Cronaca

Cronaca 12 Luglio 2019

Assessori compagni di scuola e priorità per il sindaco di Fontanelice Meluzzi: «Sfalcio e Fiera Agricola sono importanti»

La prima esperienza politica è un po’ come il primo amore, non si scorda mai. Facile immaginare sarà così anche per Gabriele Meluzzi che, con la lista Insieme per Fontanelice, ha vinto le amministrative dello scorso 26 maggio ed è diventato sindaco con il 47,53%. Primo compito, ovviamente, la nomina della Giunta che lo accompagnerà, nei prossimi cinque anni, alla guida del piccolo paese della vallata.  La scelta è caduta su due assessori sui quali svela anche un curioso aneddoto: «Sono stati compagni di scuola sia alle elementari che alle medie».  Si tratta di Matteo Ronchini, trentottenne nato e cresciuto in paese. Perito metalmeccanico alla Mas di Imola, vive con la compagna, una figlia di sette anni e un figlio di un anno. Per lui, oltre alla carica di vicesindaco, ci sono le deleghe ad Agricoltura, Attività produttive e Attività venatoria, Tutela dell’ambiente, Sport e Tempo libero, Rapporti con le associazioni, Politiche per le frazioni. «Ho pensato a lui per questi incarichi, perché sono argomenti di suo interesse» spiega il sindaco. L’altro nome è quello di Alice Suzzi, anche lei trentottenne con un figlio di vent’anni e una figlia di sette. In vallata da sempre, gestisce il Bar Cacciatori a Fontanelice. Per lei deleghe a Sanità, Servizi sociali e assistenza, Politiche giovanili, Pari opportunità e Politiche per l’integrazione, Cultura e Servizi bibliotecari, Turismo e Promozione del territorio, Sicurezza.

Lo stesso primo cittadino ha tenuto per sé alcune deleghe «di peso» perché «non avrebbe avuto senso affidarle ad altri dal momento che io stesso devo prendere confidenza col funzionamento della “macchina comunale”». Si occuperà, quindi, di Pianificazione del territorio, Urbanistica ed Edilizia, Bilancio e Tributi, Personale e Organizzazione dei servizi comunali, Lavori pubblici, Verde pubblico ed Edilizia residenziale pubblica, Pubblica istruzione, Promozione e valorizzazione del Museo Mengoni, Rapporti con enti locali e Protezione civile. Un mese e mezzo di lavoro è troppo poco per fare un primo bilancio. Per il momento le attenzioni di Meluzzi si sono concentrate sul «prendere contatti con enti ed istituzioni e conoscere dirigenti e tecnici con cui dovrò confrontarmi negli anni a venire. Ne ho approfittato per cercare di affrontare fin da subito anche alcune questioni relative al personale – aggiunge -. Ad esempio, ho sensibilizzato i cantonieri comunali sull’importanza dello sfalcio dell’erba, soprattutto nelle aree gioco dei bambini». Giusto guardare al futuro, ma esistono anche priorità da ottemperare nel breve periodo come «la tradizionale Fiera Agricola, in programma per domenica 8 settembre. Entrambi gli assessori sono già al lavoro per l’organizzazione e stiamo pensando di anticipare la manifestazione aggiungendo anche il sabato sera. (d.b.)

L”articolo completo su «sabato sera» dell”11 luglio.

Nella foto: la nuova Giunta di Fontanelice. Da sinistra Matteo Ronchini. Gabriele Meluzzi e Alice Suzzi

Assessori compagni di scuola e priorità per il sindaco di Fontanelice Meluzzi: «Sfalcio e Fiera Agricola sono importanti»
Cronaca 12 Luglio 2019

Al lavoro per la progettazione della rotonda sulla via Emilia grazie all’accordo Md Invest

Lo studio Grande Sole di Budrio, guidato dagli ingegneri Stefano Barozzi e Stefano Marzadori, si occuperà della progettazione preliminare (o meglio, come si chiama oggi, del documento di valutazione tecnico economico delle alternative progettuali) per la rotonda tra la via Emilia, via Cova (San Carlo) e viale Roma. Uno dei punti critici della viabilità castellana per via delle lunghe file che si formano al semaforo che regola il traffico tra statale, accesso al centro della cittadina termale e innesto della provinciale verso le zone industriali e il casello dell’autostrada.

Ad assegnare l’incarico ai tecnici budriesi è la bolognese Md Invest Srl, proprietaria dei terreni che fanno capo all’ambito produttivo denominato Asp.An2.1. Oggi un grande rettangolo di terreno tra via San Biagio e l’autostrada, dove via Ca’ Bianca e la zona industriale omonima sfumano nei campi. L’ambito fa parte di quelli inseriti nel Poc approvato il 21 marzo scorso dal Consiglio comunale castellano e poggia su un piano di sviluppo legato alla Comet, il gruppo bolognese specializzato nella grande distribuzione di elettrodomestici e materiale elettrico, che dovrebbe realizzarvi un grande magazzino-logistica ed uffici, con una possibile quota di commercio al dettaglio. A titolo di perequazione urbanistica, è previsto che Md Invest ceda al Comune l’equivalente di poco più di 1,2 milioni di opere pubbliche per la viabilità di cui 700 mila euro, più Iva, per la realizzazione entro sei mesi della progettazione definitiva di una di queste.

Da qui l’incarico allo studio Grande Sole per la famosa rotonda sulla via Emilia, come da indicazione arrivata dalla stessa Giunta Tinti un paio di mesi fa. «Poi il Comune potrà decidere come procedere per la progettazione esecutiva – precisa Angelo Premi, dirigente dell’ufficio tecnico castellano -, soprattutto avrà una soluzione tecnica e un’ipotesi di costo per poter interloquire con gli altri enti competenti, cioè la Città metropolitana (ex Provincia) e forse Anas. Interrogarli ora sarebbe prematuro». (l.a.)  

Altri particolari sul “sabato sera” dell’11 luglio 

Nella foto il semaforo oggi tra la via Emilia, via Roma e via Cova (San Carlo)

Al lavoro per la progettazione della rotonda sulla via Emilia grazie all’accordo Md Invest
Cronaca 12 Luglio 2019

Incidente sulla Montanara, 87enne trasportato in gravi condizioni al Maggiore

Un grave incidente è avvenuto questa mattina, intorno alle 8.30, sulla Montanara in località Ponticelli, all”altezza del civivo 330, poco lontano dalla chiesa di San Savino in Mezzocolle.

Secondo una prima ricostruzione della polizia municipale un autocarro Man, condotto da un 39enne imolese, mentre viaggiava in direzione Imola, ha urtato un 87enne, residente sulla Montanara, che pedalava in sella alla propria bici sullo stesso lato della carreggiata. Non è ancora chiaro, però, dalla dinamica se il ciclista pedalasse nel medesimo senso di marcia dell”autocarro.

Sul posto i sanitari del 118 che hanno trasportato l”87enne all”ospedale di Imola, ma per le lesioni gravi riportate si è reso necessario il trasferimento al Maggiore di Bologna dove si trova tuttora ricoverato nel reparto di rianimazione in prognosi riservata. Ora sull”incidente, come riferito dalla stessa polizia municipale, sta indagando la Procura che ha subito messo sotto la sequestro la bicicletta e aperto un procedimento nei confronti del conducente dell”autocarro. Per lui è scattata una denuncia per lesioni gravi, in attesa che vengano accertate tutte le responsabilità. (d.b.)

Nella foto (Isolapress): il luogo dell”incidente

Incidente sulla Montanara, 87enne trasportato in gravi condizioni al Maggiore
Cronaca 12 Luglio 2019

Bloccano un'anziana in auto e si spacciano per agenti delle Forze dell'Ordine, denuncia e foglio di via per due donne

Una denuncia per sostituzione di persona in concorso e il foglio di via obbligatorio dalla città. Sono questi i provvedimenti presi dai carabinieri di Imola nei confronti di due donne bolognesi, una di 27 e l”altra di 25 anni.

L”episodio è avvenuto ieri pomeriggio in via Montericco. Secondo quanto ricostruito dai militari le donne avrebbero bloccato una 72enne imolese mentre era al volante della proprio auto, con la scusa di farle credere di appartenere alle Forze dell”Ordine. Le due malviventi, già note ai carabinieri per ricettazione, truffa e rapina, per fortuna sono state fermate dai militari prima che portassero a termine il loro piano, insospettiti dalla presenza di due auto ferme lungo la strada. (d.b.)

Foto concessa dai carabinieri di Imola

Bloccano un'anziana in auto e si spacciano per agenti delle Forze dell'Ordine, denuncia e foglio di via per due donne
Cronaca 11 Luglio 2019

Bretellina archiviata e studio di fattibilità per il ponte, le novità dell'assessore Minorchio. Soddisfatto Strade Future

Stop alla bretellina. L’assessore al l’Urbanistica Massimiliano Minorchio ha ammesso che l’ipotesi di completamento dell’asse attrezzato con un “intervento light” rispetto al progetto originario è stata accantonata. La notizia è emersa durante la commissione consigliare dedicata all’aggiornamento del Documento unico di programmazione contenente anche il piano dei lavori pubblici per il triennio 2019-2021, che è stato poi l”argomento all’ordine del giorno del Consiglio comunale di martedì. Inoltre è stato anticipato al 2019 l’importodi 100 mila euro previsti per lostudio di fattibilità del ponte sul Santerno, previsto in un primo tempo nel 2020 «per accelerare il percorso e l’eventuale finanziamento dell’opera». Scelta che fa seguito alla disponibilità manifestata dalla Regione di impegnarsi per finanziare l”opera quando e se si sbloccherà e diventerà realtà il pacchetto dell”ampliamento dell”A14 a livello ministeriale e di Autostrade Spa.

Nel corso della commissione è stato il consigliere comunale Pd Fabrizio Castellari a porre all’assessore una domanda ben precisa: «Visto che nel 2020 rimaneva agli atti l’iscrizione del completamento dell’asse attrezzato – riassume – ho chiesto di chiarire una volta per tutte se, dopo la presa di posizione dell’assessore regionale Donini (durante l’incontro dello scorso 8 maggio organizzato dal Comitato Strade Future, Ndr) e dopo gli scambi con la Regione, c’era ancora in campo l’idea, secondo noi sbagliata, di aprire una nuova fase progettuale per passare a una bretella in forma più ridotta. L”assessore Minorchio ha risposto che quella proposta non è più incampo e che si è valutato conveniente, in termini di tempo e di risorse, rimanere sul progettoereditato dalla precedente amministrazione comunale». Via dunque l’ipotesi della mezza trincea, resta il progetto così come pensato in origine, ovvero il completamento dell’asse attrezzato con le stesse caratteristiche del tratto esistente. Nella parte più vicina a via Punta sarà realizzata una corsia per senso di marcia, ma con la predisposizione per la doppia corsia.

Marcia indietro, quindi, non senza un po” di mal di pancia nelle fila della maggioranza 5Stelle, e grande soddisfazione per il Comitato Strade Future che ha raccolto in pochi mesi oltre tremila firme di cittadini per chiedere alla Giunta Sangiorgi di soprassedere all”idea della “bretellina”, caldeggiata per risparmiare e investire in altre opere di viabilità ritenute prioritarie. «Abbiamo appreso con soddisfazione – si legge nel comunicato stampa – che la voce di oltre tremila cittadini è stata ascoltata dall’Amministrazione comunale di Imola e che l’assessore Minorchio ha confermato di aver raggiunto una intesa con la Regione Emilia Romagna per portare a termine la bretella e avviare lo studio perla realizzazione del nuovo ponte sul Santerno. E’ un risultato importante perché può garantire alla nostra città due opere strategiche per la mobilità e i trasporti. Siamo contenti perché il nostro è un comitato pro e non contro: l’obiettivo non è maistato fare la guerra a qualcuno, ma contribuire a migliorare la città».

Altri particolari sul “sabato sera” dell”11 luglio.

Nelle foto l”assessore Massimiliano Minorchio e il consigliere dem Fabrizio Castellari

Bretellina archiviata e studio di fattibilità per il ponte, le novità dell'assessore Minorchio. Soddisfatto Strade Future
Cronaca 11 Luglio 2019

L'ex candidato sindaco dei 5Stelle Cristian Cavina: «Ho querelato per diffamazione il ministro Salvini»

«Il 1° luglio ho presentato ai carabinieri una denuncia per diffamazione nei confronti del ministro dell’Interno Matteo Salvini». Sono queste le parole di Cristian Cavina, vicepresidente del consiglio comunale medicinese e candidato sindaco del M5S durante l’ultima tornata elettorale. A spingerlo ad una decisione del genere contro il vicepremier leghista, collega di Governo del suo partito, è l’attacco nei confronti dei negozi che vendono cannabis light «considerati luoghi di “diseducazione di massa” dove ci sono “droghe” e si incentiva “l’uso e lo spaccio” di sostanze stupefacenti» ricorda lo stesso Cavina, facendo riferimento alle dichiarazioni di Salvini dell’8 maggio scorso.

Il consigliere pentastellato è il titolare del negozio CanapEssere di via Corridoni a Medicina dove «vendiamo dai prodotti alimentari e cosmetici a base di canapa, oggettistica per il benessere» precisa Cavina. «Salvini anche se è un ministro non è autorizzato a dire falsità che diffamano e contribuiscono a mettere in ginocchio un’intera categoria di imprenditori. L’avrei querelato anche se fosse stato un semplice cittadino, perché le proprietà curative dei nostri prodotti sono testimoniate da studi scientifici».

La sua iniziativa si prospetta come la punta dell’iceberg di una vera e propria mobilitazione. Infatti fa seguito a quella della collega Gessica Berti, proprietaria del negozio Weedoteca di Budrio, la prima a denunciare le parole del vicepremier. «Non faremo nessuna class action – precisa Cavina -. E’ meglio presentare tante querele singole, perché danno sicuramente più fastidio. Spero, inoltre, che il mio ruolo politico possa dare ulteriore visibilità a quest’azione che mira anche a fornire una corretta informazione sull’argomento». (d.b.)

L”articolo completo su «sabato sera» dell”11 luglio.

Nella foto: Cristian Cavina, titolare del negozio CanapEssere

L'ex candidato sindaco dei 5Stelle Cristian Cavina: «Ho querelato per diffamazione il ministro Salvini»
Cronaca 11 Luglio 2019

Scontro all'incrocio tra via Don Sturzo e via Laguna, auto si ribalta e finisce nel fosso

Un incidente si è verificato ieri a Imola, all”incrocio tra via Don Sturzo e via Laguna, intorno alle 16.40.

Secondo una prima ricostruzione della polizia municipale, una Toyota Yaris guidata da una 88enne imolese procedeva sulla via Don Sturzo quando, giunta all”intersezione con via Laguna, per cause ancora da accertare, si scontrava con un furgone Fiat Ducato, condotto da un 47enne imolese, che invece viaggiava su via Laguna in direzione Imola.

Nell”impatto l”auto si è ribaltata ed è finita nel fosso adiacente alla strada con tutte le quattro ruote in aria. Sul posto anche i vigili del fuoco chiamati per estrarre la donna dall”abitacolo. La 88enne, trasportata al pronto soccorso di Imola dai sanitari del 118, è già stata dimessa con 14 giorni di prognosi. (d.b.)

Nella foto (Isolapress): il luogo dell”incidente

Scontro all'incrocio tra via Don Sturzo e via Laguna, auto si ribalta e finisce nel fosso
Cronaca 11 Luglio 2019

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina

Oggi esce in edicola il nuovo numero di “sabato sera”: ecco un breve riassunto di ciò che troverete in prima pagina.

VIABILITA”. Bretellina archiviata. La rotonda che verrà a Castello. CRONACA. Festa all”Osservanza, buona la prima. Loris Pagani e il prof Lentini vanno in pensione. Il 5Stelle Cavina querela Salvini. CHIESA. Nuovo vescovo in festa con la città. 

SPORT. Nuoto sincronizzato. La favola del 13enne imolese Gabriele Minak. Pallamano. Ufficiale la fusione tra Romagna e Faenza. Tennis. Al via gli Internazionali alla Tozzona.

SABATOSERA DUE. Musica. L”Erf fa tappa a Imola. Castello balla con i ritmi sudamericani. La musica dei giovani talenti all”Accademia pianistica. Concerto di Mario Biondi all”autodromo. Evento. Continua l”Imola Summer Fest. Sapori. Weekend al gusto di… cipolla a Medicina. Appuntamenti. Tutti gli eventi per i bimbi. (d.b.)

Nella foto: le «prime pagine» di sabato sera questa settimana

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina
Cronaca 10 Luglio 2019

Raccolta differenziata in centro storico: oltre un'ora di coda per ritirare il kit

Più di un’ora di attesa per ritirare il kit per il nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti nel centro storico di Imola.
Nella prima giornata di apertura, ieri, il punto informativo di via Emilia 123 è stato letteralmente preso d’assalto dai residenti e dai commercianti interessati, e i kit consegnati sono stati oltre trecento.

«Per rispondere alla grande attenzione che i cittadini hanno manifestato, il Gruppo Hera ha deciso di incrementare già dalla giornata di mercoledì (oggi, ndr) il numero di operatori impegnati in questo servizio», fa sapere la multiutility.
Il punto informativo sarà operativo anche sabato, dalle 9 alle 18.

In seguito, dal 17 luglio i materiali e le tessere potranno essere ritirati alla stazione ecologica di Imola, in via Brenta 4 (traversa di via Lasie), nelle giornate di mercoledì, dalle 9 a mezzogiorno, e di sabato, dalle 15 alle 18.

Infine, dal 18 luglio un punto di contatto sarà aperto al mercato coperto Borghetto, in via Rivalta (1° piano), in via straordinaria il martedì e il giovedì dalle 9 alle 13, fino all’8 agosto.
E dal 22 agosto osserverà la sua apertura normale il giovedì dalle 9 alle 12.

Raccolta differenziata in centro storico: oltre un'ora di coda per ritirare il kit
Cronaca 10 Luglio 2019

Completato a Castel San Pietro Terme il restauro della facciata dell'ex Pretura in piazza XX Settembre

Lavori finiti per l”ex Pretura di Castel San Pietro Terme. Dopo la rimozione dell”impalcatura, in piazza XX Settembre, la facciata del palazzo è riapparsa in tutta la sua bellezza dopo l”intervento di restauro conservativo effettuato dall”Amministrazione comunale nell’ambito del progetto di riqualificazione del centro storico.

Il piano complessivo sul palazzo, presentato alla Soprintendenza, prevede ancora due stralci da realizzare in futuro, il restauro del fianco dell”edificio e quello di soffitti e interni del portico. Stesso discorso vale per il Cassero: dopo il restauro del Voltone, in futuro si provvederà alla messa in sicurezza e al restauro conservativo del corpo scala esterno e delle merlature della terrazza. 

Soddisfatto il sindaco Fausto Tinti, che commenta: «Dopo il restauro del Voltone del Cassero, si conclude un altro importante intervento su un altro edificio storico che, insieme al municipio e al santuario del Santissimo Crocifisso, caratterizza il cuore della nostra città. Anche in questo caso, i lavori sono stati eseguiti grazie al consistente contributo, pari a 40 mila euro, donato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola nell’ambito del programma Art Bonus, un contributo che copre buona parte dell’importo totale di 55mila euro». (r.cr.)

Completato a Castel San Pietro Terme il restauro della facciata dell'ex Pretura in piazza XX Settembre

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast