Posts by tag: bando

Cronaca 11 Agosto 2022

Affitti, dalla Regione circa 200.000 euro per Imola. Bando dal 15 settembre

Ammonta a 193.632,83 euro il contributo della Regione Emilia-Romagna al Comune di Imola per aiutare le famiglie in difficoltà nel pagamento dell’affitto.
«Stiamo predisponendo un bando che, come gli altri anni, verrà gestito dall”Asp – anticipa Daniela Spadoni, assessore al Welfare –. La novità di quest”anno è che si potrà compilare la domanda anche nei Caaf o nei patronati convenzionati con la Regione. Rimangono invariate le due linee di intervento: la prima per coloro che hanno un Isee non superiore a 17.154,00, la seconda per coloro che avendo un Isee non superiore fino a 35.000,00 (anche assegnatari Erp) hanno registrato una diminuzione del 25% del reddito del nucleo famigliare del 2022. Il bando resterà aperto dal 15 settembre 2022 al 21 ottobre 2022. Il contributo massimo concedibile è una somma fissa pari a 3 mensilità del proprio canone di locazione, per un importo massimo pari a 1.500 euro». (r.cr.)

Nella fotografia, il municipio

Affitti, dalla Regione circa 200.000 euro per Imola. Bando dal 15 settembre
Cronaca 20 Luglio 2022

Ozzano sempre più «green», al via il progetto di forestazione urbana

Il progetto di forestazione urbana presentato dal Comune di Ozzano alla Regione per il bando «Settore aree protette, forestazione, cura del territorio e dell”ambiente» si è classificato al secondo posto della graduatoria per importo ottenuto. In pratica, il contributo ottenuto è di 42.917,67 euro (pari al 75% del totale dei costi ammessi).

Il bando emanato dalla Regione e rivolto ai Comuni di pianura ha, come finalità, quella di prevedere interventi di forestazione urbana mettendo a dimora arbusti e piante autoctone ed adeguate all’assorbimento dei principali agenti inquinanti atmosferici e resistenti ai cambiamenti climatici con l”obiettivo di dare più spazio, all”interno delle città e in genere, dei centri abitati, al polmone verde rappresentato dagli alberi. Nel complesso il progetto prevede la messa a dimora di ben 1298 alberi, tra cui lauri, carpini bianchi, pioppi bianchi, frassini, ciliegi selvatici, aceri campestri e roveri, e 1149 arbusti (ginestre, frangoli, sanguinelle e rosa canina) per un totale complessivo di ben 2447 fra alberi e arbusti messi a dimora sul territorio.

«Nello specifico abbiamo previsto di intervenire su alcune aree di proprietà comunale collocate in contesti differenti – precisa la vicesindaca Mariangela Corrado-. Alcune sono situate a confine tra le costruzioni delle zone produttive e il contesto agricolo, in particolare nelle zone industriali di Mercatale e di Quaderna, dove la forestazione proposta avrà la funzione di filtro a mitigazione degli effetti dell’urbano (come inquinanti e calore), valorizzando porzioni del territorio ora non utilizzate. Il progetto prevede qui le operazioni di annaffiatura di soccorso per i primi due anni così da garantire l’attecchimento. L’area invece dove si interviene maggiormente con le nuove piantumazioni interessa i parchi pubblici lungo il Rio Marzano: l’area intitolata ai Donatori di Sangue e la nuova porzione a sud. Qui l’intervento è finalizzato a potenziare la dotazione di alberature e arbusti a fini ambientali e fruitivi, creando anche zone in ombra vicino ai camminamenti e alle piattaforme di sosta. In questo contesto è prevista la realizzazione dell’impianto di irrigazione».

Nella foto: il parco pubblico del Rio Marzano intitolato ai «Donatori volontari di sangue Avis»  

   

Ozzano sempre più «green», al via il progetto di forestazione urbana
Cronaca 2 Giugno 2022

Centri estivi, a Imola record di 43 proposte accreditate. Da lunedì bando per i contributi

Nuovo record di proposte di centri estivi presentate da enti ed associazioni accreditate dal Comune di Imola: sono infatti 43 (erano 35 nel 2021 e 29 nel 2020) le proposte presentate da 32 fra enti ed associazioni, che prenderanno il via già da lunedì prossimo.

Sempre da lunedì e fino a lunedì 27, sul sito del Comune di Imola sarà pubblicato il bando rivolto alle famiglie con figli dai 3 ai 13 anni -quindi nati dal 2009 al 2019- che vogliono fare domanda per accedere al contributo per la copertura del costo di frequenza dei centri estivi accreditati, per un massimo di 336 euro a figlio, così come previsto dal “Progetto per la conciliazione vita-lavoro 2022” promosso dalla Regione Emilia-Romagna. La richiesta di contributo dovrà essere presentata on line utilizzando le credenziali Spid, Cie o Cns.

«Era legittimo aspettarsi un numero elevato di proposte, vista la voglia di riprendere appieno i momenti di socializzazione e lasciarsi alle spalle le limitazioni imposte dalla pandemia e visti i forti contributi che la Regione ha messo a disposizione delle famiglie – commenta Fabrizio Castellari, vicesindaco –. Mi piace sottolineare il ruolo e la ricchezza di enti ed associazioni del territorio, fra associazioni sportive, centri sociali, parrocchie e tutte le altre realtà presenti. Una vera e propria alleanza fra istituzioni, famiglie e queste associazioni ed enti, che rappresentano un valore aggiunto in assoluto e mai come ora vanno a premiare e valorizzare un’estate che cade dopo tre anni di attività scolastica oggettivamente più difficile». (lu.ba.)

Immagine di repertorio

Centri estivi, a Imola record di 43 proposte accreditate. Da lunedì bando per i contributi
Cultura e Spettacoli 26 Aprile 2022

«Gocce di musica» sta arrivando, aperte le iscrizioni per la sfida tra band del territorio

Dopo il successo dello scorso anno e la vittoria de «I Congiunti», quest’estate ritorna «Gocce di Musica per la solidarietà», il concorso musicale organizzato dall’Avis Comunale di Imola con la collaborazione di sabato sera. Arrivato alla 14a edizione, è riservato a coloro che abitano nei dieci comuni del circondario imolese e Ozzano Emilia. Già aperto il bando per partecipare al contest che scadrà il prossimo 27 maggio. Per il regolamento e la modalità di partecipazione gratuita al concorso consultate il sito di Avis Imola. L’iscrizione va perfezionata, entro la scadenza, via mail a giovani.imola@avis.it oppure personalmente alla segreteria Avis Comunale Imola, P.le G. Dalle Bande Nere 11, tel. 0542-32158 (dal lunedì al sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.30).

Il contest si articola in tre serate (semifinali) che si terranno il prossimo luglio (date e location ancora da definire). Ogni serata vedrà salire sul palco tre gruppi, ognuno dei quali si esibirà con pezzi originali o cover ed almeno un brano inedito che si ispiri al tema della solidarietà. L’esibizione non dovrà superare i 20 minuti. Il vincitore di ogni appuntamento, oltre a ricevere un buono acquisto per materiale musicale di 200 euro a testa (da consumare entro il 31 ottobre 2022), si qualificherà alla finalissima in programma domenica 4 settembre durante «Imola in Musica». Chi si aggiudicherà la serata finale riceverà un ulteriore buono da 500 euro in buoni acquisto per materiale musicale. Al termine sarà consegnato ad una delle nove band in gara il premio speciale sabato sera. (r.c.)

REGOLAMENTO E MODALITÀ DI ISCRIZIONE 

Nella foto: la vittoria 2021 de I Congiunti

«Gocce di musica» sta arrivando, aperte le iscrizioni per la sfida tra band del territorio
Economia 3 Novembre 2021

Commercio, dal Comune di Imola 50 mila euro a fondo perduto per chi riqualifica il proprio negozio in centro storico

Un contributo a fondo perduto per le attività commerciali del centro storico che riqualificano i propri locali. È il bando attraverso cui il Comune di Imola mette a disposizione 50 mila euro, da ripartire fino a un massimo di 2.500 euro ad impresa. Sono ammessi a contributo i costi di acquisto e installazione (ivi compresi montaggio e trasporto) relativi a opere e allestimenti, realizzati dal 2019 in poi oppure in corso di realizzazione, funzionali alla riqualificazione e al miglioramento, anche estetico, delle aree espositive e di vendita. La domanda deve essere presentata entro il 2 dicembre, utilizzando il modulo pubblicato online nel sito del Comune di Imola www.comune.imola.bo.it.

Il fondo è finanziato per circa 38 mila euro con risorse del servizio Sviluppo economico e Progetti europei e per circa 12 mila euro con risorse non utilizzate nel 2020 dal presidente del Consiglio comunale e dai gruppi consiliari, che nei mesi scorsi hanno deciso di destinare a favore delle categorie maggiormente colpite dal Covid-19 una parte delle risorse finalizzate alla propria attività istituzionale. (lo.mi.) 

Nella foto: il centro storico di Imola

Commercio, dal Comune di Imola 50 mila euro a fondo perduto per chi riqualifica il proprio negozio in centro storico
Economia 4 Maggio 2021

Regione, al via il bando per sostenere i negozi di vicinato nelle aree rurali e di montagna

Negozi di vicinato in aree montane e rurali «soggette a rarefazione». A loro è rivolto il bando regionale che mette a disposizione contributi a fondo perduto per progetti di insediamento e sviluppo di esercizi commerciali polifunzionali nelle zone montane e rurali ad alto rischio di spopolamento.

Nel circondario imolese rientrano tra le aree «soggette a rarefazione» Tossignano e Codrignano, e, nel medicinese, le zone di Sant’Antonio, Buda e via Nuova. Il bando mette a disposizione 800 mila euro per due annualità, per un massimo di 40 mila euro per impresa, a copertura del 60% delle spese. Le domande devono essere trasmesse, entro il 15 giugno, solo mediante posta elettronica certificata (Pec) all’indirizzo comtur@postacert.regione.emilia-romagna.it. Tutte le informazioni sulla pagina dedicata nel portale Imprese della Regione Emilia Romagna.

Regione, al via il bando per sostenere i negozi di vicinato nelle aree rurali e di montagna
Cronaca 30 Aprile 2021

Il 1° luglio Ca’ Vaina riapre al pubblico. Da oggi online il bando per la gestione del centro giovanile

Dal prossimo 1 luglio il «Centro giovanile Ca’ Vaina» riaprirà al pubblico (era stato chiuso nel novembre 2019 per lavori). L’Amministrazione comunale ha infatti messo a punto il bando per la gestione in appalto del servizio, che sarà pubblicato da oggi, venerdì 30 aprile, per 20 giorni, sul sito internet del Comune di Imola e su quello del Nuovo Circondario Imolese, nelle sezioni bandi e gare dell’amministrazione trasparente. Oggetto del bando è, appunto, la gestione del centro a partire dall’1 luglio 2021 e fino al 30 giugno 2023, con possibilità di rinnovo per i successivi due anni. L’importo biennale a base di gara per la gestione dei servizi culturali presso il Centro Ca’ Vaina ammonta a 139.200,00 euro (Iva esclusa). Oltre ai requisiti generali e specifici del bando, ai partecipanti è richiesta un”esperienza negli ultimi tre anni nell”ambito dei servizi ricreativi, culturali e sportivi per un importo annuale medio non inferiore a 49 mila euro.

Tornando alla riapertura al pubblico dei locali e dell’attività nell’edifico principale e nell’ampio giardino esterno, questa si affianca all’attività delle sale prove, poste in locali staccati dall’edificio principale, ricominciata nelle scorse settimane. «Appena la normativa anti-Covid ha permesso la riapertura dei centri giovanili abbiamo deciso di riaprire Ca’ Vaina che, nel frattempo, è stata oggetto di opere manutentive e di riqualificazione interna importanti. Restituiamo così alla città un centro giovanile chiuso da troppo tempo. Riteniamo che in questo momento storico i servizi che il Centro può offrire rispondano più che mai ai bisogni dei giovani, una delle categorie rese più fragili dalla pandemia per la mancanza di occasioni di socialità» commenta Giacomo Gambi, assessore alla Cultura e Politiche giovanili. (r.cr.)

Nella foto: l’ingresso di Ca’ Vaina

Il 1° luglio Ca’ Vaina riapre al pubblico. Da oggi online il bando per la gestione del centro giovanile
Cronaca 25 Marzo 2021

A Castello via libera ai progetti di prevenzione del dissesto idrogeologico finanziati dal Governo

Ottime notizie per l’Amministrazione comunale di Castel San Pietro che, grazie alla partecipazione a un bando del Ministero dell’Interno, ha ricevuto un corposo finanziamento pari a 368mila euro circa per tre importanti progetti di messa in sicurezza del territorio. «Sono quattro i progetti per la regimazione delle acque e per  interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico che abbiamo presentato al Ministero dell”Interno – spiega il vicesindaco Andrea Bondi –. Il dicastero ne ha finanziati tre per un valore complessivo di circa 368mila euro. Nel corso dell’anno, inoltre, il Ministero dovrebbe stanziare ulteriori risorse per lo scorrimento della graduatoria. La nostra speranza è che venga finanziato anche il quarto progetto. Infine, i nostri ringraziamenti vanno all’ufficio tecnico comunale che, ancora una volta, ha messo in campo le competenze e la professionalità necessarie ad accedere a questi importanti finanziamenti»

Nel dettaglio, gli interventi che prenderanno presto il via grazie a questo finanziamento riguardano il consolidamento della frana in località Mulino dell’Aquila (all’altezza della Mingardona) con realizzazione di briglie sommerse in terra battuta e regimazione delle acque, la sistemazione idraulica del torrente Sillaro con risagomatura dell’alveo e la ricostruzione delle sponde in due diversi punti: uno a valle del ponte della Mingardona (all’altezza della frana di cui sopra) e l’altro subito a valle dei laghetti Molinetto. Il quarto progetto, che potrebbe essere finanziato in un secondo momento nell’ambito dello stesso bando ministeriale, riguarda il consolidamento della sede stradale e la regimazione delle acque delle vie Destra Sillaro e Rio Acqua Bona. Gli interventi di regimazione delle acque e sistemazione idraulica consentiranno di ridurre il verificarsi di processi erosivi, contribuendo alla stabilità delle aree interessate.

Per informazioni consultare il sito web e la pagina Facebook del Comune di Castel San Pietro. (da.be.)

 

A Castello via libera ai progetti di prevenzione del dissesto idrogeologico finanziati dal Governo
Cronaca 27 Gennaio 2021

L’Avis di Imola lancia il concorso «Diplomati con l’Avis» per gli studenti del Circondario

L’Avis di Imola ha dato il via al bando per «Diplomati con l’Avis», il concorso a favore degli studenti residenti nei comuni del Circondario (Imola, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel Del Rio, Castel Guelfo, Castel San Pietro, Dozza, Fontanelice e Mordano), frequentanti di istituti imolese e che abbiano conseguito il diploma di maturità con un voto non inferiore a 100/100 nell’anno scolastico 2019/2020.

I premi, del valore di 300 euro ciascuno, saranno 10 dal titolo «Diplomati con l’Avis», uno intitolato ad «Anna Gherardi» e uno a «Ermes Sasso». Nell’assegnare i premi si terrà conto delle migliori medie risultanti dalla somma degli esiti annuali del corso di studi, più la prova d”esame. A tutti gli aspiranti sarà fatta pervenire una comunicazione scritta circa le decisioni adottate dal collegio giudicante. Detti premi verranno erogati ai beneficiari in un’unica soluzione, durante la tradizionale festa sociale dell”Avis.

Per la partecipazione al concorso dovrà essere prodotta alla Segreteria dell’Avis di Imola, P.le Giovanni Dalle Bande Nere 11, entro le ore 12 del giorno 27 Febbraio, la seguente documentazione: domanda in carta semplice con autocertificazione della data di nascita, luogo di nascita e residenza (modulo disponibile presso la Segreteria Avis Comunale Imola); certificazione che la maturità sia stata conseguita nell’anno scolastico 2019/2020; punteggio d’esame; media annuale di ogni singolo anno scolastico del corso di studio, preferibilmente rilasciata dall’Istituto frequentato ed informativa trattamento dati personali (privacy), da ritirare e firmare presso la Segreteria. (da.be.)

Foto dalla pagina Facebook dell’Avis Imola

L’Avis di Imola lancia il concorso «Diplomati con l’Avis» per gli studenti del Circondario
Cultura e Spettacoli 9 Gennaio 2021

I Musei Civici di Imola si aggiudicano il bando «Strategia Fotografia 2020»

I Musei Civici di Imola si sono aggiudicati il primo posto nel bando «Strategia Fotografia 2020» promosso dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali (Direzione Generale Creatività Contemporanea), destinato alla valorizzazione della fotografia e della cultura fotografica italiana. In totale, sono stati 151 i partecipanti al bando, provenienti da tutta Italia, presenti nella graduatoria ufficiale pubblicata lo scorso 30 dicembre 2020. «Sono orgoglioso di questo risultato dei nostri Musei – ha commentato l’assessore alla Cultura Giacomo Gambi -. L’ottenimento di questo contributo è la concretizzazione di un percorso di anni che ha visto lavorare con solerzia tutti i dipendenti comunali del settore museale per recuperare dall”oblio opere strepitose, alcune veramente significative per la storia della fotografia e non solo in Romagna. Il progetto presentato dal Comune di Imola è il primo nella graduatoria del Mibact e ciò significa avere presentato un ottimo progetto visto che concorrevamo con Fondazioni fotografiche di tutta Italia. Sottolineo, inoltre, che questo può essere l”inizio di una serie di interventi sulla valorizzazione dei  fondi fotografici del Comune di Imola (ce ne sono diversi donati alla Bim da tanti imolesi negli anni). Mostre fotografiche di alto livello, con convegni dedicati, possono arricchire i cittadini e accogliere turismo».

I Musei imolesi hanno partecipato con il progetto che ha come fulcro il prezioso fondo di fotografie storiche di Palazzo Tozzoni e prevede un convegno sulla fotografia storica a Imola e in Romagna, da tenersi a Imola nell’autunno del 2021. Il progetto presentato ha ottenuto da parte del Ministro per i Beni e le Attività Culturali un finanziamento per la realizzazione del convegno pari a 16.436 euro, che è l’intero importo richiesto, che va ad integrare le risorse messe a disposizione dal Comune di Imola.

Il convegno darà così visibilità ad un lungo lavoro svolto sul fondo fotografico Tozzoni, composto da 3.000 antiche foto tra rare albumine, cianotipie, gelatine, carte salate, stampe al carbone e lastre. E il percorso che ha portato all’assegnazione dei fondi del bando Strategia Fotografia 2020 parte proprio dal lavoro fatto su questo fondo. Dal 2003 i Musei Civici hanno infatti avviato il recupero di questi materiali che attualmente sono quasi del tutto digitalizzati, inventariati e conservati adeguatamente. Inoltre, grazie al contributo della Regione, 190 opere sono state catalogate sulla piattaforma PatER – Catalogo del Patrimonio culturale dell’Emilia-Romagna. Sono così tornate alla luce le immagini delle raccolte fotografiche dei conti Tozzoni, alcune molto conosciute ed altre completamente inedite. (da.be.)

Nella foto in senso orario: Anonimo, Racconigi, Castello Reale, Gruppo su un pontile intento alla pesca nel lago del parco, cianotipo, 1920-1925; Anonimo, Ritratto di giovane donna, gelatina1900-1911; Anonimo, I fratelli Francesco Giuseppe Tozzoni e Umberto Serristori al ballo del Principe Strozzi a Firenze, albumina colorata a mano, 1872; Schemboche, La regina Margherita di Savoia con il figlio Vittorio Emanuele, albumina, 1870 ca

I Musei Civici di Imola si aggiudicano il bando «Strategia Fotografia 2020»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA