Cronaca

In arrivo a Castel San Pietro la Casa del volontariato in cui saranno condivisi progetti e servizi

In arrivo a Castel San Pietro la Casa del volontariato in cui saranno condivisi progetti e servizi

Dopo il Coordinamento del volontariato, con sede nell’ex asilo nido di via Manzoni, e la Casa della salute, aperta all’interno dell’ospedale di viale Oriani, l’Amministrazione comunale ha messo a disposizione delle associazioni attive in ambito socio-sanitario un nuovo spazio, ribattezzato Casa del volontariato. «Un contenitore fondamentale come luogo di elaborazione di progetti – chiarisce però il sindaco Fausto Tinti – ma non una sede per le associazioni», che in effetti già occupano gli spazi degli altri due luoghi citati.

A sciogliere qualche dubbio su cosa troverà praticamente posto nella nuova Casa del volontariato (che dopo la ristrutturazione a carico del Comune dovrebbe essere operativa dalla prossima estate) è il dottor Alessandro Di Silverio, urologo dell’Ausl di Imola e consigliere comunale con delega alla Sanità. «La Casa del volontariato sarà un luogo dove le associazioni potranno lavorare insieme a progetti comuni e per offrire servizi condivisi – spiega -. Il progetto preciso e completo è ancora in fase di stesura da parte delle associazioni che hanno già manifestato un loro interesse. Lì troverà spazio, ad esempio, un centralino unico per la gestione dei trasporti offerti dalle diverse realtà attive nel territorio comunale come Auser, Pubblica assistenza Paolina, Croce rossa, Tradisan. Gli utenti potranno dunque trovare un’agenda condivisa chiamando un solo numero, mentre gli affezionati ad una precisa associazione potranno continuare a contattarla come sempre. Un altro servizio che potrà essere gestito unitamente è quello della distribuzione dei sacchetti alimentari di Caritas, che oggi avviene solo due volte a settimana ma alla Casa del volontariato potrà essere aperto tutte le mattine grazie alla collaborazione fra associazioni che condividono uno stesso scopo ed uno spazio unico».

Ad oggi sono una trentina le realtà castellane già registrate alla Casa del volontariato. Degli incontri operativi si sta occupando il Coordinamento del volontariato. Lo scopo è organizzare e gestire al meglio i 400 metri quadri della palazzina B attigua all’ospedale, dove prenderà avvio il nuovo progetto. L’Azienda Usl ha concesso lo spazio in questione all’Amministrazione di piazza XX Settembre per quattro anni a fronte di un affitto complessivo di 150 mila euro, che non sarà versato ma investito nella ristrutturazione dell’immobile stesso. (mi.mo.)

Il servizio completo è su «sabato sera» del 21 febbraio   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast