Posts by tag: BORGO TOSSIGNANO

Sport 27 Maggio 2021

In mountain bike sulla pista ciclabile col Cai, da Imola alla Casa del Fiume di Borgo

Oggi, giovedì 27 maggio, il Cai di Imola propone una pedalata in mountain bike di 2 ore (36 chilometri con 380 metri di dislivello) lungo la pista ciclabile che conduce da Imola alla Casa del Fiume di Borgo Tossignano.

La partenza è alle ore 19 dal parcheggio della sede di If (Imola Faenza Tourism Company), in piazza Ayrton Senna 2, all’ingresso dell’autodromo di viale Dante.

Per informazioni: Luca, tel. 331-3222408.

Nella foto (Isolapress): la ciclopista del Santerno 

In mountain bike sulla pista ciclabile col Cai, da Imola alla Casa del Fiume di Borgo
Cronaca 21 Maggio 2021

Difficile convivenza tra cani e persone, l’ente Parco chiude il sentiero Cai 703

«È necessario calmare le acque, occorre tranquillità per ricostruire un rapporto di reciproca collaborazione tra le parti». Questa la risposta di Nevio Agostini, direttore dell’Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Romagna, all’indomani del comunicato pubblicato sul proprio sito dal Cai di Imola, in merito alla chiusura del sentiero 703 nel tratto compreso tra monte dell’Acqua Salata e monte Penzola fra Borgo Tossignano e Casalfiumanese. «Pur non condividendo né le modalità né il merito del provvedimento, confidiamo nella possibilità di una tempestiva riapertura di un tavolo di confronto che tenga conto degli accordi presi in precedenza e mai attuati al fine di contemperare le legittime esigenze dell’attività agropastorale con la fruizione pubblica di uno storico percorso di grande valore naturalistico preesistente da decenni all’attuale proprietà» scrive il Cai Imola.

«Problemi causati, ma la questione è nota da diversi anni – precisa Agostini -, dagli incontri tra escursionisti e i cani pastore che difendono il gregge di un allevatore che si trova proprio sul percorso tanto amato dagli appassionati camminatori». Animali che devono vegliare sul gregge oggetto di interesse da parte dei lupi, un tempo non così presenti nella zona. «I cani fanno il loro lavoro – dice ancora Agostini -. Occorre educare maggiormente alcuni camminatori ad un corretto comportamento da tenere in queste situazioni. Calci, bastoni da passeggiata utilizzati impropriamente e altro, hanno reso aggressivi i cani da guardia. Continui incidenti, dovuti anche al maggior afflusso di persone, hanno fatto decidere per la chiusura del tratto. Uno stop che, sicuramente, proseguirà per tutta la stagione in attesa di soluzioni che possano soddisfare tutte le parti. Al momento, non servirebbe un tavolo di confronto, ce ne sono stati già in passato e non sono serviti. Lasciamo passare un po’ di tempo. Ricordo, comunque, come recita un cartello che abbiamo affisso lungo il sentiero, che è possibile fruire del tratto chiuso attraverso visite guidate programmate telefonando al centro visita Casa del fiume (tel. 0542/90023). Potrebbe essere l’inizio di quel processo di educazione per far incontrare animali e persone unite dalla passione comune per la natura» (al.gi.)

Nella foto: monte Penzola

Difficile convivenza tra cani e persone, l’ente Parco chiude il sentiero Cai 703
Cronaca 7 Aprile 2021

Bilanci e difficoltà dei quattro Comuni della Vallata del Santerno

Sono Bilanci condizionati dalla situazione di pandemia ormai in atto da oltre un anno quelli dei quattro Comuni della Vallata del Santerno. Al momento, solo Casalfiumanese ha completato l’iter di approvazione del budget comunale per il 2021 e annesso piano degli investimenti, mentre gli altri tre provvederanno entro il mese di aprile. Bilanci da pandemia, diceva- mo, certamente per quanto riguarda le scelte fiscali e tariffarie.

Nessuno dei quattro Comuni ha ritoccato le aliquote Imu e addizionale comunale Irpef, che restano pertanto invariate a quelle in vigore nel 2020: sul versante Imu l’aliquota ordinaria resta al 10,6 per mille di Casalfiumanese, Borgo Tossignano e Fontanelice e al 9,6 di Castel del Rio, mentre l’addizionale Irpef va dallo 0,70% di Castel del Rio e Fontanelice allo 0,80% di Casalfiumanese, passando dallo 0,75% di Borgo Tossignano .Invariate, inoltre, le tariffe dei servizi scolastici. (mi.ta.)

Approfondimenti su «sabato sera» dell’1 aprile.

Bilanci e difficoltà dei quattro Comuni della Vallata del Santerno
Cronaca 21 Luglio 2020

A fuoco un ettaro di campo agricolo a Borgo Tossignano

Incendio oggi pomeriggio, intorno alle 15.30, a Borgo Tossignano. A prendere fuoco un ettaro circa di un campo agricolo nei pressi di via Nuova, a Borgo Tossignano.

Sul posto i vigili del fuoco, con due squadre e cinque mezzi, per spegnere le fiamme che hanno interessato e distrutto sterpaglie, vitigni e alberi da frutto. I pompieri sono rimasti impegnati diverse ore e, una volta domato l’incendio, hanno controllato lo scenario per evitare il ravvivarsi di alcune braci. Fortunatamente non ci sono stati feriti. (da.be.)

Foto concessa dai vigili del fuoco

A fuoco un ettaro di campo agricolo a Borgo Tossignano
Cronaca 23 Giugno 2020

Cims in prima linea durante il Coronavirus

La Cims di Borgo Tossignano, attraverso i raggruppamenti di imprese di cui fa parte, si occupa di manutenzioni in «global service» per le Aziende usl di Bologna e Imola, per l’Irccs Rizzoli (Ior) di Bologna e il Montecatone Rehabilitation Institute Spa di Imola.

Nei giorni più difficili dell’epidemia, la Cims è stata in prima linea con i suoi tecnici e operai anche per realizzare a tempo di record nuovi posti di terapia intensiva e sub intensiva, sia negli ospedali Maggiore e Bellaria di Bologna sia al Santa Maria della Scaletta a Imola, così come nuove aree per pazienti Covid positivi nel presidio della Casa della salute di Castel San Pietro.
In via Montericco a Imola tra fine marzo e inizio aprile sono state costruite in pochi giorni delle zone filtro per compartimentare le aree della terapia intensiva, in estrema emergenza con divisori in teli plastici poi sostituiti da pareti in cartongesso. Operai e tecnici della Cims si sono occupati delle opere murarie e strutturali e dell’impiantistica. (r.cr.)

L’articolo completo nel numero del Sabato sera del 18 giugno

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, l”ospedale di Imola

Cims in prima linea durante il Coronavirus
Cronaca 17 Giugno 2020

La Casa del fiume di Borgo Tossignano riparte con tante novità

Il cuore pulsante del versante bolognese del Parco della Vena del gesso romagnola è la Casa del fiume di Borgo Tossignano, di proprietà del Con.Ami e che il Parco ha in gestione da poco meno di due anni.
E’ in via Rineggio, infatti, che si concentra la maggior parte delle attività e degli appuntamenti proposti al pubblico e ai visitatori/turisti.

«Abbiamo riaperto il ristorante e l’ostello domenica 31 maggio, dopo aver montato dei gazebo e dei pergolati all’esterno, e aver allestito l’area barbecue – esordisce Luca Bacchilega, gestore delle due strutture –. E organizzeremo i campi estivi per almeno quattro gruppi di bambini/ragazzi, grazie a una collaborazione con la cooperativa Il mosaico».

Sul fronte delle proposte educative, «abbiamo allestito un laboratorio di biologia per lo studio del Santerno e della flora e della fauna del territorio – aggiunge Giacomo Bugané, presidente dell’associazione GeoLab –, dotato di due microscopi con telecamere che consentiranno di trasmettere le immagini a una televisione e a un videoproiettore. E un’aula didattica all’aperto, con sei tavoli disposti a raggiera attorno a uno centrale».

Non manca una lunga serie di interventi di miglioramento già realizzati o in programma: «E’ già attivo e disponibile un percorso permanente di orienteering – continua Stefano Schiassi, responsabile del centro visita, e guida escursionistica e speleologica –, per la ricerca di una serie di “lanterne” all’interno dell’area golenale, utilizzando una cartina su cui vengono riportati i punti geolocalizzati, che cambiano nel tempo. Per i più piccoli è quasi una caccia al tesoro, per i grandi un vero e proprio sport».
Sono già attivi anche «un percorso botanico per il riconoscimento dei più importanti arbusti e alberi della zona – prosegue –, e una pista Mtb Modular Pumptrak per ragazzi e adulti, con corsi tenuti dall’istruttore Stefano Dal Fiume». (lu.ba.)

L”articolo completo sul numero del Sabato sera dell”11 giugno

Nella fotografia (tratta dalla pagina Facebook de La casa del fiume), una serata del 2019

La Casa del fiume di Borgo Tossignano riparte con tante novità
Cronaca 28 Aprile 2020

Imu, Irpef e scuole più care in Vallata

Casalfiumanese, Borgo Tossignano e Fontanelice l’hanno già approvato, mentre Castel del Rio licenzierà il bilancio preventivo 2020 nei prossimi giorni. Per tutti e quattro i Comuni della vallata del Santerno si tratta di un quadro economico elaborato prima che l’emergenza Coronavirus cambiasse situazione e prospettive, premessa necessaria per poter comprendere il motivo delle scelte compiute, soprattutto in tema di tariffe e imposte.

Scelte che hanno già suscitato, tra l’altro, le critiche della Cgil di Imola. «Gli aumenti arrivano in un momento storico in cui c’è un’emergenza sanitaria in corso – afferma la segretaria generale, Mirella Collina –. Le famiglie hanno bisogno di avere le istituzioni a fianco, non di un aumento delle tasse». (r.cr.)

Ulteriori particolari nel numero del Sabato sera del 23 aprile

Imu, Irpef e scuole più care in Vallata
Cronaca 15 Aprile 2020

Coronavirus, i Comuni sui social: dirette, notizie e… arcobaleni per restare in contatto con i cittadini

Comuni differenti, approcci diversi ai social network. È variegato il panorama degli utilizzi che le Amministrazioni del circondario imolese hanno fatto delle pagine Facebook dei propri Comuni in queste settimane di emergenza coronavirus.

Castel del Rio ha deciso di puntare esclusivamente sulle informazioni di pubblica utilità, sfruttando la pagina Facebook per condividere i contenuti già pubblicati sui siti internet del Comune e della Città metropolitana.

A fianco delle informazioni utili, Fontanelice ha lanciato due iniziative per i più piccoli: l’album di disegni «Andrà tutto bene», raccolti attraverso l’indirizzo e-mail tuttobenefontanelice@outlook.it che ha già raccolto una quarantina di disegni,e il progetto «Una rete per restare vicini», che coinvolge il nido d’infanzia La chiocciola, con letture e attività di gioco ed esplorazione proposte dagli educatori (il sabato) e «Pillole educative a distanza » a cura del coordinatore psicologico (il mercoledì).

Borgo Tossignano non ha una sua pagina Facebook e tutto passa attraverso quella del primo cittadino Mauro Ghini, dalle informazioni di pubblica utilità, anche per mezzo di video, alle iniziative messe in campo in paese: il servizio di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci, il progetto per bambini «Resta a casa e… libera la fantasia!», con la raccolta di disegni attraverso il numero WhatsApp 371/3844726, e la raccolta di fondi Insieme si può-Borgo Tossignano contro il coronavirus.

Oltre alle informazioni utili, anche Mordano punta a mantenere un contatto privilegiato con i più piccoli, con la raccolta di disegni attraverso l’indirizzo e-mail ibambinidimordano@virgilio.it. E il primo cittadino Nicola Tassinari aggiorna i cittadini sui bollettini resi noti dall’Ausl di Imola e sui dati che interessano più da vicino il suo Comune sul proprio profilo Facebook personale.

Dozza si presenta molto simile a Castel del Rio, rilanciando principalmente i contenuti dei siti internet del Comune, dell’Ausl, della Città metropolitana e della Regione Emilia Romagna. Anche nel Borgo dipinto, però, è partita l’iniziativa Stai in casa, il servizio di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci organizzato dall’Associazione anziani per l’impegno sociale Rambaldi e dalla Caritas parrocchiale di Toscanella.

Informazioni utili e aggiornamento sui dati che riguardano il territorio anche a Castel Guelfo, dove la Giunta invita anche ad ascoltare Radioimmaginaria (la radio degli adolescenti che ha la sua sede principale proprio in paese) e i suoi ospiti sia in streaming su internet, sia su LepidaTv, canale 118 del digitale terrestre, su cui lunedì 30 marzo ha debuttato il format IntERvallo 182, in onda dal lunedì al venerdì pomeriggio, dalle 15 alle 16. (lu.ba.)

L’approfondimento dedicato al Comune di Casalfiumanese nel numero del Sabato sera del 9 aprile

Coronavirus, i Comuni sui social: dirette, notizie e… arcobaleni per restare in contatto con i cittadini
Cronaca 17 Marzo 2020

Tenta di uccidere la ex compagna dopo averla già minacciata, arrestato 47enne

Ha aggredito e accoltellato al volto la ex compagna, dopo averle chiesto di incontrarla per restituirle dei soldi e nonostante la donna avesse scelto un luogo pubblico -il centro commerciale Verbena di Borgo Tossignano- per maggiore sicurezza, dopo aver ricevuto anche un messaggio in cui era stata minacciata di morte.
In manette, con l’accusa di tentato omicidio, un uomo italiano di 47 anni, disoccupato e con precedenti di polizia. La ex compagna, anche lei italiana, è stata trasportata d’urgenza al Pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Scaletta di Imola, con una prognosi di trenta giorni.

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri nel corso delle indagini, dopo aver affrontato la donna dicendole “Siediti, siediti, che sei venuta solo a prendere solo i soldi poi te ne vai”, l’uomo ha estratto un coltello da cucina e ha tentato di accoltellare l’ex compagna agli organi vitali.
Fortunatamente, la donna è riuscita ad intercettare la traiettoria della lama, che si è conficcata tra i tendini della mano sinistra e si è separata dal manico del coltello, cadendo però a terra.Il 47enne ha recuperato la lama, si è seduto sul petto della ex compagna e ha continuato ad accoltellarla al volto.

A chiamare i Carabinieri della stazione di Fontanelice, intervenuti assieme a una pattuglia del Nucleo operativo radiomobile dei Carabinieri di Imola, è stata una commessa del centro commerciale, dopo che le grida della donna nel tentativo di difendersi avevano attirato l’attenzione dei clienti presenti in quel momento.
Alla vista dei Carabinieri, l’uomo ha cercato di nascondersi all’interno di un residence situato sopra la Verbena, ma è stato catturato senza che opponesse alcuna resistenza. (r.cr).

Tenta di uccidere la ex compagna dopo averla già minacciata, arrestato 47enne
Cronaca 28 Ottobre 2019

Agevolazioni sull’Irap nei comuni della Vallata

A partire da quest’anno e per il prossimo triennio la Regione Emilia-Romagna ha disposto l’abbattimento dell’Imposta regionale sulle attività produttive (Irap) per aziende, commercianti, artigiani, professionisti e lavoratori autonomi delle zone montane.
Il provvedimento, frutto di una delibera di Giunta del 16 settembre, è volto a sostenere chi fa impresa o esercita una attività nelle aree dell’Appennino emiliano romagnolo e riguarda circa 12 mila potenziali soggetti in 100 comuni, tra i quali anche Casalfiumanese, Borgo Tossignano, Fontanelice e Castel del Rio.

La misura è operativa da subito e strutturale, grazie a uno stanziamento di 12 milioni di euro all’anno per il triennio 2019- 2021, per un totale di 36 milioni.
Per richiedere i contributi regionali occorre partecipare all’apposito bando. Le domande devono essere presentate, pena la non ammissibilità delle stesse, entro le ore 13 del 2 dicembre 2019.
La domanda di contributo dovrà essere compilata, validata e inviata alla Regione esclusivamente per via telematica, tramite l’applicativo web Sfinge 2020 accessibile dal sito https://servizifederati.regione.emilia-romagna.it/fesr2020.

Ecco cosa prevede il provvedimento della Regione: a chi deve versare una Irap fino a 1.000 euro spetta un rimborso parial 100% del valore dell’imposta lorda dovuta nel 2017; se l’Irap è compresa tra i 1.000 e 5 mila euro, il rimborso è pari al 50% del valore dell’imposta lorda dovuta nel 2017; per le nuove imprese, insediate a partire dal 1° gennaio 2018, c’è l’esenzione totale, fino ad un massimo di 3 mila euro l’anno di imposta dovuta, per tre anni. (r.cr.)

Agevolazioni sull’Irap nei comuni della Vallata

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast