Posts by tag: cooperazione

Economia 1 Ottobre 2021

Expo Dubai, le luci led di Cefla Lighting illuminano il padiglione che «respira»

Le luci led di Cefla Lighting si accendono sull’Expo Universale di Dubai. Ad annunciarlo è C-led, società del gruppo imolese Cefla e cuore della business unit dedicata alle soluzioni di illuminotecnica: «Da oggi fino al 31 marzo 2022, all’interno dell’Italy Expo 2020, siamo fornitori qualificati di Tolo Green, azienda che ha curato l’installazione di grandi vasche per la coltivazione di alghe indoor, con lampade led che consentono la crescita di organismi vegetali dall’altissimo contenuto proteico in ambienti con scarso irraggiamento solare, diventando così una vera e propria “sorgente di vita”».

Il padiglione che «respira» contraddistingue la presenza italiana negli Emirati Arabi Uniti. «Il naturale processo di purificazione che svolgono le alghe sull’aria (ricca di anidride carbonica per la presenza dei molti visitatori) permetterà di reimmettere nell’ambiente aria purificata e ricca di ossigeno» conclude l’azienda. (lo.mi.)

Nella foto: il padiglione dell’Italy Expo a Dubai

Expo Dubai, le luci led di Cefla Lighting illuminano il padiglione che «respira»
Economia 1 Ottobre 2021

Ex Cnh, la cooperativa Cuti-Consai ha acquistato lo stabilimento imolese inattivo da dieci anni

La cooperativa imolese di trasporti Cuti-Consai ha acquistato lo stabilimento dell’ex Cnh, chiuso ormai da dieci anni. L’annuncio ufficiale è stato dato questa mattina dall’assessore allo Sviluppo economico Pierangelo Raffini, durante la conferenza stampa sul primo anno di mandato del sindaco Marco Panieri e della sua Giunta. «Rigenerazione e sviluppo sono gli impegni che ci siamo dati per questi cinque anni – ha spiegato Raffini-. Questa operazione non porterà un aumento di posti di lavoro, ma dà comunque un segnale importante per la rigenerazione di questo territorio. L’ex Cnh ospiterà la sede della cooperativa, per fornire servizi migliorativi ai propri soci».

L’area si estende su oltre 10 ettari all’angolo tra le vie Selice e Lasie. Qui la produzione di macchine agricole e movimento terra era cessata nel giugno 2011 per il trasferimento nella sede modenese del gruppo.

Dopo anni di stallo, la svolta nelle trattative era stata già annunciata da “sabato sera” in luglio. (lo.mi.) 

Nella foto (di Isolapress): lo stabilimento dell’ex Cnh a Imola

Ex Cnh, la cooperativa Cuti-Consai ha acquistato lo stabilimento imolese inattivo da dieci anni
Economia 30 Settembre 2021

A Imola doppio taglio del nastro in via Bicocca per Cefla e Teapak

Doppio taglio del nastro questa mattina in via Bicocca a Imola, dove Cefla ha inaugurato il nuovo showroom e training center dedicato alla divisione Medical equipment e Teapak lo stabilimento produttivo. Presente a entrambi gli eventi, il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini. «In Emilia Romagna puoi visitare due aziende di livello internazionale, leader nei loro settori di riferimento, semplicemente attraversando la strada» ha poi commentato sulla propria pagina Facebook. Cefla, cooperativa multibusiness, e Teapak, leader europeo nella produzione di tè e tisane, si trovano a pochi metri in linea d’aria. Cefla, in qualità di generale contractor, ha inoltre coordinato i lavori di costruzione e fornito gli impianti del nuovo stabilimento Teapak, operativo già da più di un anno.

L’inaugurazione è stata posticipata causa Covid per permettere anche ai vertici del gruppo americano Yogi Tea, di cui l’azienda imolese fa parte, di partecipare, come già era accaduto per la posa della prima pietra nel luglio 2019. «Una festa allegra e multiculturale, uno splendido messaggio di integrazione» ha sottolineato Bonaccini. 

L’investimento, di circa 25 milioni di euro per gli edifici, l’impiantistica e l’installazione di macchine industriali d’avanguardia, permetterà a Teapak, nella prima fase, un raddoppio dell’attuale produzione, che a fine 2021 si attesterà a circa 900 milioni di bustine di tisane, occupando più di cento persone. A pieno regime l’azienda prevede di poter quadruplicare l’attuale capacità produttiva. (lo.mi.) 

Nelle foto: le inaugurazioni dello stabilimento di Teapak (in alto) e dello showroom-training center di Cefla

A Imola doppio taglio del nastro in via Bicocca per Cefla e Teapak
Economia 29 Settembre 2021

Clai è per la quarta volta tra le «Best managed companies» italiane

Per il quarto anno consecutivo Clai entra nella stretta cerchia delle aziende italiane vincitrici del «Best managed companies», il premio nato su iniziativa di Deloitte Private e sostenuto da Altis (Alta scuola impresa e società dell’Università Cattolica), Elite (network e private market del gruppo Borsa italiana-Euronext) e Confindustria. In tutta Italia sono 74 le aziende premiate per il 2021, ben 12 in Emilia Romagna (regione più rappresentata dopo la Lombardia). Clai è l’unica azienda in rappresentanza del settore salumi.

Nei mesi scorsi tutte le attività della cooperativa agroalimentare imolese sono state scandagliate con attenzione per valutarne le performance: investimenti in tecnologia e innovazione, capacità di proporre prodotti e servizi unici ed eccellenti, impegno e cultura aziendali, coinvolgimento dei dipendenti, espansione internazionale, intenzione di siglare partnership e collaborazioni strategiche, struttura organizzativa, qualità dei macchinari, iniziative di training per i dipendenti e team building.

«È senz’altro un onore, soprattutto al termine di un periodo tempestoso come quello appena trascorso a causa dell’emergenza pandemica – sottolinea il presidente di Clai, Giovanni Bettini -. Non si lavora per vincere i premi, ma senz’altro ogni attestato di valore che riceviamo contribuisce a indicarci che siamo sulla buona strada». A ritirare il premio, nel corso di un evento organizzato a Milano nella sede di Borsa Italiana, è stato il direttore amministrativo di Clai, John Piccinini. «Mentre altre aziende pensavano a licenziamenti e cassa integrazione – commenta  – Clai ha dimostrato di saper tenere la barra dritta, proteggendo il lavoro, aumentando il fatturato e rispettando tutti gli impegni con dipendenti, soci, fornitori e consumatori». (lo.mi.) 

Nella foto: il presidente di Clai, Giovanni Bettini

Clai è per la quarta volta tra le «Best managed companies» italiane
Economia 8 Settembre 2021

La nuova «casa» di Coop Reno prende forma a Castel Guelfo

In via Fornace a Castel Guelfo proseguono i lavori, avviati lo scorso novembre,  per la realizzazione del nuovo centro direzionale di Coop Reno. Il complesso comprenderà quattro edifici, connessi tra loro all’interno di un grande parco di 19 mila metri quadri. «Stiamo completando i progetti collegati al centro direzionale – spiega il presidente, Andrea Mascherini, che aggiorna sull’andamento della cooperativa di consumo -. Abbiamo raggiunto quota 47 supermercati (di cui quattro nel circondario imolese, Ndr) e sta per aprire il quarto distributore di carburanti sulla strada porrettana all’altezza della località Tabina. Anche per il 2021 il fatturato di gruppo si attesterà sopra i 220 milioni di euro, continuando così il proprio piano di sviluppo, che era una delle ragioni dell’investimento per il nuovo centro direzionale». (lo.mi.) 

L’articolo completo sul «sabato sera» del 2 settembre 

Nella foto: veduta aerea del cantiere in via Fornace a Castel Guelfo

La nuova «casa» di Coop Reno prende forma a Castel Guelfo
Economia 18 Agosto 2021

Il bilancio sociale 2020 di Seacoop, 912 utenti in asili, servizi per l’infanzia, residenze anziani e a domicilio

Oltre 900 utenti in asili, servizi per l’infanzia, residenze anziani e a domicilio; 407 dipendenti e 268 soci, di cui 242 donne; oltre 11 milioni di euro di fatturato con un attivo patrimoniale di 7,3 milioni di euro e una perdita di circa 84 mila euro; un sistema di qualità aziendale certificato anche per 16 dipendenze esterne a Imola, Ozzano Emilia, Castel San Pietro, Castel Guelfo, Monterenzio, Mercatale, Dozza e Casalfiumanese. È questo in sintesi il 2020 di Seacoop, descritto nel Bilancio sociale della cooperativa imolese.

«Quanto ci è accaduto nel 2020 – commenta la presidente Roberta Tattini, al suo settimo mandato – ci ha fortemente stimolato a mettere in atto cambiamenti organizzativi e azioni di flessibilità in tempi velocissimi, come imparare e adattarsi da un giorno all’altro all’utilizzo di piattaforme tecnologiche di gestione delle riunioni e di mantenersi in contatto con le persone che fruiscono dei centri e dei servizi. I tempi di accelerazione dei percorsi di apprendimento dell’utilizzo e dell’acquisizione dei supporti tecnologici, ha modificato le modalità operative del nostro fare e ora il percorso di innovazione digitale deve proseguire». (lo.mi.) 

Nella foto (tratta dalla pagina Facebook di Seacoop): esercizi di fisioterapia al centro diurno Ali Blu di Castel San Pietro

Il bilancio sociale 2020 di Seacoop, 912 utenti in asili, servizi per l’infanzia, residenze anziani e a domicilio
Economia 16 Agosto 2021

Dopo 15 anni cambio al vertice di Trascoop, Alsen Martelli subentra a Bruno Baroncini nel ruolo di presidente

Cambio al vertice della cooperativa Trascoop di Castel San Pietro. Dopo 15 anni e cinque mandati, Bruno Baroncini ha lasciato la carica di presidente ad Alsen Martelli. Baroncini, prossimo ai 65 anni, è in azienda dal 1982. «Alsen era il mio vice da sei anni e mio collaboratore da una vita, è cresciuto con me, come gli altri ragazzi – spiega Baroncini -. Non abbiamo quasi mai “pescato” dall’esterno, ma abbiamo fatto crescere le figure nostre, tramandando filosofia e valori della cooperativa, anche se è sempre più difficile».

Martelli, che compirà 48 anni a novembre, proviene da una famiglia di cooperatori. Suo padre Paolo, scomparso poche settimane fa, era infatti tra i fondatori, e per 30 anni presidente, della cooperativa che ha rilanciato lo Zappettificio Muzzi, facendone un’azienda leader nei ricambi di macchine agricole. «La cooperativa è la mia vita – racconta Alsen -. Ho ricevuto questa carica con molto orgoglio, perché la nostra azienda rappresenta la cooperazione sana. Sono grato a chi mi ha preceduto, se non ci fosse stato chi ha fatto nascere e crescere la Trascoop e senza le lotte di oltre cento anni fa, noi non ci saremmo». Il rinnovamento è completato dall’elezione di Daniele Roncassaglia, 45 anni, a nuovo vicepresidente. (mi.ta.) 

Approfondimenti su «sabato sera» del 29 luglio 

Nella foto: Alsen Martelli (a sinistra) e Bruno Baroncini

Dopo 15 anni cambio al vertice di Trascoop, Alsen Martelli subentra a Bruno Baroncini nel ruolo di presidente
Economia 9 Agosto 2021

Coop Reno, una «postazione umarell» al cantiere del nuovo centro direzionale a Castel Guelfo

Nell’area industriale di Castel Guelfo proseguono da novembre i lavori per la realizzazione del nuovo centro direzionale di Coop Reno. Sulla recinzione lungo via Fornace nei giorni scorsi è spuntata anche una «postazione Umarell», con due oblò da cui i curiosi possono seguire l’avanzamento dei lavori. «Se passate – questo lo spiritoso appello postato sulla pagina Facebook della cooperativa di consumatori, accompagnato dall’hashtag “umarellcoopreno” – mandateci almeno una foto da Umarell “seria”, quindi rigorosamente con le mani dietro la schiena».

Il complesso comprenderà quattro edifici principali, connessi tra loro all’interno di un grande parco dedicato ad attività ricreative e sportive e dotato di aree gioco per bambini. Il termine dei lavori è previsto per la prossima primavera. (lo.mi.) 

Nella foto: la «postazione umarell» al cantiere del nuovo centro direzionale di Coop Reno a Castel Guelfo

Coop Reno, una «postazione umarell» al cantiere del nuovo centro direzionale a Castel Guelfo
Economia 19 Luglio 2021

Eccellenze del made in Italy, accordo tra Sacmi e Bnl a sostegno dei fornitori strategici del gruppo cooperativo imolese

Sacmi e Bnl (gruppo Bnp Paribas) hanno siglato un accordo per supportare le aziende fornitrici che producono beni strumentali per il gruppo cooperativo imolese, valutate dallo stesso strategiche ed efficienti. L’accordo, che consentirà alle imprese dell’indotto Sacmi di migliorare la valutazione del merito creditizio in condivisione con la capofiliera, si inserisce nel quadro del Programma Sviluppo eccellenze del Made in Italy, in virtù del quale Bnl sta stringendo accordi con varie aziende a capo di una filiera, per sostenere finanziariamente fornitori e imprese collegati, favorendo l’accesso al credito e offrendo condizioni e pricing competitivi, dando loro la possibilità di migliorare e innovare l’offerta e sfruttare opportunità di export e apertura ai mercati internazionali, grazie anche al network globale di Bnp Paribas.

«ll rapporto di Sacmi con i propri fornitori strategici – sottolinea il presidente, Paolo Mongardi – è costruito, storicamente, su una base di partnership, in una logica di arricchimento reciproco e di trasferimento di know how. Come gruppo Sacmi crediamo nella fiducia e nella responsabilità reciproca cliente-fornitore come vettore fondamentale di sviluppo e crescita sia sul core business sia sui nuovi prodotti e mercati. Ecco perché riteniamo importante mettere la solidità industriale e finanziaria del gruppo al servizio dei nostri partner, specialmente laddove originano competenze e prodotti strategici per i business Sacmi».

«Bnl è da tempo al fianco di Sacmi – ha commentato Regina Corradini D’Arienzo, responsabile divisione Corporate banking – e crede nel know how altamente specializzato di questo gruppo, come di tante altre realtà industriali del Paese». (lo.mi.)

Nella foto: il quartier generale di Sacmi a Imola

Eccellenze del made in Italy, accordo tra Sacmi e Bnl a sostegno dei fornitori strategici del gruppo cooperativo imolese
Economia 15 Luglio 2021

Unicoop festeggia mezzo secolo… ristrutturando

Unicoop compie 50 anni e sta sfruttando bonus e superbonus per sistemare gli immobili con interventi a Imola in centro storico e nei quartieri. Per diventare socio però c’è una lista d’attesa di 90 persone.

La cooperativa imoelse a proprietà indivisa, inoltre, ha ristrutturato e venduto i 26 appartamenti nei due edifici ex Cesi di via Pertini a Medicina, abbandonati da anni e già motivo di lamentele tra i residenti. (r.e.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 15 luglio.

Unicoop festeggia mezzo secolo… ristrutturando

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast