Sport

Sport 12 Aprile 2019

Guida sportiva ai principali appuntamenti del fine settimana

Come ogni settimana torna la nostra guida sugli appuntamenti sportivi più importanti del weekend nel territorio. 

BASKET. In A2, l”Andrea Costa, dopo la sconfitta casalinga contro Jesi, domenica sera (ore 18) giocherà al Ruggi contro Montegranaro. In serie B, invece, Ozzano affronterà sempre domenica (ore 18) in trasferta Cesena. Scendendo in C Gold domenica (palla a due alle 18), nell”ultimo turno di regular season, Castel Guelfo sarà di scena sul parquet di Bologna Basket, mentre la Vsv Imola sarà impegnata a San Lazzaro. In C Silver, invece, stasera Fortitudo-Medicina (ore 21) e domani Grifo Imola-Zola Predosa (alle 18.30) e Olimpia Castello-Persiceto (alle 21). 

CALCIO. L”Imolese (serie C) tornerà in campo lunedì (ore 20.45), nel posticipo serale ed in diretta Rai, al Galli contro il Feralpisalò. Passando ai dilettanti (fischio d”inizio alle 15.30), in Eccellenza ci sarà Medifossa-Fya Riccione e Cotignola-Sanpaimola, mentre in Promozione il calendario proporrà Bentivoglio-Sesto Imolese e Valsanterno-Trebbo. In Prima Categoria spazio a Bubano-Crespo, Libertas Castello-Osteria GrandeJuvenilia-Atletico Castenaso, Fontanelice-San Cesario e Ozzanese-San Benedetto. Scendendo in Seconda Categoria (girone L) la Tozzona giocherà sul campo dello Junior Corticella, con l”Amaranto Castel Guelfo che sarà impegnato in casa del Fossolo, mentre il Fly Sant”Antonio sarà di scena sul terreno di gioco del Rainbow Granarolo. Nel girone N di Seconda Categoria, invece, ci sarà il derby Mordano-Bagnara e San Pancrazio-Castel del Rio. Chiudendo con la Terza Categoria, occhi puntati su Sporting Guelfo-Castel de Britti, Quarto-Dozzese, Stella AzzurraAcademy Imola e Sporting Valsanterno-San Gabriele. Riposa l”Ozzano Claterna.

CALCIO DONNE. L”Imolese (serie C) tornerà in campo domenica (ore 14.30) a San Marino.

FUTSAL. L”Imolese Kaos (serie B) giocherà domani sul campo dei veneti del Miti Vicinalis (ore 16).

PALLAVOLO DONNE. Nel campionato d B2 domani sera (ore 21) la Clai Imola se la vedrà in casa della Campagnola Reggio Emilia, mentre la Vtb Ozzano, domenica (ore 18), ospiterà Rubiera.

RUGBY. In C1 (alle 15.30), nella poule promozione, Imola giocherà in casa contro Bologna, mentre, nella poule retrocessione, Castel San Pietro riceverà L”Anconitana.

PALLAMANO. Il Romagna (A2) domani sfiderà alla Cavina il Camerano (ore 19). (d.b.)

Guida sportiva ai principali appuntamenti del fine settimana
Sport 12 Aprile 2019

Aperture autodromo, domenica 14 aprile cancelli aperti tutto il pomeriggio

Segnatevi le date, perché questa settimana saranno numerose le possibilità di entrare all’autodromo Enzo e Dino Ferrari. Nel periodo che prendiamo in considerazione questa settimana, la pista sarà accessibile oggi, martedì 16 e giovedì 18 aprile (dalle 18.45 alle 20), ma il clou sarà domenica 14 aprile, quando si potrà stare all’interno dell’impianto per ben 5 ore, dalle 14.30 alle 19.30. E’ ovviamente consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore. (r.s.)

Nella foto (Isolapress): appassionati all”autodromo

Aperture autodromo, domenica 14 aprile cancelli aperti tutto il pomeriggio
Sport 11 Aprile 2019

Record e «pass» per Fabio Scozzoli e Martina Carraro ai Campionati italiani di nuoto

Coppia d’assi, nel vero senso del termine. Fabio Scozzoli e Martina Carraro sono stati i grandi protagonisti degli Assoluti Primaverili che si sono disputati dal 2 al 6 aprile allo Stadio del Nuoto di Riccione. Per entrambi, infatti, è arrivato il «pass» per i Mondiali di Gwangju, oltre ad un consistente bottino di medaglie. Partiamo dalla Carraro, vero volto di questi Campionati italiani. La 25enne ligure, tesserata per Fiamme Azzurre ed Nc Azzurra 91, ma seguita da Cesare Casella ad Imola, ha centrato una fantastica tripletta: nel primo giorno di gare è riuscita a piazzare la zampata vincente nella solita battaglia con Arianna Castiglioni (oro e «pass» per i Mondiali nei 100 rana); nell’ultimo si è confermata sulla mezza distanza, ? rmando il miglior tempo mondiale stagionale e battendo per pochi centesimi la grande rivelazione degli Assoluti, la giovanissima Benedetta Pilato (che ha eguagliato Federica Pellegrini, visto che disputerà un Mondiale a soli 14 anni).

In mezzo, un altro oro, nei 200 rana, per uno strepitoso tris riuscito solo ad Alessia Boggiato prima. Il compagno Fabio Scozzoli, comunque, non è stato da meno: doppio oro e doppio «pass», col miglior crono mondiale stagionale nei 50 rana, proprio come Martina. L’ennesima dimostrazione di forza e di longevità, dal momento che a 30 anni Scozzoli continua a sbaragliare la concorrenza dell’enfant prodige Nicolò Martinenghi. Quello coreano sarà il 4º Mondiale per il forlivese, a caccia di quella medaglia che sfugge dal 2011 (doppio argento a Shanghai, ma con tempi addirittura più alti a quelli fatti registrare a Riccione). Passiamo a chi invece non è riuscito ad esprimersi secondo le aspettative, a cominciare da Ilaria Bianchi. La farfalla castellana ha portato a casa la medaglia d’argento nei 100 metri, nonostante un crono decisamente poco positivo (58”33 contro il 57”80 della vincitrice Elena Di Liddo), mentre nei 50 e nei 200 non è riuscita a salire sul podio. Poco brillante anche Alessia Polieri, bronzo nei 200 farfalla e solo quarta nei 400 misti, mentre Carlotta Zofkova non ha partecipato ai tricolori. (an.cas.)

Nella foto: Fabio Scozzoli e Martina Carraro

Record e «pass» per Fabio Scozzoli e Martina Carraro ai Campionati italiani di nuoto
Cronaca 10 Aprile 2019

Inaugurata all'autodromo di Imola la mostra su Ayrton Senna. IL VIDEO

Una mostra del genere non si era mai vista. Ma per ricordare un pilota unico, inimitabile e di fatto adottato dalla città come Ayrton Senna, non poteva che essere studiata in maniera così creativa e geniale, per dar modo ai visitatori di catapultarsi nel mondo del fuoriclasse brasiliano, e ripercorrerne attraverso il susseguirsi di suoni e immagini dell’archivio storico della Rai proiettate su schermi giganti, installati all’interno del Museo multimediale Checco Costa, le fasi più entusiasmanti della sua carriera (dagli esordi nei kart all’ultima corsa) accompagnate dalle parole più significative ed emozionanti pronunciate negli anni della F.1. Una storia da vivere in modo esclusivo grazie alle apposite cuffie messe a disposizione dagli organizzatori della mostra, che esaltano l’intimità di ogni momento, trasformandolo in un viaggio alla scoperta del campione brasiliano. «Il primo obiettivo della mostra (inaugurata mercoledì e che resterà aperta fino al 30 novembre 2019, nda) era quello di far respirare al pubblico quella magia inconfondibile che contraddistingueva lo sguardo profondissimo di Ayrton – ha spiegato l’imolese Matteo Brusa, curatore della mostra intitolata: Ayrton Magico, l’anima oltre i limiti -. Il secondo obiettivo di raccontare Senna attraverso Imola, perché sono certo che questo è l’unico luogo capace di generare poesia ogni volta che si parla di lui. Ed è stato divertente scoprire che, man mano che prendeva corpo il testo narrativo, che c’era sempre uno strano legame fra quelli che erano i temi centrali della vita di Senna e Imola, come se tutte fosse già scritto e come se a legarlo al nostro circuito esistesse da sempre un filo sottilissimo».

La mostra, allestita dai tre nuovi gestori Area Gare Space, Tbs Group e Ett Spa, per l’occasione rappresentati rispettivamente da Paolo Alongi, Gian Giacomo Cara e Adele Magnelli, si struttura per 5 grandi nuclei tematici sviluppati in quattro ambienti. «Tutto il racconto ha la precisa volontà di trascendere la morte di Ayrton – ha aggiunto Brusa – E lo fa simbolicamente con la presenza all’interno della mostra della sua ultima macchina, la Williams, e del suo primo kart, costruendo una circolarità temporale, come ad azzardare una sorta di eterno ritorno e facendo in modo che tutto il tempo narrativo si fermi alle ore 14, 16 minuti e 59 secondi di quel 1º maggio, cioè un attimo prima dell’impatto contro il muro del Tamburello. In questa mostra si dà spazio solo al sogno, al nostro desiderio e al mito del campione».

Ad impreziosire l’inaugurazione con interventi a tratti anche molto toccanti c’erano, oltre ai fratelli Carlo (nel ruolo di moderatore) e Claudio Costa, il giornalista Leo Turrini, l’ex team manager di F.1 Giancarlo Minardi, il presidente di Formula Imola Selvatico Estense, il direttore dell’autodromo Roberto Marazzi e la sindaca Manuela Sangiorgi, che in veste ufficiale ha tagliato il nastro inaugurale. «Siamo tutti molto felici di avere una nuova gestione per il nostro museo – ha detto la prima cittadina imolese – Li accogliamo volentieri nella nostra famiglia, perché c’è bisogno di ridare vita a questa struttura intitolata a Checco Costa, che vogliamo vedere sempre più viva e ricca di iniziative e progetti che possano attrarre anche un pubblico internazionale. L’auspicio è quello di condividere un percorso insieme a Formula Imola e a tutta la realtà che ruota intorno al nostro bellissimo autodromo». (a.d.p.)

L”articolo completo su «sabato sera» dell”11 aprile.

Nella foto (Isolapress): la mostra su Ayrton Senna all”interno dell”autodromo

Inaugurata all'autodromo di Imola la mostra su Ayrton Senna. IL VIDEO
Sport 10 Aprile 2019

Il mordanese Davide Bulzamini e la Nazionale di pallamano questa sera in campo a Faenza

Per una settimana il centro della pallamano italiana  è stato il triangolo formato da Imola, Mordano e Faenza. Nella mattinata di giovedì 4 è arrivata la maggior parte degli azzurri e in serata sono iniziati gli allenamenti in vista della fondamentale partita di questa sera, mercoledì 10 aprile, con la Slovacchia che si giocherà al PalaCattani di Faenza (ore 18.45, ingresso gratuito e diretta su Sportitalia). Sarà anche la prima volta di un incontro ufficiale della pallamano italiana nella nostra zona e le società organizzatrici (Romagna e Faenza) si aspettano di raggiungere le 2.000 presenze, visto l’interesse dalle altre regioni e le 700 magliette già vendute per questa partita. Un match che chiude il girone di andata delle qualificazioni agli Europei 2020, di cui fanno parte anche due potenze come Ungheria e Russia che, come previsto, sono a punteggio pieno.

Nella rosa azzurra presente anche Davide Bulzamini. Per il terzino 23enne mordanese, che da due anni gioca nella seconda lega francese dopo essere esploso nel Romagna, quella di Faenza sarà una partita indimenticabile. «Giocare in Nazionale è un sogno e farlo davanti a chi mi conosce è un sogno al quadrato, racconta Dado. Per vincere bisognerà disputare una partita perfetta e sarebbe utile farlo anche con un buon scarto, visto che tre giorni dopo abbiamo il ritorno in casa loro».

Cosa penserai quando sentirai l’inno?

«Avrò i brividi e la mente andrà a quando, da bambino, ho fatto i primi tiri in porta. Penserò ai miei genitori che mi hanno sempre appoggiato e alla mia ragazza che mi è stata vicina. Poi andrà ai ricordi, cioè a quello splendido gruppo che siamo stati col Romagna e da cui ho imparato molto a livello caratteriale. Senza di loro non sarebbe esplosa in questo modo la passione che ho per la pallamano. Sarà difficile trascorrere anni altrettanto belli come quelli col Romagna per l’ambiente e l’aria che si respirava in squadra. Un gruppo prima di tutto di amici che davamo tutto per l’altro. Siamo arrivati in Europa due anni di fila e se penso a quegli anni mi viene il magone, perché potevamo dare tanto e non ci è stato riconosciuto quello che quel gruppo meritava». (c.a.t.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 4 aprile.

Nella foto: Davide Bulzamini con la maglia del Vernon

Il mordanese Davide Bulzamini e la Nazionale di pallamano questa sera in campo a Faenza
Sport 8 Aprile 2019

«Camminacittà», a Imola dalla Bocciofila si va in direzione «Marconi»

Con l’iniziativa «Camminacittà» si vuole promuovere l’esercizio fisico in modo semplice e accessibile a tutti. Si cammina su percorsi urbani, nei parchi, nelle aree verdi e sulle piste ciclopedonali. Si entra e si esce dal percorso a piacere e non è richiesta nessuna iscrizione.

Ogni lunedì vengono proposti due percorsi distinti, il primo di 8 km. circa ad andatura veloce e il secondo ad andatura più blanda di circa 5 km. aperto a tutte le persone che per età o altri motivi hanno piacere di fare del moto, in compagnia, senza dover sottoporre il fisico a stress eccessivi. La partecipazione è libera e gratuita. Anche stasera, lunedì 8 aprile, il ritrovo è alle ore 20.30 presso il parcheggio della Bocciofila (lato Silvio Alvisi), per poi avviarsi in direzione «Marconi».

Per informazioni: Pierluigi (tel. 348-7932893).

Foto tratta dalla pagina facebook del Camminacittà di Imola

«Camminacittà», a Imola dalla Bocciofila si va in direzione «Marconi»
Sport 8 Aprile 2019

Pallamano A2, un pareggio per il Romagna nell'ultima trasferta dell'anno

Pareggio 21-21 per il Romagna che dopo tre sconfitte consecutive ritrova un punto in trasferta. A due minuti la rete di La Posta aveva illuso i bianconeri, freddati poi a 50 secondi dalla sirena dalla rete dei padroni di casa. Con questo risultato la squadra di Tassinari cristalizza il proprio 6° posto in classifica, ad una giornata dalla fine della regular season.

Nel prossimo turno, in programma sabato 13 aprile, il Romagna affronterà alla Cavina il Camerano.

Tabellino

Rubiera-Romagna 21-21 (p.t. 10-10)

Secchia: Salati, R.Bartoli 1, Boni 2, Bortolotti 3, Giovanardi 4, Hila 5, Mezzetti,Patroncini 2, Rivi, Santilli 4, Sentieri, Filippini, Giberti, Lugli, D.Bartoli, Mazzieri. All. Agazzi.

Romagna: Martelli, Sami, Folli 2, Panetti, La Posta 1, A.Boukhris 2, Luppi, Bosi 1,F.Tassinari 1, Leotta, Ricci, Rotaru 7, Babini 7, Manduchi, Valtancoli, Soglia. All. Tassinari.

Foto di Annalisa Mazzini

Pallamano A2, un pareggio per il Romagna nell'ultima trasferta dell'anno
Calcio 7 Aprile 2019

Un buon 0-0 a Verona, l’Imolese resta quarta

Scanso agli equivoci. Il punto è buono. Un 0-0 serale a casa di una delle squadre più in forma del momento, che tra l’altro gioca bene, con tanto possesso palla. Poche le vere occasioni da gol per entrambe le squadre, coi veneti che ci hanno provato molto con tiri da fuori, mentre l’Imolese si è resa pericolosa nel finale, soprattutto con Lanini e Giovinco, inseriti entrambi nella ripresa,

In uno scenario di una tristezza indicibile come lo stadio veronese, Dionisi ha schierato una squadra inizialmente un po’ rimaneggiata. Senza i cronici infortunati Garattoni e Belcastro, ma anche senza Saber, protagonista delle ultime uscite, e Sciacca. Ne esce dunque una formazione con la solita linea difensiva (a parte Boccardi terzino destro), con Bensaja e Valentini a circondare il perno Carraro e con Rossetti e De Marchi in attacco.

La cronaca. Avaro di occasioni questo posticipo serale, con qualche fremito in più per la difesa rossoblù, che però raramente ha centrato la porta. L’unica parata di Rossi è stata al 13’ su tiro di Grbac, mentre ci hanno provato senza esito anche Casarotto, Danti e nel finale Grandolfo, sempre con conclusioni da fuori area. L’unico spunto degno di nota per l’Imolese è stato invece il colpo di testa di Checchi su calcio d’angolo, al 20’.

La ripresa. Nella prima metà c’è tanto possesso palla dei padroni di casa, nonostante Dionisi abbia inserito subito Mosti e Lanini al posto di Ranieri e De Marchi. La scintilla sembra invece partire dal momento in cui entra Giovinco, al minuto 70. Subito una punizione guadagnata (Fiore spara fuori dal limite) e poi altre due occasioni rossoblù. Lanini all’82’ si lancia sulla sinistra e viene fermato all’ultimo momento, mentre all’86’ Carraro lancia perfettamente Giovinco lanciato a rete, ma il portiere veronese Giacomel è bravissimo ad anticiparlo di piede fuori area. (paolo zanelli)

Virtus Vecomp Verona – Imolese 0-0 (0-0)

Imolese (4-3-1-2): Rossi; Boccardi, Checchi, Carini, Fiore; Valentini, Carraro, Bensaja (64’ Gargiulo); Ranieri (46’ Mosti); De Marchi (46’ Lanini), Rossetti (70’ Giovinco). All. Dionisi.

Nella foto: Federico Carraro (Isolapress)

Un buon 0-0 a Verona, l’Imolese resta quarta
Sport 7 Aprile 2019

Pallavolo B2 femminile, la Clai Imola fa suo il derby con la Vtb Ozzano e festeggia la promozione

Serata indimenticabile per la Clai Imola che batte 3-1 nel derby la Vtb Ozzano e centra la matematica promozione in B1. Primi due set equilibrati, poi nel terzo le imolesi di Turrini hanno lasciato le briciole alle avversarie e hanno dato via ai festeggiamenti anticipati. Alla Clai, infatti, bastava arrivare al tie-break per conquistare il campionato, ma nonostante questo non ha mollato la presa fino alla fine. Ozzano, con questa sconfitta, rimane a +2 sulla zona retrocessione. 

Nel prossimo turno, in programma sabato 13 (ore 21) la Clai sarà impegnata sul campo della Campagnola Reggio Emilia, mentre domenica 14 (alle 18) Ozzano ospiterà la Rubierese.

Tabellino

Clai Imola-Vtb Ozzano 3-1 (25-20, 26-28, 25-10, 25-22)

Pallavolo B2 femminile, la Clai Imola fa suo il derby con la Vtb Ozzano e festeggia la promozione
Sport 7 Aprile 2019

Basket A2: i cinque minuti di Gasparin condannano Le Naturelle

Il Palasavena di San Lazzaro non è una trasferta lunga, ma è lunga la partita con Cento che Le Naturelle guidano per 35 minuti. Peccato che siano i primi e che alla Baltur prendano i 5 minuti quando serve davvero, cioè alla fine. Il protagonista della vittoria è un volto noto, Giovanni Gasparin che infila 23 punti, ma soprattutto ne mette 9 negli ultimi 4 minuti. Cento spera ancora nei play-out, Imola invece esce dai giochi e con Montegranaro e Forlì saranno le ultime fatiche di un gruppo che ha fatto il suo.
Taylor scatta dai blocchi come una molla (6 punti in 2 minuti) ma la partita è in equilibrio. Verso fine quarto Le Naturelle trovano punti da tre con Crow e Magrini e allungano fino a +6 (15-21) stabilizzandosi sul +5. Imola fa un altro scalino fino al +8 (18-26), ma anche Cento con Benfatto (9 punti alla pausa) si rimette a scalare e chiude alla sirena di metà partita con appena un canestro di debito (38-40).
In avvio di ripresa è un duello Taylor – Crow che non cambia gli equilibri (Imola sempre avanti di due o tre possessi). Bj Raymond si muove e Le Naturelle arrivano fino a +9 (57-65), ma ancora Taylor evita la fuga quando mancano ancora 10 minuti (61-67 all”ultima pausa).
L”ultimo tempo scorre liscio per 5 minuti con Imola sempre al comando. Cento poi ricorda di doverla vincere per salvarsi e passa quando mancano meno di 4 minuti (77-76 con due liberi di Chiumenti). L”ex Gasparin mette 7 punti di fila e tocca a Bowers tenere Le Naturelle in scia, ma il traguardo è troppo vicino e un altro ex, Moreno, mette il canestro del +6 (87-81) prima di due liberi finali della figurina più nitida di giornata, ovvero Gasparin. (Paolo Bernardi)
Il tabellino
Baltur Cento – Le Naturelle Imola 89-82 (15-23, 20-17, 23-27, 28-15)
Cento: Taylor 21, Taflaj 3, White 10, Gasparin 23, Benfatto 11; Moreno 8, Chiumenti 13. Ne Di Bonaventura, Ebeling, Invidia, Balducci. All. Bechi.
Imola: Fultz 5, Bowers 19, Crow 16, Raymond 23, Simioni 11; Magrini 3, Rossi 5, Montanari. Ne. Prato, Wiltshire, Ndaw. All. Di Paolantonio.
Nella foto Isolapress Bowers.

Basket A2: i cinque minuti di Gasparin condannano Le Naturelle

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast