Cronaca

Diecimila euro in più alla coop che gestisce il gattile per potenziare tutela e controllo della popolazione felina

Diecimila euro in più alla coop che gestisce il gattile per potenziare tutela e controllo della popolazione felina

Diecimila euro in più per la Gatto Nero. E’ la cifra che l’Amministrazione imolese ha destinato alla cooperativa che gestisce il gattile all’interno di un progetto sperimentale, della durata di un anno, che ha come obiettivo potenziare la tutela e il controllo della popolazione felina nell’imolese e non solo. Fra le novità vi è il soccorso, in tutto il circondario (a parte Medicina) ai gatti che hanno subito danni da incidenti stradali al di fuori degli orari in cui è attivo il servizio di assistenza zooiatrica, che fa capo all’Ausl.

L’accordo prevede che, nel caso il gattile soccorra un felino di proprietà di qualcuno, toccherà poi a quest’ultimo andarlo a recuperare entro 24 ore e occuparsi delle eventuali cure; in caso contrario, ad esempio per un gatto che vive libero sul territorio, sarà direttamente il gattile ad occuparsene, a proprie spese e con i propri veterinari convenzionati. Tutti i felini soccorsi dovranno essere registrati mediante microchip, una pratica non ancora molto diffusa (mentre per i cani è obbligatoria).

Secondo l’assessore Andrea Longhi, che ha la delega all’Ambiente, «i gatti imolesi con chip sono meno del dieci per cento». Le operatrici del gattile consigliano caldamente di mettere il chip al micio di casa, fondamentale per «rintracciare il proprietario in caso di gatto smarrito», come sottolinea Cristina Ferri della Gatto Nero. Visto il carattere sperimentale del progetto, tutti gli interventi e le relative spese sostenute dalla Gatto Nero dovranno essere comunicati e rendicontati. La durata è collegata alla convenzione con la quale la cooperativa gestisce il gattile imolese, la cui scadenza è il 31 dicembre. Entro tale data la Giunta della sindaca Manuela Sangiorgi dovrà individuare il prossimo gestore, prevedibilmente a seguito di un bando da pubblicare nei prossimi mesi.

A confermarlo è lo stesso assessore Longhi: «Stiamo lavorando anche ad un nuovo regolamento, che introdurrà tariffe per prestazioni oggi non ben dettagliate che il gattile comunale elargisce comunque a proprie spese – dice -. Ad esempio per la gestione di un animale affidato dal tribunale, situazione già accaduta in passato». Verosimilmente nel nuovo bando saranno considerate anche le attività inserite nel citato progetto sperimentale. «L’abbiamo stilato proprio per andare incontro alle esigenze del gattile – conferma Longhi -. Il gestore si è sempre occupato di recuperare i gatti incidentati a seguito di segnalazioni dei cittadini, un servizio che veniva svolto per gli animali e per il territorio, ma fino ad ora non veniva esplicitamente rimborsato. L’interesse dell’Amministrazione – aggiunge Longhi – è orientato all’accoglienza e al benessere degli animali».

Oltre al soccorso dei felini incidentati, il progetto sperimentale prevede anche l’avvio di una campagna straordinaria per il controllo delle nascite dei gatti che vivono in libertà sul territorio (per legge, diversamente dai cani, si può fare). (mi.mo.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 31 gennaio

Nella foto Cristina Ferri della cooperativa «Gatto Nero»

1 Comment

  • Finalmente!!! Grazie a nome di tutti i gatti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast