Cronaca

A trent’anni dalla strage di Capaci a Imola studenti in marcia per il valore della legalità

A trent’anni dalla strage di Capaci a Imola studenti in marcia per il valore della legalità

«La marcia dei valori» l’hanno chiamata gli studenti. Perché è dai valori che nasce, cresce e germoglia la legalità. Così domani, lunedì 23 maggio, data in cui trent’anni fa la mafia uccise i magistrati Giovanni Falcone e Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, i ragazzi delle scuole medie e superiori imolesi si ritroveranno alle 9 nel cortile delle scuole Carducci, da dove tutti insieme raggiungeranno, in corteo, piazza Matteotti. Ad aspettarli ci sarà il sindaco Marco Panieri, i rappresentanti di ConCittadini (Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna) e Tiziana Di Masi attrice di Teatro Civile, vincitrice del premio Cultura contro le mafie che presenterà alcuni estratti del suo spettacolo #Iosiamo che racconta le «persone più belle d’Italia».

L’iniziativa, a cui ha collaborato e dato il proprio sostegno il Comune di Imola, ha come capofila l’Istituto comprensivo 6 con il coinvolgimento degli altri Istituti comprensivi, delle scuole superiori (solo classi del biennio), del sindacato di polizia Siulp, del- le associazioni Scuolare Aps e Genitori crescere insieme, Avviso Pubblico (Enti locali e Regioni contro mafie e corruzione) e ConCittadini Assemblea legislativa-Regione Emilia Romagna, dell’Arma dei carabinieri e di Libera. (r.cr.)

Murales a Palermo dedicato a Falcone e Borsellino, i due magistrati uccisi dalla mafia nel 1992 (foto Elisabetta Marchetti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook