Cronaca

I carabinieri hanno riconsegnato degli antichi documenti al Comune di Castel San Pietro

I carabinieri hanno riconsegnato degli antichi documenti al Comune di Castel San Pietro

Il luogotenente Pierluigi Raimondo della stazione di Castel San Pietro ha consegnato nelle mani del sindaco Fausto Tinti dei documenti risalenti all’inizio del XIX secolo di proprietà del Comune.

La restituzione è avvenuta al termine di un’indagine che era partita in un mercatino dell’antiquariato nella città di Pesaro a cura del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Ancona guidato dal comandante Ten. Col. Carmelo Grasso. Poi l’indagine si era sviluppata in Emilia Romagna, sotto la competenza del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bologna guidato dal comandante Ten. Col. Giuseppe De Gori, con il ritrovamento di numerosi documenti provenienti da Comuni di diverse regioni italiane a casa di un privato che li metteva in vendita. Si tratta in parte di scarti non autorizzati o non distrutti, in parte documenti trafugati, entrati nel mercato illegale e gli ammanchi sono avvenuti in periodi non definiti. (r.cr.)

Nella foto: la consegna dei documenti al sindaco di Castello Fausto Tinti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast