Posts by tag: regione

Cronaca 16 Giugno 2021

Auto ibride, la Regione stanzia altri 450 mila euro per il bonus

A seguito di quasi 2.500 richieste di immatricolazione arrivate tra novembre e dicembre 2020, aumentano i contributi regionali per autoveicoli ecologici di categoria M1 (quelli con alimentazione ibrida benzina/elettrico, gasolio/elettrico, benzina/idrogeno). Si tratta del bonus regionale che rimborsa chi acquista un veicolo a basso impatto ambientale con una cifra paragonabile al costo del bollo per tre anni, che la Regione ha deciso di finanziare per il prossimo triennio 2021-2023.

In aggiunta al milione di euro precedentemente erogato, la Regione ha approvato un ulteriore stanziamento di 450 mila euro, per venire incontro alle richieste escluse dalla copertura economica inizialmente prevista. Il contributo sarà riconosciuto dal 2021 al 2023, senza la necessità di presentare un”ulteriore richiesta. L”acconto verrà versato direttamente sul conto corrente dei beneficiari.

È necessario segnalare eventuali modifiche del proprio codice Iban collegandosi al link della Regione

COME OTTENERE IL CONTRIBUTO

Auto ibride, la Regione stanzia altri 450 mila euro per il bonus
Cronaca 9 Giugno 2021

Addio a Cristina Carpeggiani, il dolore della consigliera regionale Francesca Marchetti

Sulla scomparsa dell’ex sindaca di Castel Guelfo Cristina Carpeggiani è intervenuta anche la consigliera regionale Francesca Marchetti. «La notizia della prematura scomparsa di Cristina Carpeggiani mi addolora moltissimo. Cristina amava il suo territorio e la sua comunità politica lo sapeva bene. Tutti noi lo sapevamo e nella squadra del Partito Democratico abbiamo sempre apprezzato il suo valore umano e la sua passione politica oltre alla sua capacità di unire il centrosinistra e vincere sfide importanti per il territorio. Prima di rivestire l’incarico di sindaca è stata assessore con deleghe al turismo, cultura, pari opportunità e partecipazione dei cittadini e delle comunità. Era stata la prima donna a rivestire la carica di prima cittadina del comune di Castel Guelfo. Ha partecipato attivamente alle attività della sua amata Castel Guelfo con lo sguardo rivolto allo sviluppo del suo territorio. Che aveva contribuito a far crescere con determinazione e tenacia, sviluppando un tessuto cittadino insieme ai suoi abitanti sia dal punto di vista economico, sociale e culturale. Ieri purtroppo ci ha lasciati, a soli a 56 anni, e fa male perché non ci sono parole per esprimere il dolore della perdita di un’amica oltre che di una donna impegnata per la propria terra. Cristina ci ha insegnato la forza e il coraggio delle donne oltre che delle amministratrici. Ciao Cristina, la tua comunità politica oggi partecipa al dolore di Castel Guelfo e della tua famiglia». (r.cr.)

Nella foto: la consigliera regionale, Francesca Marchetti

Addio a Cristina Carpeggiani, il dolore della consigliera regionale Francesca Marchetti
Cronaca 7 Giugno 2021

La Regione finanzia le produzioni audiovisive: contributo anche a «L’architettura sognate» dell’imolese Sonne Film

C’è anche l’imolese Sonne Film di Giangiacomo De Stefano con il documentario «L’architettura sognante» tra i vincitori del finanziamento regionale al cinema. Cinque opere cinematografiche, cinque televisive, un cortometraggio di animazione ed un documentario sono stati selezionati tra 57 progetti di imprese audiovisive con sede in Emilia Romagna e riceveranno un sostegno di 120 mila euro (massimo 15 mila euro a progetto).

Sonne Film è una casa di produzione indipendente fondata nel 2010 che realizza documentari di creazione e format televisivi, spesso l’attenzione al tema musicale diviene strumento di lettura di un’epoca o uno spazio. «L’architettura sognante» è un viaggio tra le meravigliose architetture costruite e pensate per il benessere dell’uomo, realizzate in Italia nello scorso secolo. (c.gam.)

Nella foto: Giangiacomo De Stefano di Sonne Film

La Regione finanzia le produzioni audiovisive: contributo anche a «L’architettura sognate» dell’imolese Sonne Film
Cronaca 30 Maggio 2021

Giornata nazionale del sollievo, l'impegno della Regione tra terapia del dolore, cure palliative, formazione e informazione

Oggi, domenica 30 maggio, si celebra la Giornata nazionale del sollievo. Un evento di fondamentale importanza, perché a oltre dieci anni dall’approvazione della legge nazionale in materia la maggior parte dei cittadini ignora ancora questa possibilità: secondo gli ultimi dati disponibili dell’Osservatorio per il monitoraggio della terapia del dolore e delle cure palliative, in Italia solo il 45% delle persone conosce la normativa, oltre il 65% non è consapevole che le strutture sanitarie sono obbligate a misurare e riportare il dolore e il 40% non è a conoscenza delle cure attuabili, anche se la quasi totalità delle sindromi dolorose sono trattabili.

Non soltanto un dovere etico, ma l”esempio di una buona pratica clinica, perché oggi è noto che il dolore severo costituisce una vera e propria malattia nella malattia che influisce pesantemente sulla vita delle persone con effetti negativi sulla sfera psicologica ed emotiva, tanto quella del paziente quanto quella di chi gli è caro. Da più di 25 anni fa, quando fu precorritrice a livello normativo con la legge regionale sull’assistenza a domicilio dei malati terminali, fino a oggi, con una offerta residenziale per le cure palliative tra le prime tre in Italia con oltre 300 posti letto in 23 differenti strutture, la Regione Emilia-Romagna ha sempre riconosciuto un ruolo centrale all’interno del proprio sistema di cura alla terapia del dolore. (r.cr.)

INFORMAZIONE, FORMAZIONE E NUMERI IN REGIONE

Giornata nazionale del sollievo, l'impegno della Regione tra terapia del dolore, cure palliative, formazione e informazione
Cronaca 27 Maggio 2021

«Mettiamo radici per il futuro», tra circondario imolese e Ozzano già distribuite 27.900 piante

Prosegue con successo la campagna «Mettiamo radici per il futuro» che ha l”obiettivo di mettere a dimora 4 milioni e mezzo di nuove piante, una per ciascun abitante della regione, nei prossimi cinque anni, per diffondere il verde, realizzare imboschimenti, ripristinare ambienti naturali e svolgere attività didattiche e divulgative.

In poco più di sei mesi il progetto ha portato alla piantumazione di 587 mila nuovi alberi e arbusti distribuiti gratuitamente dalla Regione a scuole, enti pubblici, aziende private e singoli cittadini attraverso una rete di 18 vivai accreditati (dati aggiornati al 15 aprile 2021).

In provincia di Bologna sono stati distribuiti in tutto 93.047 alberi e arbusti. Grande successo per le piante di alloro (16.942 esemplari consegnati), seguite da ligustro selvatico (4.969), nocciolo (4.821) e leccio (3.774).

Per quanto riguarda il nostro territorio, ne sono stati consegnati 27.900: a Borgo Tossignano 343, a Casalfiumanese 1.924, a Castel del Rio 157, a Castel Guelfo 1.485, a Castel San Pietro 9.376, a Dozza 2.226, a Fontanelice 479, a Imola 5.104, a Medicina 2.381, a Mordano 85 e, infine, a Ozzano Emilia 4.340.

Chi è curioso di sapere dove sono stati distribuiti i nuovi alberi del progetto «Mettiamo radici per il futuro» può consultare la mappa on line sul sito della Regione Emilia Romagna.

«È un tema che è di straordinaria attualità – commenta l”assessora regionale alla montagna, parchi, forestazione e programmazione territoriale Barbara Lori -: gli alberi, la forestazione, sono e devono essere sempre più un elemento centrale rispetto a come immaginiamo le nostre città. Non sono elementi di decoro, devono essere parte viva di una dimensione nuova del vivere e dell’abitare. E su questo il mio impegno è totale».

Nella foto: il primo albero della campagna regionale, un carpino, piantato a fine settembre a Bobbio, nell’Appennino piacentino, dal presidente Stefano Bonaccini

«Mettiamo radici per il futuro», tra circondario imolese e Ozzano già distribuite 27.900 piante
Economia 10 Maggio 2021

Ristori, nuovo bando regionale da 13 milioni per ambulanti, discoteche, palestre, cinema e imprese culturali

In arrivo ulteriori ristori regionali per aziende e attività costrette a fermarsi o rallentare a causa delle misure anti-Covid. Le risorse messe a disposizione questa volta superano i 13 milioni di euro, di cui 9 milioni e 350 mila dal decreto Sostegni e 4 milioni dalla Regione. Dal 12 maggio fino al 4 giugno potranno presentare richiesta di contributo le seguenti categorie: discoteche e sale da ballo (3 milioni), ristorazione senza somministrazione, gelaterie e pasticcerie (4 milioni), palestre (2 milioni), cinema (1 milione), imprese culturali (1 milione e 350 mila), spettacolo viaggiante (1 milione), ristorazione e commercio ambulante (1 milione).

Le domande di contributo dovranno essere inoltrate sulla piattaforma https://restart.infocamere.it, in virtù di un accordo tra Regione e Unione regionale delle Camere di commercio, a cui è stata affidata la gestione dei ristori. Non si tratta di un clic day e la piattaforma non rileva l’ordine cronologico di presentazione della domanda ai fini della concessione del contributo. È ammessa una sola domanda per impresa. (lo.mi.)

Ristori, nuovo bando regionale da 13 milioni per ambulanti, discoteche, palestre, cinema e imprese culturali
Cronaca 24 Aprile 2021

Centri estivi, la Regione conferma i bonus per alleggerire le rette alle famiglie

Stanno per ripartire i centri estivi e la Regione Emilia Romagna conferma i «bonus rette» alle famiglie, aumentando anche la platea dei beneficiari.

I 6 milioni di euro complessivi (dei quali 1.322.893 euro destinati alla Città metropolitana di Bologna) sono destinati a finanziare i bonus per le famiglie con figli dai 3 ai 13 anni (quindi nati dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2018), che potranno contare su un contributo massimo di 336 euro a figlio (nel limite di 112 euro a settimana per tre settimane).

Il contributo sarà riconosciuto alle famiglie residenti in Emilia Romagna e composte da entrambi i genitori, o da uno solo se monogenitoriali, occupati (o con un solo genitori in cassa integrazione, mobilità o disoccupato) e con un reddito Isee annuo entro i 35 mila euro, più alto rispetto ai 28 mila dello scorso anno. Per fare richiesta è necessario presentare l’Isee 2021 o, in alternativa per chi non ne fosse in possesso, quello 2020.

Dopo la chiusura dei bandi comunali, saranno gli stessi Comuni a stilare l’elenco dei centri estivi (pubblici, gestiti cioè direttamente dal Comune, e privati accreditati) aderenti al progetto. Successivamente, i Comuni potranno ricevere le richieste di contributo: i genitori dovranno scegliere uno dei centri inseriti nell’elenco comunale. (r.cr.)

Foto d”archivio

Centri estivi, la Regione conferma i bonus per alleggerire le rette alle famiglie
Cronaca 21 Aprile 2021

Ristori piscine comunali, dalla Regione 70 mila euro per Imola, Fontanelice, Castel San Pietro, Medicina e Ozzano

La Giunta regionale ha approvato la graduatoria del bando per il trasferimento dei fondi relativi a 147 piscine comunali dell’Emilia Romagna, inattive o soggette a restrizioni a causa delle misure sanitarie legate al Covid-19. Si tratta di ristori per complessivi 1,5 milioni di euro che vengono destinati a 117 Comuni i quali, a loro volta, li assegnano ai gestori degli impianti.

Per quanto ci riguarda da vicino, agli impianti natatori del nostro territorio sono stati destinati 70.077 euro così ripartiti: a Imola 26.696 euro, a Fontanelice 6.674 euro, a Castel San Pietro 13.348 euro, a Medicina 10.011 euro e a Ozzano Emilia 13.348 euro.

La suddivisione delle risorse ai singoli Comuni varia a seconda della tipologia dell’impianto, ovvero se presenti una o più vasche allo scoperto e/o anche al coperto, e se queste siano olimpioniche.

«In attesa delle prossime riaperture – afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini – abbiamo voluto sostenere i gestori delle piscine, in difficoltà per lo stato di emergenza. Queste chiusure hanno creato una situazione critica non solo per il blocco dei servizi a migliaia di utenti, ma anche per le esposizioni finanziarie che i gestori stessi hanno dovuto sopportare a fronte di spese necessarie per garantire comunque il buon funzionamento degli impianti».

L’impegno della Regione per lo sport non si ferma – aggiunge Francesca Marchetti, consigliera regionale e presidente della commissione Sport – ed è in linea con il Piano regionale dello Sport, del quale non vogliamo vanificare gli obiettivi, ovvero l’incremento della pratica motoria e sportiva e la lotta contro la sedentarietà, in particolare per le fasce d’età più giovani. Anche per questo nei mesi scorsi avevamo stanziato 3 milioni di euro, a supporto delle spese di iscrizione dei giovani a corsi, attività e campionati organizzati da associazioni e società sportive dilettantistiche, attraverso l’erogazione di oltre 22 mila voucher sport alle famiglie». (gi.gi.)

Nella foto: la piscina comunale Ruggi di Imola

Ristori piscine comunali, dalla Regione 70 mila euro per Imola, Fontanelice, Castel San Pietro, Medicina e Ozzano
Cronaca 15 Aprile 2021

Coronavirus, morti una 51enne a Imola e un 87enne a Castel Guelfo. Vaccini: intervista all’assessore regionale Donini – VIDEO

Stamane si sono aperte le vaccinazioni presso il nuovo hub vaccinale nella tensostruttura del centro sociale La Tozzona a Imola, visitato in tarda mattinata da Raffaele Donini, assessore regionale alla Sanità.

Donini ha espresso apprezzamento per l’organizzazione e ha fatto il punto sulle vaccinazioni, ribadendo che si attendono le dosi di vaccino per poter arrivare rapidamente, da fine mese, alle 40mila vaccinazioni al giorno. Nell’intervista che segue anche il dettaglio delle prossime aperture dei target per età e i timori sulle forniture dei vaccini. Inoltre Donini ha risposto alle tante domande dei famigliari e caregiver dei disabili che chiedono di essere vaccinati prima possibile. E a chi nutre dubbi sulla vaccinazione dice “Io mi vaccinerò quando sarà il mio turno con qualunque vaccino mi assegneranno”. 

Sono già 21.532 prime dosi di vaccino somministrate dall’Ausl di Imola e 9552 le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose completando la vaccinazione nel circondario.

Confortano i numeri dei contagi e dei ricoveri nel bollettino epidemiologico odierno anche se purtroppo si registrano altri due decessi: una donna di Imola di 51 anni, con patologie croniche,  e un uomo di Castel Guelfo di 87 anni. I nuovi positivi registrati oggi dall’Ausl di Imola sono appena 16 su oltre 800 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi refertati. I guariti sono 39, i casi attivi scendono a 604. Oggi sono 34 i ricoveri Covid nei reparti internistici, rimangono 14 in terapia intensiva di cui 5 (+1) ad Imola, scendono a 17 (-4) i post acuti all”OsCo di Castel San Pietro e ancora 4 le persone in Covid Hotel.Dei nuovi casi positivi odierni, 10 sono asintomatici, 11 emersi tramite tracciamento, 1 è riferibile a focolaio già noto; per quanto riguarda le fasce di età 2 ha meno di 14 anni, 1 tra i 15 ed i 24 anni, 5 nella fascia da 25 a 44 anni, 5 da 45 a 64 anni, e 3 ha più di 65 anni.   Anche nel resto dell’Emilia Romagna calano i ricoveri anche se ci sono altri 1.150 positivi su 25.696 tamponi. L”età media dei contagiati è di 40,5 anni. Le vittime in regione sono 33, fra loro anche un giovane di 25 anni a Forlì, affetto da precedenti patologie. I ricoveri in terapia intensiva sono 312 (-5) e 2.464 (-126) nei reparti Covid. (l.a.)

Nella foto Raffaele Donini, il sindaco di Imola Marco Panieri e il direttore generale dell”Ausl di Imola Andrea Rossi

Coronavirus, morti una 51enne a Imola e un 87enne a Castel Guelfo. Vaccini: intervista all’assessore regionale Donini – VIDEO
Economia 8 Aprile 2021

Maltempo e gelate di aprile, già attiva la piattaforma online della Regione per la ricognizione dei danni delle imprese agricole

Le gelate di questi giorni hanno colpito in maniera pesante frutteti e coltivazioni, rischiando di compromettere le raccolte estive. E proprio per sostenere le imprese che si trovano, per il terzo anno consecutivo, alle prese con una situazione estremamente difficile che si somma alle difficoltà legate all”emergenza pandemica, la Regione si è attivata subito mettendo in campo diversi strumenti. 

È già attiva, infatti, la piattaforma online per raccogliere tutte le segnalazioni dei potenziali danni alle imprese agricole e permettere così una precisa ricognizione sul territorio. «Siamo molto preoccupati per i danni delle gelate dovute al cambiamento climatico, che genera fenomeni meteo devastanti sempre più frequenti – afferma l’assessore regionale all”Agricoltura, Alessio Mammi-. Tre anni consecutivi di gelate colpiscono duramente la frutticoltura, in difficoltà già da tempo. Dobbiamo aiutare il sistema ortofrutticolo a resistere attraverso investimenti, ricerca e sostegno promozionale. Chiederemo ancora al Governo la deroga al decreto legislativo 102 e ci stiamo confrontando sulla proposta di riparto fatta dal ministero Politiche agricole per rendere subito disponibili i 20 milioni di euro ottenuti nel corso del 2020 sempre sul decreto 102 (sostegni alle imprese nelle emergenze e nei rischi) e metterli a disposizione delle imprese agricole, tenendo conto di chi ha avuto effettivamente i danni, con la stessa procedura che è stata applicata per i danni da cimice asiatica. E sempre nell”ambito delle risorse chiediamo al Governo la disponibilità dei 70 milioni di euro che erano stati stanziati per calamità del 2019 e 2020 grazie alla legge di stabilità».

E poi le risorse finanziarie per agire d”anticipo e sostenere il comparto. Si è appena concluso infatti il bando regionale che ha messo a disposizione 4,2 milioni di euro di contributi alle imprese fino a un massimo di copertura dei costi del 70% per l”acquisto di materiali dedicati alla prevenzione dei danni causati dalle gelate primaverili. Le domande sono state 62, suddivise in tutto il territorio regionale,
con una prevalenza di imprese colpite nella provincia di Ravenna. I fondi residui saranno destinati ad altri interventi per la prevenzione dei danni da brina: verranno anche garantiti dalla Regione altri 4 milioni di euro di risorse per i sistemi antibrina col Programma di sviluppo rurale 2021-2022, per nuovi bandi. (r.e.)

Maltempo e gelate di aprile, già attiva la piattaforma online della Regione per la ricognizione dei danni delle imprese agricole

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA