Posts by tag: concorso

Cultura e Spettacoli 18 Maggio 2019

«Gocce di musica 2019», gli Aster & the X Band vincono la seconda serata di selezione

Hanno vinto gli Aster & the X Band. Sono loro ad essersi aggiudicati, eri sera, la seconda selezione per un posto nella finale di “Gocce di musica per la solidarietà”, il contest per band emergenti organizzato da Avis Imola insieme a “sabato sera” con la collaborazione di Ca” Vaina.

Gli Aster & the X Band hanno convinto la giuria con il loro rock blues energico e una performance coinvolgente. Sul palco Luca Pasotti al basso Matthew Cavina alla batteria Alessandro De Francesco alla chitarra elettrica e il leader Leonardo Scarpetti voce e chitarra. Da notare che già lo scorso anno parteciparono e conquistarono la finale di “Gocce di Musica”.

Ottime le esibizioni anche degli altri sfidanti della quartina di selezione di ieri sera, cioè il duo indie Sambuca, il cantautore Lorenzo Montanari in arte Cacatua e la band Alter Ego con il loro rock italiano.

Per conoscere il nome del terzo gruppo finalista che salirà sul palco della finale dell’8 giugno in piazza Gramsci a Imola bisognerà attendere la terza serata di selezione venerdì 24 maggio con Whatever, Karamazov, Pocopop, Mind Cross. 

Nella foto (Isolapress) gli Aster & the X Band 

«Gocce di musica 2019», gli Aster & the X Band vincono la seconda serata di selezione
Cultura e Spettacoli 17 Maggio 2019

«Gocce di Musica 2019», questa sera in gara Aster &The X Band, Cacatua, Sambuca e Alter Ego

Questa sera secondo appuntamento con le selezioni per la finale di Gocce di musica per la solidarietà, il concorso organizzato da Avis Imola in collaborazione con “sabato sera” e con il Centro giovanile Ca’ Vaina. Alle ore 21.30, nella sede di Ca’ Vaina (in viale Saffi 50/b), si sfideranno Aster &The X Band, Cacatua, Sambuca e Alter Ego.

Aster & The X Band, che già lo scorso anno parteciparono al contest conquistando il diritto alla finale, sono guidati da Leonardo Scarpetti (voce, chitarra, armonica). Sul palco quest’anno saliranno anche Alessandro De Francesco (chitarra elettrica), Luca Pasotti (basso elettrico), Matthew Cavina (batteria), con Fabio Mazzini alla lapsteel guitar.

Cacatua, invece, è il nome d’arte di Lorenzo Montanari che, dopo un lungo periodo in una band, sta ora vivendo un progetto da solista come cantautore.

Sambuca è un duo formato da Giacomo Pasini e Francesco Bonzi che, ironicamente, parlano di loro come di «un liquore indie italiano« che dà un gusto «caratterizzato da pochi ritornelli e molte chitarre».

Gli Alter Ego sono Andrea Rossi (batteria), Stefano Monduzzi (chitarra e cori), Alex Farolfi (voce e tastiere) e Franco Fabbri (basso).

Tra i quattro gruppi scaturirà il secondo finalista di Gocce di musica. Il primo è stato scelto la scorsa settimana: si tratta delle Degradé, cioè la cantante Clara Consolini e la chitarrista Martina Schiassi. La serata ha visto quattro esibizioni energiche ed emozionanti: oltre a Degradésono saliti sul palco Hlp, TheBleeding Ones e Off the road.

Per conoscere il nome del terzo gruppo finalista che salirà sul palco della finale dell’8 giugno in piazza Gramsci a Imola bisognerà attendere la terza serata di selezione venerdì 24 maggio con Whatever, Karamazov, Pocopop, Mind Cross.

Ogni finalista riceverà un buono da 200 euro per materiali musicali e il vincitore avrà un ulteriore buono da 500 euro. Inoltre sarà assegnato tra tutti i partecipanti il Premio Speciale«sabato sera» che premierà il testo ritenuto migliore, tra quelli a tema solidale appositamente proposti per il contest.

L’ingresso alle serate è libero.

Nella foto le Degradé

«Gocce di Musica 2019», questa sera in gara Aster &The X Band, Cacatua, Sambuca e Alter Ego
Cronaca 6 Marzo 2019

“L'aereo senza meta' la maschera più creativa del Carnevale imolese, davanti a “Madame Jornel' e alla “foresta incantata'

E” “L”aereo senza meta” il costume vincitore del concorso “Maschera più creativa”, premiato ieri al “Carnevale al Centro – la Festa dei bambini e dei ragazzi” di Imola. L”aereo vincitore era “guidato” da Gregorio Gabusi, Michele Bottau e Petar Baric, tre compagni di classe di 10 anni, che hanno conquistato il primo premio “per l’originalità, l’ironia, la precisione nei dettagli e l’uso dei materiali”. Al secondo posto si è classificata Simona Boi, di 9 anni, vestita da “Madame Jornel”, con la motivazione “per la bellezza dell’insieme, l’armonia e l’eleganza del risultato finale”. Terzi i fratellini Federico e Chiara Fuzzi, di 7 e 3 anni, con il costume “La foresta incantata”, con la motivazione “per il lavoro di gruppo, l’utilizzo di materiali riciclati e la simpatia”. 

Ai primi tre classificati, che hanno avuto la meglio su un totale di 69 bambine e bambini in gara, tra uno e 11 anni, sono andati rispettivamente 150 euro, 100 euro e 50 euro tutti in buoni acquisto alla Coop Alleanza 3.0, torte e dolci offerte da Opera Dulcis e una targa in ceramica offerta dalla Coop Ceramica di Imola. La partecipazione è stata molto alta, se si pensa che nel 2018 erano stati 40 i partecipanti al concorso. Il vicesindaco Patrik Cavina, presente ieri sul palco di piazza Matteotti a premiare i vincitori, ha espresso “soddisfazione per il successo del Carnevale imolese. 

Oltre ai primi tre, la giuria ha assegnato cinque premi speciali, riconoscendo l’impegno nell’utilizzare materiali di riciclo e per la creatività nel confezionare i costumi. I bambini premiati sono stati Paolo Righini, di 7 anni, per il costume “Mio nonno in carriola”, con la motivazione “per la simpatia dell’idea e la simpatia”; Kiss Adi Adorzan, 6 anni, con il costume “Transformer poliziotto”, con la motivazione “per l’utilizzo dei materiali, i colori e la fantasia”; Filippo Guerrini, di un anno, vestito da “poliziotto con i baffi”, premiato per la “simpatia e la tenerezza”; Laura Venturi, di 4 anni, vestita da ‘Gufo rosso’, premiata per “le stoffe, i colori, la sartoria”; infine Mattia Zappi, di 8 anni, vestito da ‘scienziato pazzo”, premiato “per l’ironia, la creatività e l’idea”.

Alla riuscita della festa hanno collaborato Radio Bruno, l”animazione, i balli e i giochi con i Radiotubbies, le sfrappole e lo zucchero filato distribuiti dall”associazione “Insieme per un futuro migliore” – Progetto bimbi di Chernobyl. (r.cr.)

Nella foto sul palco le tre maschere premiate con il vicesindaco Patrik Cavina

“L'aereo senza meta' la maschera più creativa del Carnevale imolese, davanti a “Madame Jornel' e alla “foresta incantata'

I bambini si mascherano e giocano nell'ultimo giorno di Carnevale

Martedì grasso a Imola è dedicato ai più piccoli. Oggi, l”appuntamento è in piazza Matteotti dalle ore 15 con il consueto appuntamento che vedrà bambini e ragazzi partecipare al Concorso delle maschere che premierà i tre costumi più ingegnosi, creativi e realizzati in proprio con materiale di recupero (iscrizioni sul posto dalle 15 alle 15.30). Il programma, con la collaborazione di Radio Bruno, prevede anche animazione, balli con le sigle dei cartoni animati e giochi con i Radiotubbies. Si potranno gustare sfrappole e zucchero filato distribuiti dall’associazione «Insieme per un futuro migliore – Progetto bimbi di Chernobyl», saranno distribuiti palloncini sagomati e ci si potrà truccare allo spazio trucca-bimbi. Infine, saranno presenti giochi gonfiabili, disponibili gratuitamente.
Dalle ore 15 al termine del normale orario di pagamento, si potrà sostare gratuitamente nei seguenti parcheggi a sbarre: parcheggio Centro Città (ingresso via Aspromonte e viale Carducci), Ortomercato (via Zappi), Ragazzi del ’99, Guerrazzi, parcheggio Palestra Cavina. (r.c.)

Nella foto un momento delle premiazioni dello scorso anno

I bambini si mascherano e giocano nell'ultimo giorno di Carnevale

I Fantaveicoli sfilano e si sfidano domenica 3 marzo a Imola

Dopo il Gran galà che oggi, dalle 16, animerà piazza Matteotti con i più noti mezzi ecologici-fantastici delle scorse edizioni e con la musica de La Flotta di Vega che eseguirà sigle dei cartoni animati, i Fantaveicoli sfileranno e si sfideranno domani, domenica 3 marzo. Si parte dall’autodromo alle ore 14.30, si prosegue lungo viale Dante e si arriva in piazza dove la giuria decreterà i vincitori: gli iscritti sono quest’anno quaranta (di cui trentadue in concorso e otto fuori concorso). Fra le categorie in concorso da segnalare dodici iscritti alla categoria Fantaveicoli, dodici in quella Maxi fantaveicoli, sette nei Gruppi mascherati e un Fantaveicolo nella categoria Scuole. Oltre a tutti i gruppi in concorso, come sempre alla grande sfilata parteciperanno anche marching-band, gruppi teatrali, figuranti su trampoli in un insieme creativo e divertente che regalerà al pubblico una festa coinvolgente. Ricordiamo che peculiarità dei Fantaveicoli è di essere veicoli a trazione ecologica, ossia non inquinanti, e costruiti il più possibile con materiali naturali o riciclati: spazio, poi, all’inventiva e all’estro dei creatori che, negli anni, hanno mostrato curiosità tecniche e artistiche di rilievo. Quest’anno si svolgerà anche CorrImola, una camminata non competitiva, organizzata dalla Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, che inizierà domenica alle 10.30 con un giro di pista dell’autodromo. Per garantire la sicurezza del pubblico durante la sfilata dei Fantaveicoli, sarà predisposto un sistema di controllo dei principali accessi al percorso e al suo arrivo in piazza. Non si potranno portare nell’area dello spettacolo bottiglie di vetro e lattine. (r.c.)

Nella foto, di Isolapress, un Fantaveciolo in sfilata nel 2018

I Fantaveicoli sfilano e si sfidano domenica 3 marzo a Imola

L'inventore Joe guida la sfilata delle maschere nel Carnevale a Castello

Castel San Pietro è pronto per vivere «Il Carnevale nel mondo di Joe». È questo, infatti, il tema della festa che animerà il centro cittadino sabato 2 marzo, con l’originale disegno realizzato dalla II G della scuola Pizzigotti a fare da «invito» nelle locandine affisse in città: un buffo inventore con il camice arlecchino, uno zainetto da cui escono vari tentacoli che reggono strumenti del mestiere e un cartello con il motto «Science is power». Protagonista del Carnevale castellano sarà dunque la fantasia creativa e, così come è stato per i disegni che hanno partecipato al concorso vinto dalla II G, anche per le maschere da costruire e da indossare si seguirà la rappresentazione di «oggetti che non esistono ma che potrebbero essere inventati; personaggi o animali che non sono in natura ma che potrebbero essere; oppure il bambino Joe e il nonno Arturo, magari alle prese con i loro attrezzi e le loro creazioni; o ancora inventori realmente esistiti o fantastici». Al concorso delle maschere potranno partecipare bambini e ragazzi da 0 anni in su e, oltre al tema legato a Joe, ci si potrà ispirare anche a personaggi della tradizione carnevalesca, utilizzando preferibilmente materiale riciclato per la realizzazione dei costumi. La giuria del concorso delle maschere sarà itinerante e sceglierà quelle da premiare nel corso della manifestazione.

L’appuntamento per tutti è alle ore 15 in piazza Galvani, accanto all’ex stazione delle corriere, dove la Pro Loco, in collaborazione con il Circolo Artistico Castellano, allestisce la spaziosa vetrina con una mostra dedicata alla manifestazione. Alle 15.30 partirà la sfilata per le strade del centro storico, preceduta dalla musica del Corpo bandistico di Castello e da gruppi di danze africane. Divertimento assicurato durante tutto il pomeriggio con giostre per bambini, animazioni, intrattenimenti e dolcezze. In più alle 16.30 nell’area del Cassero ci sarà uno spettacolo di burattini a cura della Compagnia «Teatrino dello sguardo». Alle 17.15 in piazza XX Settembre, davanti al municipio, si terranno le premiazioni di maschere e gruppi, con la presenza dei rappresentanti dell’amministrazione e, alle 17.30, ci si trasferirà al primo piano del municipio per l’inaugurazione della mostra e la premiazione del concorso dei disegni. (r.c.)

Nella foto un momento del Carnevale del 2018

L'inventore Joe guida la sfilata delle maschere nel Carnevale a Castello
Cultura e Spettacoli 22 Febbraio 2019

«La scienza è potere»… e divertimento con il disegno della IIG Pizzigotti per il Carnevale castellano

Il disegno della IIG Pizzigotti sarà la locandina del «Carnevale nel mondo di Joe». Un buffo inventore con il camice da Arlecchino, uno zainetto da cui escono vari tentacoli che reggono strumenti del mestiere e un cartello con il motto Science is power è l’originale protagonista del disegno della classe 2aG della scuola secondaria di primo grado Fratelli Pizzigotti scelto per la locandina della XV edizione del Carnevale di Castel San Pietro, un’edizione dedicata al tema della fantasia creativa. La giuria, presieduta dall’assessore alla Cultura e Politiche Giovanili Fabrizio Dondi e composta dagli artisti castellani Amedeo Martini, Alessandro Bertacchini e Françoise Le Hénaff, ha scelto l’elaborato della classe IIG delle Pizzigotti, in quanto «rispecchia il tema con buon uso della tecnica, del colore e del disegno, ed è particolarmente idoneo per essere pubblicato sul manifesto del Carnevale».

«Ringraziamo docenti e alunni delle scuole del territorio per la partecipazione e per la qualità degli elaborati, che si potrà apprezzare nella mostra che verrà allestita in Municipio – afferma l’assessore Fabrizio Dondi -. Quest’anno la qualità è stata altissima e i partecipanti hanno declinato il tema in molti diversi modi, creando opere originali e suggestive per forme e contenuti. Auspichiamo una nutrita partecipazione alla festa del 2 marzo». Al concorso hanno partecipato sessantaquattro elaborati delle scuole dell’infanzia, primarie e della media Pizzigotti (il limite massimo era di tre elaborati per ogni classe). Oltre alla locandina, la giuria ha selezionato anche i tre migliori disegni di ogni scuola e alcuni premi speciali. I vincitori saranno comunicati in occasione della premiazione ufficiale sabato 2 marzo, dopo la festa in piazza XX Settembre. Come di consueto, nella stessa giornata sarà inaugurata la mostra di tutti gli elaborati al primo piano del Municipio, dove rimarranno per un paio di settimane e poi si trasferiranno al Centro Civico di Osteria Grande.

Sabato 2 marzo, bambini e ragazzi potranno concorrere anche al premio delle maschere. In questo caso, oltre al tema «Carnevale nel mondo di Joe» (con l’invito a «rappresentare oggetti che non esistono ma che potrebbero essere inventati; personaggi o animali che non sono in natura ma che potrebbero essere; oppure i due personaggi della storia, il bambino Joe e il nonno Arturo, magari alle prese con i loro attrezzi e le loro creazioni; o ancora inventori realmente esistiti o fantastici»), ci si potrà ispirare anche alle due maschere castellane Sgambillo e Pigidoro, o a personaggi della tradizione carnevalesca, utilizzando preferibilmente materiale riciclato per la realizzazione dei costumi. Dopo essersi iscritte gratuitamente presso il punto di raccolta in piazza XX Settembre, le maschere saranno valutate dalla giuria itinerante che premierà le prime tre classificate.

Il programma del Carnevale castellano prevede infatti il ritrovo alle 15 in piazza Galvani, la partenza della sfilata alle 15.30 per le strade del centro storico, preceduta dalla Banda e da gruppi di danze africane, poi animazioni e giochi per bambini, e in particolare alle 16.30 nell’area del Cassero uno spettacolo di burattini. Alle 17.30 in piazza XX Settembre, davanti al Municipio, si terranno le premiazioni di maschere e gruppi. A seguire al primo piano del Municipio