Cronaca

Imola 22 Settembre 2020

Imola2020, ripartizione seggi in Consiglio comunale: 12 vanno al Pd, entrano anche Imola Corre e Imola Coraggiosa

Lo scrutinio è terminato e il candidato del centrosinistra Marco Panieri ha vinto nettamente con il 57,42%. Per la maggioranza, che beneficia in base alla legge elettorale del premio pari al 60% dei seggi disponibili, ci sono 15 consiglieri su 24 in totale (oltre al sindaco); i seggi sono così ripartiti tra le liste: 12 per il Partito democratico, 2 Imola Corre e 1 Imola Coraggiosa. 

Per la coalizione di centrodestra, invece, entrano in consiglio comunale il candidato sindaco Daniele Marchetti e altri 6 consiglieri (4 della Lega e 2 di Fratelli d”Italia). Entrano come consiglieri anche i candidati sindaci Carmen Cappello ed Ezio Roi (M5s). Escluso Andrea Longhi, la cui lista non ha raggiunto la soglia del 3%.

Nella foto: la sala del Consiglio comunale di Imola

Imola2020, ripartizione seggi in Consiglio comunale: 12 vanno al Pd, entrano anche Imola Corre e Imola Coraggiosa
Imola 22 Settembre 2020

#Imola2020, Marco Panieri nuovo sindaco con il 57,42% dei voti. I risultati finali degli scrutini

Ufficiosamente lo era già da ore, ma ora è ufficiale. Marco Panieri è il nuovo sindaco di Imola. Concluso lo scrutinio delle 62 sezioni il candidato del centrosinistra ha vinto con il 57,42% (20.558 voti) davanti a Daniele Marchetti (26,73% – 9.569 voti), Carmen Cappello (7,54% – 2.698 voti), Ezio Roi (6,30% – 2.257 voti) e Andrea Longhi (2,02% – 723 voti). (da.be.)

Nella foto: Marco Panieri

#Imola2020, Marco Panieri nuovo sindaco con il 57,42% dei voti. I risultati finali degli scrutini
Cronaca 22 Settembre 2020

Assassinato l’arbitro Daniele De Santis, in passato aveva diretto tre volte l’Imolese

Ha creato grande sgomento nel mondo del calcio il duplice omicidio di Lecce, in cui sono rimasti coinvolti l’arbitro Daniele De Santis e la sua compagna.

Il giovane fischietto pugliese, accoltellato a morte sulle scale del proprio condominio, aveva diretto due volte l’Imolese in serie C: a San Benedetto del Tronto, nell’ottobre 2018 (2-1 per i marchigiani) e a Fermo nell’ultima stagione, quando i rossoblù si imposero per 1-0 con gol di Sall. Un precedente risale addirittura al 2015/2016, in serie D, con l’Imolese vincente per 2-1 al Romeo Galli sulla Ribelle. (r.s.)

Nella foto: Daniele De Santis

Assassinato l’arbitro Daniele De Santis, in passato aveva diretto tre volte l’Imolese
Cronaca 22 Settembre 2020

Imola 2020, Marco Panieri sindaco al primo turno. E anche a Faenza vince nettamente Massimo Isola

Marco Panieri è il nuovo sindaco di Imola. Il candidato del centrosinistra già certo della vittoria al primo turno a poco meno della metà dei seggi scrutinati. Panieri guida infatti con una percentuale del 57,06% (7.742 voti), davanti al candidato del centrodestra Daniele Marchetti (27,65%, 3.751 voti). Molto staccati la civica Carmen Cappello con il 7,3% (991 voti) e Ezio Roi del Movimento 5 Stelle con il 5,99% (813 voti). Chiude la classifica Andrea Longhi con il 2% (271 voti).

Già certo della vittoria anche Massimo Isola nella vicina Faenza. Il candidato di centrosinistra (che comprende in caso anche il Movimento 5 Stelle) a 35 sezioni su 57 è in testa con il 59,49% (10.884 voti), oltre 20 punti in più rispetto al principale avversario, Paolo Cavina, candidato di centrodestra, attualmente al 38,40% (7.026 voti). Poche manciate di voti sono andate invece agli altri due contendenti. (r.cr.)

Nella foto Isolapress l”esultanza di Marco Panieri e dei suoi sostenitori davanti alla sede elettorale

Imola 2020, Marco Panieri sindaco al primo turno. E anche a Faenza vince nettamente Massimo Isola
Imola 22 Settembre 2020

#Imola2020, chi sarà il nuovo sindaco? Lo spoglio delle schede in diretta

Ci siamo. Chiuse le votazioni, alle 9 di oggi è iniziato lo spoglio delle schede nelle 62 sezioni di Imola. Chi sarà il nuovo sindaco? Seguite i dati aggiornati sugli scrutini che il Comune renderà noto anche in tempo reale.

62 sezioni su 62: Daniele Marchetti 26,73% (9.569 voti); Marco Panieri 57,42% (20.558 voti); Carmen Cappello 7,54% (2.698 voti); Ezio Roi 6,30% (2.257 voti); Andrea Longhi 2,02% (723 voti) 

52 sezioni su 62: Daniele Marchetti 27,18% (8.114 voti); Marco Panieri 56,99% (17.011 voti); Carmen Cappello 7,46% (2.231 voti); Ezio Roi 6,29% (1.878 voti); Andrea Longhi 2,07 (617 voti) 

41 sezioni su 62: Daniele Marchetti 27,47% (6.239 voti); Marco Panieri 56,76% (12.894 voti); Carmen Cappello 7,55% (1.716 voti); Ezio Roi 6,14% (1.394 voti); Andrea Longhi 2,08 (472 voti) 

31 sezioni su 62: Daniele Marchetti 28,02% (4.765 voti); Marco Panieri 56,35% (9.582 voti); Carmen Cappello 7,43% (1.264 voti); Ezio Roi 6,12% (1.041 voti); Andrea Longhi 2,06 (351 voti) 

25 sezioni su 62Daniele Marchetti 27,65% (3.751 voti); Marco Panieri 57,06% (7.742 voti); Carmen Cappello 7,30% (991 voti); Ezio Roi 5,99% (813 voti); Andrea Longhi 2,00 (272 voti) 

17 sezioni su 62Daniele Marchetti 27,55% (2.387 voti); Marco Panieri 56,45% (4.891 voti); Carmen Cappello 7,66% (664 voti); Ezio Roi 6,04% (523 voti); Andrea Longhi 2,30 (199 voti) 

8 sezioni su 62: Daniele Marchetti 27,83% (1.128 voti); Marco Panieri 55,37% (2.244 voti); Carmen Cappello 8,19% (332 voti); Ezio Roi 6,27% (254 voti); Andrea Longhi 2,34 (95 voti) 

Nella foto: i cinque candidati sindaco

#Imola2020, chi sarà il nuovo sindaco? Lo spoglio delle schede in diretta
Cronaca 22 Settembre 2020

Grosso guasto alla rete idrica di Medicina, tecnici di Hera al lavoro in via Battisti

Guasto alle rete idrica di Medicina che ha lasciato diverse famiglie senz”acqua. La segnalazione, fanno sapere da Hera, «è arrivata questa notte. I reperibili del pronto interventosi sono recati sul posto e hanno iniziato tutte le verifiche per individuare il punto preciso della rottura e poter procedere così il più celermente possibile alla sua riparazione. Il punto di rottura è stato individuato in via Battisti, angolo via Resistenza, e stiamo già procedendo alla riparazione che, salvo inconvenienti, terminerà entro la giornata di oggi».

Molti medicinesi si sono lamentati dell”assenza di acqua dai rubinetti. «Grazie all”interconnessione delle reti, l”alimentazione alle utenze è comunque garantita da altre condotte. Ci può essere però un problema di bassa pressione che, a macchia di leopardo, e soprattutto in caso di piani alti ma non solo, potrebbe dare origine a un servizio limitato o assente». (gi.gi.)

Foto d’archivio

Grosso guasto alla rete idrica di Medicina, tecnici di Hera al lavoro in via Battisti
Cronaca 22 Settembre 2020

Gev in difesa dell’ambiente, da Imola fino al Costarica

Sedici sacchi di rifiuti raccolti in un solo pomeriggio lungo via Braglia a Castel San Pietro. Li hanno raccolti a fine agosto le Gev imolesi, acronimo che sta per Guardie ecologiche volontarie, corpo regionale che si occupa di ambiente in collaborazione con le amministrazioni e gli enti parco. Le Gev di Imola, che in città hanno una sede dalla metà degli anni Novanta, attual- mente sono una trentina di volontari con un terzo di «quote rosa».

Nel corso dell’estate si sono occupate di diverse azioni di pulizia ambientale. «Un’azione utile e importante per l’ambiente sia per la pulizia in sé dai piccoli rifiuti che infestano la natura, sia come buon esempio per la popolazione che assiste all’intervento» spiega la Gev imolese Paola Bacchi. Dall’emergenza sanitaria, alcune delle attività delle Gev si sono fermate. Come l’informazione e l’educazione ambientale nelle scuole, «che promuoviamo direttamente nelle classi ma anche con attività di pulizia dei parchi e altri appuntamenti all’aria aperta e a contatto con la natura – precisa il coordinatore, Massimo Salvini -. Per l’autunno abbiamo in programma incontri forma- tivi aperti al pubblico».

Fra i compiti delle Gev c’è anche la vigilanza del territorio sotto molteplici aspetti di carattere ambientale: caccia e pesca, flora normata e protetta, fauna minore, benessere animale e anagrafe canina, parchi e aree protette, inquinamento luminoso, spandimenti scorretti in agricoltura, ciclo dei rifiuti. Nell’esercizio delle loro funzioni le Gev possono procedere all’accertamento di illeciti di natura amministrativa nell’ambito della legislazione sulla tutela dell’ambiente, ovvero fare sanzioni che «hanno valore di educazione ambientale per chi non ha imparato diversamente il rispetto dell’am- biente» commenta Salvini. Attualmente le Gev hanno convenzioni attive con i comuni di Castel San Pietro, Medicina, Ozzano (dove il corpo provinciale conserva i mezzi di protezione civile in comodato) e i comuni della vallata. «Ma intendiamo crescere per numero di soci e di interventi» si augura il coordinatore. Non solo Imola e circondario. Grazie ad un progetto di cooperazione internazionale e al gemellaggio tra Federgev e il governo del Costarica, le Gev operano volontariamen- te anche oltreoceano nella gestione dei parchi locali (mi.mo)

L’articolo completo su «sabato sera» del 17 settembre.

Nella foto: la pulizia di via Braglia a Castello

Gev in difesa dell’ambiente, da Imola fino al Costarica
Cronaca 21 Settembre 2020

Coronavirus, primo caso positivo in una scuola superiore di Imola, tampone negativo per i compagni di classe

Nella giornata odierna ancora un nuovo positivo asintomatico refertato dall”Ausl di Imola, non si tratta di una persona che risiede nel circondario ma di uno dei profughi afgani che si erano nascosti nel cassone frigorifero di un camion diretto ad Ancona, scoperti e soccorsi dai carabinieri a Castel San Pietro. Ora il giovane è sottoposto a quarantena fiduciaria.

Sabato scorso, invece, era stata accertata la positività di uno studente di una classe prima del Liceo scientifico di Imola. Il ragazzo si trovava già in isolamento da giovedì in quanto contatto stretto di un altro caso accertato. “Questa positività ha fatto scattare, sin dallo stesso pomeriggio di sabato, la procedura di tamponatura dei compagni di classe, risultati tutti negativi” precisano dall”Ausl. In pratica tampone negativo per tutti gli altri ragazzi.

Inoltre il relativo sopralluogo del Dipartimento di Sanità pubblica, supportato dal referente scolastico Covid e dalla dirigenza dell”istituto, ha accertato che “le misure di prevenzione erano state garantite e pertanto docenti e studenti hanno potuto proseguire le attività scolastiche in presenza, ancorché con la richiesta di mantenere i dispositivi di protezione individuale anche da posizione statica, come previsto dalle procedure in questi casi” concludono dall”Azienda sanitaria. Quindi oggi i compagni di classe sono andati a scuola ma tenendo sempre la mascherina.

Il totale di casi dell”imolese sale quindi oggi a 553 da inizio pandemia, di cui 92 sono quelli ancora attivi (positivi), tra asintomatici e malati. Tra sabato e domenica sono stati 8 i nuovi positivi complessivi registrati: 3 di Imola, 3 di Castel San Pietro, 1 di Mordano, 1 di Borgo Tossignano. All”indagine epidemiologica sono risultati rientrati da vacanze in Italia (2 casi) e da Paese extra UE (1 caso),  gli altri sono contatti mente 2 sono sporadici, cioè non è stato possibile risalire ad un contagio certo. Hanno fatto da contraltare anche 8 guarigioni.

Nel resto dell”Emilia Romagna oggi sono 116 i nuovi casi positivi, di cui 60 asintomatici, e l”età media è di 36 anni. I casi ancora attivi in regione sono 4.618. Purtroppo oggi si registra anche un nuovo decesso: un uomo di 96 anni della provincia di Parma.

Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.428, il 95% dei casi attivi. I pazienti in terapia intensiva sono 23 (+4 rispetto a ieri), mentre i ricoverati negli altri reparti Covid 167 (-2). (l.a.)

Coronavirus, primo caso positivo in una scuola superiore di Imola, tampone negativo per i compagni di classe
Cronaca 21 Settembre 2020

Oggi si celebra la XXVII giornata mondiale dell’Alzheimer, numeri e obiettivi dell’Ausl di Imola

Oggi, lunedì 21 settembre, ricorre la XXVII giornata mondiale dell’Alzheimer. Per la prima volta dopo tanti anni, però, non sarà celebrata con il consueto Convegno formativo organizzato dall’Associazione Alzheimer Imola in collaborazione con l’Azienda sanitaria. Questo però non ferma il lavoro della rete dei servizi costruita ed alimentata negli anni per sostenere i malati di demenza e le loro famiglie. «La pandemia ha fermato molteplici attività della nostra Associazione, anche se abbiamo sempre cercato di continuare a supportare le famiglie e i malati durante questo faticoso periodo – spiega Lucia Valtancoli, presidente dell”Associazione Alzheimer Imola – Da alcune settimane però gli sportelli di ascolto dell”Associazione hanno riaperto i battenti nella nostra sede dell”area ex Lolli (piano primo entrata dalla portineria di Piazzale G. Dalle Bande Nere 11) il sabato mattina dalle ore 9 alle ore 11 e presso Casa Cassiano Tozzoli il mercoledì dalle ore 16 alle ore 18. Anche Caffè Alzheimer ha ripreso le attività al Centro Sociale La Stalla, attenendosi scrupolosamente alle misure di prevenzione del contagio da Covid-19. Inoltre, L”Associazione sta vagliando per il nuovo anno l”attivazione di nuove opportunità dedicate agli ammalati ed ai loro famigliari, nuovi servizi che sarebbero dovuti  già partire nel 2020 e che la pandemia ha solo rinviato al 2021».

La collaborazione tra Ausl ed Associazione Alzheimer Imola sarà a breve suggellata da una convenzione che garantirà la realizzazione in forma integrata di percorsi di supporto alle persone con demenza e alle loro famiglie, sviluppando e qualificando gli interventi e favorendo la massima integrazione tra attività sanitarie, socio-sanitarie e di socializzazione. Tra le attività che sarà possibile potenziare, anche grazie ad un fondamentale contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, la valutazione neuropsicologica di secondo livello e le attività di stimolazione cognitiva per pazienti affetti da demenza di grado lieve o moderato.

Un altro obiettivo in agenda all’Azienda sanitaria è il rafforzamento del percorso diagnostico-terapeutico delle demenze, che ha nel Centro Disturbi Cognitivi aziendale il proprio punto di accesso principale. Nei primi 6 mesi del 2020, nonostante il Covid-19, il Centro Disturbi Cognitivi, che ha in carico oltre 1000 pazienti, ha eseguito 183 prime visite, definito 230 diagnosi di demenza e 71 di rischio di evoluzione in demenza. (da.be.)

Oggi si celebra la  XXVII giornata mondiale dell’Alzheimer, numeri e obiettivi dell’Ausl di Imola
Cronaca 21 Settembre 2020

Nel circondario il Sì vince con oltre il 70% dei voti, la riduzione del numero dei parlamentari è legge

Nessuna sorpresa nel territorio del circondario imolese per quanto riguarda i risultati del referendum confermativo costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari. Con una percentuale ancora più netta rispetto all’esito nazionale, il Sì ha sbaragliato il No, piazzandosi in tutti i comuni del territorio, Imola esclusa, tra il 70 e l’80%. Solo nella città maggiore, infatti, il Sì resta sotto al 70%, ma si afferma comunque nettamente con il 68,84%. A spoglio finito, il Sì ha vinto nel circondario con una media del 70,14% dei voti. A Ozzano Emilia la percentuale finale è stata invece del 70,37%.

Il verdetto dello spoglio delle schede referendarie nel territorio italiano è dunque inequivocabile: gli italiani si sono espressi per confermare la riforma costituzionale che porta da 630 a 400 il numero dei deputati della Camera e da 315 a 200 quello dei senatori elettivi, con una riduzione di circa il 36% del totale dei membri dei due rami del parlamento. La riforma, secondo le stime, dovrebbe portare a un risparmio annuo di 80 milioni di euro circa, ma cambia il rapporto di rappresentanza parlamentari/cittadini. La riduzione si applicherà, lo ricordiamo, dalle prossime elezioni politiche. (r.cr.)

Nella tabella il riepilogo del voto referendario nel circondario imolese

Nel circondario il Sì vince con oltre il 70% dei voti, la riduzione del numero dei parlamentari è legge

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast