Economia

Siccità, la Regione dichiara stato di emergenza, vietato sprecare l'acqua, Castello ha già l'ordinanza

Siccità, la Regione dichiara stato di emergenza, vietato sprecare l'acqua, Castello ha già l'ordinanza

La grave crisi del Po, il grande fiume ormai ridotto ad un rigagnolo, rimbalza fino alle nostre zone. L”Emilia Romagna ha decretato lo stato di emergenza, il primo passo per chiedere il riconoscimento anche al Governo e i Comuni stanno emettendo le ordinanze che, tra le altre cose, vietano il prelievo di acqua potabile per orti, giardini, o lavare l”auto durante il giorno. 

Il sindaco di Castel San Pietro, Fausto Tinti, ad esempio, ha già firmato l”ordinanza che vieta fino al 30 settembre, durante la fascia oraria compresa tra le ore 8 e le 21, il prelievo di acqua potabile per uso extra-domestico. Imola sta seguendo a ruota.

“La situazione è grave, con valori di deficit importanti” dice l”Arpae. 

Per fortuna abbiamo il Cer, ma neppure il Canale emiliano romagnolo gode di ottima salute. “Per la prima volta a giugno le pompe pescano sotto i 3 metri, se arriviamo a 2,50 si fermano”. (r.cr.)

Approfondimento completo sul “Sabato Sera” da domani in edicola con il parere anche di Montuschi (Bonifica Romagna Occidentale) e le previsioni sul clima di Ravaldi (Rete Meteo Scarabelli). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook