Economia

Alla coop Clai 4 milioni di euro dal Bando di filiera: nel dettaglio i progetti finanziati

Alla coop Clai 4 milioni di euro dal Bando di filiera: nel dettaglio i progetti finanziati

Come anticipato la scorsa settimana (leggi qui), la Clai è tra le 1.300 aziende che nel 2018 hanno vinto il Bando di filiera inserito nel Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Emilia Romagna. La cooperativa agroalimentare imolese si è aggiudicata 4 milioni di contributi europei per progetti orientati al miglioramento della qualità di produzione, alla sostenibilità ambientale e finalizzati a ottimizzare il sistema di tracciabilità del prodotto, investimenti il cui importo complessivo supera gli 11 milioni di euro.

La Regione ha distribuito in totale circa 135 milioni, utili a realizzare in tutta l’Emilia Romagna 55 progetti ad alto tasso di innovazione del valore complessivo di 360 milioni. Nel dettaglio, un progetto presentato da Clai riguarda la filiera della carne suina, per il quale la cooperativa ha ottenuto un finanziamento economico di oltre 3 milioni e 400 mila euro a fronte di un investimento da 9 milioni e mezzo di euro; un secondo progetto è relativo alla filiera della carne bovina del valore di 1 milione e 700 mila euro e per il quale sono stati stanziati 664 mila euro. Le risorse sono state impiegate per investimenti in tecnologie e macchinari e per un progetto di ricerca e sviluppo in collaborazione con l’Università di Bologna.

«Sono stati effettuati investimenti sull’intera linea di produzione – conferma Rudy Magnani, responsabile dello stabilimento Clai di Sasso Morelli -; innovazione sia nella tecnologia utilizzata sia nei processi di controllo che vengono fatti in linea. Siamo in grado di andare ad analizzare tutta la materia prima che processiamo. Questa è una garanzia per la sicurezza alimentare del prodotto. Queste macchine consentono anche di analizzare il contenuto esatto di grasso presente all’interno del prodotto e, di conseguenza, di correggerlo per ottenere una standardizzazione di valori nutrizionali in termini di grasso».

Migliorate anche le celle di stoccaggio. «Queste – prosegue Magnani – sono state completamente demolite, i vecchi impianti avevano oltre 30 anni. Sono state implementate celle nuove, più igieniche ed ecologiche: utilizziamo un fluido refrigerante con gas naturale e riduciamo i consumi energetici. Abbiamo centralizzato la produzione di freddo con nuove tecnologie per il risparmio energetico. Inoltre, sono stati acquistati impianti per stagionare meglio il prodotto e per aumentare la capacità produttiva. Infine, ci siamo dotati di etichettatrici indispensabili per i mercati esteri».

Un altro filone di innovazione riguarda i progetti di ricerca e sviluppo in collaborazione con l’Università di Bologna, in particolare con il dipartimento di Scienze e tecnologie alimentari. «Da anni – spiega il responsabile di stabilimento – si è instaurato un rapporto stretto con l’Università. Il progetto di ricerca e sviluppo vincitore del Bando è partito nel 2018 e riguarda la messa a punto di un salame in grado di rispondere alle esigenze dei consumatori, non solo in termini di origini dell’animale, ma anche sugli aspetti nutrizionali, salutistici e di qualità sensoriale del prodotto finito». (lo.mi.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 31 gennaio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast