Posts by tag: smart working

Cronaca 1 Febbraio 2021

Innovazione, smart working e cyber security nell'intervento di Balducci (Cefla) all'Assemblea di Legacoop Emilia Romagna

Anche il presidente di Cefla Gianmaria Balducci è intervenuto venerdì scorso all’Assemblea dei delegati di Legacoop Emilia Romagna, nella veste in questo caso di presidente nazionale di Legacoop Produzione e Servizi. Nel suo contributo video, che aveva per titolo «Covid-19: così cambiano lavoro e mercati», ha toccato temi relativi a innovazione, smart working e cyber security.

«Abbiamo imparato a comunicare a distanza – ha affermato – e a sviluppare competenze e familiarità con una serie di strumenti che difficilmente avremmo usato in maniera così massiva e che condizioneranno il nostro modo di lavorare anche nel prossimo futuro. Si sta parlando molto di smart working, in ottica non solo di lavoro da remoto, ma anche di equilibrio tra lavoro in presenza e da casa, perché questa sarà la dinamica. Le società di analisi sono concordi nell’affermare che i voli aerei torneranno ai livelli del 2019 solo nel 2025, proprio per l’abitudine a comunicare a distanza, perché ci sarà una curva molto più lenta nella ripartenza dei viaggi business. Con pari attenzione dobbiamo valutare in che modo queste nuove abitudini impatteranno su tutte le aree di business che riguardano l’impresa che stiamo gestendo e i vari settori di attività. Il lavoro da remoto impatta anche sulla cyber security, un tema sempre più delicato e da gestire, non solo per gli strumenti informatici di protezione, ma come cultura aziendale, per cercare di evitare di essere esposti ad attacchi che vadano a minare le proprietà intellettuali dell’azienda in cui si lavora». (lo.mi.)

Innovazione, smart working e cyber security nell'intervento di Balducci (Cefla) all'Assemblea di Legacoop Emilia Romagna
Cronaca 11 Novembre 2020

Smart working, lo psicologo Fabio Cola e i rischi da stress: «Separare nettamente vita lavorativa e domestica»

Si fa presto a dire smart working. Prima della pandemia si chiamava telelavoro. Ma veniva associato, ingiustamente, alle vendite via telefono. Ora abbiamo imparato a conoscere un termine più glamour. Che però ha non poche conseguenze sul piano mentale e sull’equilibrio psicofisico del lavoratore. Niente di traumatico o paragonabile al lavoro in miniera, beninteso. Ma occorre affrontarlo con serietà. E professionalità. Solitudine, ansia, sensi di colpa, burn out, alternanza pausa/lavoro sballata, ma anche disturbi del sonno, poca cura di se stessi, perenne tentazione del frigorifero (eh già, anche quella è un’insidia nel lavoro da casa) sono solo alcuni degli effetti dello smart working, iniziato spesso e volentieri senza preavviso, come inaspettata è stata l’emergenza Covid tuttora in essere.

Ne abbiamo parlato con Fabio Cola, 58 anni, psicologo, consulente e formatore, si occupa d’interventi sul tema della relazione interpersonale all’interno di aziende, ospedali, scuole, associazioni. Per l’associazione imolese Tavolo 81, lo scorso giugno, ha tenuto un webinar (visibile sulla pagina Facebook «Tavolo81 Imola»), in cui ha proposto una riflessione su quanto accaduto durante la quarantena, dal punto di vista personale, emotivo, relazionale e simbolico.

Dottore, come se ne esce?

«Il mio consiglio è separare nettamente la vita lavorativa dalla vita domestica. Se possibile, ricavarsi una stanza solo ad uso ufficio, un’altra per le attività quotidiane. Porre chiari orari di lavoro, ad esempio dalle 9 alle 17. A quel punto staccare davvero. Purtroppo in famiglia le distrazioni sono tante, come le cose da fare, da aggiustare, la spazzatura da vuotare, e così via». (ti.fu.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 5 novembre.

Nella foto: a sinistra, lo psicologo Fabio Cola

Smart working, lo psicologo Fabio Cola e i rischi da stress: «Separare nettamente vita lavorativa e domestica»
Cronaca 10 Novembre 2020

Smart working, come allestire una corretta postazione di lavoro domestica

Smart working e benessere fisico? Evitare i rischi più comuni di affaticamento visivo, di disturbi muscolo-scheletrici e di stress lavoro correlato è possibile. Francesca Prantoni è consulente in materia di Salute e Sicurezza sul lavoro per la società ImTech, da anni associata al Tavolo 81 Imola, che promuove sul territorio la cultura della sicurezza sul lavoro. «Premesso che lo smart working è applicabile in prevalenza per le attività che comunemente sono svolte in ufficio (amministrative, commerciali, di progettazione, di consulenza ecc.), con l’ausilio di attrezzature munite di videoterminale – spiega – ne consegue che anche i rischi che ne derivano sono i medesimi. Per prevenirli, il lavoratore dovrà cercare di seguire, anche da casa, le indicazioni che gli sono state fornite in ambito di formazione per la salute e la sicurezza, ai sensi della legge 81 del 2008».

In particolare, ecco qui di seguito alcuni consigli riguardo alla disposizione della postazione di lavoro e all’uso delle attrezzature. Quattro le grandi aree: ambiente, postazione di lavoro, pc, sedia e pause. Riguardo all’ambiente, deve essere abitabile e salubre (no vani tecnici, locali interrati, umidi o senza finestre), con idonea illuminazione (naturale e artificiale) e buon ricambio d’aria; impianti a norma (soprattutto l’impianto elettrico). (lu.ba.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 5 novembre.

Smart working, come allestire una corretta postazione di lavoro domestica
Economia 5 Novembre 2020

«Storie di ordinario smart working», scriveteci e raccontateci la vostra esperienza

State lavorando da casa? Siete riusciti a organizzarvi senza perdere il vostro equilibrio mentale? Scriveteci all’indirizzo economia@sabatosera.it (specificando nome, cognome e recapito telefonico) e raccontateci le vostre «Storie di ordinario smart working», corredate da una foto della vostra postazione di lavoro. Le più originali saranno pubblicate sui nostri canali social e sul nostro giornale. (r.e.)

«Storie di ordinario smart working», scriveteci e raccontateci la vostra esperienza

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast