Sport

Sport 8 Settembre 2021

Danza, il 18enne imolese Davide Gentilini: «Ho il ritmo nelle vene, già ballavo a nove anni»

C’è un nuovo Roberto Bolle sotto l’orologio, un erede di Baryshnikov cullato dai rombi dell’autodromo, per farla breve, un 18enne di Imola che spopola a livello nazionale nella danza. Davide Gentilini agli ultimi campionati italiani Assoluti Fids di Rimini ha trionfato in ben 5 discipline diverse: solisti danza classica, solisti danza contemporanea, passi a due danza contemporanea, piccolo gruppo danza classica e gruppo danza classica over. Un percorso, dagli inizi fino ai brillanti traguardi appena raggiunti, frutto di un costante lavoro di squadra con i suoi compagni della scuola di ballo Dance Studio di Faenza, ai quali è molto legato, e all’insegnante Luna Ronchi. «È stata una soddisfazione enorme – spiega Gentilini, parlando dei brillanti risultati raggiunti a Rimini -. Il premio di tanti sforzi, che mi fa dire che la danza sarà il percorso e il sogno della mia vita. Sono una persona molto concreta e quando mi metto in testa un traguardo lo voglio raggiungere, anche nella vita al di fuori della danza». (f.a.l.)

L’intervista su «sabato sera» del 2 settembre.

Nella foto: il 18enne imolese Davide Gentilini, 5 titoli italiani nella danza, in 5 discipline diverse

Danza, il 18enne imolese Davide Gentilini: «Ho il ritmo nelle vene, già ballavo a nove anni»
Cronaca 7 Settembre 2021

La Variante Alta dell’autodromo porterà il nome di Fausto Gresini, domenica 12 settembre la cerimonia d’intitolazione

Si chiamerà «Curva Gresini» il tratto dell’autodromo che oggi è noto come «Variante Alta». La cerimonia di intitolazione si svolgerà domenica 12 settembre alle ore 10 e vedrà la partecipazione dei figli del grande campione e team manager Lorenzo, Luca, Alice, Agnese e della moglie Nadia Padovani Gresini, unitamente al presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, al sindaco di Imola, Marco Panieri, all’assessore all’Autodromo, Elena Penazzi ed al direttore dell’Autodromo, Pietro Benvenuti. Nel corso della cerimonia, sarà scoperta una stele a ricordo di Fausto Gresini. «Siamo molto orgogliosi e felici che il ricordo di Fausto si mantenga vivo in tantissime manifestazioni a tutti i livelli – hanno commentato Lorenzo, Luca, Alice, Agnese e Nadia Padovani Gresini -. Siamo onorati ed una curva all”interno dell’autodromo dedicata a Fausto è per la sua famiglia un gesto forte perché consegna il nome di Fausto alla storia. Grazie di cuore».

La decisione di questa intitolazione è stata presa dal Comune di Imola, in piena sintonia con la famiglia dell’indimenticato campione di motociclismo e manager della MotoGp, per testimoniare tutto l’affetto e la gratitudine nei suoi riguardi. La cerimonia nell’ambito della manifestazione «200 Miglia di Imola Revival & Coppa d’Oro», in programma l’11 e 12 settembre all’autodromo di Imola, che quest’anno è intitolata alla memoria del grande campione imolese. (r.cr.)

Nella foto: Fausto Gresini

La Variante Alta dell’autodromo porterà il nome di Fausto Gresini, domenica 12 settembre la cerimonia d’intitolazione
Sport 6 Settembre 2021

Basket, il castellano Lorenzo Deri premiato dal sindaco Tinti per la vittoria dello scudetto con la Virtus Bologna

Lo scorso 4 settembre il sindaco di Castel San Pietro Fausto Tinti ha consegnato una targa per meriti sportivi al ventenne cestista Lorenzo Deri, che nella scorsa stagione ha vinto lo scudetto con la Virtus Bologna.  «E’ un onore per la città – ha dichiarato il primo cittadino – aver accolto e accompagnato nella sua crescita un giovane di talento come Lorenzo Deri, che ha saputo coniugare la formazione scolastica con il successo sportivo, completando il suo percorso di studi superiori con il massimo del voti. In bocca al lupo per il tuo futuro».

Alla breve cerimonia che si è tenuta palaFerrari, accanto al sindaco Tinti erano presenti anche Valentina Di Pietro, preside del Liceo scientifico sportivo Malpighi di Castel San Pietro frequentato dallo stesso Lorenzo Deri, e Stefano Salieri, l’allenatore castellano della squadra di Piacenza nella quale il giovane giocherà nel campionato 2021-22 di serie A2. (r.s.)

Nella foto: la cerimonia di consegna della targa

Basket, il castellano Lorenzo Deri premiato dal sindaco Tinti per la vittoria dello scudetto con la Virtus Bologna
Cronaca 6 Settembre 2021

A Dozza la 6^ edizione della Festa delle associazioni «Giochiamo senza frontiere»

Sabato 11 Settembre, nel campo sportivo di Toscanella in via Nenni, si svolgerà,  dalle ore 14 la 6° edizione della Festa «Giochiamo senza frontiere», organizzata dal Comune di Dozza con la collaborazione della Consulta delle associazioni. La manifestazione nasce con il comune obiettivo di diffondere i valori legati allo sport, alla socialità e all’integrazione, facendo conoscere, divulgando e promuovendo le attività per le persone abili e diversamente abili.

Come nella precedente edizioni il programma della giornata è ricco e diversificato per intrattenere piccoli e adulti. Inoltre ai partecipanti verranno consegnati alcuni gadget.  Tra le attività previste, gioco danza, mini partite di calcio, laboratorio coreografico, esibizione di judo, danza classica e moderna, attività ginniche e tanto altro. Alle ore 17, inoltre, esibizione della Banda di Dozza. Tante le associazioni presenti, come Associando, Anpi, Artlab, Avis, Dozzese Calcio, Dozza karate, Circolo Tennis Dozza, Toscanella Dozza Sport, Guelfo Basket, Associazione Rambaldi per l’impegno sociale, Associazione Musicale Dozzese, Kasomay Onlus,  Trama di Terre, Gruppo Bandistico Folcloristico Dozzese, Centro Occupazionale La Tartaruga, Judo Imola, Associazione culturale Incontri.

Per l’accesso alla manifestazione è richiesto il Green Pass. (r.s.)

Nella foto: la locandina dell’evento

A Dozza la 6^ edizione della Festa delle associazioni «Giochiamo senza frontiere»
Sport 6 Settembre 2021

Apertura autodromo, un lunedì sera dedicato solo ai pedoni

Nel periodo che prendiamo in considerazione questa settimana, cioè dal 2 all’8 settembre, l’autodromo di Imola sarà aperto al pubblico solamente stasera, lunedì 6 settembre (ordinaria, serale), quando i pedoni (ma non i ciclisti) potranno camminare dalle 18 alle 19.30. Le biciclette dovranno attendere invece mercoledì 22 settembre. (r.s.)

Apertura autodromo, un lunedì sera dedicato solo ai pedoni
Calcio 5 Settembre 2021

Un 3-0 clamoroso dell'Imolese a Viterbo

Un 3-0 clamoroso. Dopo un primo tempo con un leggero predominio dei padroni di casa, l’Imolese esce nella ripresa e va a segno con Lia, Benedetti e Boccardi su rigore. Vittoria netta anche se troppo larga, vista la traversa colpita da Fracassini e almeno 4 parate bellissime di Rossi. Tanto ossigeno in vista della trasferta di domenica prossima a Cesena. Si tratta anche della prima vittoria storica al Rocchi, visto che nel 1971/72 perdemmo 2-0 e nel 2004/05 facemmo 1-1 (rete di Vado).

Il punto. Prima trasferta della stagione a Viterbo e Fontana recupera qualche squalificato, come Alessandro Lombardi e Torrasi, puntualmente titolari, ma perde Liviero per infortunio. Dunque linea difensiva con Lia e Cerretti agli estremi e i soliti Angeli e Rinaldi al centro. Centrocampo coi due citati prima, affiancati da Benedetti. Attacco con Padovan, De Sarlo e Matarese, ma nella ripresa potrebbero trovare spazio Turchetta, Luca Lombardi e pure il nuovo arrivato Belloni, un altro argentino dopo Ferretti.

La cronaca. La Viterbese parte convinta a sbloccare subito la partita e infatti tra il 5’ e il 6’ ha due occasioni, prima su punizione di Volpicelli e poi con una spizzata di testa di Murilo, ma Rossi blocca entrambe le conclusioni. L’Imolese fa fatica a superare la trequarti campo, ma quando ci riesce si fa vedere con idee interessanti. Ecco allora che al 19’ Padovan ha un guizzo: si accentra e lascia partire un sinistro rasoterra che lecca il palo alla destra di Daga. Al 22’ i padroni di casa ripartono in velocità con Capanni che entra in area e scaglia un bolide sul primo palo, con Rossi che blocca a terra. La partita vive il suo momento migliore, infatti al 26’ c’è la risposta rossoblù, ancora con Padovan, che dribbla un avversario e tira in porta, stavolta lambendo l’altro palo, quello alla destra del portiere. Ancora una bella Imolese al 40’: lunga azione con svariati passaggi, fino al tocco di Matarese che scarica per Lia sul fondo, cross dalla sinistra e tiro al volo di Benedetti, ma Daga devia in corner. L’ultimo brivido c’è al 43’ con una gran parata di Rossi in angolo, su conclusione ravvicinata di Calcagni. Se non abbiamo contato male sono 4 occasioni a 3 per la Viterbese a metà partita.

La ripresa. Dopo la pausa parte forte la squadra di Fontana, che ha sostituito Torrasi (ammonito) con D’Alena e al 50’ è subito gol. Matarese serve di tacco Lia che colpisce con un tiro a giro dentro l’area. Non si fa attendere la reazione della Viterbese che al 56’ spacca la traversa con Fracassini e sul prosieguo dell’azione Rossi para un tiro forte ma centrale. Fontana cambia tutta la linea d’attacco, facendo entrare Turchetta, Belloni e Luca Lombardi. Al 63’ è raddoppio. Sugli sviluppi di un corner, Benedetti duetta alla perfezione con Rinaldi che gli scucchiaia un pallone perfetto oltre la linea difensiva. E Benedetti al volo segna un gran gol. I padroni di casa ci provano, ma al 65’ viene annullato un gol a Murilo per averla controllata con una mano. Ancora Imolese al 69’: numero di Lombardino sulla destra ma il suo pallone rasoterra non viene agganciato da Benedetti. Al 73’ ancora super Rossi (6 parate, di cui 4 bellissime) su Calcagni. Al 75’ altro gol annullato alla squadra di mister Dal Canto per un netto fuorigioco. L’Imolese chiude tutti gli spazi e all’88’ in velocità Lia viene atterrato dal portiere. Boccardi, appena entrato per Angeli, va sul dischetto e spiazza Daga. (p.z.)

Viterbese – Imolese 0-3 (0-0)

Imolese (4-3-3): Rossi; Lia, Angeli (79’ Boccardi), Rinaldi, Cerretti; A. Lombardi, Torrasi (46’ D’Alena), Benedetti, Padovan (60’ L. Lombardi), De Sarlo (60’ Belloni), Matarese (60’ Turchetta). All. Fontana.

Gol: 50’ Lia (I), 63’. Benedetti, 89’ Boccardi (rig.) (I).

Un 3-0 clamoroso dell'Imolese a Viterbo
Sport 4 Settembre 2021

Paralimpiadi, argento nel tiro con l’arco per l’ex paziente di Montecatone e cittadino onorario di Dozza Stefano Travisani

«Complimenti a Stefano e a tutta la squadra di tiro con l’arco azzurra per questo risultato. Un pezzo di Montecatone è a Tokyo». Con questo post su Facebook l’istituto Montecatone ha commentato la medaglia d’argento conquistata per l’Italia da Stefano Travisani nel tiro con l’arco misto alle Paralimpiadi.

L”ex paziente di Montecatone e cittadino onorario di Dozza è alla prima partecipazione nella competizione a cinque cerchi e nella finale, insieme ad Elisabetta Mijno, ha perso di un solo punto contro la Russia alle frecce di spareggio. (r.s.)

Foto dalla pagina Facebook di Montecatone

Paralimpiadi, argento nel tiro con l’arco per l’ex paziente di Montecatone e cittadino onorario di Dozza Stefano Travisani
Sport 4 Settembre 2021

Calcio serie C, l’allenatore Fontana prima di Viterbese-Imolese: «C’è mentalità, manca solo la condizione»

Una prodezza balistica alla Del Piero (autore Semprini) ha condannato un’Imolese generosa, volitiva, ma spuntata, che ci ha provato fino alla fine ad evitare la sconfitta con la Lucchese. Campionato che parte male dunque, nonostante la prestazione dei rossoblù non sia stata da buttare. Considerando anche le assenze a centrocampo di Torrasi e Alessandro Lombardi, e in difesa di Vona, che ha un’altra giornata di squalifica da scontare e che mancherà pure domani, domenica 5 settembre, a casa della Viterbese (stadio Rocchi, inizio ore 17.30).

Per la trasferta di Viterbo recuperi giocatori importanti. Cambierà qualcosa nell’assetto tattico?

«Quello dell’assetto è l’ultimo argomento da trattare. Ora stiamo ragionando su occupazione di spazi quando la palla l’hanno gli altri e di creazione di spazi quando l’abbiamo noi. Questo a prescindere del modulo. La Viterbese l’ho vista giocare e posso dire che è una squadra tosta e ricca di interpreti di valore. Anche loro sono in fase di rodaggio e quindi da una sfida del genere c’è da aspettarsi qualsiasi cosa». (a.d.p.)

L’intervista su «sabato sera» del 2 settembre.

Nella foto (Isolapress): mister Fontana

Calcio serie C, l’allenatore Fontana prima di Viterbese-Imolese: «C’è mentalità, manca solo la condizione»
Sport 1 Settembre 2021

Autodromo, le strategie del direttore Pietro Benvenuti: «F1 e Superbike, puntiamo a dei triennali»

Intervista a Pietro Benvenuti, direttore dell’autodromo di Imola dal 18 febbraio scorso, dopo esserlo stato in precedenza dal gennaio 2012 al dicembre 2015. Poi, dopo due anni nel Team Gresini, è stato chiamato a dirigere Monza, dove è rimasto dal gennaio 2018 al luglio 2020. «Sulla F1 noi chiediamo almeno 3 anni di contratto, che coincidono con le scadenze che Liberty Media ha con quasi tutti i circuiti al termine del 2024 – ha detto Benvenuti -. Per la Superbike stiamo parlando con Dorna per un accordo che, come per la F1, possa comprendere 3 anni». (a.d.p.)

L’intervista su «sabato sera» del 2 settembre.

Nella foto (Isolapress): Pietro Benvenuti

Autodromo, le strategie del direttore Pietro Benvenuti: «F1 e Superbike, puntiamo a dei triennali»
Sport 1 Settembre 2021

Calcio Eccellenza, cinque positivi nella Valsanterno. Rinviato il match di Coppa con il Medifossa

Doveva essere la sfida di cartello, il modo perfetto per iniziare al meglio la stagione della «ripartenza». E invece Valsanterno-Medicina Fossatone, match valevole per il primo turno della nuova Coppa Italia di Eccellenza e Promozione in programma domenica 5 settembre, non si disputerà.

Parte subito con l’asterisco l’annata 2021/2022, quella che per gli addetti ai lavori doveva essere, finalmente, una stagione normale, dopo un anno e mezzo a singhiozzo. Un rinvio dovuto ad alcune positività emerse nel gruppo squadra della Valsanterno, già costretta a fermarsi ai box dopo nemmeno un mese di preparazione. «Purtroppo abbiamo 5 elementi contagiati tra giocatori e membri dello staff – spiega il direttore sportivo valligiano Daniele Maiardi -. Fino a lunedì abbiamo fatto tamponi ogni due giorni per cercare di risolvere la situazione e provare a scendere in campo, nonostante le defezioni; poi è arrivata la chiamata dell’Ausl, che ha imposto l’isolamento fiduciario a tutti i componenti del gruppo squadra e, inevitabilmente, il rinvio della gara». (an.cas.)

L’intervista su «sabato sera» del 2 settembre.

Nella foto (Isolapress): Fabio Paterna, nello staff della Valsanterno

Calcio Eccellenza, cinque positivi nella Valsanterno. Rinviato il match di Coppa con il Medifossa

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast