Posts by tag: DOZZA

Cronaca 6 Maggio 2020

Padiglione 1 dell'Osservanza e Rocca di Dozza fra i Luoghi del cuore 2020 del Fai

Al via la decima edizione del censimento dei “Luoghi del cuore” del Fai-Fondo ambiente italiano. «Un progetto per dare voce al Paese e intervenire concretamente a favore dei luoghi più amati – commenta l’associazione –. E offrire loro un futuro».

Ognuno ha quindi tempo fino al 15 dicembre per votare i luoghi che lo hanno emozionato e salvarli. Si possono votare più luoghi, ma per ognuno si può esprimere solo un voto (per saperne di più). Tanti i luoghi del nostro territorio, da Imola fino a tutto il circondario fino ad Ozzano Emilia. Tra questi, per esempio, sono stati inseriti il Padiglione 1 del complesso dell’ex ospedale psichiatrico dell’Osservanza, il binomio Rocca di Dozza-Muro dipinto e la Chiesa del Carmine di Medicina. (r.cr.)

Nella foto: il muro dipinto di Dozza

Padiglione 1 dell'Osservanza e Rocca di Dozza fra i Luoghi del cuore 2020 del Fai
Cronaca 19 Aprile 2020

Poste, salgono a tre dalla prossima settimana le giornate di apertura degli uffici di Dozza e Sesto Imolese

Salgono a tre a partire dalla settimana dal 20 al 24 aprile le giornate di apertura degli uffici postali di Dozza e di Sesto Imolese. Nel dettaglio, le giornate di apertura dell”ufficio di Dozza saranno il martedì, il giovedì e il sabato, mentre a Sesto Imolese gli sportelli saranno a disposizione il lunedì, il mercoledì e il venerdì. 

Nell”accesso ai servizi si continueranno naturalmente ad osservare le regole a tutela della sicurezza di operatori e clienti. I cittadini sono invitati ad entrare negli uffici postali esclusivamente per compiere operazioni essenziali e indifferibili e possibilmente provvisti di misure di protezione personale come guanti e mascherina, oltre che a mantenere le distanze di sicurezza, fuori e dentro i locali. (r.cr.)

Poste, salgono a tre dalla prossima settimana le giornate di apertura degli uffici di Dozza e Sesto Imolese
Cronaca 15 Aprile 2020

Coronavirus, i Comuni sui social: dirette, notizie e… arcobaleni per restare in contatto con i cittadini

Comuni differenti, approcci diversi ai social network. È variegato il panorama degli utilizzi che le Amministrazioni del circondario imolese hanno fatto delle pagine Facebook dei propri Comuni in queste settimane di emergenza coronavirus.

Castel del Rio ha deciso di puntare esclusivamente sulle informazioni di pubblica utilità, sfruttando la pagina Facebook per condividere i contenuti già pubblicati sui siti internet del Comune e della Città metropolitana.

A fianco delle informazioni utili, Fontanelice ha lanciato due iniziative per i più piccoli: l’album di disegni «Andrà tutto bene», raccolti attraverso l’indirizzo e-mail tuttobenefontanelice@outlook.it che ha già raccolto una quarantina di disegni,e il progetto «Una rete per restare vicini», che coinvolge il nido d’infanzia La chiocciola, con letture e attività di gioco ed esplorazione proposte dagli educatori (il sabato) e «Pillole educative a distanza » a cura del coordinatore psicologico (il mercoledì).

Borgo Tossignano non ha una sua pagina Facebook e tutto passa attraverso quella del primo cittadino Mauro Ghini, dalle informazioni di pubblica utilità, anche per mezzo di video, alle iniziative messe in campo in paese: il servizio di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci, il progetto per bambini «Resta a casa e… libera la fantasia!», con la raccolta di disegni attraverso il numero WhatsApp 371/3844726, e la raccolta di fondi Insieme si può-Borgo Tossignano contro il coronavirus.

Oltre alle informazioni utili, anche Mordano punta a mantenere un contatto privilegiato con i più piccoli, con la raccolta di disegni attraverso l’indirizzo e-mail ibambinidimordano@virgilio.it. E il primo cittadino Nicola Tassinari aggiorna i cittadini sui bollettini resi noti dall’Ausl di Imola e sui dati che interessano più da vicino il suo Comune sul proprio profilo Facebook personale.

Dozza si presenta molto simile a Castel del Rio, rilanciando principalmente i contenuti dei siti internet del Comune, dell’Ausl, della Città metropolitana e della Regione Emilia Romagna. Anche nel Borgo dipinto, però, è partita l’iniziativa Stai in casa, il servizio di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci organizzato dall’Associazione anziani per l’impegno sociale Rambaldi e dalla Caritas parrocchiale di Toscanella.

Informazioni utili e aggiornamento sui dati che riguardano il territorio anche a Castel Guelfo, dove la Giunta invita anche ad ascoltare Radioimmaginaria (la radio degli adolescenti che ha la sua sede principale proprio in paese) e i suoi ospiti sia in streaming su internet, sia su LepidaTv, canale 118 del digitale terrestre, su cui lunedì 30 marzo ha debuttato il format IntERvallo 182, in onda dal lunedì al venerdì pomeriggio, dalle 15 alle 16. (lu.ba.)

L’approfondimento dedicato al Comune di Casalfiumanese nel numero del Sabato sera del 9 aprile

Coronavirus, i Comuni sui social: dirette, notizie e… arcobaleni per restare in contatto con i cittadini
Cronaca 13 Aprile 2020

Da domani tornano operativi altri otto uffici postali del circondario

A partire da domani tornano operativi altri otto uffici postali del circondario, il cui orario di apertura al pubblico era stato temporaneamente rimodulato nelle ultime settimane in ottemperanza ai provvedimenti governativi in materia di contenimento del virus e distanziamento interpersonale.
Si tratta degli uffici postali di Ponticelli e Sasso Morelli (Imola), San Martino in Pedriolo e Sassoleone (Casalfiumanese), Osteria Grande e Gallo bolognese (Castel San Pietro), Dozza e Bubano.

«La riapertura dei suddetti uffici postali è stata possibile anche grazie all’adozione di idonee misure di sicurezza – spiega Poste italiane – come, ad esempio, l’installazione di pannelli schermanti in plexiglass e il posizionamento di strisce di sicurezza che garantiscano il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro, nonché di accurate procedure di sanificazione delle sedi realizzate a tutela della salute di dipendenti e cittadini». (r.cr.)

Da domani tornano operativi altri otto uffici postali del circondario
Ciucci (ri)belli 4 Febbraio 2020

Carnevale, cercasi vagoni per il Trenino Incontri Express di Dozza

Per la prossima festa di Carnevale, che si terrà sabato 22 febbraio 2020 in piazza Libertà a Toscanella (Dozza), l’Associazione di volontariato culturale Incontri sta cercando piccoli aiutanti per realizzare il Trenino Incontri Express.

Ogni bimbo può costruire il proprio vagone, seguendo le istruzioni date dall’associazione:

  1. Scegliere uno scatolone
  2. Ricavare delle aperture sufficienti per far entrare le gambe e camminare in sicurezza
  3. Procurarsi un paio di nastri, o cordoncini, da fissare sullo scatolone e da usare a mò di bretelle
  4. Decora il tuo vagone come vuoi tu!

Sabato 22 febbraio 2020, dalle ore 14, è necessario registrarsi alla “Stazione” della festa di Carnevale.
A ogni bimbo verrà consegnato il biglietto che permetterà di:

– formare il trenino con gli altri vagoni

– fare un giro su un percorso creato appositamente

– partecipare al concorso a premi “Il più bel vagone di Carnevale”

Carnevale, cercasi vagoni per il Trenino Incontri Express di Dozza
Cronaca 30 Dicembre 2019

Alle scuole dell'infanzia di Dozza arriva il post-scuola a carico del Comune

Come già annunciato in occasione dell’approvazione del Bilancio di previsione 2020 in Consiglio comunale, nel 2020 l’Amministrazione di Dozza avvierà un percorso per rivolto incentivare l’utilizzo del servizio del post-scuola per la fascia di età 3/6 anni.

Nelle scuole dell’infanzia (Materne) di Dozza e Toscanellla sarà garantito un adeguato e concorrenziale servizio, finanziato interamente dal Comune di Dozza. I dettagli del servizio (organizzazione e  scelta del gestore) verranno definiti in accordo con la dirigenza dell’Istituto Comprensivo, al fine di assicurare la migliore qualità.

«Questa scelta dell’Amministrazione rientra nella politica di inclusione e di attenzione verso le famiglie che hanno bimbi piccoli, cercando di intercettare e venire incontro alle esigenze che questo comporta – commentano Sandra Esposito, assessore ai Servizi scolastici, e Luca Albertazzi, primo cittadino –. Per questi motivi il Comune ha deciso di assumere il servizio con fondi a carico del bilancio dell’ente». (r.cr.)

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, il primo cittadino di Dozza Luca Albertazzi

Alle scuole dell'infanzia di Dozza arriva il post-scuola a carico del Comune
Cronaca 17 Dicembre 2019

Grande risalto a Imola, Castel San Pietro e Dozza nella nuova guida Lonely Planet

E’ uscita nei giorni scorsi la nuova guida Lonely Planet dedicata all’Emilia-Romagna. Dopo un ampio approfondimento sulle caratteristiche della regione e dei suoi abitanti, con capitoli dedicati alla storia, all’arte e architettura, alla letteratura e al cinema, alla musica, alla cucina e all’ambiente, il volume passa alle sezioni specifiche per ogni singola area geografica.

Un centinaio sono le pagine che descrivono in maniera piuttosto dettagliata Bologna e la Città metropolitana. Al suo interno, la città di Imola e il suo circondario occupano un posto di rilievo, con tante mappe che aiutano non solo ad individuare geograficamente le località più interessanti, ma anche a costruire itinerari tematici. Diversi gli eventi segnalati, così come i luoghi di interesse, mentre apposite schede forniscono altrettanti focus per i turisti desiderosi di non perdere il meglio che questo territorio ha da offrire. Tra le mete da non perdere, vengono in particolare citati il Borgo di Dozza, l’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” a Imola, Castel San Pietro con le Terme e il Golf Club. Inoltre, completano il progetto molti suggerimenti su dove mangiare, dormire, fare acquisti o trascorrere una serata divertente, informazioni utili su trasporti e numeri di emergenza.
La presenza qualificata del territorio imolese su una guida importante come la Lonely Planet è frutto anche del ruolo di stimolo svolto da Apt Servizi con la collaborazione di If Imola Faenza Tourism Company.

«Ringraziamo gli autori della guida per la grande attenzione per la nostra regione – sottolinea Erik Lanzoni, direttore di If Imola Faenza –. Dopo avere inserito l’Emilia-Romagna come prima destinazione in Europa per l’enogastronomia nell’anno 2018, Lonely Planet ha infatti realizzato la guida su Bologna e ora quella dell’Emilia-Romagna. Essere presenti sulla guida è strategico per essere visibili al grande pubblico, soprattutto oggi che il turista individuale, quello che parte con l a guida in mano per cercare, in completa autonomia, mete e percorsi, è rappresentativo del modo di viaggiare e vivere la vacanza».
E, a proposito di guide, Lanzoni anticipa che «nella primavera 2020 uscirà anche la guida francese Petit Futé, sempre dedicata all’Emilia Romagna, nella sola versione francese con distribuzione in Francia, Belgio e Canada. Proprio in questi giorni abbiamo seguito e accompagnato la giornalista che deve occuparsi dei contenuti a visitare le principali attrazioni turistiche del nostro territorio. Siamo davvero curiosi di vedere il risultato finale, anche perché queste azioni avranno un impatto sempre più rilevante in futuro per incrementare i flussi turistici nelle nostre aree». (r.cr.)

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, le prove dei clienti Ferrari all”autodromo

Grande risalto a Imola, Castel San Pietro e Dozza nella nuova guida Lonely Planet
Cultura e Spettacoli 4 Ottobre 2019

Nel weekend tuffo nella storia con «Le rocche di Caterina»

Il personaggio di Caterina Sforza rivivrà, nelle giornate di sabato 5 e domenica 6 ottobre, grazie all’evento Le rocche di Caterina, organizzato da If Imola Faenza Tourism Company, in collaborazione con i Comuni di Imola, Dozza, Riolo Terme e Bagnara di Romagna. Il tuffo nella storia, tra Medioevo e Rinascimento, sarà caratterizzato da visite guidate a tema, narrate e pensate appositamente per l’occasione in ciascuna delle quattro rocche legate indissolubilmente alla vita di Caterina Sforza. Per la prima volta, quindi, le quattro città e le loro fortezze si uniranno in un unico e suggestivo percorso, raccontando così diversi aspetti della vita della celebre Signora di Imola e Forlì. «E’ un piacere promuovere un appuntamento dedicato ad una donna così poliedrica – ha esordito Erik Lanzoni, direttore generale di If, presentando l’iniziativa – che ci regala tanti spunti e che trova il suo valore aggiunto nelle visite guidate in programma».

Come illustrato da If, l’ideale percorso pensato e consigliato per i turisti, in modo da visitare tutte e quattro le rocche nel fine settimana, partirà il sabato mattina proprio da Imola (piazzale Giovanni dalle Bande Nere, clicca qui). Il tema sarà La giovane sposa. L’ipotetico viaggio, poi, proseguirà verso Dozza (piazza Rocca 6/a, guarda qui) dove il focus sarà incentrato su Potere e passioni di madama la Contessa. La domenica, invece, si ripartirà da Riolo Terme (piazza Ivo Mazzanti, leggi qui) dove si parlerà D’armi e di battaglie alla corte di Caterina. Nel pomeriggio, chiusura del tour a Bagnara di Romagna (strada Provinciale 22, vedi qui) con Gli Esperimenta: potere, bellezza e medicina. (d.b.)

L”articolo completo e tutte le informazioni su «sabato sera» del 3 ottobre.

Nella foto: in senso orario, dall”alto a sinistra le rocche di Imola, Dozza, Riolo Terme e Bagnara di Romagna

Nel weekend tuffo nella storia con «Le rocche di Caterina»
Cronaca 23 Settembre 2019

A Dozza in arrivo le borracce per i ragazzi delle scuole

A Dozza saranno distribuite 480 borracce in alluminio a tutti i bambini che frequentano le scuole elementari e medie, mentre tra le strade e piazze del borgo e nella frazione di Toscanella sono stati installati nuovi cestini per coinvolgere i turisti nella raccolta differenziata.
Sono due delle iniziative messe in campo dal Comune per concretizzare l’impegno sulla tutela dell’ambiente.

«Puntiamo a diventare plastic free – dice il sindaco Luca Albertazzi –, per agire nel concreto partendo dal basso e per coinvolgere i singoli su un tema di enorme attualità ogni azione è utile. Pensiamo a Greta e al viaggio dei ragazzi di Radioimmaginaria, ma occorre anche un seguito pratico, perché pubblicare solo un post su Facebook non basta».

Negli ultimi mesi si stanno moltiplicando appelli e campagne contro l’utilizzo della plastica monouso, nel tentativo di difendere l’ambiente da un rifiuto ingombrante e difficilmente eliminabile.
Per l’Amministrazione dozzese «si tratta di un tema importante – rivendica il sindaco – e che non riguarda solo la  plastica ma l’attenzione all’ambiente in senso ampio».

Così, nelle prossime settimane, come a Milano, anche a Dozza verranno distribuite le borracce ai ragazzi affinché le utilizzino per bere al posto delle bottigliette di plastica monouso.«Le borracce verranno date anche ai dipendenti comunali – aggiunge Albertazzi – e implementeremo i distributori d’acqua per ricaricarle, inoltre stiamo lavorando per cambiare le macchinette che distribuiscono cibi e bevande presenti sia in municipio che nella rocca affinché non abbiano più bottigliette o plastica». (l. a.)

Altri particolari nell”articolo pubblicato sul “Sabato sera” del 19 settembre

A Dozza in arrivo le borracce per i ragazzi delle scuole
Cronaca 16 Settembre 2019

Oltre 1.100 visitatori per la Biennale del Muro dipinto di dozza

Complice un clima davvero ideale e un cartellone di eventi e attività ricco e variegato, sono oltre 1.100 i turisti e gli appassionati d’arte che sono andati alla scoperta della Rocca di Dozza e delle sue meraviglie durante tutta la settimana della XXVII Biennale del Muro dipinto.
A questi si aggiungono le centinaia che hanno partecipato alle attività organizzate dalla fondazione “Dozza città d’arte” (in più casi andate letteralmente sold out) e che si sono assiepati ai numerosi eventi dedicati allle #EmozioniUrbane, all’anniversario dell’allunaggio e a diversi temi di grande attualità.

«Siamo molto soddisfatti – commenta Simonetta Mingazzini, presidente della fondazione –. Quella che si è chiusa domenica è stata un’edizione particolarmente ricca dal punto di vista dell’offerta complessiva. Oltre alle opere, vere protagoniste della settimana dozzese, sono andati in scena ben 13 eventi tutti caratterizzati da un’altissima partecipazione di pubblico a cui si sono affiancate 5 attività e tre mostre visitabili all’interno della Rocca: un cartellone che ha attirato nel borgo un importante flusso turistico».
Insomma, «si tratta, indubbiamente, del successo di un grande lavoro corale fra la Fondazione Dozza Città d’arte, l’amministrazione comunale e il prezioso contributo di tante associazioni e tantissimi volontari – aggiunge la Mingazzini –. Una sinergia vincente che ha permesso di dare vita a una grande settimana all’insegna dell’arte». (r.cr.)

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, il primo cittadino Luca Albertazzi e il direttore di If-Imola Faenza Tourism Company Erik Lanzoni

Oltre 1.100 visitatori per la Biennale del Muro dipinto di dozza

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast