Posts by tag: baccanale

Cultura e Spettacoli 9 Maggio 2022

Baccanale 2022: il tema scelto è «Ripieni». E si parte già il 22 ottobre

È sabato 22 ottobre è la data scelta per l’avvio dell’edizione 2022 del Baccanale, in programma fino a domenica 13 novembre. Una data anticipata rispetto alle edizioni precedenti ma che risponde all’esigenza di inaugurare al meglio la stagione autunnale sfruttando il clima più mite degli ultimi giorni di ottobre.
Il tema scelto è “Ripieni”, «un termine tipicamente culinario che merita di essere usato, in cucina, al plurale – osserva Giacomo Gambi, assessore alla Cultura -. Sono moltissimi infatti i preparati e le ricette che presentano questo speciale trattamento: pasticci ripieni, paste ripiene di crema, tortelli ripieni di ricotta, tacchino ripieno ma anche zucchine ripiene. Il ripieno aggiunge sapore, ricchezza e attrattiva ai piatti più semplici, riempie i vuoti e completa e arricchisce i sapori». Per tutti l’adesione dovrà essere comunicata secondo le modalità riportate nel sito www.baccanale.it entro e non oltre il 15 giugno. (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune di Imola, l”edizione 2021 nel Baccanale

Baccanale 2022: il tema scelto è «Ripieni». E si parte già il 22 ottobre
Cronaca 6 Novembre 2021

Le arance di Libera Terra sulla tavola del Baccanale

Un raccolto non più amaro. È quello di realtà che mettono al centro del proprio progetto imprenditoriale non solo la qualità del prodotto, ma anche il riscatto sociale, lavorando su terreni che un tempo appartenevano alla criminalità organizzata e che oggi costituiscono un’alternativa concreta al modello mafioso.

Realtà sparse in tutta Italia, come, ad esempio, le cooperative di Libera Terra. Tra queste c’è la Cooperativa sociale «Beppe Montana-Libera Terra», la cui storia verrà raccontata il 6 novembre alle 18.30 a Imola, nel Centro sociale La Tozzona, all’interno della rassegna chiamata appunto «Raccolto non più amaro», organizzata dal Consiglio di zona del circondario imolese di Coop Alleanza 3.0 e Libera Imola (presente con un banchetto), in collaborazione con Centro sociale La Tozzona, Coop. Bacchilega e Cooperare con Libera Terra, nell’ambito del Baccanale.

A raccontare il progetto della «Beppe Montana» sarà Alfio Curcio, amministratore delegato della cooperativa sociale che nasce nel 2010 nei terreni che attraversano le province di Catania e Siracusa. (s.n.)

L’intervista a Alfio Curcio su «sabato sera» del 4 novembre.

Nella foto: le arance di Libera Terra

Le arance di Libera Terra sulla tavola del Baccanale
Cultura e Spettacoli 27 Ottobre 2021

È tempo di Baccanale, lo «speciale» di sabato sera tra interviste, eventi e tante curiosità

Dal 30 ottobre al 21 novembre a Imola ritorna il Baccanale, tra cibo e cultura alla scoperta del buono dell’amaro. Nello «speciale» di sabato sera eventi, interviste e curiosità. Tra queste, le parole dell”illustratore del manifesto dell’evento Paolo Beghini. gli obiettivi dell’assessore alla Cultura Giacomo Gambi ed i ricordi della scrittrice Simonetta Agnello Hornby. (r.cr.)

Tutti gli appuntamenti del Baccanale su «sabato sera» del 28 ottobre e su AppU Imola. 

È tempo di Baccanale, lo «speciale» di sabato sera tra interviste, eventi e tante curiosità
Cultura e Spettacoli 18 Ottobre 2021

Un Baccanale da degustare, all’insegna della scoperta con il gusto «amaro»

«È particolarmente presente nella storia della cucina italiana, probabilmente perché quest’ultima ha radici fortemente popolari e tale gusto è legato a prodotti spontanei come il carciofo, il radicchio, la cicoria, tipici della tradizione popolare». Lo storico dell’alimentazione Massimo Montanari introduce così l’«amaro», che il Baccanale 2021 ha scelto come tema della manifestazione che animerà la città di Imola e i dintorni dal 30 ottobre, con inaugurazione alle 18 al teatro Stignani, al 21 novembre: in programma, menù a tema in quarantadue ristoranti, «fuorimenù» di stuzzicherie in dodici esercizi e attività commerciali, degustazioni, incontri, mostre, mercati, appuntamenti per i bambini.

«Di nuovo insieme» è il primo commento del sindaco Marco Panieri, nel presentare il Baccanale, «una manifestazione storica per Imola, che mette al centro la valorizzazione dei prodotti e del territorio, a cominciare dalle tante attività che aderiscono. Il Baccanale rappresenta una grande opportunità per far vivere con nuovo slancio i luoghi della città e di rilancio delle opportunità economiche e culturali». «Al tema di quest’anno stavamo pensando da tempo – precisa Montanari -, e si sposa molto bene con questo periodo. È un tema sul quale bisogna soffermarsi, l’amaro va scoperto o meglio riscoperto. Ci vuole pazienza, tempo per apprezzarlo, un po’ come accade quando nei tempi difficili vengono fuori le cose migliori che uno ha dentro. Sarà un Baccanale all’insegna della scoperta». Da degustare, insomma.

Il gusto amaro, nell’immagine simbolo della manifestazione, è rappresentato da un radicchio color porpora costruito con le tessere di un puzzle, a significare che l’amaro è sfaccettato e, per apprezzarlo, occorre tempo come per assemblare un grande puzzle. A realizzare l’illustrazione è stato l’imolese Paolo Beghini, che vedrà una selezione di suoi lavori in mostra in piazza Gramsci, nel portico del Centro cittadino, per tutta la durata del Baccanale.
Gli eventi della manifestazione sono oltre cento. Tra questi, ormai tradizionale è la consegna del Garganello d’oro per la promozione della cultura del cibo.  Diverse le novità di questo Baccanale 2021, a cominciare dai «fuorimenù», proposte di colazioni, brunch e aperitivi, per continuare con i «palchi del gusto» nelle piazze del centro, vetrine temporanee di prodotti amari delle imprese del territorio. (r.c.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 21 ottobre. Sul numero del 28 ottobre, invece, uno «speciale» sull”edizione 2021 del Baccanale.

Da sinistra: Paolo Beghini, che ha realizzato l’immagine del Baccanale 2021, lo storico dell’alimentazione Massimo Montanari, il sindaco Marco Panieri, l’assessore al Centro storico e alle Attività Produttive Pierangelo Raffini, Lidia Mastroianni del Servizio Attività culturali, l’assessore alla Cultura Giacomo Gambi (foto Isolapress)

Un Baccanale da degustare, all’insegna della scoperta con il gusto «amaro»
Cultura e Spettacoli 15 Luglio 2021

Baccanale 2021, «Amaro» è il tema scelto per l’annuale rassegna sulla cultura del cibo

Dopo la particolare edizione 2020 torna il Baccanale, l’annuale rassegna sulla cultura del cibo organizzata dal Comune di Imola in programma da sabato 30 ottobre a domenica 21 novembre. «Il tema scelto – precisa l’assessore alla Cultura Giacomo Gambi – è “Amaro”: intorno ad esso si svilupperà il programma del Baccanale 2021, con incontri, degustazioni, visite, spettacoli, mostre, menu a tema e tanto altro ancora».Come spiega il prof. Massimo Montanari, storico dell’alimentazione “amaro è il sapore a cui non si pensa quando sono in ballo il gusto, il piacere, la gastronomia. Eppure, se andiamo a elencare i prodotti che in un modo o nell’altro lo richiamano, ci accorgiamo che la sua presenza è molto più cospicua di quanto non possa sembrare. Soprattutto fra le risorse vegetali, l’amaro impera: radicchi, cicoria, rucola, carciofi, cardi, fave, asparagi… Ma non dimenticheremo il caffè, l’olio, gli agrumi (il pompelmo) e cento altre cose di cui ogni giorno facciamo esperienza».

Per le sue prerogative e per l’impatto economico riconosciuto, il Baccanale vuole contribuire alla ripresa delle attività produttive del settore turistico, agroalimentare e della ristorazione del territorio imolese, valorizzandolo e promuovendolo Il Comune di Imola invita pertanto associazioni, enti, aziende agricole e vinicole, ristoranti e pubblici esercizi interessati a partecipare con proprie iniziative alla rassegna, a formulare proposte ispirate all’argomento prescelto che possano arricchire e qualificare l’evento. Le modalità di presentazione delle proposte saranno rese note attraverso il sito della manifestazione. Tali proposte dovranno pervenire entro il 31 agosto 2021. «Proprio in considerazione della particolarità della situazione, con la pandemia che ha costretto per molti mesi i ristoranti a rimanere chiusi, quest’anno il Comune ha stabilito che i ristoratori avranno l’opportunità di partecipare gratuitamente al Baccanale» sottolineano gli assessori alla Cultura, Giacomo Gambi e allo Sviluppo economico, Pierangelo Raffini.

Ai ristoratori aderenti sarà richiesto anche quest’anno di inviare una video ricetta. Tutte le video ricette raccolte saranno visibili nel sito del Baccanale e divulgate attraverso i social. Per ampliare l’offerta e la partecipazione di un maggior numero di attività economiche il Comune di Imola apre quest’anno le porte del Baccanale anche a bar, caffetterie, enoteche e pizzerie, che potranno partecipare gratuitamente proponendo una colazione, un aperitivo, una pizza ecc. ispirati al tema «Amaro» e realizzati appositamente per questa edizione. Le adesioni dei pubblici esercizi potranno essere comunicate secondo le modalità riportate nel sito www.baccanaleimola.it entro il 31 luglio 2021 mentre l’invio delle proposte e dei menu è richiesta entro il 31 agosto.

Per informazioni: – tel. 0542 602433/ 602300 – attivita.culturali@comune.imola.bo.it

Baccanale 2021, «Amaro» è il tema scelto per l’annuale rassegna sulla cultura del cibo
Cultura e Spettacoli 21 Novembre 2020

Baccanale 2020, la rassegna culturale ed enogastronomica proseguirà anche oltre il 22 novembre

Iniziato il 31 ottobre scorso ed inizialmente previsto fino a domani, domenica 22 novembre, il Baccanale 2020 proseguirà anche dopo tale data sia sul versante dei menu a tema nei ristoranti (menù da asporto e/o domicilio), sia della promozione dei vini della Doc Colli d’Imola, che della possibilità di fruire della visione dei tanti appuntamenti svoltisi in streaming. «Abbiamo messo in campo tutte le nostre energie per aiutare gli operatori commerciali colpiti dai provvedimenti anti-contagio, promuovendo la rassegna anche fuori regione, attraverso tutti i media tradizionali e web. Le risposte da parte degli esercenti sono state positive. Per questo motivo abbiamo deciso di continuare in questa direzione, prolungando il periodo dell’evento. A metà dicembre potremmo fare il punto e vedere, in base alle normative in vigore, se fosse possibile prevedere una sorta di evento di chiusura di questo Baccanale che del 4.0 e del delivery ha fatto di necessità virtù» commenta Pierangelo Raffini, assessore alle Attività produttive.

Tutte le iniziative in programma, ulteriori informazioni ed aggiornamenti sul sito del Baccanale.

Foto Isolapress

Baccanale 2020, la rassegna culturale ed enogastronomica proseguirà anche oltre il 22 novembre
Cultura e Spettacoli 15 Novembre 2020

Baccanale, anche l’arte negli incontri online

Filtrano attraverso lo schermo i momenti di riflessione e confronto di questa edizione del Baccanale di Imola: in osservanza alle norme per il contenimento dell’epidemia Covid-19, gli incontri si tengono, infatti, on line, e sono visibili in streaming dalla pagina Facebook della manifestazione dedicata alla cultura enogastronomica e della biblioteca di Imola.

Al centro dell’appuntamento di oggi, domenica 15 novembre (alle ore 17.30), ci sarà l’arte. Fabrizio Lollini, dell’Università di Bologna, parlerà con lo storico Massimo Montanari di come la pittura ha raccontato i luoghi del cibo, in una chiacchierata intitolata «Dalla cucina al ristorante: “mangiare in casa” e “mangiare fuori” nella pittura». Dal tardo Cinquecento fino al Novecento, la pittura ha illustrato i diversi luoghi e le varie modalità del consumo del cibo, fattori non solo di distinzione sociale, ma anche elementi identitari di movimenti artistici: «Il banchetto nobile tra Medioevo ed età moderna raffigura spesso la vita nelle case delle classi sociali alte, mentre taverne e osterie erano frequentate dai poveri, come si vede nella pittura italiana, spagnola e fiamminga del tardo Cinquecento e del Seicento – si legge nel sito del Baccanale come descrizione di questo evento -. Un percorso fra storia e immagini che arriva ai dipinti dell’Ottocento, che rappresentano i differenti contesti sociali alle prese col consumo di cibo sia nella propria residenza che nei nuovi spazi pubblici, molti dei quali sono quasi identitari di periodi e movimenti artistici, come la guinguette degli Impressionisti in Francia o i diner di Hopper in America». (r.c.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 12 novembre.

Baccanale, anche l’arte negli incontri online
Cultura e Spettacoli 14 Novembre 2020

Baccanale, l’associazione «Insieme per un futuro migliore» aderisce alla rassegna con un ricettario di piatti bielorussi

Anche quest’anno, infatti, l’associazione «Insieme per un futuro migliore» ha aderito al Baccanale, proponendo un ricettario a tema con la rassegna enogastronomica. E visto che il tema è #a casa e fuori, l’associazione lo ha declinato nella versione del  pic nic, che appartiene alla tradizione bielorussa.

Si tratta di dieci ricette, che l’associazione ha chiesto direttamente alle famiglie dei bambini che vengono ospitati in estate a Imola (quest’anno purtroppo i bambini non sono potuti arrivare causa la pandemia), che sono l’occasione per conoscere ed apprezzare la cultura gastronomica del popolo bielorusso. Il ricettario è in distribuzione gratuita all’Urp del Comune di Imola (Sala Miceti, mercato coperto ‘Il Borghetto’). Questa mattina Arena Ricchi, presidente dell’associazione “Insieme per un futuro migliore”, accompagnata da Victor, Ina, Ivan, Valentina e Alexander, cinque dei dieci ragazzi e ragazze bielorussi che ora vivono stabilmente nei Comuni del Circondario, ha presentato il ricettario al sindaco Marco Panieri, al vice sindaco Fabrizio Castellari ed all’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi. «Grazie di essere qui e di questo ricettario, che pur in un periodo difficile, ci invita a guardare al futuro, a quando potremo tornare tutti insieme a mangiare anche all’aperto, a fare un pic nic – ha detto il sindaco Marco Panieri, nel ringraziare Arena Ricchi e i cinque ragazzi e ragazze presenti -. Il nostro obiettivo è quello di continuare a collaborare, come è stato fatto in passato, con voi, che siete una realtà che fa parte della nostra città e della sua identità». (r.cr.)

Nella foto: l’incontro questa mattina in Comune

Baccanale,  l’associazione «Insieme per un futuro migliore» aderisce alla rassegna con un ricettario di piatti bielorussi
Cultura e Spettacoli 13 Novembre 2020

Baccanale, rassegna video per gli «assaggi» dei vini Doc Colli d’Imola

Causa emergenza sanitaria la XXVII edizione del Banco d’Assaggio dei Vini dell’Imolese che si svolge tradizionalmente all’interno del Baccanale quest’anno non potrà svolgersi in presenza. «Visto il rilievo e l’attesa per questa manifestazione, l’Amministrazione comunale ha comunque ritenuto di utilizzare una nuova formula, in video, per valorizzare e promuovere l’eccellenza dei vini prodotti nel territorio della Doc Colli d’ Imola, proprio a partire da oggi, venerdì 13 novembre, giorno in cui avrebbe dovuto prendere il via, in presenza, la tradizionale rassegna» spiega Pierangelo Raffini, assessore all’Agricoltura del Comune di Imola.

È stata pertanto prodotta una vera e propria rassegna video in 16 puntate, una ciascuna dedicata ai 16 produttori vitivinicoli aderenti alla Doc Colli d’Imola, introdotta da una puntata iniziale che vede la partecipazione e la presentazione del sindaco Marco Panieri. Le puntate di questa rassegna di “assaggi” video saranno trasmesse quotidianamente nella pagina Facebook del Baccanale e vedranno come protagonisti i rappresentanti delle 16 cantine coinvolte nella presentazione di un vino scelto tra quelli prodotti nella propria azienda. «Un breve video dove il vignaiolo stesso potrà raccontare e mettere in luce caratteristiche del vino, del vitigno da cui derivano le uve, le modalità di vinificazione, di invecchiamento e gli abbinamenti ideali. Per farci ricordare tutto il piacere di bere un buon vino di qualità» conclude l’assessore Raffini. 

Le 16 cantine coinvolte e che aderiscono alla Doc Colli d’Imola:Branchini 1858 – Dozza; Cà Bruciata – Imola; Cantina dei Colli Romagnoli Imola; Cantina Viticoltori Imolesi Imola; Fattoria Monticino Rosso Imola; Fondo Cà Vecja – Imola; Franchini Imola; Giovannini Imola; Istituto Agrario Scarabelli Imola; Tenuta Franzona Imola; Merlotta Imola; Poderi delle Rocche – Imola; Tenuta Palazzona di Maggio – Ozzano dell’ Emilia; Terre di Macerato – Casalfiumanese; Tramosasso –  Borgo Tossignano; Tre Monti – Imola.

Per informazioni: Comune di Imola – Servizio Sviluppo economico – Agricoltura – tel. 0542 602444 – agricoltura@comune.imola.bo.it – sito del Baccanale. (da.be.)

Baccanale, rassegna video per gli «assaggi» dei vini Doc Colli d’Imola
Cronaca 9 Novembre 2020

Morto il fumettista Ro Marcenaro, nel ’99 disegnò la copertina del Baccanale

Si è spento la notte scorsa a Reggio Emilia, dopo alcune complicanze dovute al Coronavirus, il noto noto illustratore, scrittore e regista Ro Marcenaro. Aveva 83 anni. La notizia è stata riportata dall’Ansa. Tra i suoi disegni anche la locandina dell’edizione ’99 del Baccanale.

Genovese di nascita, era da tempo residente a San Martino in Rio, nella Bassa Reggiana. Fu tra i primi a fare disegno animato in Italia, realizzando spot pubblicitari (il più famoso è quello degli anni ”70 del Fernet Branca realizzato con la plastilina) ma anche videoclip musicali. L”artista poi si è fatto conoscere al grande pubblico soprattutto coi suoi fumetti di satira politica (nel ”93 vinse l”ambito premio «Forte dei Marmi») per tantissimi giornali e riviste tra cui Panorama, Il Venerdì di Repubblica, La Gazzetta dello Sport, Epoca, Espansione, Rassdgna Sindacale e L”Europeo. Ha diretto anche alcune tv private, da Tvs a Genova fino a Tele Ciocco e Telereggio. E dalla sua matita nacquero anche alcuni francobolli per lo Stato di San Marino, uno di questi ha vinto il premio come migliore dell”anno. Tra le sue opere si ricordano i romanzetti fantapolitici «La diaspora bianca», «Il manifesto del Partito Comunista a fumetti», «Il Candido” di Voltaire», «Il Vangelo di Marco», «Il Barone di Munchausen» e per ultima proprio quest’anno, «La Costituzione Italiana illustrata».

A commentare la notizia della morte di Ro Marcenaro il presidente della Regione, Stefano Bonaccini. «Una scomparsa che porta con sé grande dolore ed emozione. E’ stato un artista che ha legato il suo nome a tanti momenti felici, ma anche di riflessione, della nostra vita. Se ne va un genio artistico che con la sua grafica e la sua satira ha lasciato una impronta indelebile negli ultimi 50 anni, anche collaborando a campagne di comunicazione della Regione Emilia-Romagna. Di lui ci rimarranno indelebili nella memoria tanti lavori e illustrazioni, da quelli che realizzò per la pubblicità fino ai numerosi libri, anche impegnati, da lui sapientemente illustrati e ideati». (da.be.)

Nella foto: Ro Marcenaro e la locandina del ’99 del Baccanale

Morto il fumettista Ro Marcenaro, nel ’99 disegnò la copertina del Baccanale

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast