Posts by tag: teatro

Cultura e Spettacoli 8 Giugno 2021

#Danteperdieci, grandi interpreti porteranno il Sommo Poeta «Nella splendida cornice» del Circondario

Grandi voci per far risuonare la Divina Commedia in alcuni piccoli e grandi luoghi del nostro territorio. È questo il succo del programma della rassegna «Nella splendida cornice 2021», ciclo di incontri culturali dedicati a Dante Alighieri, in occasione dei settecento anni dalla sua morte, realizzato grazie alla sinergia dei comuni del Circondario ed il sostegno di Città metropolitana di Bologna e Banca di credito cooperativo ravennate, forlivese ed imolese. Il titolo #Danteperdieci richiama appunto i dieci comuni del Circondario imolese che ospitano gli eventi dal 15 giugno al 10 agosto e i dieci appuntamenti di lettura della Commedia.

Gli interpreti che parteciperanno alla rassegna sono di grande valore: Ivano Marescotti (presente a Castel San Pietro, Borgo Tossignano e Castel Guelfo), Enzo Vetrano e Stefano Randisi (Medicina, Casalfiumanese, Imola) e Alfonso Cuccurullo (Mordano, Dozza, Fontanelice, Castel Del Rio). Ogni serata è dedicata ad un canto tratto dall’opera, la cui lettura viene affiancata dal commento di Marco Marangoni, autore e curatore della rassegna insieme a Cristina Castellari. «L’idea è quella di portare Dante nei luoghi del circondario, e viceversa. Dalle letture si scoprirà che Dante era affascinato dai piccoli luoghi, dalle realtà quotidiane» ha dichiarato Marangoni. Per questo anche la cornice scelta per ogni appuntamento rimanda al luogo che Dante cita per allusione diretta o per pura suggestione, nel canto che in quell’occasione viene proposto.

Alla presentazione era presente anche la sindaca di Casalfiumanese Beatrice Poli, curatrice del tavolo cultura del Circondario. «La dislocazione degli incontri permette di poter conoscere in maniera inedita i luoghi significativi del territorio e della nostra quotidianità e dall’altro di rendere omaggio in maniera congiunta e coordinata al Sommo Poeta.» ha sottolineato Poli. Il primo appuntamento della rassegna si apre con la lettura dell’ottavo canto dell’inferno, martedì 15 giugno a Mordano alle 20, nella Cappellania di San Francesco. Le altre date: 30 giugno (ore 21.15) a Castel San Pietro all’Arena; 2 luglio (ore 19) a Dozza in piazza Zotti; 11 luglio (ore 19.30) a Medicina al cimitero; 16 luglio (ore 19) a Borgo Tossignano al parco Lungofiume; 18 luglio (ore 20.30) a Fontanelice in piazza Roma; 21 luglio (ore 21) a Castel del Rio in piazza della Repubblica; 22 luglio a Casalfiumanese; 4 agosto (ore 19) al cimitero del Piratello; 10 agosto (ore 21.15) a Castel Guelfo nel cortile di Palazzo Malvezzi Hercolani.

Gli appuntamenti si prenotano singolarmente. Informazioni, modalità di accesso e prenotazione sul sito dei singoli comuni e sul sito del Nuovo Circondario Imolese. (c.gam.)

Nella foto: il manifesto della rassegna

#Danteperdieci, grandi interpreti porteranno il Sommo Poeta «Nella splendida cornice» del Circondario
Cronaca 8 Giugno 2021

Svelati i vincitori di «Dante e il contrappasso», il teatro dell’Osservanza diventa «residenza» di due gruppi di artisti

Nei mesi scorsi il servizio teatri di Imola ha continuato ad essere al fianco degli artisti per riportare in città gli spettacoli dal vivo. Nella call «Dante e il contrappasso» istituita dall’assessorato alla Cultura e rivolto agli artisti dell’Emilia Romagna, ha raccolto tra marzo ed aprile le proposte di 22 artisti. La commissione formata da Enzo Vetrano, Stefano Randisi e Aristide Rontini ha selezionato due gruppi vincitori con progetti in divenire: Duo informale di Riccardo Buscarini e Carolina Migli (Piacenza) con il progetto «Polvere» e Collettivo Museo (Reggio Emilia) con «Peregrinationes».

I vincitori avranno a disposizione per quindici giorni il teatro dell’Osservanza, dove potranno avvalersi di struttura, personale tecnico e strumentazione, insieme a diverse attività di tutor per i mesi di giugno e luglio. Entrambi i gruppi riceveranno inoltre 3.500 euro a sostegno del progetto.

«Si tratta di un’iniziativa intrapresa dal Comune di Imola per la prima volta e che ho sostenuto con entu-siasmo per dare una possibilità concreta di rilancio all’attività di attori e performer – commenta l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi -. Un’occasione per la comunità del mondo artistico. A breve individueremo le date esatte per la restituzione alla città dei due progetti svolti perché questa esperienza artistica sia vissuta collettivamente». (c.gam.)

Nella foto: il teatro dell’Osservanza

Svelati i vincitori di «Dante e il contrappasso», il teatro dell’Osservanza diventa «residenza» di due gruppi di artisti
Cultura e Spettacoli 5 Maggio 2021

Lo Stignani riapre e fa un regalo ai giovani, prova generale di «Mistero Buffo» gratis per gli under 20

Il teatro Stignani riaprirà il prossimo 19 maggio e lo fa con un regalo ai più giovani. «I produttori di Mistero Buffo e il protagonista Matthias Martelli, che riallestirà lo spettacolo a Imola, per la regia di Eugenio Allegri, hanno infatti accettato la nostra richiesta di aprire la prova generale prevista per il 18 maggio alle ore 18 ai giovani under 20, a ingresso gratuito» fa sapere l’assessore alla Cultura Giacomo Gambi -. Dopo tanti mesi di chiusura dei teatri a causa del Covid, abbiamo pensato che fosse giusto riservare ai più giovani il primo spettacolo alla presenza di pubblico. Aprire il sipario ad una platea di soli giovani under 20 sarà un’emozione anche per l”attore, che si è infatti detto entusiasta della nostra iniziativa».

La prova generale si svolgerà martedì 18 maggio, alle ore 18 (atto unico di 90 minuti). L’apertura delle porte avverrà alle ore 17. Per accedere ai 234 posti disponibili è obbligatoria la prenotazione telefonica al numero 0542 602610, dal lunedì al venerdì dalle ore 13 alle ore 15.30, fino ad esaurimento dei posti disponibili per emergenza Covid. Si possono prenotare al massimo due posti a testa. Il ritiro del biglietto di ingresso dovrà avvenire alla biglietteria del teatro (via Verdi n. 1/3) nei seguenti giorni ed orari: sabato 15 maggio dalle ore 16 alle ore 19; lunedì 17 maggio dalle ore 13 alle ore  17; martedì 18 maggio dalle ore 10 alle ore 17. Qualora possibile, per evitare assembramenti si consiglia di delegare una persona sola al ritiro di più biglietti.

Nella foto (di Andrea Macchia): Matthias Martelli

Lo Stignani riapre e fa un regalo ai giovani, prova generale di «Mistero Buffo» gratis per gli under 20
Cultura e Spettacoli 5 Maggio 2021

«John Malkovich's Inferno», cancellata la data alla Rocca di Imola

A causa del protrarsi della pandemia, la Swiss Global Art Management – Gart, l’agenzia di management di John Malkovich, ha deciso di cancellare e riprogrammare «John Malkovich’s Inferno» e con esso le tappe europee previste per l’estate del 2021, compresa quella di Imola in programma il prossimo 24 giugno. «Alla luce delle restrizioni legate alla diffusione del Covid-19 – dichiara Gart – quali l”avviso del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti che ha inserito l”Italia nell”elenco dei Paesi di ”Level 4” verso i quali è sconsigliato viaggiare, le regole diverse in ogni location coinvolta nel tour, il coprifuoco, il possibile cambio di colore tra le regioni italiane senza grande preavviso, siamo molto dispiaciuti di annunciare che il tour John Malkovich’s Inferno dovrà essere riprogrammato attendendo il migliorare della situazione pandemica».

Emilia Romagna Festival con il management dell”artista e la Only Stage, insieme co-produttori dell”evento, sono al lavoro per riprogrammare le date della tournée. Ulteriori dettagli sulla verranno diffusi appena possibile.

  

«John Malkovich's Inferno», cancellata la data alla Rocca di Imola
Cultura e Spettacoli 4 Maggio 2021

Allo Stignani si riapre il sipario con «Mistero buffo» di Dario Fo e Franca Rame

Finalmente dopo mesi il teatro comunale «Ebe Stignani» riapre il sipario. E lo farà, dal 19 al 27 maggio, con lo spettacolo «Mistero buffo» di Dario Fo e Franca Rame, con Matthias Martelli, per la regia di Eugenio Allegri. Questo titolo viene proposto agli spettatori in sostituzione dello spettacolo Che disastro di Peter Pan, che è stato annullato. «Il giorno stesso in cui abbiamo avuto notizia ufficiale della riapertura dei luoghi della cultura abbiamo messo in calendario questa recita. I nostri cittadini sentono il bisogno di ricominciare a fruire collettivamente di luoghi, servizi ed opportunità culturali e noi abbiamo risposto immediatamente» sottolinea Giacomo Gambi, assessore alla Cultura.

Il miglioramento della situazione sanitaria quindi consente di riprendere le attività del teatro comunale e di andare a recuperare gli spettacoli sospesi a causa della pandemia. Naturalmente il tutto nel pieno rispetto delle misure per il distanziamento sociale, che applicate al teatro ne dimezzano la capienza, passando dai 468 posti normalmente utilizzabili a 234 posti. Questo significa che moltissime sedute della sala non potranno essere utilizzate, come già avvenuto per il recupero dello spettacolo Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte. «Per non penalizzare nessun abbonato e per offrire a tutti la possibilità di recuperare gli spettacoli sospesi, il teatro Stignani ha deciso di aumentare il numero delle recite anche per il prossimo spettacolo, in modo da poter distribuire gli abbonati in un numero maggiore di repliche, garantendo la sicurezza del pubblico e il rispetto dei protocolli sanitari. Ricollocare quasi duemila spettatori non è stato semplice» spiega il direttore  dello Stignani, Luca Rebeggiani.

Le recite, infatti, passano dalle 6 di una stagione normale alle attuali 11, di cui 10 riservate agli abbonati ed una per la vendita dei biglietti fuori abbonamento. Le recite serali dello spettacolo Mistero buffo inizieranno alle ore 20, in modo da consentire il rispetto del coprifuoco. Le porte del teatro si apriranno alle ore 19 per consentire l’accesso in piena sicurezza ai locali del teatro. Per le recite pomeridiane gli spettacoli inizieranno alle ore 15 con apertura porte alle ore 14. (r.c.)

ABBONATI E VENDITA BIGLIETTI

NORME DA OSSERVARE PER L’ACCESSO AL TEATRO

Nella foto (di Andrea Macchia): Matthias Martelli in scena

Allo Stignani si riapre il sipario con «Mistero buffo» di Dario Fo e Franca Rame
Cultura e Spettacoli 1 Maggio 2021

Il Cantamaggio di Medicina torna oggi con una rinnovata versione online

Il Cantamaggio di Medicina arriva online con l’evento «Canto d’arte, canto d’assenza». Appuntamento oggi, alle 16, sulla pagina Facebook di Medicinateatro con i partecipanti delle scorse edizioni.

Una rinnovata versione online, quindi, per il laboratorio teatrale residenziale organizzato da La Baracca – Testoni Ragazzi che dal 1998 ha radunato ogni anno al Magazzino Verde di Medicina 100 giovani tra i 14 e i 30 anni. Le ragazze e i ragazzi, provenienti da diverse parti d’Italia e dall’estero, hanno condiviso ogni anno tre giornate di creazione artistica collettiva, riflettendo con gli strumenti del teatro su un tema di rilevanza sociale, fino alla restituzione di una performance pubblica, a ingresso gratuito, al parco delle Mondine di Medicina.

Dopo l’edizione 2020, cancellata per la pandemia, Cantamaggio per il 2021 ha scelto di trasformarsi in una diretta online che coinvolgerà i partecipanti alle scorse edizioni. Il tema al centro di quest’anno è la chiusura dei luoghi dello spettacolo e il diritto alla cultura.  Attraverso una call tra gli ex partecipanti sono stati raccolti interventi e contributi a una drammaturgia condivisa. (r.c.)

Nella foto: una passata edizione del Cantamaggio al parco delle Mondine di Medicina

Il Cantamaggio di Medicina torna oggi con una rinnovata versione online
Cultura e Spettacoli 14 Aprile 2021

«John Malkovich Inferno», confermata la data in prima assoluta alla Rocca di Imola

In occasione della ricorrenza dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, Emilia Romagna Festival si unisce alle celebrazioni dedicando l’apertura della sua XXI edizione al Sommo Poeta con John Malkovich’s Inferno, progetto che convoca istinto d’attore, musica contemporanea e traduzione dei versi in un orizzonte globale. 

Giovedì 24 giugno (ore 21.30) presso la Rocca Sforzesca di Imola, il grande attore statunitense John Malkovich, con la complicità del flautista di fama e direttore artistico, Massimo Mercelli, del prestigioso ensemble de I Solisti Aquilani e del poliedrico Gabriel Prokofiev per la composizione delle musiche, proporrà un’interpretazione in chiave contemporanea delle intramontabili terzine dell’Inferno dantesco, restituendo sensazioni ed atmosfere del viaggio di Dante.

Le prevendite dei biglietti per il debutto di John Malkovich’s Inferno a Imola si aprono il 20 maggio 2021 sul sito e nei punti vendita Vivaticket. (da.be.)

Nella foto: John Malkovich

«John Malkovich Inferno», confermata la data in prima assoluta alla Rocca di Imola

Gli attori Enzo Vetrano e Stefano Randisi protagonisti «a Melbourne»

Stefano Randisi ed Enzo Vetrano protagonisti a Mel- bourne. Per il momento, però, soltanto virtualmente. Lo spettacolo «Totò e Vicè» di Franco Scaldati, nell’allestimento della coppia di attori imolesi di adozione, è stato selezionato per il cartellone di Play-Back 2021, la rassegna di dieci spettacoli in streaming visibile sul sito internet dell’Istituto italiano di cultura di Melbourne, la seconda città più popolosa dell’Australia dopo Sidney.

Totò e Vicè, in particolare, sarà lo spettacolo che andrà “in scena” nel mese di maggio. (r.c.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 4 marzo.

Nella foto: In alto, Stefano Randisi ed Enzo Vetrano in un momento dello spettacolo «Totò e Vicè»

Gli attori Enzo Vetrano e Stefano Randisi protagonisti «a Melbourne»
Cultura e Spettacoli 28 Febbraio 2021

Dal Carnevale agli spettacoli, dal teatro per i bimbi alla musica: le iniziative a Castel San Pietro viaggiano sul web

Dodici contributi audiovisivi raccolti in una playlist tematica. Sono i lavori, visibili sul canale YouTube del Comune di Castel San Pietro, inviati dalle scuole materne, elementari e medie sul tema «A Carnevale ogni rima vale» proposto dall’assessorato alla Cultura per il periodo festoso appena trascorso. I video sono disponibili, anche ora che il Carnevale è terminato, nel canale YouTube del Comune, che riunisce tante proposte rivolte a diverse fasce d’età, per grandi e per piccoli. Per questi ultimi, c’è un video della rassegna «BimbIATeatro» che contiene spezzoni di esibizioni di Alvalenti, Microband, Mago Megi, Gulliver e Gaby Corbo, collegati da interventi dalla platea del teatro a cura di Davide Dalfiume e di una coppia di artisti.

Alcune tra le proposte riguardano ancora il Carnevale con video dell’associazione culturale Terra Storia Memoria, a cura di Fabio Avoni e Giorgia Bottazzi, che ripercorre la storia del Carnevale castellano, e quello del Corpo Bandistico di Castel San Pietro Terme. (r.c.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 25 febbraio.

Nella foto: Davide Dalfiume in «C’era una volta il teatro»

Dal Carnevale agli spettacoli, dal teatro per i bimbi alla musica: le iniziative a Castel San Pietro viaggiano sul web
Cultura e Spettacoli 22 Febbraio 2021

«Facciamo luce sul teatro», anche lo Stignani di Imola aderisce all’iniziativa nazionale di protesta

Il teatro comunale di Imola Ebe Stignani aderisce all’iniziativa nazionale «Facciamo luce sul teatro» per protestare in maniera silenziosa ma tangibile contro le chiusura dettate dalla pandemia e per chiedere che tutti i lavoratori dello spettacolo non siano lasciati soli. Questa sera, quindi, dalle 19.30 alle 21.30, i  cittadini imolesi, gli abbonati dello Stignani ed i frequentatori delle sue sale sono invitati a presentarsi all’ingresso del teatro che, per l’occasione sarà illuminato e simbolicamente aperto per incontrare di nuovo la cittadinanza. 

«Aderiamo volentieri all’iniziativa dell’Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo – ha commentato l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi – che invita tutte le donne e gli uomini che dirigono i teatri italiani, da quelli più piccoli fino ai grandi teatri nazionali, a illuminare e tenere questa sera aperti i propri edifici. Per una sera torniamo ad incontrare quella parte essenziale e indispensabile di ogni spettacolo senza la quale il teatro semplicemente non è: il pubblico». (da.be.)

Foto dal sito del Comune di Imola

«Facciamo luce sul teatro», anche lo Stignani di Imola aderisce all’iniziativa nazionale di protesta

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA