Posts by tag: scuole

Cronaca 31 Luglio 2022

Tinteggiatura anti-Covid in scuole, palestre e edifici pubblici, il Comune di Imola investe 1,2 milioni di euro

Come deciso dalla Giunta Panieri a novembre, sono in corso in questi giorni i lavori di tinteggiatura anti-Covid negli ambienti interni di edifici pubblici, quali scuole, palestre e altri edifici pubblici di proprietà comunale. Complessivamente, questo piano di manutenzione straordinaria interessa 22 plessi scolastici fra nidi, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, 17 palestre e altri 8 spazi di proprietà comunale, dalla ludoteca di Casa Piani alla sala lettura di Ponticelli, all’ambulatorio medico di Spazzate Sassatelli, per decine di migliaia di mq di superficie da imbiancare con una speciale vernice, per un costo totale di 1,2 milioni di euro.

«Abbiamo valutato la necessità, in considerazione della pandemia da Covid, di effettuare la sanificazione di alcuni edifici pubblici allo scopo di migliorare l’igienicità degli stessi, mediante la realizzazione di opere di pittura ed il risanamento delle superfici murarie interne attraverso l’utilizzo di vernici speciali, a base di ioni d’argento, che sono in grado di inibire la formazione di muffe e la proliferazione di virus e batteri, migliorando la qualità dell’aria negli ambienti interni» spiegano il sindaco Marco Panieri e l’assessore ai Lavori pubblici, Pierangelo Raffini.

Attualmente i lavori di tinteggiatura e risanamento delle superfici murarie sono stati conclusi nella primaria Pelloni Tabanelli, plesso Sesto Imolese (compresa la palestra), primaria Rubri, primaria Cappuccini, primaria Carducci, secondaria Innocenzo, primaria Bizzi, secondaria Orsini, palestra Testa di Sesto Imolese. In corso invece nella palestra Penazzi (al servizio delle scuole prima Bizzi e scuola media Orsini, in Pedagna), primaria Quinto Casadio, infanzia Carducci, primaria Campanella, secondaria Andrea Costa, primaria Marconi. Partiranno in agosto invece nel nido Piazza Romagna, secondaria di primo grado Valsalva, infanzia/nido Sesto Imolese, infanzia/primaria Sasso Morelli e pimaria Ponticelli. Successivamente poi toccherà ai plessi dell’infanzia Fontanelle, Campanella e Gasparetto, in modo che alla ripresa dell’attività educativa e scolastica gli interventi nelle scuole e nei nidi siano completati. Una volta conclusi gli interventi nelle scuole, nei prossimi mesi prenderanno il via quelli relativi alle palestre e agli altri spazi comunali individuati, in modo da completare il quadro dei lavori programmati. (r.cr.)

Nella foto: i lavori alla primaria Marconi

Tinteggiatura anti-Covid in scuole, palestre e edifici pubblici, il Comune di Imola investe 1,2 milioni di euro
Cronaca 1 Giugno 2022

Vitamina C, dalle premiazioni una «mano di vernice» sull’ambiente

Questa mattina si sono svolte a Imola, nell’Auditorium della Cefla, le premiazioni di Vitamica C, il concorso di Alleanza delle Cooperative riservato agli studenti delle superiori imolesi.

A vincere il primo premio il progetto «Vernice.. E Net Zero» della classe 3FSU del liceo «Alessandro da Imola» a riconoscimento dell’intuizione geniale che permette di assorbire l’anidride carbonica per trasformarla in ossigeno. Al secondo posto il gruppo «Trucchi refilled» della classe 3D del liceo linguistico (Andrea Righini, Diego Rubino, Alexia Man, Ariel Mason e Anadai Mason), mentre ha chiuso il podio la classe 4B del liceo scientifico «Valeriani» con il progetto Safety-Band (Marianna Maurizi, Veronica Bacchilega, Giacomo Andria, Anna Trombettini e Pietro Cricca)

Ecco il video con l’intervista ai componenti della classe vincitrice (Federico Spagnoli, Mia Venturelli, Anita Tagliaferri, Laura Suzzi e Claudia Midolo) e alla referente del progetto Rita Linzarini (Legacoop Imola). (r.cr.)

Vitamina C, dalle premiazioni una «mano di vernice» sull’ambiente
Cronaca 28 Marzo 2022

A Medicina gli studenti delle scuole Simoni diventano «custodi» del sentiero Mediverde

I ragazzi delle scuole Simoni di Medicina saranno i «custodi» del sentiero Mediverde, il percorso didattico-educativo e salutistico-sensoriali che si potrà percorrere nell’area verde di via San Paolo inaugurato nei giorni scorsi nell’ambito del programma Filo diretto col Comune.

«Siamo molto grati all’Amministrazione per la grande disponibilità, per tutto il tempo e lavoro dedicato e auspichiamo di poter continuare questo prezioso collegamento fra scuola e Comune», commenta la professoressa Carla Lenzi. «Voglio ringraziare tutti, in particolar modo alla professoressa Carla Lenzi, per la collaborazione virtuosa che si è creata tra l”Istituto comprensivo e l’Amministrazione attraverso il programma Filo diretto col Comune – aggiunge Dilva Fava, assessore all’Istruzione – Un ringraziamento speciale va anche a Cinzia Bellettini che ha contribuito alla realizzazione del progetto». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune di Medicina, l’inaugurazione del sentiero Mediverde

A Medicina gli studenti delle scuole Simoni diventano «custodi» del sentiero Mediverde
Ciucci (ri)belli 7 Marzo 2022

Con Digi e Lode Hera premia due scuole del circondario imolese

Digi e Lode è il progetto di Hera che sostiene le iniziative di digitalizzazione negli istituti scolastici del territorio. Le somme messe in palio dalla multiutility vengono assegnate in base ad apposite classifiche stilate alla fine di ciascun quadrimestre e sono destinate a finanziare progetti di digitalizzazione scolastica, che possono essere scelti in autonomia dagli istituti a seconda delle esigenze specifiche.

Tra le 5 scuole premiate in Emilia Romagna al termine del primo quadrimestre, ben 2 sono del circondario imolese: si tratta della scuola primaria Marconi di Imola e della scuola media Papa Giovanni Paolo II di Castel Guelfo, a cui vanno 2.500 euro ciascuna. Dalla prima edizione dell’iniziativa a oggi, alle scuole del circondario imolese sono già stati assegnati 55 mila euro, a sostegno di 22 progetti di digitalizzazione. (lo.mi.)

Nella foto: una precedente premiazione all’Ic2 di Imola

Con Digi e Lode Hera premia due scuole del circondario imolese
Cronaca 28 Febbraio 2022

Lotta alla plastica, il Comune di Imola distribuisce 2.300 borracce in alluminio nelle scuole

E’ cominciata sabato scorso, nella scuola secondaria di primo grado Valsalva, la consegna delle 2.300 Borracce in alluminio certificato agli alunni e al personale delle scuole secondarie di primo grado pubbliche di Imola, nell’ambito del progetto «RiusiAmo-Io faccio la differenza» per promuovere la cultura del riuso e del contrasto all’utilizzo delle plastiche monouso nelle scuole. Il risparmio di rifiuti (imballaggi) previsto è di di 9.200 chilogrammi.

«I ragazzi sono molto attenti e sensibili ai temi ambientali – osserva Fabrizio Castellari, vicesindaco e assessore alla Scuola –. Sono informati e aggiornati e preparati, perfettamente consapevoli della responsabilità di valorizzare e difendere le risorse del pianeta. Richiamano tutti noi, tutta la società, a questa enorme responsabilità non rinviabile. Perciò è giusto e doveroso che la scuola sia il primo presidio di una sfida che è culturale prima ancora che ambientale e che ha tra i suoi ingredienti il contrasto agli sprechi, il consumo consapevole, la sostenibilità, il riuso e la valorizzazione delle risorse naturali». «Il progetto tiene insieme due obiettivi fondamentali dell’Agenda 2030, l’obiettivo 4 “Istruzione di qualità” e l’obiettivo 12 “Consumo e produzione responsabili”, e mira a promuovere un’azione fondamentale che è quella della riduzione dei rifiuti – aggiunge Elisa Spada, assessore all’Ambiente –. Abbiamo scelto di rendere la borraccia il veicolo di questi valori, così da amplificarne gli effetti. Sempre in quest’ottica, abbiamo previsto il premio per la scuola che produrrà il miglior video spot sul tema della riduzione della plastica monouso incentivando l’utilizzo dell’acqua dell’acquedotto». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune di Imola, la consegna delle borracce alla scuola Valsalva

Lotta alla plastica, il Comune di Imola distribuisce 2.300 borracce in alluminio nelle scuole
Cronaca 25 Maggio 2021

A Castel San Pietro il centro giovanile apre nelle ex scuole di via Tosi

L’importanza per gli adolescenti di potersi frequentare. Un passatempo che anche con la pandemia ha sempre trovato un modo, anche on line, per riunire i ragazzi. Ora, però, a Castel San Pietro il centro giovanile del capoluogo ha trovato finalmente la sua collocazione nelle ex scuole Alberghetti (da ultimo utilizzate dall’alberghiero Scappi) di via Remo Tosi e le prime attività sono in programma già dall’estate.

Finora, infatti, se nella frazione di Osteria Grande è attivo il centro giovanile Pegaso, per il capoluogo l’Amministrazione comunale era in cerca di uno spazio idoneo tenuto conto delle prescrizioni imposte dall’emergenza. Adesso le attività per i giovani troveranno sede nei vecchi laboratori di informatica in via Tosi, vuoti come l’intero complesso scolastico dal 2019 (solo la palestra è utilizzata), da quando il numero degli iscritti allo Scappi si è notevolmente ridotto. «L’emergenza Covid ha reso necessario individuare nuovi spazi da destinare ad attività di aggregazione giovanile, idonei a garantire il distanziamento e il rispetto delle normative di sicurezza per limitare la diffusione del contagio, sia per una programmazione di recupero delle iniziative sospese a causa dell’emergenza sanitaria sia per un utilizzo permanente quando questa fase sarà conclusa» dice Fabrizio Dondi, assessore per le Politiche giovanili di Castello. (r.f.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 20 maggio.

Nella foto: l’assessore Fabrizio Dondi

A Castel San Pietro il centro giovanile apre nelle ex scuole di via Tosi
Cronaca 22 Maggio 2021

«Concorso Ezio Pirazzini», all’autodromo la premiazione dell’ottava edizione. I nomi degli studenti vincitori

Si è svolta ieri, venerdì 21 maggio, nella sala stampa dell’Autodromo di Imola la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione del concorso «Ezio Pirazzini, protagonista di una passione», aperto a tutti gli studenti delle scuole superiori del circondario. Dedicato alla memoria del famoso giornalista sportivo imolese, l’edizione 2021 aveva come sottotitolo «Dal nostro inviato alle Olimpiadi: anche nell”era digitale lo sport come occasione di pace». Il concorso è stato come sempre organizzato dall’associazione nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia con Gianfranco Bernardi e il presidente della sezione di Imola, Moreno Grandi insieme alla figlia Gabriella Pirazzini e ad amici e colleghi del giornalista, ovvero Marco Isola e Vinicio Dall’Ara, e la giuria specializzata: giornalisti e colleghi più cari di «Pirezio» quali Pino Allievi, Raffaele Dalla Vite, Renato D’Ulisse e Beppe Tassi.

 Il concorso, diviso nelle due categorie «articolo» e «prodotto multimediale», prevedeva premi in denaro per gli studenti vincitori: al primo classificato 300 euro; 200 euro al secondo e 100 euro al terzo; inoltre, sono previsti premi speciali per i lavori menzionati mentre a tutte le scuole degli studenti partecipanti è andato un contributo di 200 euro. Gli elaborati, sia per la sezione «articolo» che per la sezione «multimedia» sono stati tantissimi, e tutti prodotti dai ragazzi e dalle ragazze in piena pandemia, quindi con tutte le difficoltà di realizzazione e confronto. E le centinaia di partecipazioni sono state non solo numerose ma di altissima qualità e originali. 

Ecco tutti i premiati:

Vincitori sezione «articolo»: 1° classificato Antonio Lefons (3a liceo scienze umane); 2° classificato Francesco Rossignuolo (1G linguistico); 3° Classificato pari merito Giorgia Salvatori (4G linguistico Alessandro da Imola), Chiara Linguerri e Sofia Zevola (2D Linguistico), Maria Morra (3a liceo scienze umane). Premio speciale del comitato a Francesco Asprella Libonati (1a liceo economico sociale). Menzioni a Simone Tosi (4G Paolini), Luca Raggi (1G linguistico) Rango Rossi Galeotti (1D linguistico) e Riccardo Dall’Osso (5a liceo scientifico).

Vincitori sezione «multimedia»: 1° classificato Irene Mascioli e Noemi Ameli (2C Istituto Alberghiero Bartolomeo Scappi di Castel San Pietro): 2° classificato Giulia Ropa (4G Paolini); 3° pari merito Irina Castano, Alessandro Bugamelli, Silvia Di Vita (4E liceo linguistico), Chiara Filippone e Assia Hamraoui (2BC Ghini). Menzioni a Marcello Filippone, Davide Palmisano, Davide Foschini, Luca Buscaroli, Gabriele Di Modica (2AC Istituto Ghini); Giacomo Vannini, Filippo Veroli, Alex Pirazzoli, Alessio Francia (2C Ghini); Aurora Blumetti e  Francesca Dosi (2D linguistico); Ambra Cani (5G  Paolini); Carolina Di Gennaro, Alexia Man, Letizia Serasini, Giorgia D’Angeli e Marta Pirazzini (1D Alessandro da Imola). (r.cr.)

Nella foto (Isolapress): la cerimonia di premiazione

«Concorso Ezio Pirazzini», all’autodromo la premiazione dell’ottava edizione. I nomi degli studenti vincitori
Cultura e Spettacoli 29 Aprile 2021

«Mente Locale Young», al via il concorso di produzione audiovisiva per le scuole. In gara anche il film del liceo Rambaldi Valeriani

Tutto pronto, dal 3 al 9 maggio, per la prima la prima edizione di «Mente Locale Young – Le scuole italiane raccontano il territorio», il concorso nazionale organizzato da Carta|Bianca Aps e finanziato da Mic e Miur che seleziona il meglio della produzione audiovisiva realizzata dalle scuole italiane in tema di racconto del territorio. L’evento sarà visibile in streaming gratuito sul sito di Docacasa. Tra i 14 film finalisti (sui 141 presentati) anche quello realizzato dal Liceo Rambaldi-Valeriani di Imola, dal titolo «In medio stat Imola». «Esiste davvero un confine tra Emilia e Romagna? Muovendo da una domanda che può apparire banale, il documentario esplora concetti più ampi, indagando l’origine dei confini, la loro labilità e la ricchezza culturale delle zone di frontiera e di passaggio» si legge nella presentazione del film.

Circa 700 studenti di istituti secondari di primo e secondo grado provenienti da tutta Italia, invece, comporranno la giuria «Young» che nei mesi di marzo e aprile hanno seguito il percorso didattico online, previsto dal festival, sul tema del linguaggio audiovisivo e della critica cinematografica e che assegneranno un premio di 500 euro al miglior film. Al loro fianco la giuria professionale «Senior» formata dal  critico cinematografico e professore universitario Roy Menarini, dalla regista, sceneggiatrice e produttrice Enza Negroni e dal filmaker, saggista e docente Riccardo Palladino. Questa giuria assegnerà tre premi, tutti e tre del valore di 500 euro: uno alla miglior opera in concorso, uno alla miglior recensione scritta dagli studenti delle medie ed uno alla miglior recensione scritta dagli studenti delle superiori.

Grazie alla collaborazione con Cefa Onlus ci sarà anche una terza giuria composta da giovani tunisini di età compresa tra gli undici e diciassette anni, coinvolti nei progetti di formazione cinematografica delle associazioni partner Cefa ArtRue e Sentiers-Massarib, che ha seguito lo stesso percorso didattico delle altre giurie «Young», in lingua francese. La valutazione delle opere da parte degli studenti tunisini si sommerà a quello delle giurie Young degli studenti italiani. Anche la giuria Cefa concorrerà al premio per la miglior recensione, insieme alle giurie formate dagli studenti delle scuole medie.

La premiazione si svolgerà sabato 8 maggio alle ore 11, sempre in streaming, su Docacasa.it nella sezione «eventi live» della piattaforma. (r.cr.)

Nella foto: studenti del liceo Rambaldi-Valeriani durante le riprese del film 

«Mente Locale Young», al via il concorso di produzione audiovisiva per le scuole. In gara anche il film del liceo Rambaldi Valeriani
Cronaca 15 Marzo 2021

Scuole di Sesto Imolese, mercoledì i lavori per migliorare la sicurezza dell’accesso

Saranno realizzati mercoledì 17 marzo i lavori per migliorare la sicurezza dell’accesso di studenti e famiglie alle scuole primaria e secondaria di primo grado di Sesto Imolese, a seguito di una richiesta del Comitato Genitori Scuole della frazione e della dirigente scolastica dell’IC1 Angela Rita Iovino, pervenuta al Comune di Imola a metà dicembre, che manifestava problemi di sicurezza all’ingresso e all’uscita degli studenti, causa il traffico veicolare e la sosta delle auto.

L’amministrazione comunale si è così attivata con Area Blu e polizia Locale al fine di individuare gli interventi utili a ridurre tale problematica e mettere  a punto la soluzione che sarà appunto realizzata a breve. In particolare, l’intervento prevede la riduzione a 30km/h del limite di velocità del tratto di via San Vitale in corrispondenza della scuola; la rimozione dei parcheggi ora previsti a lato del percorso pedonale che costeggia la stessa, che diventeranno un ampliamento dell’area pedonale utile a mantenere il distanziamento di studenti, studentesse e famiglie in ingresso e in uscita dalla scuola. A questo si aggiunge il ripristino della segnaletica a terra, utile a rimarcare le due corsie ciclabili esistenti ai due lati della carreggiata e l’attraversamento pedonale, così da garantire un percorso in sicurezza per chi arriva a scuola a piedi o in bicicletta. (da.be.)

Nella foto: la scuola di Sesto Imolese 

Scuole di Sesto Imolese, mercoledì i lavori per migliorare la sicurezza dell’accesso
Economia 10 Marzo 2021

Vitamina C, torna nelle scuole in versione digitale il progetto per giovani cooperatori

Prenderà il via domani, in versione on line, «Vitamina C – Cooperazione, condivisione e cultura di impresa», il concorso promosso da Alleanza delle cooperative italiane Imola per premiare progetti di autoimprenditorialità cooperativa sviluppati dagli studenti delle classi quarte degli istituti superiori imolesi. La nuova edizione coinvolgerà, in via eccezionale, anche le attuali classi quinte che avevano chiesto di partecipare nel corso dell’anno scolastico 2019/20 e che causa lockdown non hanno potuto completare il percorso. In totale le classi coinvolte saranno 32.

La versione digitale di Vitamina C prevede, a partire dall’11 marzo, nove incontri formativi fino a metà maggio. Seguirà la parte progettuale, che si svolgerà attraverso una piattaforma on line. «Il contributo degli studenti è fondamentale per cambiare la nostra società – spiegano  gli organizzatori -. È importante la loro visione del futuro ed è importante la loro capacità di individuare i nuovi bisogni della nostra società e di creare nuove possibilità di crescita e di sviluppo per il nostro territorio, che consentano anche di generare nuovi posti di lavoro. Per costruire una società più equa, più sostenibile dal punto di vista sia ambientale che sociale, e più responsabile». (lo.mi.) 

Approfondimenti su «sabato sera» dell’11 marzo 

Nella foto: i vincitori dell’edizione 2019 di Vitamina C

Vitamina C, torna nelle scuole in versione digitale il progetto per giovani cooperatori

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA