Posts by tag: asp

Cronaca 22 Settembre 2021

Alzheimer, un giardino sonoro alla residenza anziani Cassiano Tozzoli di Imola

In occasione della Giornata dell’Azheimer che si celebra nel mondo il 21 settembre, ieri alla Casa Cassiano Tozzoli di Imola è stato inaugurato un giardino sonoro che consente agli ospiti della struttura attività di riabilitazione e stimolazione sensoriale all’aria aperta. Grazie ai nuovi allestimenti, gli anziani potranno partecipare a laboratori musicali e ad attività motorie nel nuovo spazio pavimentato, adiacenti l’accesso all’area abitativa. Per la realizzazione delle diverse attività sono stati programmati corsi di formazione per gli operatori della struttura.

Gli interventi di riqualificazione del giardino di Casa Alzheimer si collocano in un progetto più ampio realizzato dall’Asp Circondario Imolese con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Imola. Il progetto prevede anche nuovi allestimenti funzionali a riqualificare gli spazi esterni di Casa Alzheimer per favorire gli incontri tra anziani e loro famigliari in sicurezza. (lo.mi.) 

Nella foto: l’inaugurazione del giardino sonoro a Casa Cassiano Tozzoli

Alzheimer, un giardino sonoro alla residenza anziani Cassiano Tozzoli di Imola
Cronaca 1 Marzo 2021

Coronavirus, Comune di Imola e Asp aprono un nuovo bando per richiedere i buoni spesa

Da oggi, lunedì 1 marzo, verrà aperto un nuovo bando per poter usufruire dei buoni spesa per generi alimentari e beni di prima necessità messi a disposizione del Comune dal governo all’interno del cosiddetto «Ristori ter». Il bando riaprirà fino al 19 marzo con gli stessi criteri del precedente, ma solo per coloro che non hanno già presentato domanda in occasione del bando precedente. Per il Comune di Imola sono stati stanziati dal governo 370.038,57 euro.

Per soddisfare il maggior numero di utenti possibile, anche attraverso una ragionata differenziazione delle forme di sostegno, l’Amministrazione comunale ha deciso di avvalersi della collaborazione dell’Asp Circondario Imolese, dell’Associazione «No sprechi Odv» e della Fondazione Banco Alimentare Emilia-Romagna Onlus.

CRITERI, REQUISITI E COME PRESENTARE LA DOMANDA  

Nella foto: il Comune di Imola

Coronavirus, Comune di Imola e Asp aprono un nuovo bando per richiedere i buoni spesa
Cronaca 11 Febbraio 2021

Fece irruzione negli uffici dell’Asp con un coltello minacciando di morte il personale, condannato a due anni di carcere

Nel 2020, l’Azienda dei Servizi alla Persona (Asp) del Circondario Imolese, è stata oggetto di numerosi casi di violenza, alcuni anche gravi, perpetrati nei confronti di assistenti sociali, educatori e personale direttivo. Come quello avvenuto il 16 giugno nelle sede di via D’Agostino a Imola, quando un uomo aveva fatto irruzione negli uffici con il volto travisato da un passamontagna e, brandendo un tagliacarte dalla lama di 14 centimetri, minacciò di morte il personale presente e gli operatori che si erano occupati del suo caso, prima di essere arrestato dai carabinieri.

Dopo otto mesi, lo scorso 8 febbraio, l’uomo, 47enne cittadino imolese pluripregiudicato per reati contro la persona, con altri processi in via di definizione e in carcere ininterrottamente da quel giorno, è stato condannato a due anni di reclusione per minaccia aggravata dal giudice Maria Cristina Sarli, oltre al pagamento delle spese legali sostenute ed al risarcimento dei danni cagionati all’Asp Circondario Imolese nonché alla direttrice e ad alcuni operatori, destinatari delle minacce, tutti costituiti nel giudizio penale e difesi dall’avvocato Giulia Guerrini. Inoltre il tribunale di Bologna gli ha anche revocato il reddito di cittadinanza che percepiva.

L’imputato aveva chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato. Al momento il soggetto resta in carcere in quanto giudicato pericoloso sia dal Gip che al tempo dell’arresto applicò la misura cautelare, sia dal giudice che ora lo ha condannato in primo grado ed al quale l’imputato aveva chiesto l’alleggerimento della misura carceraria, con quella del divieto di dimora nel Comune di Imola. Entrambi i Giudici hanno infatti ritenuto che i numerosi precedenti dell’imputato ed il fatto che lo stesso fosse stato scarcerato solo nel febbraio di un anno fa,  dimostrino la sua scarsa capacità di autocontrollo e la possibilità concreta che possa commettere reati analoghi. (da.be.)

Nella foto: la sede dell’Asp in via D’Agostino

Fece irruzione negli uffici dell’Asp con un coltello minacciando di morte il personale, condannato a due anni di carcere
Cronaca 29 Ottobre 2020

Asp ha acquistato più di 100 Pc portatili per la frequenza a distanza e contrastare il divario digitale

La pandemia in questi mesi, e sopratutto nelle ultime settimana, ha reso necessaria l’attivazione urgente della didattica a distanza, evidenziando però dall’altro lato come continui il divario digitale tra i vari soggetti in campo. Il progetto messo in campo dalla regione Emilia-Romagna  ha così previsto un investimento significativo di risorse a sostegno degli studenti delle scuole di ogni ordine e grado per rendere disponibili dotazioni tecnologiche necessarie a garantire la puntuale relazione degli studenti con le scuole, progetto ampliatosi grazie anche all’intesa intervenuta con la Fondazione Zanichelli che ha integrato le somme stanziate dalla regione finalizzandone l’utilizzo a favore degli alunni della scuola primaria.

Nel distretto imolese la Conferenza dei Sindaci ha deliberato l’adesione al progetto regionale individuando il Nuovo Circondario Imolese quale capofila; la presenza dell’ASP Circondario Imolese che gestisce per conto di tutti i Comuni gli interventi di carattere sociale ha reso possibile una reale ed efficace integrazione fra i servizi e le istituzioni scolastiche anche mediante la sigla di uno schema di collaborazione finalizzato al contrasto al divario digitale nelle opportunità educative e formative.
Sulla base di questi presupposti, delle risorse disponibili e delle disposizioni normative in materia Asp ha provveduto pertanto all’acquisto di 111 computer portatili da destinare ad alunni delle scuole primarie e secondarie per permettere la frequenza on line delle lezioni. I computer verranno consegnati a breve ai nuclei destinatari individuati dal Servizio Sociale Territoriale di concerto con le istituzioni scolastiche. Ulteriori 99 mila euro del Fondo regionale contrasto al divario digitale sono stati destinati alle Scuole del Nuovo Circondario Imolese per acquisti di altre dotazioni. «Un lavoro di territorio, di sinergia che ha permesso in poche settimane di dare risposta a tutte le esigenze rilevate. Un risultato possibile grazie alla grande professionalità che Asp mette a servizio delle nostre Comunità» commenta la sindaca di Casalfiumanese Beatrice Poli, delegata alle Politiche Giovanili per il Nuovo Circondario Imolese. (da.be.)

Nella foto: la sindaca di Casalfiumanese delegata circondariale Politiche giovanili Beatrice Poli, l’assessore al welfare del Comune di Imola Daniela Spadoni, l’assessore alle Politiche giovanili del Comune di Medicina Lorenzo Monti, la responsabile del Servizio sociale territoriale di Asp Circondario Imolese Gabriella Caprara

Asp ha acquistato più di 100 Pc portatili per la frequenza a distanza e contrastare il divario digitale
Cronaca 2 Settembre 2020

Caprara e Dazzani (Asp) raccontano i servizi e le strutture: «Minori, lavoro di équipe per fare la scelta migliore»

La Città metropolitana di Bologna ha realizzato la banca delle strutture socio-assistenziali per minori, gestanti e madri con bambini, dove gli operatori del settore possono trovare informazioni e contatti sulle circa 60 strutture residenziali e semiresidenziali nel territorio, in modo da rendere più snello e veloce il loro lavoro. Ma come funzionano queste strutture, chi decide come e quando entrarvi e che tipo di percorso fare? Lo abbiamo chiesto alla direttrice dell’Asp Circondario Imolese, ente che gestisce per conto dei dieci Comuni gli interventi rivolti alle famiglie in difficoltà e ai minori, Stefania Dazzani e alla responsabile dell’area Servizio sociale territoriale, Maria Gabriella Caprara.

«Le strutture che accolgono minori e madri con bambini sono regolate dalla legge regionale 1904/2011 che definisce tipologie e requi- siti strutturali, di personale richiesti per ciascuna di queste, l’organizzazione delle stesse e la necessità che
sia formalizzato un progetto quadro di riferimento su cui gli operatori possano poi sviluppare gli interventi per ogni minore – rispondono Dazzani e Caprara -. Questo progetto viene definito dall’équipe multidisciplinare sociosanitaria che ha in carico il minore nell’ambito di un’apposita commissione di operatori, eventualmente integrata da altri soggetti che possono essere utili ad una migliore e più precisa definizione del progetto, come i pediatri o gli insegnanti». (m.o.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 27 agosto.

Nella foto: Gabriella Caprara e Stefania Dazzani

Caprara e Dazzani (Asp) raccontano i servizi e le strutture: «Minori, lavoro di équipe per fare la scelta migliore»
Cronaca 11 Maggio 2020

Pubblicato il bando dell'Asp per il Contributo affitto. Domande fino al 12 giugno

Saranno raccolte fino al 12 giugno le domande per il contributo integrativo per sostenere il pagamento dei canoni di locazione (Contributo affitto) relativi all’anno 2019.

Potranno presentare domanda i nuclei familiari residenti in uno dei comuni del circondario imolese titolari di un contratto di locazione per l’abitazione principale nel 2019 e ancora in corso di validità, un indicatore della situazione economica equivalente (Isee) valido compreso tra 3.000 euro e 17.154 euro, e che non siano già beneficiari del reddito di cittadinanza.
Per i residenti nei Comuni di Casalfiumanese, Castel Guelfo di Bologna, Castel San Pietro Terme, Dozza e Medicina sarà possibile presentare le domande anche se in possesso di un Isee inferiore a 3.000 euro, in quanto queste amministrazioni hanno istituito un Fondo per l’affitto comunale teso a dare risposte ai nuclei esclusi dal Fondo regionale.
L’entità del contributo sarà pari a due mensilità del canone effettivamente corrisposto nell’anno 2019, al netto delle spese condominiali ed accessorie, per un massimo di 1.400 euro a domanda.

«Stante la situazione di emergenza sanitaria in atto, è privilegiata la modalità di invio della domanda tramite posta elettronica – spiega l’Asp del circondario imolese -, e solo in via residuale la presentazione diretta agli uffici preposti previo appuntamento». (r.cr.)

Pubblicato il bando dell'Asp per il Contributo affitto. Domande fino al 12 giugno
Cronaca 21 Aprile 2020

Coronavirus, su Radio Montecatone Web un programma “collettivo' per sentirsi più vicini

Un progetto per prevenire e contrastare fenomeni di fragilità e di solitudini involontarie, stimolando il rafforzamento dei legami sociali in particolare nella popolazione over 65.
E’ con questo spirito che nasce Vicini e lontani, una serie di trasmissioni radiofoniche che andrà in onda su Radio Montecatone Web (qui il link per ascoltarla) tutti i mercoledì, alle 10.45, e in replica ogni domenica, alle 11, a cominciare da domani.

«La proposta è di partecipare a questo attraversamento collettivo e di prendere nota di tutto quello che credete, in forma di diario, di appunti, o in qualsiasi forma – spiega Marina Mazzolani, dell’associazione Extravagantis, coordinatrice del progetto a cui partecipano anche l”Anteas, l”Auser, il Circolo Arca della parrocchia di San Giovanni evangelista del quartiere Zolino, il centro sociale Giovannini, la polisportiva Juvenilia, la cooperativa sociale Solco prossimo e l’Asp del circondario imolese –. Potete anche intervistare qualcuno o infine rispondere anche voi con calma, quando ne avrete voglia ad alcune domande».
Condividendo pensieri e considerazioni «potremo chiederci cosa fare, nel futuro prossimo e meno prossimo, di tutto quello di bello, di meno bello e di decisamente brutto che ci ha portato», aggiunge Mazzolani.

Chi fosse interessato a partecipare può farlo inviando i materiali (file word, fotografie di appunti, file audio) all’indirizzo e-mail vicinielontaniradio@gmail.com, direttamente o tramite WeTransfer. (r.cr.)

Coronavirus, su Radio Montecatone Web un programma “collettivo' per sentirsi più vicini
Cronaca 10 Marzo 2020

Un nuovo tetto fotovoltaico per la Cra «Fiorella Baroncini»

Un nuovo tetto, quasi 300 metri quadrati di pannelli solari e la sostituzione del gruppo frigorifero. E’ il triplice obiettivo che sta inseguendo l’Asp per la casa di riposo Fiorella Baroncini (Rsa) di Imola, attraverso un bando per la riqualificazione energetica sviluppato da Bryo Spa, partecipata del ConAmi nonché energy service company (Esco) certificata. Corollario finale del progetto pubblico-privato sarà il miglioramento complessivo e tangibile dell’efficienza energetica dell’edificio.
La casa di riposo di via Montericco è una struttura residenziale da 70 posti letto suddivisi in un immobile su due piani di proprietà del Comune di Imola, gestita direttamente dall’Azienda servizi alla persona (Asp) del circondario imolese. L’Asp ha dato il via al tutto l’anno scorso «incaricando Area blu di seguire da un punto di vista tecnico la procedura – precisa Michele Pasotti di Area blu -. Bryo Spa si è poi aggiudicata il bando, che è stato presentato successivamente al bando regionale per accedere ai contributi europei per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici».
Gli interventi previsti sono, in primo luogo il rifacimento della copertura che, allo stato attuale, presenta infiltrazioni in più punti. La coibentazione del tetto verrà sostituita con una nuova termica, una guaina impermeabilizzante e vernice ad elevata riflettenza solare. A quel punto verrà installato un impianto fotovoltaico da 50,46 kWp che occupa una superficie di 295,8 metri quadrati per produrre l’energia necessaria all’edificio. (l.a.)

Ulteriori informazioni nel numero del Sabato sera del 5 marzo

Un nuovo tetto fotovoltaico per la Cra «Fiorella Baroncini»
Cronaca 7 Agosto 2019

Contributo per l'affitto, si apre il bando per i residenti nel comune di Imola. Si può fare domanda fino al 13 settembre

A partire da domani, 8 agosto, si aprirà il bando per accedere al “Fondo per il sostegno all”accesso alla locazione” riservato ai residenti nel comune di Imola. Fino al 13 settembre si potrà presentare domanda all”Asp circondario imolese per ottenere il contributo per il pagamento dell”affitto della casa in cui si abita, compilando il modulo che può essere ritirato agli Sportelli sociali dell’Asp oppure scaricato direttamente dal sito internet aziendale.

L”Asp ha predisposto il bando in ottemperanza ai criteri stabiliti dal Consiglio comunale di Imola con la delibera 91 del 9 luglio 2019, divenuta esecutiva il 2 agosto, dopo un confronto con le organizzazioni sindacali. Il fondo complessivo messo a disposizione dall”Amminsitrazione imolese è di 200 mila euro, interamente finanziato con risorse locali. Tale importo sarà ripartito equamente tra tutte le domande in regola con i criteri fissati dalla delibera stessa. 

Potranno pertanto presentare domanda soltanto i residenti nel territorio del comune di Imola, che abbiano avuto in locazione un alloggio nel 2018 e un Isee (indicatore di situazione economica equivalente) non superiore a 10 mila euro. In caso di morosità, la somma destinata al richiedente sarà assegnata direttamente al proprietario dell”alloggio, a sanatoria della situazione debitoria dell’affittuario. Ricordiamo che nel 2018 furono raccolte in tutto 385  domande, di cui 356 valide. (r.cr.) 

Contributo per l'affitto, si apre il bando per i residenti nel comune di Imola. Si può fare domanda fino al 13 settembre
Cronaca 11 Gennaio 2019

«I colori delle emozioni», sabato 12 gennaio l'evento per festeggiare il decennale di Casa Alzheimer

L’Asp Circondario imolese e la Fondazione Cassa di Risparmio di Imola organizzano un evento per festeggiare i dieci anni dall’apertura a Imola di Casa Cassiano Tozzoli – Casa Alzheimer. Il percorso che ha portato alla nascita della struttura destinata ad accogliere persone con malattia di Alzheimer ha avuto origine una decina di anni fa, e ha permesso di giungere alla costruzione della struttura attuale, che all’epoca fu interamente donata dalla Fondazione Cassa Risparmio di Imola all’allora Ipab «Casa di Riposo Inabili al Lavoro di Imola», ente che successivamente confluì nell’Asp Circondario imolese.

L’associazione Alzheimer Imola ha attivamente promosso la realizzazione del progetto sul territorio ed insieme all’Ausl imolese sostiene e collabora con l’Asp, che gestisce la struttura, per la qualificazione dell’assistenza. Al momento attuale i servizi erogati all’interno della Casa Cassiano Tozzoli – Casa Alzheimer comprendono un centro diurno anziani e una casa residenza anziani con un nucleo Alzheimer e ricoveri temporanei.

L’evento in programma per il pomeriggio di sabato 12 gennaio ha come tema prescelto «I colori delle emozioni», con un colore diverso per ogni aspetto: per conoscere il cammino percorso, per conoscere le persone, per conoscere la struttura, per conoscere le attività che svolgiamo, per conoscere i momenti della giornata, per conoscerci. I colori legati a questi aspetti saranno la base per allestire un percorso guidato per i visitatori, per far conoscere i diversi spazi colorati della struttura e alcune delle attività che vengono svolte al suo interno. Lungo il percorso verranno predisposti dei pannelli per illustrare le relazioni tra colore ed emozione e l’utilizzo che viene fatto per favorire le diverse attività o momenti della giornata.

Saranno presenti all’evento la presidente dell’Asp, Renata Rossi Solferini, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio, Fabio Bacchilega, la sindaca di Imola, Manuela Sangiorgi, la presidente dell’associazione Alzheimer, Bona Sandrini, e i rappresentanti dell’Ausl di Imola. (r.cro)

«I colori delle emozioni», sabato 12 gennaio l'evento per festeggiare il decennale di Casa Alzheimer

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast