Cronaca

Cronaca 29 Settembre 2018

Il 30 settembre domenica “verde': giardini protagonisti a palazzo Tozzoni, La Serra propone le piante da appartamento

Una domenica all”insegna del verde il 30 settembre a Imola, con due eventi che spaziano tra l”orticoltura, il giardinaggio e la floricoltura.

Il primo, per gli appassionati di orti e giardini, è promosso dall”associazione culturale “Nel giardino, nella natura” e dai Musei Civici di Imola, si svolge a palazzo Tozzoni e si intitola “Scambio verde”. In via Casola Canina 3 è invece in programma l”iniziativa La Serra Garden in festa “Nella vecchia fattoria”, organizzata dalla Floricoltura La Serra con il patrocinio del Comune di Imola, che mette al centro i temi della vita della riproduzione delle piante da appartamento, ma si propone anche di far conoscere da vicino gli animali da fattoria, facendo altresì opera di sensibilizzazione contro gli abbandoni (a sostenere la campagna saranno presenti il canile di Imola e l”Enpa).

Per quanto riguarda il primo appuntamento, palazzo Tozzoni farà da sfondo nell”intera mattinata, dalle 9.30 alle 13, alle trattative dei coltivatori che desiderano scambiare piante, semi, frutti, libri a tema di orticoltura e giardinaggio o qualsiasi altro oggetto relativo agli spazi verdi. 

I partecipanti avranno una zona nella quale presentare i prodotti e da lì partire in cerca di affari da concludere con gli altri espositori.Entrambi gli ingressi del palazzo, quello di via Garibaldi 18 e quello di viale Rivalta 93, saranno aperti per consentire l”accesso alla corte ai coltivatori e ai visitatori. Lo spazio dedicato alla presentazione dei prodotti è dalle 10 alle 11.30, poi via agli scambi.

Alle 12.30 è prevista, infine, la premiazione dell”esposizione giudicata migliore dai presenti.

Passando alla Serra Garden in via Casola Canina si proseguirà invece per tutta la giornata con tante iniziative, dedicate soprattutto ai bambini: laboratori di semina e trapianto, presentazione degli animali e possibilità di salire sui cavalli grazie agli istruttori del maneggio “La Rondinella” di Imola, giochi a quiz sempre sul tema della fattoria, laboratorio di disegno a premi, percorsi per cani e altre attrazioni per i più piccoli. Per chi desidera restare anche a pranzo sarà operativa un”area di ristoro. In caso di maltempo la giornata è rinviata alla domenica successiva. (r.c.)     

Nelle foto momenti delle edizioni precedenti: nell”immagine principale Scambio verde, nelle altre la manifestazione organizzata da La Serra

Il 30 settembre domenica “verde': giardini protagonisti a palazzo Tozzoni, La Serra propone le piante da appartamento
Cronaca 29 Settembre 2018

Sabato di sport e solidarietà ad Ozzano nel ricordo di Valter Conti e Paolo Grandi

Grande giornata di sport e solidarietà oggi ad Ozzano con tanti eventi in programma un pò per tutti i gusti. Dalla nuova pista ciclo-pedonale Ozzano-San Lazzaro con annessa corsa-camminata, alla nuova intitolazione del palazzetto dello sport dedicato all”ex sindaco Valter Conti fineno con l”intitolazione del nuovo campo di basket nel Parco di Villa Maccaferri a Paolo Grandi. Il tutto dalla mattina fino al tramonto, senza dimenticare il pranzo di solidarietà il cui ricavato sarà in parte destinato all”acquisto e manutenzione dei defibrillatori (qui tutto il programma).

In particolare, come detto, verranno ricordati due ozzanesi doc come Valter Conti e Paolo Grandi. Il primo e” stato impegnato come amministratore comunale per oltre vent”anni di cui dieci come assessore allo sport e nove, dal 1995 al 2004, come sindaco. Lo sport e” sempre stata una sua grande passione che ha vissuto come primo tifoso di tutte le squadre ozzanesi. Paolo Grandi, invece, ha partecipato, negli anni 1978/79 insieme all”attuale presidente Paolo Cuzzani, alla nascita dei New Fliyng Balls, squadra tuttora iscritta alla serie B nazionale. 

Per questo motivo oggi, alle 11.15, il palazzetto dello Sport di viale Due Giugno avrà, per la prima volta nella sua storia, l”intitolazione commerciale «palaReggiani» e sarà dedicato con una targa proprio alla memoria di Valter Conti. Alle 17, infine, verrà inaugurato il campetto da basket Playground del parco di Villa Maccaferri, che verra” dedicato con un monumento a Paolo Grandi. «Sarà una giornata intensa e piena di grande emozione – afferma il sindaco Luca Lelli – perche” i due personaggi a cui dedichiamo il palazzetto e il campo di playground sono stati molto amati ad Ozzano e molti ozzanesi ricordano un aneddoto o un particolare spiritoso che hanno avuto Valter o Paolo come protagonisti. Ozzano non li dimentica e dedicare loro qualcosa sul territorio ha la finalità di farli sentire ancora tra noi e parte della nostra comunità».

r.c.

Nella foto: al centro Valter Grandi insieme a Stefania Morgano e l”ex capitano dei Flying Balls Matteo Gianasi qualche anno fa

Sabato di sport e solidarietà ad Ozzano nel ricordo di Valter Conti e Paolo Grandi
Cronaca 29 Settembre 2018

Oggi l'inaugurazione della ciclabile Ozzano-San Lazzaro realizzata con i fondi del Bando periferie

È tutto pronto a Ozzano per il taglio del nastro del tratto della pista ciclopedonale che collega i comuni di Ozzano (da via San Cristoforo) e San Lazzaro. Oggi, 29 settembre, la nuova opera sarà inaugurata alle 10, alla presenza del sindaco di Ozzano, Luca Lelli (accompagnato dall”assessore ai Lavori Pubblici, Mariangela Corrado), del sindaco di San Lazzaro Isabella Conti e del sindaco di Castel San Pietro Terme Fausto Tinti. Quest’ultimo rappresenterà anche la Città Metropolitana della quale è vicesindaco.

Il tratto ozzanese, lungo 700 metri e costato 210.000 euro (con un contributo statale di 147.000 del cosiddetto Bando periferie) si inserisce nella ciclabile della via Emilia che collegherà Bologna a Imola. A breve toccherà a San Lazzaro partire con il tratto di sua competenza.

L’inaugurazione avviene a meno di due anni dalla certezza del finanziamento, che la Giunta di Ozzano ha avuto nel dicembre 2016. «Ci abbiamo creduto fin dall”inizio a questo importante progetto – dichiara il sindaco Lelli – tanto da averci dedicato tanto lavoro e tante energie per redigere, nei tempi stretti che avevamo, il progetto e il relativo quadro economico. Tanto impegno è stato ripagato con l”ottenimento dei fondi governativi. Questo taglio del nastro ha un grande significato per me e per tutta la collettività ozzanese in quanto è un”opera davvero importante, ottenuta lavorando in sinergia con i Comuni limitrofi di San Lazzaro e Castel San Pietro e che va nella direzione di abituare i cittadini, ogni qualvolta sia possibile, a prediligere e preferire una mobilità sostenibile e non inquinante».

La ciclabile della via Emilia coinvolge cinque comuni: San Lazzaro di Savena, Ozzano Emilia, Castel San Pietro Terme, Dozza Imolese e Mordano, è lunga 12 chilometri (compreso il tratto Castel San Pietro Terme – Dozza – Mordano di circa 7,5) e prevede alcuni tratti nuovi di zecca e altri realizzati mettendo in sicurezza l’esistente, abbattendo le barriere architettoniche e migliorando la qualità del decoro urbano. Il progetto costa in tutto 6.130.000 euro, di cui 4.649.100 euro finanziati dal Bando periferie. (r.c.) 

Nella foto la ciclabile di via San Cristoforo in costruzione

Oggi l'inaugurazione della ciclabile Ozzano-San Lazzaro realizzata con i fondi del Bando periferie
Cronaca 28 Settembre 2018

Uno dei ponti di via Olmo vietato ai mezzi oltre le 15 tonnellate. “La soluzione? Completare la Trasversale'

Torrente Gaiana, scolo Fossatone e torrente Quaderna. Sono questi, riportati così come si incontrano da Medicina verso Budrio, i corsi d’acqua attraversati e i relativi tre ponti «sorvegliati speciali» dalla Città metropolitana nel nostro territorio.  Sono inseriti nell’elenco dei 18 con priorità «alta» inviato nelle scorse settimane al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Una richiesta di verifica eseguita in tutta Italia al tragico crollo del viadotto Polcevera (ponte Morandi) lungo l’autostrada A10 avvenuto lo scorso 14 agosto. Tutti e tre i ponti in questione si trovano lungo la Trasversale di pianura (o provinciale 3) nel comune di Medicina nel tratto che prende il nome di via Olmo. Si tratta, tanto per capirci, del pezzo di Trasversale che deve ancora essere completato e che i sindaci di Medicina e Budrio chiedono a gran voce da tempo a Regione e Città metropolitana.

Che ci fosse qualche problema, tra l’altro, lo si sapeva già. Per il ponte sul Gaiana, ad esempio, è in vigore una limitazione al traffico «per deterioramento della struttura» (dal chilometro 13+834 al km 13+884) con divieto di transito per i mezzi con peso superiore alle 15 tonnellate (ad eccezione dei mezzi di trasporto pubblico e di soccorso). Questo già dal marzo scorso: il traffico pesante viene deviato lungo le provinciali Zenzalino, San Carlo e San Vitale. A complicare le cose il fatto che il divieto non sempre viene rispettato. «Purtroppo dobbiamo riscontrare che molti camionisti che trasportano carichi pesanti passano ugualmente…» dichiara rammaricato il sindaco di Medicina, Onelio Rambaldi. Secondo Rambaldi, però, la tema non è consolidare i ponti, quanto «completare l’ultimo tratto della Trasversale compreso tra la frazione medicinese di Villa Fontana e la località Olmo nel Comune di Budrio». E farlo in fretta.

Nei mesi scorsi Rambaldi e il collega sindaco di Budrio, Maurizio Mazzanti, hanno scritto per sollecitare Regione e Città metropolitana: «Attualmente il tratto non completato della Trasversale pone degli evidenti problemi di sicurezza per chi la percorre, ad esempio sede stradale stretta e ponti pericolosi, a fronte di un traffico pesante in aumento a seguito della realizzazione degli altri tratti della Trasversale».

«Non solo, se il tracciato venisse spostato un po’ più a nord, dove il torrente Quaderna e lo scolo Fossatone si uniscono, servirebbe un ponte in meno – aggiunge deciso Rambaldi -. Abbiamo fretta e vogliamo che la Regione consideri quest’opera tra quelle prioritarie». L’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini, ha ribadito di recente come “l”opera è prioritaria, già in questo mandato cercheremo di reperire i fondi occorreranno circa 15-18 milioni” che potrebbero “rientrare nella programmazione dei fondi strutturali europei 2020-2025”. (gi.gi.)

L”articolo completo e altri particolari sul “sabato sera” del 27 settembre.

Nella foto il cartello che indica il limite di massa prima del ponte sul Gaiana

Uno dei ponti di via Olmo vietato ai mezzi oltre le 15 tonnellate. “La soluzione? Completare la Trasversale'
Cronaca 28 Settembre 2018

Montecatone, domani 29 settembre l'open day con l'atleta paralimpica di tennistavolo Giada Rossi

L’istituto Montecatone di Imola organizza l’open day «La nostra vita», in programma sabato 29 settembre, con una ricca serie di iniziative, previste dalle ore 11.30 alle ore 17.30. Durante l’iniziativa il parco interno dell’ospedale ospiterà per una giornata intera testimonianze di ex pazienti, dimostrazioni di ausili ed opportunità per una vita indipendente, esibizioni di teatro, autodifesa, trekking, danza in carrozzina e di ballo.

La giornata sarà allietata dalla musica dal vivo della Nama Mamba Band, dalla colorata presenza dei Clown della Croce rossa di Imola, e di Maximilian Sontacchi, pilota paraplegico e istruttore di motociclismo. Grazie alla collaborazione del Cisped (Coordinamento imolese sport paralimpico e disabilità) e dell’Asbi di Imola sono previste sfide e dimostrazioni di bocce, mentre gli ospiti saranno coinvolti da Monica Boscarato e Massimo Renzi in un laboratorio per la creazione di magliette personalizzate.

Ospite d’onore di questa edizione sarà Giada Rossi, l’atleta simbolo della nazionale italiana paralimpica di tennis tavolo, recentemente tesserata dalla società Sport è Vita, che partecipa al campionato nazionale grazie al contributo del Montecatone Rehabilitation Institute. Giada Rossi è campionessa del Mondo in carica nella gara a squadre e bronzo paralimpico alle recenti Paralimpiadi di Rio, nonché due volte bronzo in singolare alle ultime due edizioni dei Campionati Europei.

L”articolo completo è su «sabato sera» del 27 settembre

Nella foto Giada Rossi

Montecatone, domani 29 settembre l'open day con l'atleta paralimpica di tennistavolo Giada Rossi
Cronaca 28 Settembre 2018

Nella casa di riposo di via Venturini ritorna la Mostra canina Città di Imola

Cani anziani, giovani, di razza o meticci, vanno tutti bene per la Mostra canina amatoriale Città di Imola. Un evento che si svolgerà domani a partire dalle ore 14, presso alla casa di riposo di via Venturini. E” la sesta edizione di un simpatico concorso, aperto a tutti, organizzato presso la struttura protetta, non a caso verrà assegnato un premio speciale dalla giuria composta dagli ospiti del centro: il “cane dei nonni”. La giuria sarà composta da veterinari locali e dai residenti della casa protetta. 

L”iscrizione al concorso è gratuita e si può effettuare telefonando al numero 0542655941 oppure inviando una e-mail all”indirizzo animatori.cs@seacoop.coop (per partecipare occorre portare con sé il libretto delle vaccinazioni, il guinzaglio e la museruola).

Il programma prevede alle ore 14 le ultime iscrizioni, alle ore 15 la sfilata e alle ore 17.30 la premiazione e un buffet. I gadget e i premi sono offerti dal negozio Cocoricò di Imola.

Nella foto una delle precedenti edizioni della mostra canina nella casa di riposo di via Venturini

Nella casa di riposo di via Venturini ritorna la Mostra canina Città di Imola
Cronaca 28 Settembre 2018

Giovedì nero sulle strade, incidente lungo la Montanara e a Castel San Pietro

Ieri mattina sulle strade del nostro territorio si sono verificati, a pochi minuti di distanza l”uno dall”altro, due diversi incidenti che hanno causato alcuni feriti.

Il primo, intorno alle 7.30, a Castel San Pietro lungo la strada provinciale 31 Colunga, all”altezza dell”incrocio con via San Giovanni. Lo scontro ha interessato una Fiat Panda guidata da un 79enne di Ozzano e una Volkswagen Golf con al volante un 32enne faentino. Secondo la ricostruzione effettuata dalla polizia municipale di Castel San Pietro giunta sul luogo dell”incidente, la Fiat Panda proveniente da Osteria Grande stava percorrendo via San Giovanni pronta ad immettersi sulla provinciale Colunga, mentre la Golf viaggiava con diritto di precedenza sulla provinciale stessa in direzione Imola-Bologna. Dopo il violento impatto i due mezzi sono finiti all”interno del fosso adiacente, causando anche la rottura delle tubature presenti in quel punto. Sul posto a prestare soccorso sono giunti i vigili del fuoco di Budrio e di Bologna, che hanno dovuto estrarre dalle lamiere i due conducenti, insieme ai sanitari del 118 e l”elisoccorso. Il ferito più grave è risultato essere il 79enne che è stato trasportato all”ospedale Maggiore di Bologna dove si trova ricoverato in prognosi riservata, mentre il giovane alla guida della Golf è stato trasferito a Imola con ferite di lieve entità. 

Il secondo incidente, invece, è avvenuto attorno alle 8 lungo la Montanara tra Fabbrica e Casalfiumanese. Coinvolto un 89enne alla guida di una Volskwagen e una 57enne al volante di una Ypsilon. A quanto risulta dai rilievi dei carabinieri di Casalfiumanese e di Imola accorsi sul posto pare che l”anziano, per cause ancora da accertare, abbia invaso la corsia opposta prima dello schianto. Entrambi trasportati all”ospedale di Imola, l”uomo risulta essere in prognosi riservata anche se le sue condizioni al momento non sembrano gravi, mentre la donna ha riportato una frattura allo sterno e contusioni guaribili in 20 giorni. 

r.c.

Foto d”archivio

Giovedì nero sulle strade, incidente lungo la Montanara e a Castel San Pietro
Cronaca 27 Settembre 2018

A Imola sventato in piena notte un furto ai danni di un negozio di abbigliamento

Furto sventato questa notte in via Edmondo de Amicis a Imola, dove una banda di ladri aveva preso di mira un negozio di abbigliamento.

A chiamare il 112 è stata una vicina svegliata dai rumori sospetti provenienti dall”esercizio sotto casa. Grazie al tempismo della signora e alla rapidità dei carabinieri nel precipitarsi sul posto, i malviventi sono stati costretti a desistere e a fuggire.

I militari hanno avviato le indagini contro ignoti per concorso in tentato furto in esercizio commerciale.

r.c.

Nella foto: il sopralluogo dei carabinieri

A Imola sventato in piena notte un furto ai danni di un negozio di abbigliamento
Cronaca 27 Settembre 2018

«Come facciamo a cacciare Salvini?»: il caso Castel del Rio e i processi sommari al tempo dei social

In epoca social, succede sempre più spesso: processi sommari in piena regola, celebrati sul web anziché nelle sedi preposte. 

Esattamente quello che è accaduto ieri con la vicenda della frase «Come facciamo a cacciare Salvini?», comparsa sul quaderno di scuola di un alunno di prima media di Castel del Rio e subito fotografata, condivisa su Facebook da esponenti locali della Lega e diventata, come si usa dire nel gergo social, «virale», al punto da raggiungere Roma e da meritare l’attenzione dello stesso Salvini. 

Come è arrivata quella frase sul quaderno di un ragazzino di 11 anni? Prima di qualunque ricostruzione ufficiale, è stata proprio la Lega a elaborare la propria idea in proposito e a metterla nero su bianco in un comunicato firmato dal commissario provinciale Daniele Marchetti. «Il solo pensare di sottoporre un compito in classe porgendo una domanda simile agli studenti significa non essere in grado di adempiere con correttezza alla propria professione di insegnante, che è, per l”appunto quella di formare e fornire nozioni essenziali per la vita quotidiana», ha dichiarato il leghista, che siede in Consiglio comunale a Imola ed è consigliere del Nuovo Circondario Imolese, abbracciando da subito l’ipotesi che quella frase fosse lo spunto per un compito in classe dato dalla docente alla classe.

Una posizione condivisa dal segretario di Vallata della Lega Fabio Morotti il quale, pur mettendo le mani avanti e parlando di «verifiche» in corso, comunque intanto ha preannunciato l’intenzione di chiedere provvedimenti contro la professoressa che «ha scelto la scuola non per educare, quanto per fini di propaganda politica». Il tutto a monte della ricostruzione ufficiale, alla quale sta lavorando in queste ore la dirigente scolastica cui il sindaco di Castel del Rio, Alberto Baldazzi, ha chiesto una relazione dell’accaduto.

Facile immaginare il tenore delle decine di messaggi che sono comparsi nei profili social degli autori dei post, in gran parte di condanna del presupposto cattivo operato dell’insegnante e con conseguenti richieste di licenziamento. Un «linciaggio» durato diverse ore anche dopo la risposta che minimizza l”accaduto da parte del direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna, Stefano Versari, all’Ansa: «Il caso non esiste nemmeno. Non c’è nessun compito in classe o a casa dato dall”insegnante ai bambini, ma un incidente nato da un esercizio fatto in classe. Un”attività per cui ogni alunno esprime un desiderio e trascrive sul quaderno quelli degli altri, per parlarne poi insieme al docente e conoscersi».

Ma la condanna era già bell’e servita, come si usa ai tempi dei social. (r.c.)

La foto della frase incriminata allegata al comunicato della Lega

«Come facciamo a cacciare Salvini?»: il caso Castel del Rio e i processi sommari al tempo dei social
Cronaca 27 Settembre 2018

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina

Oggi esce in edicola il nuovo numero di “sabato sera”: ecco un breve riassunto di ciò che troverete in prima pagina.

A Sasso Morelli inaugurato il centro sociale. Non perdetevi la bella intervista al sommelier del San Domenico Francesco Cioria e, rimanendo sempre a Imola, la storia o per meglio dire l”odissea delle statue che abbellivano il Ponte vecchio

Spostandosi nel circondario, curiosi di conoscere quali sono i ponti osservati speciali? Intanto il Comune di Ozzano vende «Al Camaroun». Prosegue, intanto, la lotta alle zanzare come si legge nelle parole dell”assessore regionale Venturi

Sport. Non solo basket per l”Andrea Costa che risulta coinvolta in un”indagine della guardia di finanza. Imola, però, sabato e domenica si vestirà a festa per l”arrivo della tappa del Mondiale Motocross. Festa grande anche nel baseball con i Redskins che hanno conquistato la A1. Chiudiamo con il basket e con la Sinermatic Ozzano che dedica il pala «Reggiani» all”ex sindaco Valter Conti.

Su «Sabato Sera Due» presentata la stagione teatrale di prosa dello Stignani e gli spettacoli dell”attore Antonio Ornano sul palco del Jolly e alla Sala del Suffragio. Ultimi giorni per la mostra di Cinelli a Il Pomo Da Damo e nuova edizione del libro «Noi» edito da Bacchilega Junior. Per concludere il direttore di If Erik Lanzoni presenta gli eventi 2019.

r.c.

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA