pilastri che che disegnano una città a misura dei nostri cittadini, dove al centro vi sono diritto alla salute, sviluppo economico, relazioni con gli enti sovraordinati». A dirlo è la capogruppo Pd Francesca Degli Esposti dopo l’approvazione del Dup del Comune di Imola presentato ieri.

«Abbiamo letto, analizzato e studiato tutti gli emendamenti proposti e dato il giusto valore a tutte le proposte che sono state fatte, perchè crediamo molto nel valore del consiglio comunale e non ci permetteremmo mai di sminuire quello che il lavoro dei nostri colleghi, per quanto di opposizione. — ha spiegato Degli Esposti —  Non possiamo però sostenere proposte che vanno completamente contro a quello che sosteniamo convintamente. C’è chi ci chiede di togliere le iniziative nelle scuole per la promozione della cultura di genere, di togliere la realizzazione di progetti dedicati all’accoglienza e al coinvolgimento attivo dei migranti. C’è chi propone di togliere il punto riguardante l’istituzione della casa della salute, punto su cui noi invece crediamo molto. Abbiamo poi emendamenti che di fatto vanno a dettagliare, riscrivere con altre parole, ricopiare cose che di fatto sono già presenti nelle linee programmatiche o nelle 100 azioni, dall’inserimento di nuovi corsi di laurea, al potenziamento della scuola Vassura Baroncini, dalla promozione di eventi musicali, alla creazione di luoghi per i giovani e la riqualificazione del parco dell’osservanza, l’illuminazione led nelle strade. Abbiamo letto emendamenti sul garantire l’autonomia della nostra azienda sanitaria, cosa che nuovamente ribadisco non essere in discussione, tant’è che non necessita di una ulteriore specifica perchè per noi è un punto fondante. Su questo gruppo di emendamenti, ringraziamo i consiglieri che li hanno proposti, siamo felici che condividano con noi molti punti sulla città, ma non siamo disponibili ad approvare cose che di fatto già sono presenti nel documento e sono state copiate senza apportare alcun valore aggiunto».

Tra gli emendamenti condivisi invece Degli Esposti aggiunge: «Condividiamo la valorizzazione della società di promozione turistica IF, una migliore fruizione dello IAT, l’educazione civica nelle scuole per il rispetto tra donne e uomini e alla legalità, la realizzazione dell’area camper, l’ampliamento della rete della protezione civile. Siamo d’accordo sull’incentivare lo sviluppo sul territorio di nuove discipline sportive per soggetti diversamente abili, sulla sensibilizzazione dei cittadini a raccogliere denunce e istanze, sulla riattivazione dell’osservatorio dei dati sul mondo del lavoro e infine, sull’introduzione dei nuovi corsi formativi come corsi di qualifica meccanica». (da.be.)

Nella foto: la capogruppo del Pd Francesca Degli Esposti

Il Consiglio comunale di Imola approva il Dup, il commento della capogruppo del Pd Francesca Degli Esposti
Cronaca 31 Dicembre 2020

Il sindaco metropolitano Merola modifica l’assetto della Giunta di Palazzo Malvezzi, le deleghe dei consiglieri Lelli e Tinti

Alla luce del prossimo arrivo dei fondi del Recovery Fund, della recente approvazione del Piano Territoriale Metropolitano e del tema, sempre più centrale, dell’occupazione femminile, il sindaco della Città metropolitana di Bologna Virginio Merola ha deciso di modificare l’assetto della Giunta e rivedere alcune deleghe. 

Tra i consiglieri delegati rimangono in carica entrambi i primi cittadini di Ozzano, Luca Lelli, e Castel San Pietro, Fausto Tinti. Il primo mantiene le deleghe a Politiche per la casa, Affari istituzionali e innovazione, Rapporti con il Consiglio metropolitano e con la Conferenza metropolitana, aggiungendo però quella all’E-government. Il secondo, invece, mantiene le deleghe a Politiche del lavoro e Tavoli di salvaguardia del patrimonio produttivo. 

ULTERIORI INFORMAZIONI

Nella foto: Palazzo Malvezzi

Il sindaco metropolitano Merola modifica l’assetto della Giunta di Palazzo Malvezzi, le deleghe dei consiglieri Lelli e Tinti
Cronaca 30 Dicembre 2020

Imola tra cinque anni, Panieri la vuole così. Presentato in Consiglio comunale il Dup (Documento unico di programmazione)

È una promessa, l’impegno che la Giunta del sindaco Marco Panieri si prende per il mandato dei prossimi cinque anni. In base a quanto il sindaco e la sua squadra sapranno fare gli imolesi decideranno se dargliene altri cinque. Il Dup (Documento unico di programmazione), presentato in commissione Bilancio, è stato presentato oggi in Consiglio comunale e contiene tutti i titoli delle cose da fare, messi in ordine alfabetico.

Non sarà questo l’ordine di realizzazione, ma per Panieri si «vuole esprimere un cambio di passo rispetto al passato attraverso la messa a punto di un centinaio di obiettivi strategici da concretizzare nel corso dell’intero mandato elettorale. Ciascuna delle azioni di governo definite si incrocia con i diversi settori presenti all’interno della guida amministrativa e della macchina comunale».

Obiettivi che interessano molteplici macro aree: raccolta rifiuti e illuminazione pubblica, Autodromo, uffici comunali, associazioni e biblioteche, servizi al cittadino, trasporti, istruzione, sicurezza, disabilità e lotta alle povertà, sport, turismo, viabilità ed edilizia. (r.cr.)

Ulteriori approfondimenti e gli obiettivi della Giunta Panieri su «sabato sera» del 24 dicembre.

Nella foto: Marco Panieri

Imola tra cinque anni, Panieri la vuole così. Presentato in Consiglio comunale il Dup (Documento unico di programmazione)
Cronaca 25 Novembre 2020

Intervista al sindaco di Faenza Massimo Isola: «Turismo e Motor Valley, un patto con Imola e ConAmi»

«Abbiamo aperto un canale sereno e costruttivo, ho ottime prospettive per il futuro. Oggi il ConAmi è una certezza e una presenza che ci aiuta su tanti fronti. Sono contento che sia tornato il buonsenso e il Consorzio sia uscito da battaglie ideologiche e politiche e ricondotto a quello che deve essere: uno strumento tecnico di sostegno delle questioni amministrative, economiche e sociali dei territori». Il sindaco di Faenza Massimo Isola, eletto a settembre, non ha ancora avuto l’occasione di vedere tutti gli altri colleghi sindaci-soci del ConAmi ma a fine ottobre ha incontrato Fabio Bacchilega e Carlo Baseggio. Il presidente del Cda del Consorzio e il consigliere indicato dall’area faentina-lughese degli azionisti si sono recati nella città manfreda. L’obiettivo è stabilire le priorità del piano industriale triennale che dovrà garantire il futuro del ConAmi dopo i due anni sospesi e le battaglie sulle nomine durante il mandato della sindaca 5Stelle imolese Sangiorgi.

Un tema a lei caro è quello del turismo (Isola nelle due giunte precedenti è stato assessore con deleghe a Cultura e Turismo). La società If Tourism Company di promo-commercializzazione turistica dei territori di Imola e Faenza, di cui il ConAmi è socio maggioritario, nell’ultimo anno ha visto notevoli cambiamenti (ha lasciato l’incarico il direttore storico Erik Lanzoni).

«In campagna elettorale ho difeso a spada tratta la scelta di If che credo sia stata strategica, intelligente e lungimirante. Ora, però, dopo la fase di costruzione occorre fare un salto di qualità importante e chiederò di lavorare in tal senso. Faccio parte anche del Cda di Visit Romagna, la destinazione turistica della Romagna, e penso che la presenza di due destinazioni (Imola e Faenza) sia un valore non un ostacolo. Faenza ha registrato un record di arrivi, di presenze e di stranieri, anno dopo anno, oltre la media romagnola, ed ora è il momento di progettare il turismo del domani, perché dal 2022 dovremo correre come matti se vogliamo il “rinascimento”».

Il 2021 sarà transitorio per il turismo?

«Sì, e If e l’Apt sono soggetti che hanno bisogno di lavori di manutenzione affinché quando il mondo si “riaprirà” si possa avere quel protagonismo di cui c’è bisogno. Faenza ha una dimensione turistica internazionale molto forte, al ConAmi e al Comune di Imola chiediamo di fare un patto serio per considerare il turismo uno dei vettori sul quale costruire. Siamo due realtà complementari, Faenza ha cultura e ceramica, Imola lo sport, i motori, l’autodromo. Sulla bici abbiamo costruito un bel progetto con If e Davide Cassani, che ha rinnovato il suo impegno, dobbiamo fare un percorso ugualmente forte sul trekking, l’Appennino e i Borghi, cultura, paesaggio e agroalimentare. Poi ci sono i grandi eventi sportivi».

Parliamo di autodromo e dell’idea di Motor Valley? Ci sono anche le nomine in scadenza del Cda di Formula Imola…

«Dobbiamo lavorare con ConAmi, autodromo e Formula Imola, su una dimensione di Motor Valley anche per Faenza, siamo la terra di Alpha Tauri e Gresini. Possiamo e dobbiamo fare passi avanti significativi. Quanto alle nomine, per ora siamo sistemati, mi pare». (l.a.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 19 novembre. 

Nella foto: il sindaco di Faenza Massimo Isola

Intervista al sindaco di Faenza Massimo Isola: «Turismo e Motor Valley, un patto con Imola e ConAmi»
Sabato Sera TV 25 Novembre 2020

#Imola, le interviste di Sabato Sera – Il consigliere delegato alle Frazioni Alan Manara

Oltre agli assessori, il sindaco di Imola, Marco Panieri, ha affidato alcune materie ai consiglieri delegati. Tra questi c’è Alan Manara, 43 anni, eletto tra le fila della lista civica Imola Corre. Sposato con Daniela, vive a Zello, ha due figlie, Sofia (9 anni) e Zoe (3) più un maschio, Mattia, in arrivo. Dal 2000 è stato assunto nella Cooperativa Aurora Seconda e dal 2013 è diventato presidente del Centro Abita, società controllata dalla Coop. Aurora che si occupa di amministrazione di condomini. Ora il sindaco Panieri gli ha affidato la delega alle Frazioni, un enorme «condominio» di circa 14 mila abitanti, un quinto della popolazione di Imola. (gi.gi.)

Ulteriori approfondimenti e l’intervista al consigliere delegato Alan Manara su «sabato sera» del 26 novembre. Su www.sabatosera.it il video con un estratto dell’intervista.

Nella foto:il consigliere delegato Alan Manara durante l’intervista nella redazione di «sabato sera»

#Imola, le interviste di Sabato Sera – Il consigliere delegato alle Frazioni Alan Manara
Cronaca 19 Novembre 2020

La diretta streaming non funziona, il presidente Visani costretto a sospendere e rinviare il Consiglio comunale

Un inconveniente tecnico ha costretto oggi pomeriggio a sospendere e rinviare la seduta del Consiglio comunale iniziata in streaming alle ore 16 e programmata per proseguire fino alle 21. L”interruzione è arrivata alle 17.45.

“Visto che l’art. 52 del regolamento del Consiglio comunale stabilisce che le adunanze sono pubbliche, non potendo più garantire le condizioni di pubblicità della seduta, ho ritenuto necessario sospenderla e rinviarla” spiega Roberto Visani, presidente del Consiglio comunale, con una nota.

“In precedenza abbiamo effettuato e trasmesso quattro sedute di Consiglio comunale e una decina di commissioni consiliari senza particolari problemi. Oggi, purtroppo, si è verificato questo inconveniente tecnico che ci ha impedito di proseguire” aggiunge Visani chiedendo scusa, a nome del Comune, ai consiglieri comunali e ai cittadini che hanno il diritto di seguire attraverso il web i lavori dell’aula.

“L’emergenza sanitaria ci costringe a svolgere le sedute del Consiglio e delle Commissioni in modalità videoconferenza e i tecnici del Comune devono metterci nelle condizioni di poter svolgere nel migliore dei modi il nostro servizio alla città” ha aggiunto tirando le orecchie ai tecnici. 

Subito dopo l”interruzione Visani ha convocato la conferenza dei capigruppo per concordare la nuova data del consiglio comunale, che è stata fissata per lunedì 23 novembre alle ore 16.30. Streaming permettendo. (r.cr.)

Nella foto seduta del Consiglio comunale in ottobre (Isolapress)

La diretta streaming non funziona, il presidente Visani costretto a sospendere e rinviare il Consiglio comunale
Sabato Sera TV 18 Novembre 2020

#Giunta2025, le interviste di Sabato Sera – L’assessore all’Urbanistica Michele Zanelli

È l’assessore più anziano della Giunta imolese guidata da Marco Panieri, che a Michele Zanelli ha assegnato deleghe corpose: Urbanistica ed Edilizia pubblica-privata, Viabilità e Trasporti, Demanio e Patrimonio. Sposato con Giovanna, un figlio di 33 anni, Alberto, architetto a Londra, Zanelli ha 69 anni, è laureato in architettura e ha un’esperienza professionale variegata.

Dopo gli esordi nello studio dello zio, l’architetto Francesco Santini, per 12 anni è stato dirigente alla Castelli di Ozzano. Dopo un altro periodo da libero professionista, è diventato dirigente del servizio Qualità urbana e Politiche abitative della Regione, dove è rimasto per vent’anni. Parallelamente, ha insegnato al dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara. Infine, dal 2016 al 2018, l’esperienza da dirigente dell’ufficio tecnico di via Cogne, al quale oggi è tornato, da pensionato, come assessore. (gi.gi. mi.ta.)

Ulteriori approfondimenti e l’intervista all’assessore Michele Zanelli su «sabato sera» del 19 novembre. Su www.sabatosera.it il video con un estratto dell’intervista.

Nella foto: l’assessore Zanelli durante l’intervista realizzata online

#Giunta2025, le interviste di Sabato Sera – L’assessore all’Urbanistica Michele Zanelli
Cronaca 17 Novembre 2020

Un bando estivo per animare il parco dell’Osservanza

Tra le deleghe che il sindaco Marco Panieri ha attribuito all’assessora Elisa Spada c’è la Cura dei parchi cittadini e degli spazi verdi dell’Osservanza. Una tematica strettamente connessa alla delega all’Ambiente, anch’essa affidata all’esponente di Imola Coraggiosa.

Il primo progetto cui Spada accenna tuttavia, in relazione all’utilizzo e alla valorizzazione del parco dell’Osservanza (inaugurato nel 2016), la vede lavorare in sinergia con l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi. «La nostra intenzione – annuncia – è pubblicare un bando per la programmazione estiva, da giugno a settembre, al fine di animare il parco con un’offerta culturale, realizzata insieme a realtà artistiche e culturali del territorio, che si rivolga a tutti, dal bambino all’anziano. È importante riuscire a portare il bello in quel luogo e il fatto che lo spazio sia vissuto va di pari passo con la sicurezza: più un luogo è vissuto e presidiato, più diminuiscono certi episodi (l’accenno è agli atti di vandalismo che si sono verificati nei giorni scorsi, ndr). Al contrario, certe situazioni si verificano se un luogo appare come terra di nessuno. L’Osservanza, invece, è di tutti».

La programmazione dà inoltre la possibilità di coinvolgere realtà culturali e associazioni ora piuttosto in difficoltà a causa del Covid, che ha fermato corsi e spettacoli. In attesa dell’estate, comunque, Elisa Spada non esclude la possibilità di attivare iniziative già nel corso dei mesi invernali. (mi.ta.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 12 novembre.

Nella foto (Isolapress): l’assessora Spada in bici all’Osservanza

Un bando estivo per animare il parco dell’Osservanza

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA