Posts by tag: tv

Cronaca 17 Ottobre 2020

I vini dell'Enoteca regionale protagonisti della trasmissione «Mica pizza e fichi» su La7

L’Enoteca regionale dell’Emilia Romagna, con sede a Dozza, grande protagonista su La7. Nelle dieci puntate della seconda stagione di Mica pizza e fichi, il format dedicato alle pizze gourmet in onda da domani, domenica 18 ottobre, alle 12.20 (e in replica su La7d), le creazioni realizzate dai migliori pizzaioli del nostro Paese vengono abbinate, infatti, ad alcuni vini della nostra regione. «L’accostamento fra la pizza e il vino è un fenomeno in crescita – spiega Tinto, storica voce della trasmissione radiofonica Decanter di Rai Radio2 e conduttore di Mica pizza e fichi, che ha lanciato la nuova stagione del format proprio dai locali della Rocca di Dozza che ospitano l’Enoteca regionale -. E se devo scegliere una regione italiana in cui i vini si abbinano bene anche alla pizza, è proprio l’Emilia Romagna, per la varietà e la qualità che propone».

«Scopriremo abbinamenti anche sorprendenti – aggiunge Adua Villa, sommelier e brand ambassador dell’Enoteca regionale -. Come per tutte le cose, bisogna mettersi in gioco e provare. Mica pizza e fichi unisce l’unicità delle ricette dei pizzaioli con l’unicità del territorio che la nostra regione offre». Ambrogio Manzi, direttore dell’Enoteca regionale, osserva: «Abbinare la pizza con il vino potrebbe sembrare un azzardo, però credo che non sia così. La varietà di vini della nostra regione ci ha consentito di soddisfare tutte le ricette che i pizzaioli hanno proposto».

«La nostra collaborazione con Tinto va avanti da diversi anni, ci siamo trovati sempre in sintonia e abbiamo condiviso percorsi di promozione dei vini della nostra regione – ricorda Giordano Zinzani, presidente dell’Enoteca regionale -. Con Mica pizza e fichi continuiamo su questa strada, fornendo ai telespet-tatori/consumatori una nuova “chiave di lettura” dei nostri vini.  Ci siamo accorti che anche l’abbinamento con la pizza è capace di regalare gustose emozioni, di cui solo qualche anno fa eravamo poco consapevoli».

Ma non finisce qua. Il format, infatti, va ben oltre il piccolo schermo: ci sono anche trenta puntate digitali on demand, già partite a metà settembre e programmate fino alla fine dell’anno (www.la7.it/mica-pizza-e-fichi, il martedì e il venerdì, dalle 9), quaranta webinar di ricette, e un libro fotografico che uscirà verso l’inizio di novembre. (lu.ba.)

Nella foto, Tinto (alias Nicola Prudente) conduttore della trasmissione Mica pizza e fichi su La7

I vini dell'Enoteca regionale protagonisti della trasmissione «Mica pizza e fichi» su La7
Cultura e Spettacoli 29 Settembre 2020

Imola e Dozza in tv nella nella prima puntata della serie «Una gita fuoriporta»

Saranno Imola e Dozza le protagoniste della prima puntata della seconda stagione di «Una gita fuoriporta», serie tv originale italiana che sarà visibile sia su Sky (Canale Italia 821), sia sul nuovo canale Bom Channel (n. 68 del digitale terrestre). La prima puntata andrà in onda oggi, martedì 29 settembre, alle 21.45 su Bom Channel e alle 21.30 su Sky Canale Italia, con replica domani, mercoledì 30 settembre.

Obiettivo della serie, condotta da David Romano, è quello di «esplorare città, borghi e mete imperdibili del nostro paese, compiendo un viaggio attraverso la storia, l’arte e la bellezza, per conoscere tradizioni, curiosità ed eccellenze di ciascun luogo – spiega la nota di Sky -. Un’occasione per invitare il pubblico a ritrovare il gusto di viaggiare senza allontanarsi troppo da casa, alla scoperta delle tante meraviglie disseminate ovunque in Italia e spesso poco note. Non solo attrazioni culturali, ma anche tradizioni culinarie, percorsi enogastronomici, rievocazioni storiche e attività all’aperto, all’insegna di un turismo lento e “green”».

La puntata dedicata a Imola e Dozza è stata girata a luglio e la troupe è stata ospitata e guidata dallo staff di If Imola Faenza Tourism Company. Tra i luoghi visitati l’autodromo Enzo e Dino Ferrari (dove il conduttore ha potuto com- piere un giro sulla pista della Formula 1 a bordo della safety car ufficiale), palazzo Tozzoni, il cen- tro storico di Imola e il borgo di Dozza con i suoi muri dipinti. Inoltre, ci sarà spazio per conoscere i sapori del territorio e l’ospitalità romagnola con soste in aziende del territorio. (r.c.)

Foto scattata in occasione delle riprese della puntata della serie tv

Imola e Dozza in tv nella nella prima puntata della serie  «Una gita fuoriporta»
Cultura e Spettacoli 10 Maggio 2019

L’imolese Francesco Bombaci dal palco di «Gocce di Musica» a «The voice» in tv

Dopo Lisa Manara e Silvia De Santis, un’altra voce del nostro territorio approda quindi al programma che vuole lanciare nuovi talenti in campo musicale. Ha cantato “Alive” dei Pearl Jam nella seconda blind audition di The Voice of Italy conquistando Morgan che l’ha voluto nel suo team. Per Francesco Bombaci, cantante imolese, si è così aperto un percorso nel talent show di Rai 2 condotto il martedì sera da Simona Ventura. 

E il talento di Francesco si era già visto proprio a «Gocce di musica», il contest organizzato dall’Avis Comunale Imola in collaborazione con il settimanale “sabato sera”, con l’app Sabato Sera Notizie e con il Centro giovanile Ca’ Vaina,la cui XII edizione prende il via questa sera (ore 21.30 sede di Ca” Vaina, in viale Saffi 50/b a Imola).

Il cantante partecipò all”edizione 2016 con la band A Nameless Inertia insieme al bassista Valerio Raineri, ai chitarristi Ivan Ceriani e Alex Zannoni, e al batterista Filippo Brunori. Il gruppo conquistò la finale di quella edizione, che venne poi vinta dai Metropolitics. E, a proposito di talenti che da Gocce arrivano sui palcoscenici nazionali, non va dimenticato Mess (Massimiliano Negroni), partecipante a Gocce di musica nel 2017 e poi accettato alle selezioni di Amici e giunto ad un passo dalla conquista del banco. 

Adesso non resta che aspettare le prossime puntate e vedere come andrà a finire.

Nelle foto, a sinistra Francesco Bombaci con i Nameless Inertia sul palco della selezione di «Gocce di Musica» il 27 maggio 2016, in alto a destra Bombaci in tv su  Rai 2 durante «The Voice»

L’imolese Francesco Bombaci dal palco di  «Gocce di Musica» a «The voice» in tv
Economia 8 Aprile 2019

Lo chef medicinese Bruno Barbieri scelto come testimonial dalla Coop

Lo chef medicinese Bruno Barbieri, da tempo volto noto della tv tra Masterchef e il nuovo format 4 Hotel, è stato scelto per la nuova campagna di comunicazione di EasyCoop, la spesa online e consegna a domicilio di Coop Alleanza 3.0, il colosso della grande distribuzione cooperativa. Il servizio, gestito attraverso la partecipata Digitail, si propone di rendere più comoda la vita con un assortimento di oltre 13 mila prodotti, compresi i freschissimi (frutta, verdura, carne, pesce, salumi, latticini), attraverso l”e-commerce e la consegna direttamente a casa. La campagna si declinerà nei territori coperti dal servizio, ovvero Emilia-Romagna, Veneto e Roma (area metropolitana), per un bacino complessivo di quasi 7 milioni di persone.

“Siamo orgogliosi che EasyCoop sia rappresentata dal volto di Bruno Barbieri, maestro di cucina, ironia e innovazione. Siamo certi che insieme faremo grandi cose”, dichiara Andrea Zocchi, amministratore delegato di Digitail.

“Sono felice di essere il protagonista della nuova campagna di comunicazione EasyCoop – commenta Barbieri -. È un brand che veicola freschezza e semplicità, ma con una lunga tradizione di qualità e serietà alle spalle; un servizio che semplifica la vita e che parla davvero a tutti: ai giovani, alle famiglie e agli anziani”. (r.cr.)

Nella foto Bruno Barbieri durante l”inaugurazione del suo locale “Fourghetti” a Bologna tre anni fa

Lo chef medicinese Bruno Barbieri scelto come testimonial dalla Coop
Cultura e Spettacoli 23 Marzo 2019

Roberto Poggi e la figlia Alice di Castel San Pietro vincono la Corrida

Roberto Poggi e la figlia Alice di Castel San Pietro hanno vinto ieri sera la prima puntata dell’edizione 2019 de La Corrida. La trasmissione di Rai1 condotta da Carlo Conti che vede mettersi in gioco i «dilettanti allo sbaraglio».

Poggi e la figlia hanno ballato sulle note di «Shape of you»  una scatenata coreografia, mostrando autoironia e capacità, tanto che il pubblico si è alzato in piedi premiandoli con una standing ovation con tanto di campane, oltre agli applausi.

Alla fine hanno sbaragliato la concorrenza degli altri tre finalisti aggiudicandosi la puntata, peccato che Alice non abbia potuto comparire in video per festeggiare dato che era passata la mezzanotte (e per legge i minorenni non possono partecipare a spettacoli). «Coltivo patate, foraggio e cereali, sono qua a rappresentare il mondo agricolo – ha raccontato Poggi, che ha un”azienda agricola -. Alice ha la passione per il ballo e mi ci ha “tirato dentro”». (l.a.)

Nella foto dalla tv Roberto Poggi e la figlia Alice 

Roberto Poggi e la figlia Alice di Castel San Pietro vincono la Corrida
Economia 29 Settembre 2018

La Tre Monti della famiglia Navacchia in tv tra i «Signori del Vino» di Romagna su Rai2

Anche la Tre Monti, l’azienda vitivinicola di via Lola condotta dalla famiglia Navacchia, sulle colline sopra Imola, partecipa a «I signori del vino», il popolare programma nato da un’idea di Marcello Masi e Rocco Tolfa, già direttore e vicedirettore del Tg2. La trasmissione va in onda su Rai2 ogni sabato alle ore 18.05 e racconta le eccellenze enologiche italiane.

In un simile contesto è più che naturale che i due conduttori abbiano posato lo sguardo sull’azienda imolese, che insieme alla forlivese Drei Donà rappresenterà la Romagna.  «Questa trasmissione è un palcoscenico importante a livello nazionale e di prestigio. La soddisfazione è grande perché sono stati loro a cercarci. Hanno degustato il nostro albana secco biologico Vigna della Rocca durante una presentazione a Roma e da lì è scattato l’interesse per il vitigno», racconta David Navacchia che insieme al fratello Vittorio porta avanti l’azienda di famiglia, sotto lo sguardo attento del padre Sergio, che ha fondata l’azienda con la moglie Thea. 

Dall’intervista in vigna a Vittorio, fino alle riprese delle anfore in cui nasce la Vitalba, albana secco che continua a mietere riconoscimenti e premi anche a livello internazionale. «L’albana prodotta ad Imola – tiene a sottolineare David Navacchia – pur nella diversità degli esiti, penso a Codronchio, della Fattoria Monticino Rosso, e Gioja, dell’azienda agricola Giovannini, oltre che ai nostri Vigna della Rocca, Vitalba e Casa Lola, sta emergendo nel panorama nazionale e non ha più nulla da invidiare a quelle prodotte a Bertinoro e Faenza. Questa è una soddisfazione per tutto il territorio imolese, segno di un lavoro continuo fatto in vigna ed in cantina, alla ricerca dell’eccellenza». 

L’unico problema è che la produzione non ha detto quanto avverrà esattamente la messa in onda della puntata, forse oggi oppure in una delle prossime. La curiosità è d’obbligo. 

Nelle foto: Rocco Tolfa e Marcello Masi assieme alla famiglia Navacchia (David, Vittorio e il padre Sergio) di fronte alle anfore in terracotta ove viene posta a macerare l’uva da cui si ottiene il «Vitalba»

La Tre Monti della famiglia Navacchia in tv tra i «Signori del Vino» di Romagna su Rai2
Cultura e Spettacoli 9 Maggio 2018

L'ispettore Coliandro a Ozzano, alcune riprese del telefilm in via Claterna e dintorni

L’Ispettore Coliandro in questi giorni è in via Claterna, località Maggio di Ozzano, per girare alcune riprese della settima edizione del poliziotto più imbranato della tivù. Il primo ciak in terra ozzanese è scoccato lunedì, ma il grosso delle operazioni si è svolto all’interno del negozio di arredi vintage G&H Tatterton, di proprietà di Martino Perdisa. Si è proseguito ieri pomeriggio con una serie di scene all’aperto, che dovrebbero comprendere anche un inseguimento.

Da alcuni giorni, infatti, sono comparsi dei volantini lungo un tratto di via Claterna per avvisare i residenti che le riprese avranno luogo sia di giorno che di notte, e che verranno esplosi colpi di arma da fuoco e altri effetti speciali. «La produzione della serie televisiva – si legge nel volantino – informa che potrebbero sentirsi rumori». Firmato, L”ispettore Coliandro. 

Sul volantino ci sono anche le date delle sparatorie: la prossima è prevista per oggi, tra il pomeriggio e la sera, e domani giovedì 10 maggio tra la sera e la notte. Alcuni curiosi si sono affacciati nella speranza di trovare il protagonista, Giampaolo Morelli, e colleghi. Gli attori in effetti si sono concessi alcune battute e dei selfie coi fan; chi li ha incontrati li definisce «molto concentrati». 

Il sindaco Luca Lelli spiega così i motivi di questa inaspettata visibilità: «Negli ultimi anni, grazie anche al passaparola tra le case di produzione, sono sempre di più le richieste che riceviamo e alle quali siamo ben contenti di rispondere positivamente. Crediamo sia parte di una strategia di marketing territoriale che passa attraverso la valorizzazione del luogo che amiamo».

Le riprese dei quattro episodi della stagione 2018 di Coliandro sono iniziate lo scorso 26 marzo, sempre per la regia dei romani Manetti Bros, sulle idee dello scrittore mordanese Carlo Lucarelli, che ne ha scritto soggetto e sceneggiatura. Tra le altre sedi scelte come set c’è stato il piano superiore dell’Autostazione delle corriere di Bologna dove è stato montato l’interno della questura dove l’ispettore lavora. La serie sarà trasmessa il prossimo autunno su Rai2. (ti.fu.)

Altri particolari sul “sabato sera” del 10 maggio.

Foto dalla Pagina Fb ufficiale di Giampaolo Morelli

L'ispettore Coliandro a Ozzano, alcune riprese del telefilm in via Claterna e dintorni

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast