Cronaca

Borse di studio per i giovani in aumento grazie a Bcc e Fondazione Dalle Fabbriche

Borse di studio per i giovani in aumento grazie a Bcc e Fondazione Dalle Fabbriche

Cresce di anno in anno il numero delle borse di studio e ricerca che la Banca di credito cooperativo ravennate, forlivese e imolese e la Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche mettono a disposizione per i giovani del territorio in cui operano.

Oltre al numero (36 contro le 24 dello scorso anno) cresce poi anche l’importo complessivo erogato (38.500 euro contro i 28.000 del 2017). «Investire nella formazione e nella conoscenza delle nuove generazioni vuol dire investire sul futuro di questo territorio, una missione dalla quale non si può prescindere», motivano Secondo Ricci e Edo Miserocchi, rispettivamente presidenti della Bcc ravennate, forlivese e imolese e della Fondazione. Alcuni bandi sono destinati esclusivamente ai figli dei soci della Bcc, mentre altri sono rivolti a tutti i giovani residenti nei comuni di insediamento della banca e territori limitrofi.

La data ultima per presentare la propria candidatura è fissata per il prossimo 20 aprile. Le borse di studio e ricerca per i figli dei soci della Bcc sono 33, così suddivise: 2 borse di ricerca da 1.500 euro ciascuna per progetti in ambito agroalimentare, sociale o innovazione; una borsa di studio da 1.500 euro per dottorati in discipline economiche; 20 borse di studio da mille euro ciascuna per tesi di laurea magistrale in qualsiasi indirizzo di studio con votazione 110 e lode; 10 borse di studio da 500 euro cadauna per tesi di laurea triennale in qualsiasi indirizzo di studio con votazione 110 e lode.

La Bcc ha poi bandito 3 borse di ricerca a cui possono concorrere giovani residenti nei territori serviti dalla banca. Le tre borse di ricerca, del valore di 3.000 euro ciascuna, sono finalizzate a tre tematiche specifiche: «Responsabilità sociale di impresa e dichiarazione di informazioni di carattere non finanziario»; «Alternanza scuola-lavoro: esperienze di attuazione e proposte per il miglioramento nel rapporto fra imprese del territorio e studenti»; «Fuga dei cervelli all’estero? No, grazie! Europa (andata e ritorno) e prospettive di nuove relazioni fra giovani e imprese locali, per accrescere le competenze internazionali nell’economia romagnola». Infine il premio intitolato a Luigi e Giuseppe Piazza, del valore di 1.000 euro, destinato a laureati in Scienze dell’economia e della gestione aziendale o Scienze economiche o Finanza o diplomati di istituti tecnici del settore economico negli anni 2016 e 2017.

Ulteriori informazioni e bandi completi sui siti internet www. labcc.it e www.fondazionedallefabbriche.it

r.c.

Nella foto: Secondo Ricci (a sinistra) e Edo Miserocchi, rispettivamente presidenti della Bcc ravennate, forlivese e imolese e della Fondazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast