Cronaca

Cronaca 31 Luglio 2020

Il Comune di Imola vieta temporaneamente l'utilizzo dell’acqua del canale Gambellara

Nei giorni scorsi il Comune di Imola, con un’apposita ordinanza a tutela della salute pubblica firmata dal commissario Izzo, ha fatto scattare il divieto di attingimento a scopo irriguo delle acque dal canale di scolo Gambellara, nel tratto compreso tra il depuratore di via Molino Rosso e il confine amministrativo con il Comune di Massa Lombarda. Provvedimento disposto alla luce della comunicazione di Arpae con la quale informava che nelle acque in uscita dal depuratore Gambellara è stato accertato il superamento dei valori limite per il parametro microbiologico «Escherichia Coli» e che sono in corso le verifiche dei valori relativi a salmonella spp.

Preso atto di tale comunicazione dell’Arpae, il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Asl di Imola ha proposto al Comune di emettere un’ordinanza con il divieto di attingimento fino all’individuazione delle cause, e alla normalizzazione delle analisi sullo scarico idrico e su tutta l”asta del canale stesso.Il divieto è temporaneo, ovvero rimane in vigore fino alla revoca della presente ordinanza, che avverrà a seguito dell’esito degli accertamenti in corso da parte di Asl e di Arpae che attestino la soluzione delle problematiche di inquinamento e la conseguente cessazione del potenziale pericolo per la salute pubblica. (da.be.)

Nella foto (da Google Maps): il canale Gambellara

Il Comune di Imola vieta temporaneamente l'utilizzo dell’acqua del canale Gambellara
Cronaca 30 Luglio 2020

Coronavirus, tamponi a tappeto alla Clai: gli esiti sono tutti negativi

Esito negativo per tutti i tamponi a tappeto effettuati nei giorni scorsi tra i lavoratori della Clai, in ottemperanza al decreto regionale dello scorso 13 luglio che ha disposto controlli anche sugli addetti alla lavorazione delle carni. «Ci siamo subito messi in contatto con l’Ausl di Ravenna, per lo stabilimento di Faenza dove si svolge anche la macellazione, e con l’Ausl di Imola per lo stabilimento di Sasso Morelli, dove abbiamo il salumificio – ha spiegato il direttore generale della cooperativa, Pietro D’Angeli -. Abbiamo consegnato gli elen- chi con i nominativi e dato la nostra totale disponibilità. A Faenza il 21 luglio sono stati fatti i tamponi sui circa 150 addetti dei reparti di lavorazione delle carni; il personale dell’Ausl è venuto in azienda. Gli esiti sono arrivati nel giro di pochi giorni. A Imola siamo stati controllati tutti, me compreso, nei giorni seguenti. In tutto circa 250 persone. Gli esiti sono tutti negativi». (lo.mi.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 30 luglio.

Nella foto: da sinistra, Gianfranco Delfini (direttore marketing), Giovanni Bettini (presidente) e Pietro D’Angeli (direttore generale) di Clai

Coronavirus, tamponi a tappeto alla Clai: gli esiti sono tutti negativi
Cronaca 30 Luglio 2020

Ondata di calore con forte disagio in pianura e un'allerta gialla per temporali dell'Arpae

Le previsioni dell”Arpae per la provincia di Bologna indicano per questa settimana, soprattutto per la giornata di oggi e domani, venerdì 31 luglio, condizioni di disagio bioclimatico che significa temperature unite a elevato tasso di uminidità. In particolare per le aree di pianura, quindi Imola, Medicina, Mordano e Castel Guelfo, è previsto forte disagio.

Lo ricorda l”Ausl di Imola che sottolinea: “Quando la temperatura e l”umidità dell”aria aumentano, le capacità dell”organismo di raffreddarsi diminuiscono considerevolmente, aumentano traspirazione e sudorazione – meccanismo peraltro fondamentale che il nostro corpo mette in atto per disperdere calore – e si incorre nel pericolo maggiore: la disidratazione. Per questo è importante ricordare alcuni suggerimenti per ridurre i rischi di salute legati alle ondate di calore, soprattutto per anziani e bambini”.

Ma c”è un altro rischio incombente, quello dei temporali. Sempre l”Arpae ha emesso un”allerta gialla in cui si prevede per la serata di oggi giovedì 30 luglio la possibilità di fenomeni temporaleschi organizzati, con associate precipitazioni intense, raffiche di forte intensità e grandinate, in esaurimento nelle prime ore di venerdì 31 luglio. (r.cr.)

Ondata di calore con forte disagio in pianura e un'allerta gialla per temporali dell'Arpae
Cronaca 30 Luglio 2020

Per Cims nuovo presidente e nuovo consiglio, dopo 40 anni Poli lascia a Dongellini

Cambio della guardia ai vertici della cooperativa multiservizi Cims. Il nuovo presidente è Antonio Dongellini, eletto dal nuovo Consiglio di amministrazione uscito dall’assemblea dei soci del 24 luglio. Dongellini prende il posto dello storico presidente Gianni Poli, che ha guidato la cooperativa negli ultimi 40 anni. In tutto sono quattro i nuovi consiglieri eletti. Questa la composizione del Cda (età media 41 anni) che resterà in carica nel prossimo triennio: Antonio Dongellini (presidente), Fabio Freddi (vice), Luca Ciclisti, Micaela Pifferi, Massimo Rossini, Ermes Maccarelli e Marco Monti. Il collegio sindacale, che vede la presidenza affidata al dottor Adalberto Costantini, è stato interamente confermato.

Antonio Dongellini è nato il 15 luglio 1967 ed è originario di Sassoleone. Sposato dal 2001, è padre di Alex (10 anni) e Letizia (6). È entrato in Cims il 16 giugno 1982 e da una trentina d’anni fa parte del Consiglio d’amministrazione della cooperativa. Si è occupato inizialmente di lavori di forestazione, poi è passato al settore Verde. Oggi ricopre il ruolo di responsabile Gestione risorse, uomini e mezzi. «La forza della Cims negli anni è stata quella di non avere paura di crescere – dichiara Dongellini -. Questa è la nostra identità e questa à la strada che seguiremo anche in futuro: valutare ogni possibilità di crescita, senza mai girare la testa dall’altra parte o scegliere la soluzione più facile. Occorre saper correre anche qualche rischio, ma valutare bene le cose e portare a termine i progetti, perché accontentarsi vuol dire non avere prospettive future. Pro- seguiremo dunque su questo percorso facendoci forza anche del fatto che, nonostante numeri importanti, il nostro ambiente di lavoro è ancora di tipo familiare e chiunque può parlare con il presidente o con il direttore generale. La mia porta sarà sempre aperta».

Nella foto: il nuovo Cda. Da sinistra, Antonio Dongellini (presidente), Fabio Freddi (vice), Luca Ciclisti, Micaela Pifferi, Massimo Rossini, Ermes Maccarelli e Marco Monti

Per Cims nuovo presidente e nuovo consiglio, dopo 40 anni Poli lascia a Dongellini
Imola 30 Luglio 2020

Doppio appuntamento elettorale: Panieri insieme al sindaco di Cesena Lattuca, Cappello incontra il mondo del sociale

Doppio appuntamento elettorale quello in programma questa sera, giovedì 30 luglio. Alle 19, infatti, il candidato sindaco per il centrosinistra Marco Panieri incontra il sindaco di Cesena Enzo Lattuca alla Vivanderia, in piazzale Lager Nazisti 5.

Alle 20, invece, l’altra candidata sindaco Carmen Cappello incontra le associazioni di volontariato e le organizzazioni che operano nel sociale per parlare delle fragilità e dei problemi legati alle disabilità fisiche e alle limitazioni cognitive. Saranno presenti diverse realtà che operano a Imola e dintorni. L’incontro è promosso dalla lista civica della Cappello e sarà organizzato al chiosco Sicilia Bedda all’interno del complesso dell’Osservanza, in via Venturini 18. (r.cr.)

Nella foto: Marco Panieri e Carmen Cappello

Doppio appuntamento elettorale: Panieri insieme al sindaco di Cesena Lattuca, Cappello incontra il mondo del sociale
Cronaca 30 Luglio 2020

Fuga di gas da un camion che trasporta alimenti, supermercato evacuato

Lavoro per i vigili del fuoco che, ieri pomeriggio alle 14 circa, sono intervenuti sulla via Emilia ad Ozzano Emilia per una fuga di gas (metano liquido Gnl) fuoriuscito dal serbatoio di un camion fermo per le operazioni di scarico delle derrate destinate ad un supermercato sito sulla via Emilia.

Sul posto due squadre dei vigili del fuoco ed il  nucleo Nbcr hanno messo in sicurezza l”area ventilando per disperdere eventuali sacche di gas ed evacuato il  supermercato a scopo precauzionale. Presenti anche i carabinieri e la polizia locale. Fortunatamente non si registrano.

Dopo circa tre ore il supermercato ha riaperto, si è provveduto a scaricare le derrate alimentari, il serbatoio del camion è stato riparato e messo in sicurezza ed il mezzo ha ripreso la marcia per Padova dove sarà revisionato. (da.be.)

Foto concessa dai vigili del fuoco

Fuga di gas da un camion che trasporta alimenti, supermercato evacuato
Cronaca 30 Luglio 2020

Il Presidente della Repubblica Mattarella oggi a Bologna per ricordare il 2 agosto 1980 ed Ustica. IL VIDEO IN STREAMING

Questa mattina il Presidente della Repubblica Mattarella sarà a Bologna per ricordare la strage del 2 agosto 1980 e la tragedia di Ustica. Il programma, i cui orari potrebbero subire variazioni, prevede alle 12 l’arrivo davanti alla lapide in ricordo delle vittime della strage alla stazione di Bologna e la deposizione di una corona di fiori. A seguire la visita al Museo per la Memoria di Ustica.

Entrambi i momenti saranno ripresi dalle telecamere della Rai e visibili in streaming su questa pagina. Domenica, invece, la cerimonia a 40 anni dalla strage sarà visibile, sempre in streaming, sulla pagina Facebook e YouTube del Comune di Bologna. (da.be.)

Nella foto: il Presidente della Repubblica Mattarella

 

Il Presidente della Repubblica Mattarella oggi a Bologna per ricordare il 2 agosto 1980 ed Ustica. IL VIDEO IN STREAMING
Cronaca 30 Luglio 2020

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina

Oggi esce in edicola il nuovo numero di «sabato sera»: ecco un breve riassunto di ciò che troverete in prima pagina.  

POLITICA & MOTORI. Elezioni e Formula 1, così Imola va veloce. SPECIALE. I 40 anni dalla Strage di Bologna. LAVORI. Un’estate di cantieri sulle strade di Castello. ECONOMIA. Cims cresce e cambia. Despar sceglie Castel San Pietro per la logistica. EDITORIA. Forchielli nel suo ultimo libro azzecca su Ue e non solo. ESTATE. Sole e mare in Riviera al tempo del Covid. BASKET. Serie B, Basket B, Preti: «Sarò il leader dell’Andrea Costa». C Gold, Medicina punta sulla continuità. PALLAVOLO. B1, la palestra Cavina sarà la nuova casa della Clai.

Nella foto: le prime pagine di «sabato sera»

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina
Cronaca 29 Luglio 2020

Coronavirus, 3 nuovi casi a Imola legati al focolaio nella casa di riposo di Bologna. “Quarantena' per chi torna da extra Ue e pure da Romania e Bulgaria

Ci sono tre nuovi casi positivi segnalati dall’Ausl di Imola nel bollettino di aggiornamento quotidiano. “Si tratta di due maschi ed una femmina residenti a Imola, lievemente sintomatici, tutti e tre contatti stretti del caso accertato la scorsa settimana e collegato al focolaio riscontrato in una residenza anziani nel bolognese e pertanto già posti in isolamento da diversi giorni”.  

Da metà luglio sono 18 i nuovi casi refertati nel circondario di Imola, che sommati ai 2 che erano ancora presenti portano a 26 il totale delle persone ancora malate o positive (comprendente anche gli asintomatici).

Nel dettaglio sono 23 residenti a Imola, 1 a Mordano, 1 a Castel San Pietro e 1 a Castel Guelfo. I casi totali dall’inizio dell’epidemia salgono così a 428. 

La casa di riposo coinvolta nei nuovi casi di oggi è quella di viale Roma a Bologna gestita dalla cooperativa In Cammino dove; dopo le prime segnalazioni di ospiti con sintomi “suggestivi” da parte della struttura stessa, a metà luglio l’Ausl di Bologna ha fatto i tamponi a tutti (87 in tutto), riscontrando 21 positivi al Covid-19, di cui 17 ospiti e 4 operatori sanitari. 

In generale, la gran parte dei nuovi contagi dell’imolese sono riconducibili a focolai o casi già noti (come quelli nel settore della logistica del bolognese) oppure a persone rientrate dall’estero. Per fortuna in quest’ultimo caso le persone sembrano dimostrare senso civico e seguono le indicazioni che prevedono per chi entra in Italia da un Paese estero (extra Ue o extra Schengen) di mettersi subito in isolamento fiduciario (quarantena) e segnalare (ancor meglio preventivamente) il proprio arrivo al dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl che sottoporrà ad un doppio tampone di controllo.  

La prescrizione riguarda tutti, anche chi ritorna da una vacanza. E dal 24 luglio anche chi arriva da Romania e Bulgaria nonostante siano due Paesi Ue. Come fare la segnalazione? Via mail all”indirizzo covid19@ausl.imola.bo.it oppure telefonicamente al 0542 604959, attivo dalle ore 8.30 alle 13 dal lunedì al venerdì. Da notare che la Regione ha chiesto di attivare controlli a tappeto con i tamponi sia sui rientri dai Paesi estra Ue o Schengen, sia nel settore logistica e lavorazione carni.  

Nel resto dell’Emilia Romagna continuano a registrarsi quotidianamente nuovi casi in doppia cifra, oggi sono 28, ma solo “sette sono i casi cosiddetti sporadici, mentre i restanti contagi sono riconducibili a focolai o a casi già noti e a persone rientrate dall’estero” sottolineano dalla Regione.

In particolare, nella provincia di Bologna, si sono registrati 10 casi, di cui 2 sporadici, 5 collegati a focolai familiari noti, un caso riguarda il cluster nella casa di riposo, uno altro è stato individuato grazie a un tampone pre-viaggio all’estero e l’ultimo con un controlli sulle categorie più a rischio.

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus i casi complessivi sono ad oggi 29.603. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 1.451 (8 in meno rispetto a ieri). (l.a.)

Coronavirus, 3 nuovi casi a Imola legati al focolaio nella casa di riposo di Bologna. “Quarantena' per chi torna da extra Ue e pure da Romania e Bulgaria
Cronaca 29 Luglio 2020

Scuola, al Malpighi-Visitandine di Castello «mensa su turni alle medie, ingressi scaglionati ai licei»

A meno di due mesi dal rientro in classe, continua il «viaggio» di sabato sera tra gli istituti scolastici del circondario.
Abbiamo fatto tappa ai licei e medie Malpighi Visitandine di Castel San Pietro, scuola paritaria che fa capo alla Fondazione Ritiro San Pellegrino della Diocesi di Bologna. L’istituto accoglie circa duecento studenti, equamente distribuiti tra scuola media e licei (liceo Scienze applicate e liceo sportivo). La dirigente scolastica, dal 2015, è Valentina Di Pietro, alla quale abbiamo chiesto lumi su recente passato, presente e futuro di una scuola, in senso generale, ancora frastornata dall’emergenza Coronavirus.

«Ero presente alla Conferenza di servizio del 10 luglio tra tutti i presidi dell’Emilia Romagna – spiega Di Pietro –, dove il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale Stefano Versari ha confermato, almeno per le superiori, il rientro in presenza dal 14 settembre, purché gli edifici non presentino situazioni molto gravi a livello strutturale».
(…) Anche voi, come altri istituti, vi state organizzando con ingressi scaglionati?
«Avremo due ingressi divisi dieci minuti uno dall’altro, ricreazioni in momenti diversi e servizio mensa per i ragazzi delle medie, pensato su più turni. Sulla distribuzione della merenda, invece, valuteremo come fare insieme all’azienda che fornisce da mangiare all’interno della scuola. Obiettivo: tornare il più possibile alla normalità, un po’ come con la didattica a distanza». (da.be.)

Nella foto: la preside Valentina Di Pietro

Scuola, al Malpighi-Visitandine di Castello «mensa su turni alle medie, ingressi scaglionati ai licei»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast