Posts by tag: Castel San Pietro

Cultura e Spettacoli 13 Settembre 2018

Il weekend a Castel San Pietro è dolce come il miele con fiera, concorso e convegni

Miele, miele e ancora miele. Il Settembre castellano punta l”attenzione sul nettare degli dei. Le manifestazioni apistiche a Castel San Pietro si aprono venerdì 14 settembre alle 10 quando al teatro Cassero si terrà il convegno dal titolo «Buone pratiche agricole e salvaguardia delle api, primi risultati dalle intese e prospettive future», seguito alle 14.30 da un ulteriore seminario dedicato a «Economia e impresa apistica». Alle 19.30, nella Galleria di arte moderna, verrà inaugurata la mostra fotografica «Ape, mieli, biodiversità con gusto». Alle 20 si torna al Cassero per parlare di «Zucchero 100% italiano per un”agricoltura più sostenibile» in collaborazione con Coprob Italia Zuccheri.

Sabato, ecco in centro storico dalle 10 alle 23 la «Fiera del Miele, dell’Agricoltura e dell’Enogastronomia» con mieli e tipicità italiani in via Matteotti, attrezzature apistiche in piazza Acquaderni, prodotti agroalimentari tipici, laboratori, fattorie didattiche e progetti sociali in piazza XX Settembre, prodotti agricoli a chilometro zero in piazza Galvani e via Cavour. Tutte iniziative che torneranno anche domenica dalle 9.30 alle 21. Non mancheranno, poi, i convegni: sabato alle 10 al Cassero si parlerà di «Legislazione regionale in materia apistica e necessario coordinamento normativo nazionale» e alle 14.30 di «Qualità del prodotto e mercato del miele in Italia». La serata vedrà al centro la musica: alle 21 in piazza XX Settembre ci sarà un concerto dal jazz al pop con il Corpo musicale San Luigi di Vedano al Lambro e il Corpo bandistico di Castel San Pietro. In città ci saranno anche intrattenimento e danze popolari dalle 20.30

Domenica 16 ritorna la Fiera in centro dalle 9.30 alle 23 e, sempre alle 9.30, in piazza XX Settembre si esibirà il corpo musicale lombardo. Nella piazza centrale della città dalle 10.30 si farà spazio al concorso «Grandi mieli d”Italia – 3 gocce d”oro» giunto alla trentottesima edizione: curato dall”Osservatorio nazionale del miele, vedrà la partecipazione in gara di 1124 mieli divisi in tre sezioni (i millefiori, i grandi mieli di Sicilia, i mieli da apicoltura biologica). La premiazione avverrà alle 12.30 e sarà condotta da Patrizio Roversi. Durante la manifestazione, verranno ricordati Maria Rosa Modelli e Cesarino Dalmonte dell”apicoltura Dalmonte. Al pomeriggio, dalle 16.30, spazio all”intrattenimento con le danze popolari.

Info: 051/6954112.

Il weekend a Castel San Pietro è dolce come il miele con fiera, concorso e convegni
Cultura e Spettacoli 8 Settembre 2018

La Sagra della braciola arriva domani a Castello, mentre oggi si fa festa con la Supercrapula e il rock di Innesto

È il weekend della Carrera ma anche della braciola a Castel San Pietro, unendo così due delle passioni della città sul Sillaro: «È un amore profondo e fedele quello che ci lega al Settembre Castellano – scrive infatti il sindaco Fausto Tinti nell’opuscolo degli eventi -, un amore fedele sessantasette anni, che cresce nell’attesa della festa, dell’amicizia e del ritrovarsi attorno alla nostra identità culturale e alle nostre tradizioni di sempre, Carrera e buon cibo, con in testa la braciola di castrato, simboli che solo chi non ama questa città può considerare non importanti».

La sessantasettesima Sagra della Braciola si tiene così domenica 9 settembre quando in piazza Acquaderni sarà aperto dalle 11.30 il ristoro della sagra con con degustazione tradizionale di castrato cotto allo spiedo (aperto anche giovedì 6, venerdì 7, sabato 8 dalle ore 19), in tutta la città ci saranno tipicità castellane presso ristoranti e trattorie e presso la Locanda slow allestita nel parcheggio di viale Oriani (aperta fino al 19 settembre tutte le sere dalle 19 e le domeniche 9 e 16 anche a pranzo dalle ore 12, con specialità tradizionali; per prenotazioni telefonare al 347 5922451 dalle 17 alle 22.30). Da ricordare che alla Pro Loco sarà disponibile il piatto della Sagra della Braciola con l’immagine vincitrice del concorso, che raffigura un suggestivo scorcio del centro storico disegnato da Sandra Fiumi. In serata, alle 21 in piazza XX Settembre si terrà uno spettacolo comico con Davide Dalfiume e Max Pisu, e alle 23.30 il parco Lungo Sillaro saluterà con i fuochi artificiali.

Da segnalare anche, tra i tanti eventi del Settembre castellano, la Supercrapula che si terrà sabato 8 dalle 20.30 dal Cassero alla Montagnola e piazza Galvani: vetrina vetrina conviviale della città, offerta dai commercianti, dagli artigiani e dalle associazioni di Castello, vedrà un grande buffet a cielo apertocon tipicità castellane, il cui ricavato sarà devoluto all’Unità Operativa di Chirurgia Pediatrica Policlinico S. Orsola – Malpighi – Ospedale Maggiore di Bologna (contributo per il buffet: 2 euro adulti, 1 bambini). Nella stessa sera, alle 22 in piazza XX Settembre, il sassofonista Andrea Innesto, celebre per la sua lunga collaborazione con Vasco Rossi, terrà un concerto insieme a Pippo Guarnera, Ariane Diakite, Vladi Dimatore, Uccio Rizzo, Davide Truccolo e Andrea Braido come special guest.

La Sagra della braciola arriva domani a Castello, mentre oggi si fa festa con la Supercrapula e il rock di Innesto
Cultura e Spettacoli 24 Agosto 2018

Questa sera Pizzocchi, martedì Vito: i Suoni degli Angeli salutano l'estate

Salutano l”estate «I suoni degli Angeli 2018». La rassegna di musica e spettacolo organizzata dall”associazione Il Giardino degli Angeli Onlus al fine di raccogliere fondi a favore di progetti di ricerca rivolti a bambini gravemente malati è giunta all”ultima settimana di programmazione. Nel Giardino degli Angeli, in via Remo Tosi a Castel San Pietro, questa sera si esibirà Duilio Pizzocchi con il suo cabaret fatto di personaggi noti e amati quali l”imbianchino maldestro, la chiromante che compone oroscopi improbabili, il camionista Ermete Bottazzi. Domani, sabato 25 agosto, sarà sul palco Massimo Priviero, in tournée per la presentazione del suo nuovo album dal titolo All”Italia.

A chiudere l”ottava edizione della rassegna sarà Vito che, martedì 28 agosto, racconterà le Storie della Bassa di Maurizio Garuti. Vito, con i suoi monologhi, porta in scena da tempo il mondo della sua infanzia, donne e uomini padani, personaggi legati alla terra e al buon cibo e quindi all’amore. Ci sono storie vere e storie inventate; personaggi fantastici e personaggi reali. «Tutti sono accomunati dall”essere surreali, dal vivere nel confine dell’assurdo – si legge nelle note allo spettacolo -. Uno spettacolo di atmosfere, che narra di un mondo che non c’è più, un universo surreale e affascinante, quello della Bassa che Zavattini amava descrivere con una riga, che quando c”è la nebbia diventa un tutt”uno tra cielo e terra».

Gli spettacoli avranno inizio alle ore 20.45. In caso di maltempo si svolgeranno al teatro Cassero. Ingresso a offerta libera.

Nella foto Vito

Questa sera Pizzocchi, martedì Vito: i Suoni degli Angeli salutano l'estate
Cronaca 2 Giugno 2018

Controlli con i cani antidroga in due scuole superiori, una ragazza segnalata per uso personale

Controlli antidroga in due istituti scolastici superiori con i cani specializzati nella ricerca delle sostanze stupefacenti. L’attività è stata eseguita in collaborazione con i dirigenti scolastici e i carabinieri del Nucleo cinofili del Comando provinciale di Bologna che sono arrivati in compagnia di Geko, Drago e Ronny, cani di razza pastore tedesco i primi due, pastore belga il terzo.

Il loro fiuto infallibile ha condotto i militari all’interno di una classe e li ha aiutati a recuperare un frammento di hashish che era stato gettato per terra. A Castel San Pietro, invece, una studentessa maggiorenne è finita nei guai perché all’interno dello zaino, assieme ai libri e alla merendina, custodiva un pezzetto di hashish. Per la giovane è scattata una segnalazione alla Prefettura di Bologna per uso personale di sostanze stupefacenti.

Foto d”archivio

Controlli con i cani antidroga in due scuole superiori, una ragazza segnalata per uso personale
Cronaca 30 Maggio 2018

Testamento biologico, il Comune di Castel San Pietro attiva il Registro delle Dat

Anche a Castel San Pietro è possibile iscriversi al Registro comunale per le Disposizioni anticipate di trattamento (Dat), il famoso testamento biologico o biotestamento. Il servizio è stato attivato dal Comune in questi giorni in attuazione della legge 219 del 2017, diventata operativa a fine gennaio, che ha finalmente codificato le regole sul fine vita. Una battaglia che negli anni ha visto alcuni Comuni attivare autonomamente il Registro e hanno sostenuto l”approvazione della legge, come, nella nostra zona, Imola, Medicina e Ozzano Emilia. In verità una battaglia più di diritti e civiltà che di grandi numeri di registrazioni dei Dat.

Nel registro castellano, come negli altri, verranno raccolti i nominativi dei maggiorenni residenti nel comune «che consegneranno personalmente all’Ufficio di stato civile una Dat – precisano dal Comune -, cioè un documento in cui indicano in anticipo i trattamenti medici cui vogliono essere o non essere sottoposti in caso di malattie o traumatismi cerebrali, che determinino una perdita di coscienza definibile come permanente ed irreversibile». Nel documento può essere indicato anche un fiduciario che farà le veci del dichiarante nel caso in cui diventi incapace di comunicare consapevolmente con i medici e le strutture sanitarie. In questo caso dovrà essere consegnata anche la dichiarazione di accettazione di incarico del fiduciario. Per iscriversi occorre prenotare un appuntamento all’Ufficio di stato civile che si trova nella sede municipale in piazza XX Settembre 3 (tel. 051/6954163 – 051/6954257 – e-mail: statocivile@cspietro.it).

Da notare che la legge 219 prevede, in particolare, all’articolo 3, che ogni persona maggiorenne, capace di intendere e volere, possa, attraverso le Dat esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto a scelte diagnostiche o terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, comprese le pratiche di nutrizione e idratazione artificiali». Soprattutto le Dat sono vincolanti per il medico, che a sua volta diventa «esente da responsabilità civile o penale». 

Sempre l”articolo 3 stabilisce che le Dat «nel caso in cui le condizioni fisiche del paziente non lo consentano, possano essere espresse attraverso videoregistrazione». E in caso di emergenza o urgenza «la revoca può avvenire anche oralmente davanti ad almeno due testimoni».Per quanto riguarda i minori «il consenso è espresso dai genitori esercenti la responsabilità genitoriale o dal tutore o dall”amministratore di sostegno, tenuto conto della volontà della persona minore». (l.a.) 

Nella foto uno dei monitor dello Sportello cittadino del Comune di Castel San Pietro 

Testamento biologico, il Comune di Castel San Pietro attiva il Registro delle Dat
Ciucci (ri)belli 21 Maggio 2018

La canzone «A scuola a piedi» degli studenti castellani vince progetto regionale

Con la canzone A scuola a piedi” le classi terze della scuola primaria Albertazzi hanno vinto il concorso creativo “(r)umori della città”, indetto dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito del progetto Siamo nati per camminare 2018.

Lo scorso venerdì 18 maggio gli studenti hanno partecipato alla premiazione nella sede della Regione.

La canzone, divertente e poetica, ha saputo esprimere il tema del concorso “dialogando” con la città, partendo dalle esperienze di analisi e ascolto del paesaggio che hanno incontrato andando a scuola con il Pedibus organizzato nella settimana dal 16 al 22 aprile 2018.

«Siamo molto soddisfatti e orgogliosi del successo ottenuto dalle classi terze della Scuola Albertazzi – afferma la vicesindaca Francesca Farolfi, che nella mattina di venerdì 18 maggio insieme alle insegnanti ha accompagnato i ragazzi all’evento finale del progetto a Bologna, presso la sede della Regione Emilia Romagna –. Il testo che hanno composto racconta il loro entusiasmo nel fare insieme una passeggiata a piedi fino a scuola. Il progetto è frutto della collaborazione tra le classi di Albertazzi e Sassatelli che hanno aderito e le rispettive famiglie che lo hanno condiviso, incoraggiando i bambini a prenderne parte. Grazie anche ai volontari delle associazioni Alpini e Carabinieri, che hanno accompagnato il Pedibus in sicurezza».

Il gruppo delle insegnanti

All’incontro erano presenti anche due classi, provenienti da Ferrara e da Campagnola Emilia (RE), vincitrici dell’altro concorso, intitolato “Siamo nati per camminare… e muoverci in modo sostenibile”, legato allo stesso progetto. Le due classi delle Albertazzi avevano partecipato anche a quest’ultimo concorso, insieme a 15 classi delle scuole primarie Sassatelli di Castel San Pietro.

Dopo aver dichiarato le abituali modalità utilizzate per andare a scuola, nella settimana dal 16 al 22 aprile tutti i ragazzi avevano compilato una tabella dove hanno indicato con quale mezzo ogni giorno si erano recati a scuola. La Regione ha premiato le classi che hanno ottenuto i migliori risultati, sia in termini di miglioramento rispetto alla situazione precedente all’iniziativa, sia in termini di valore assoluto.

Nella mattina di venerdì 18 le scolaresche si sono confrontate sui temi della mobilità sostenibile con gli assessori presenti. Poi si è tenuta la premiazione dei vincitori e, al termine, i ragazzi delle Albertazzi hanno cantato la loro canzone.

Le immagini della giornata e l’audio della canzone sono su www.cspietro.it. Un servizio video sull’evento si può vedere nella pagina Facebook dell’emittente Trc Bologna: https://www.facebook.com/trcbologna/videos/1762014347178787/

A scuola a piedi (audio)

Testo composto dagli alunni di 3D e 3E sulla musica di “Viva la mamma” di Edoardo Bennato, in collaborazione con il prof. Maurizio Guerra.

A scuola a piedi

è divertente tu lo sai non ci credi

nel boschetto gli uccellini sentiamo

dai vieni a piedi con me

A scuola a piedi

lungo la strada ci saluta la gente

siamo un simpatico allegro serpente

dai vieni a piedi con me

Da Casatorre alla Scuola Albertazzi

partono tanti assonnati ragazzi

a scuola a piedi perché

il progetto com’è…… meraviglioso!

A scuola a piedi

sotto i portici il profumo del pane

del formaggio, del caffè, del salame

dai vieni a piedi con me

A scuola a piedi

un venticello ti rinfresca la faccia

un po’ di sole ti riscalda le braccia

dai vieni a piedi con me

Da Viale Roma per la via del centro

auto, persone che gran movimento

a scuola a piedi perché

il progetto com’è…… meraviglioso!

Bang bang, la sveglia che suona

bang bang, devi andare a scuola

bang bang, soltanto un momento

per sognare ancora!

… ♫ … ♪ … ♫ … ♪…

A scuola a piedi

sotto il Cassero c’è l’edicolante

che ci saluta col sorriso smagliante

dai vieni a piedi con me

A scuola a piedi

coi tuoi amici tu percorri il vialetto

arrivi in classe e ti senti perfetto

dai vieni a piedi con me

dai vieni a piedi con me

dai vieni a piedi…

dai vieni a piedi con me!

La canzone «A scuola a piedi» degli studenti castellani vince progetto regionale
Economia 10 Maggio 2018

«Co Pro Working», da oggi sei incontri organizzati da Innovami, Giovani Cooperatori e Ca’ Vaina per parlare di futuro e nuove forme di lavoro

Inizia oggi a Casalfiumanese «Co Pro Working», ciclo di incontri organizzati da Innovami, Giovani Cooperatori di Imola e Ca’ Vaina per parlare di futuro, nuove forme di lavoro e per presentare il nuovo spazio serale aperto al centro giovanile imolese. I sei appuntamenti sono inseriti nel cartellone di CooperAttivaMente. Il primo appuntamento è dunque oggi alle ore 17 alla Biblioteca comunale (via A. Costa 27) di Casalfiumanese.

Relatori degli incontri Christian Gironi (direttore di Innovami), Mirco Mongardi (portavoce e collaboratore dei Giovani Cooperatori di Imola), Enrico Gianstefani (referente del Centro Giovanile Ca’ Vaina).

Gli altri appuntamenti sono martedì 15 maggio (ore 17) a Castel Guelfo (Sala Viola accanto alla biblioteca comunale, via Gramsci 22); lunedì 21 maggio (ore 18) a Medicina (villa Pasi, via Osservanza 84); giovedì 24 maggio (ore 17) a 
Toscanella di Dozza (Sala Martelli, Piazza della Libertà); giovedì 31 maggio (ore 18) a Castel San Pietro (Bocciodromo, viale Terme 740) e giovedì 7 giugno (ore 17) a Imola (Centro giovanile Ca’ Vaina, viale Saffi 50/B).

«Co Pro Working», da oggi sei incontri organizzati da Innovami, Giovani Cooperatori e Ca’ Vaina per parlare di futuro e nuove forme di lavoro
Ciucci (ri)belli 2 Maggio 2018

Siamo nati per camminare… a Castel San Pietro

Anche quest’anno il Comune di Castel San Pietro ha aderito al progetto della Regione Emilia Romagna Siamo nati per camminare, che promuove la mobilità pedonale e sostenibile.

Al concorso hanno partecipato 17 classi delle scuole primarie Sassatelli e Albertazzi.

Dopo aver dichiarato le abituali modalità utilizzate per andare a scuola, nella settimana dal 16 al 22 aprile 2018 i ragazzi hanno compilato una tabella dove hanno indicato con quale mezzo ogni giorno si sono recati a scuola. Nella settimana del concorso, molti ragazzi hanno partecipato al pedibus attivato nelle due scuole partecipanti, con la collaborazione dei genitori e delle associazioni locali.

In questi giorni il Comune ha ritirato le tabelle e le ha inviate alla Regione, che in seguito premierà le classi che hanno ottenuto i migliori risultati, sia in termini di miglioramento rispetto alla situazione precedente all’iniziativa, sia in termini di valore assoluto.

«Sosteniamo con convinzione il progetto regionale Siamo nati per Camminare – afferma la vicesindaca Francesca Farolfi, che ha la delega alla Scuola – per sollecitare adulti e bambini a recarsi a scuola a piedi. Anche per un breve tratto. L’obiettivo della campagna è l’educazione a una cultura della mobilità pedonale che promuove la socialità, la sostenibilità, l’autonomia dei bambini e la sicurezza. Un’attività motoria prima di sedersi in classe fa bene alla salute, apporta benefici alla comunità, e permette di socializzare con i compagni di percorso».

La campagna regionale Siamo nati per camminare, promossa con il coordinamento dell’Area educazione alla sostenibilità di Arpae e del Ceas Centro Antartide di Bologna, ha anche l’obiettivo di promuovere e valorizzare esperienze concrete come quella del Pedibus, i percorsi a piedi casa-scuola, organizzati nel Comune di Castel San Pietro dai genitori con la collaborazione dei volontari dell’associazione Carabinieri e del Gruppo Alpini, oltre alle iniziative rivolte agli adulti che vogliono camminare insieme, come quelle che vengono realizzate grazie all’impegno di diverse associazioni castellane.

Siamo nati per camminare… a Castel San Pietro
Cronaca 24 Aprile 2018

Budrio e Medicina chiedono il completamento della Trasversale, Osteria Grande la Complanare o un casello dell'A14

Regione e Città metropolitana tirate per la giacca dai territori che chiedono il rispetto degli impregni presi sulla viabilità o comunque maggior attenzione per i collegamenti dell’area metropolitana bolognese. Questo il nocciolo di due richieste arrivate pressoché contemporaneamente ma autonome. Da un lato Budrio e Medicina che insieme hanno siglato una nota con la quale chiedono a gran voce il completamento della Trasversale di Pianura, dall’altro quella della consigliera regionale Francesca Marchetti che ha presentato un’interrogazione con la quale chiede “Quale strategia metterà in campo la Giunta per garantire il collegamento viario tra la zona artigianale di Osteria Grande, nel Comune di Castel San Pietro Terme, e l’area metropolitana bolognese, anche per evitare il progressivo abbandono di quella zona ed il suo conseguente impoverimento».  

Due temi, come detto, che viaggiano paralleli ma con analoghe finalità: da un lato completare un asse stradale di grande scorrimento capace di spostare buona parte del traffico pesante dai centri abitati, dall’altro collegare all’A14 e a Bologna l’area industriale della frazione castellana favorendo le imprese e l’appetibilità del territorio. 

Per quanto riguarda la Trasversale di Pianura o provinciale 3 (un progetto i cui primi cantieri risalgono al 1971), è notizia di un anno fa l’inaugurazione del tratto compreso all’interno del comune di Budrio, ora però rimane da fare l’ultimo tratto tra la frazione di Villa Fontana (nel territorio di Medicina) e la località Olmo (che ricade sotto Budrio). L’assessore alle Infrastrutture della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini, ha garantito nei recenti incontri ai sindaci Maurizio Mazzanti per Budrio e Onelio Rambaldi per Medicina, l’impegno proprio e dell”intera Giunta Bonaccini. Mazzanti e Rambaldi chiedono nuovamente di “giungere al più presto al finanziamento, alla progettazione e quindi all’avvio dei lavori da tanto attesi”. “Il tratto non completato, Olmo-Villa Fontana, pone degli evidenti problemi di sicurezza – sostengono i due sindaci -; sede stradale stretta e ponti pericolosi, a fronte di un traffico pesante in aumento a seguito della realizzazione degli altri tratti della Trasversale. Inoltre, Medicina puntualizza come “la Trasversale si prefiggeva anche di risolvere il problema del traffico passante all”interno della frazione di Crocetta, tema che dovrà essere ripreso in fase di progettazione”. 

Per quanto riguarda Osteria Grande, la consigliera Marchetti dice di essersi fatta portavoce “dei disagi lamentati dagli artigiani e dagli imprenditori di Osteria Grande, che chiedono da tempo lo sblocco della Complanare oppure la realizzazione di un casello autostradale “veloce” ricordando come “già il piano regionale integrato dei trasporti 1998-2010 prevedeva il potenziamento infrastrutturale dei collegamenti fra Bologna e Imola, attraverso l’eventuale realizzazione della IV corsia dell’autostrada A14 o della complanare”. (l.a.)

Nella foto il tratto di strada tra Villa Fontana e Olmo oggi

Budrio e Medicina chiedono il completamento della Trasversale, Osteria Grande la Complanare o un casello dell'A14
Ciucci (ri)belli 5 Aprile 2018

Festa al Giardino degli Angeli di Castel San Pietro

Il Giardino degli Angeli di Castel San Pietro celebrerà il suo decimo compleanno domenica 8 aprile, con una grande festa aperta a tutti.

Dalle ore 15 in poi, in via Remo Tosi, divertimento per bambini e famiglie. In programma:

  • i cavalli dell’associazione sportiva dilettantistica Cavalcavia di Castel San Pietro Terme
  • la grande teleferica di Evoluzione Verticale
  • il tiro con l’arco con la Compagnia Arcieri dei Graffiti
  • il “truccabimbi” a cura dei volontari di Castel San Pietro Terme e i clown di corsia della Croce Rossa Italiana “Compagnia delle Spugne”
  • gli splendidi animali del dottor Avoni
  • tanti giochi per bambini.

Inoltre si potranno gustare piadine, crescentine e dolci.

«La festa sarà un’occasione (insieme alla rassegna estiva I Suoni degli Angeli) per raccogliere i fondi per i progetti sociali sostenuti dall’associazione Il Giardino degli Angeli onlus – spiegano gli organizzatori dell’omonima associazione di volontariato -. In particolare quest’anno intendiamo sostenere un importante progetto per il Sant’Orsola di Bologna, a favore dei bambini e ragazzi affetti da neurofibromatosi e la Summer School ABA per i ragazzi autistici e le loro famiglie».

Alla festa, che ha il patrocinio del Comune e di Solaris, saranno presenti anche rappresentanti dell’Amministrazione comunale.

In caso di maltempo, la manifestazione sarà rimandata a domenica 15 aprile (il programma potrà subire modifiche).

Giardino degli angeliCos’è il Giardino degli Angeli

Il Giardino degli Angeli è un luogo molto speciale, creato dai genitori di una ragazzina scomparsa per una grave malattia e da moltissimi amici con la collaborazione del Comune e di alcuni sponsor, un luogo unico che nel 2008 è stato inaugurato e donato alla città di Castel San Pietro. Realizzato a forma di cuore su una superficie di circa 4 mila metri quadrati, conta diverse centinaia di piante di più di 100 specie. Sin dalla sua inaugurazione è oggetto di servizi televisivi e giornalistici e conquista sempre nuovi apprezzamenti riconoscimenti a livello nazionale. E’ nella top ten provinciale dei luoghi del cuore Fai (al 6° posto nella votazione del 2017 e al 4° nella precedente edizione tenuta nel 2014).  Nel 2009 si è costituita l’associazione onlus “Il Giardino degli Angeli”, per aiutare bambini gravemente malati e le loro famiglie in difficoltà.

Festa al Giardino degli Angeli di Castel San Pietro

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast