Posts by tag: evento

Cultura e Spettacoli 15 Giugno 2019

Bubano ritorna all'epoca medievale con gli ultimi due giorni del Palio del Torrione

Entra nel vivo la festa a Bubano dove il Palio del Torrione continua fino a domenica 16 giugno. Il palio, che richiama una leggenda secondo la quale nel 1200 aveva abitato nel territorio un drago, consiste in una gara in cui le dame dei quattro rioni di Bubano (Caterina Sforza, Ponte Pilastrino, Ponte Fornace, Stazione di Posta) vengono spinte da quattro cavalieri verso una costruzione (che richiama la torre del castello) che devono colpire in quanto bersaglio.

Si svolge nella serata di sabato, ma sono tanti gli eventi in programma, a cominciare dalla possibilità di gustare specialità di carne e pesce nello stand gastronomico aperto dalle 18.30 (domenica anche dalle 12), o altre prelibatezze nell’Angolo della ficattola e all’Osteria della Signora (prenotazioni: 335/7887629). Domani, dalle 18, tutto il paese diventa un campo medievale dove si potranno vivere scene quotidiane e ascoltare storie. Alle 21, Caterina Sforza entrerà in paese accompagnata da un corteo storico, e «Materiaviva» presenterà lo spettacolo Tarocchi. La serata si concluderà con la disputa del Palio.

Domenica 16 giugno, alle 9, ci sarà l’11° raduno di scooter, Fiat 500, moto e macchine d’epoca. Dalle 16, si torna nel Medioevo con la vita nell’accampamento, e alle 18.30 in chiesa ci sarà musica medievale con il duo Magister Pivarum. Sempre alle 18.30, presso la scuola materna, il Teatro del Drago terrà uno spettacolo di burattini. Alle 20, in piazza, si potrà entrare alla corte di Caterina, mentre alle 21 il Drago Nero darà vita allo spettacolo Le Cerighe. (r.c.)

Nella foto: sfilata di una passata edizione

Bubano ritorna all'epoca medievale con gli ultimi due giorni del Palio del Torrione
Cultura e Spettacoli 7 Giugno 2019

Il Giugno Castellano inizia con il festival dello street food e con le risate di Sgabanaza

«Giugno è il sesto mese dell’anno, castellano è l’aggettivo per indicare qualcuno o qualcosa appartenente alla nostra città, Castel San Pietro Terme. Le due parole, prese insieme, indicano molto di più: Giugno Castellano è sinonimo di festa, convivialità, accoglienza, socialità, benessere, comunità, enogastronomia, arte, eccellenze, territorio». L’invito del sindaco Fausto Tinti, appena riconfermato alla guida della città, riassume le molteplici sfaccettature dell’evento con cui Castello inaugura l’estate: il Giugno Castellano, quest’anno alla ventinovesima edizione. Tecnicamente il clou dell’evento si svolge nei due weekend centrali del mese, 7 ed 8 e 14 e 15 giugno, entrambi caratterizzati da musica ed arte di strada, lo street food festival a cura di Anusca, il Naturalmiele dedicato al gusto e alla conoscenza del cibo naturale e la Notte Celeste delle terme aperte in Emilia Romagna in calendario sabato 15. Al già ricco programma si uniscono, quest’anno, l’edizione estiva del Very Wine con degustazioni e percorsi enogastronomici in piazza e alcune tappe del festival teatrale itinerante Strade di Officine Duende. Ma le proposte castellane incluse nel programma della manifestazione si sviluppano lungo tutto il mese, non solo nella città ma anche nelle frazioni, come la festa della birra di Osteria Grande dal 20 giugno al primo luglio e l’Ekofest dedicato agli attuali temi dell’ambiente e della salute organizzato domenica 16 dall’associazione Ekoclub al laghetto Scardovi.
Entrando nel dettaglio del programma del primo weekend del Giugno Castellano, pur solo citando alcuni degli appuntamenti in calendario, venerdì 7 il Circo Errante Stabile presenta il nuovo spettacolo del clown giocoliere più piccolo del mondo, Telp (piazza Galilei ore 20 e 22.15); per il festival Strade in piazza XX Settembre alle 21.15 c’è lo spettacolo di equilibrismi con Gera Circus; inoltre, musica in piazzale Vittorio Veneto e in piazza XX Settembre rispettivamente con i West Side Pump Station e Aurora (ore 21 e 22.30).
Sabato il festival Strade porta in piazza (alle 21.15) l’Horror puppet show, mentre in piazza Galilei trovano posto le sperimentazioni scientifiche di Leo Scienza per bambini e adulti (alle 20 e alle 21.45); musica in piazzale Vittorio Veneto con Tm Sky e Stereokimono dalle 21 e in piazza XX Settembre con la Small Band del corpo bandistico castellano dalle 22.30. Naturalmiele propone in piazza Acquaderni (dalle 20.30) un venerdì dedicato alla birra artigianale agricola e un sabato sulle molte varianti della cultura gastronomica bolognese, entrambe le serate con degustazioni. Nella zona del borgo, ovvero fra le vie Cavour e Mazzini e piazza Galvani, lo Street food festival propone un viaggio nel gusto con truck da tutta Italia ma anche da Usa, Messico, Argentina e, a completare l’offerta, c’è anche un truck gluten free; mentre per quel che riguarda gli spettacoli nella zona Cassero, se venerdì sarà protagonista la dance con Nearco e dj Cita e con uno spettacolo a cura di Domenico Visconti, sabato si riderà grazie alla comicità di Sgabanaza. (mi.mo.)

Il programma completo dell’intero mese è scaricabile dal sito dell’amministrazione comunale www.cspietro.it.

Nella foto Castel San Pietro piena di gente durante una delle passate edizioni del Giugno Castellano

Il Giugno Castellano inizia con il festival dello street food e con le risate di Sgabanaza
Cronaca 31 Maggio 2019

Stasera per la quinta volta all'hotel Molino Rosso la finale regionale del “Cervellone champions quiz'

Si svolgerà stasera, all”hotel Molino Rosso di Imola, la finale regionale del “Cervellone champions quiz”. Per la quinta volta consecutiva sarà dunque il Molino Rosso ad ospitare l”ultimo atto in Emilia Romagna del quiz game più famoso d”Italia, che porterà a Imola un esercito di 80 team e oltre 400 partecipanti che si sfideranno nel rispondere alle domande a colpi di tastiere wireless, con l”obiettivo di conquistare la finale nazionale che si disputerà il 17 giugno a bordo di una nave da crociera della Grimaldi Lines, main partner del concorso.

Alla vigilia dell”appuntamento Fausto Peppi, responsabile regionale del Cervellone, commenta: «Siamo felici di tornare  anche quest’anno ad Imola, dove portiamo un genere di animazione sano, basato sulla cultura personale e sul divertimento. Come nei quiz televisivi, le squadre, munite di una tastiera wireless, rispondono in tempo reale a domande di vario genere che vengono visualizzate sui maxischermi».

«A fare la differenza con gli altri quiz di questo genere è l’animazione che ogni sera riesce a trasformare un elenco di domande in un vero e proprio evento – prosegue Peppi -. Siamo orgogliosi di portare ancora una volta ad Imola la finale regionale del contest “Cervellone Champions Quiz” con le squadre che si sono qualificate durante l’inverno in una quarantina di locali tra nelle province di Ferrara, Rimini, Ravenna, Forlì-Cesena e Bologna. Nove team usciranno dalla finale di Imola per andare a giocare la finale nazionale del 17 giugno». (r.cr.)

Nella foto un”immagine della finale dello scorso anno

Stasera per la quinta volta all'hotel Molino Rosso la finale regionale del “Cervellone champions quiz'
Sport 20 Maggio 2019

Il c.t. azzurro di ciclismo Davide Cassani e le «Salite d’Italia», serata con «Bibliotè» al Banco Bpm

Domani, martedì 21 maggio, in via Cavour 53 (ore 20.30) presso il Banco Bpm – Banco San Geminiano e San Prospero, «Bibliotè» organizza una serata con Davide Cassani, commissario tecnico della Nazionale di ciclismo.

L’ex professionista romagnolo presenterà il suo libro «Le salite più belle d’Italia», dove ha selezionato 15 percorsi, indicando le informazioni tecniche per affrontarli al meglio e rievocando la storia e i campioni che vi si sono consacrati. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti. (r.s.)

Nella foto (dalla sua pagina facebook personale): Davide Cassani

Il c.t. azzurro di ciclismo Davide Cassani e le «Salite d’Italia», serata con «Bibliotè» al Banco Bpm
Cultura e Spettacoli 17 Maggio 2019

Notte europea dei Musei, a Imola spettacolo e domani aperture straordinarie

La Notte europea dei Musei si festeggia anche a Imola con l’apertura straordinaria del Museo di San Domenico, di palazzo Tozzoni e della Rocca domani, sabato 18 maggio, dalle 20.30 alle 23.30 (ingresso a 1 euro) e con la possibilità di visitare la mostra Unstolen sia al museo che alla galleria Tales of Art in via Emilia 225.

Ma anche con un’anteprima stasera, venerdì 17 maggio: alle 21 la sala delle Collezioni d’arte della città del museo di via Sacchi ospiterà una performance di e con Aristide Rontini e Reina Saracino. Alexis – questo il titolo – prende ispirazione da Alexis o il trattato della vana lotta della scrittrice Marguerite Yourcenar, una lunga lettera che il protagonista, Alexis, indirizza a sua moglie per congedarsi dalla vita e renderla partecipe del suo travaglio esistenziale. «Ciò che più mi ha attratto di questa opera – dice l’artista Aristide Rontini – è la necessità comunicativa di Alexis di condividere con coraggio la sua intimità, oltre alla forma epistolare scelta dalla Yourcenar. Sia i contenuti che la forma sono stati fondamentali per la messa in scena di Alexis. Il pubblico che assiste allo spettacolo è testimone della confessione, il corpo dell’interprete di Alexis con i suoi tratti somatici, i suoi movimenti raccontano e scoprono il suo mondo interiore evocando immagini ed emozioni. In scena interagiscono due presenze, un uomo e una donna che altro non sono se non la sua essenza femminile e maschile».

Info: 0542/602609 (r.s.)

Nella foto: Aristide Rontini

Notte europea dei Musei, a Imola spettacolo e domani aperture straordinarie
Cronaca 24 Aprile 2019

Festa della Liberazione, ad Ozzano una scultura per ricordare la scrittrice e partigiana Gina Negrini

Domani ad Ozzano, durante la giornata di commerazione per il 74° anniversario della Liberazione d’Italia, alle 11, dopo il saluto del sindaco Luca Lelli davanti al monumento ai Caduti della Resistenza, è prevista anche l”inaugurazione di una scultura commemorativa dell’artista, scrittrice (alcuni sui lavori sono stati pubblicati da Bacchilega Editore) e partigiana Gina Negrini alla presenza dei familiari, a cui farà seguito il lancio di palloncini colorati contenenti messaggi di pace scritti dagli alunni della scuola primaria di Ozzano. A conclusione, Brindisi della Liberazione aperto a tutti i convenuti. Si informa la cittadinanza che le bandierine di carta tricolori da esporre alle finestre delle abitazioni si potranno ritirare presso le edicole del territorio, la portineria del municipio e la sede della Camera del lavoro, in corso Garibaldi 26.

Nella foto: Gina Negrini

Festa della Liberazione, ad Ozzano una scultura per ricordare la scrittrice e partigiana Gina Negrini
Cronaca 24 Aprile 2019

Festa della Liberazione, gli appuntamenti nel Circondario fino ad Ozzano

Domani giornata di commerazioni anche nel Circondario imolese ed Ozzano Emilia per il 74° anniversario della Liberazione d’Italia.

A Borgo Tossignano il programma prevede un corteo per la chiesa arcipretale, dove, alle ore 8.45, don Marco Baroncini celebrerà la Messa; al termine, alle 9.30, il corteo si recherà al monumento a Caduti di tutte le guerre, alla lapide ai Partigiani e al Memorial Largo Gruppo di combattimento Folgore per deporre una corona, con la partecipazione degli alunni della classe 5ª della scuola elementare. Alle 11 è in programma la deposizione di una corona alle Lapidi ai caduti nella chiesa parrocchiale di Codrignano; alle 11.30, invece, sarà la volta di Tossignano, dove la corona sarà deposta alla Lapide ai caduti presso il palazzo Pretoriale.

A Castel del Rio è in programma una cerimonia con corteo per la deposizione di corone d’alloro presso i monumenti ai Partigiani e alla Folgore. Presso il monumento ai Partigiani si svolgerà anche la commemorazione, con interventi di Alberto Baldazzi, sindaco di Castel del Rio, e di Enrico Alpi, presidente dell’Anpi di Castel del Rio. Il Corpo bandistico Sant’Ambrogio eseguirà l’accompagnamento musicale.

A Castel San Pietro sono previste varie iniziative, a partire, alle ore 9, con la cerimonia dell’Alzabandiera presso la sede del Gruppo Alpini; si proseguirà, alle ore 9.30, con la deposizione di una corona al Sacrario dei caduti nel cimitero di via Viara; successivamente, alle 10, nel piazzale Due Portoni, ritrovo davanti alla lapide dedicata a Giuseppe Garibaldi e inizio del corteo, con sosta in piazza Martiri Partigiani e in piazzale Vittorio Veneto, per giungere in piazza XX Settembre, dove avranno luogo la deposizione di corone ai lapidari dei Caduti, la commemorazione ufficiale del sindaco Fausto Tinti e i canti patriottici degli alunni delle scuole castellane. Conclusione alle 11.30 con la Santa Messa in suffragio di tutti i caduti presso la chiesa del Santissimo Crocifisso. La commemorazione sarà accompagnata dalla musica del Corpo bandistico castellano. In concomitanza con la festa della Liberazione, negli Antichi sotterranei del Comune, sarà visitabile, fino a domenica 28 aprile, la mostra  Castel San Pietro in tempo di guerra – fascismo, Resistenza, liberazione (ore 10-12 e 16-18, a cura di Davide Cerè, associazione Terra Storia Memoria).

A Dozza le celebrazioni comprendono anche l’alzabandiera, al termine del quale, presso il portico comunale, avrà luogo la deposizione di corone e la benedizione della lapide ai Caduti. Seguirà la celebrazione ufficiale del sindaco Luca Albertazzi. Alla cerimonia parteciperà Flavia Biasiutti, figlia del partigiano Bruno, che racconterà la sua storia. A seguire, verrà consegnato un riconoscimento alla memoria di Vero Vannini, dozzese deportato a Mauthausen. In conclusione, esibizione del Gruppo bandistico dozzese. E’ possibile prenotare il pranzo dell’Anpi (ore 12.30), info: tel. 335 5349500. 

A Medicina il Comune e l’Anpi hanno organizzato una cerimonia che prevede un concerto della Banda municipale in piazza Costa e, a seguire, partirà il corteo che, percorrendo le vie del centro storico, giungerà al Sacrario dei caduti, per rendere omaggio a quanti persero la vita in nome della libertà; qui un coro di bambini delle scuole primarie canterà l’Inno di Mameli e Bella Ciao, accompagnati dalla Banda municipale. La celebrazione ufficiale vedrà gli interventi del sindaco Onelio Rambaldi e di Tullia Moretto, dell’Anpi di Bologna. I piccoli medicinesi leggeranno stralci tratti dall’iniziativa Mi hanno raccontato una storia, che l’Anpi di Medicina promuove ogni anno all’interno delle scuole elementari, chiedendo ai bambini di farsi, per l’appunto, raccontare una storia da un parente o da un conoscente di famiglia e di metterla poi di suo pugno nero su bianco.

Ad Ozzano Emilia le iniziative prendono il via con la partenza della Camminata della Resistenza (ore 9); a seguire: alle ore 9, ritrovo in viale 2 Giugno di fronte alle scuole medie Panzacchi con l’esibizione della banda dell’associazione Gruppo Musicale di Ozzano dell’Emilia, diretta dal maestro Marco Dall’Aglio; alle 9.15, partenza del corteo che percorrerà via Galvani, via Emilia, via Allende e via Aldo Moro per raggiungere il monumento ai Caduti della Resistenza; alle 9.30, Onore ai Caduti reso da un picchetto armato del battaglione Genio ferrovieri, alzabandiera e deposizione di corone; alle 10, Santa Messa in suffragio dei caduti; alle 10.45, saluto del sindaco Luca Lelli e intervento a cura del centro giovanile Arci Ozzano.

Foto d”archivio

Festa della Liberazione, gli appuntamenti nel Circondario fino ad Ozzano
Cronaca 24 Aprile 2019

Festa della Liberazione, ad Imola oltre a cerimonie e corteo anche il concerto

Per commemorare il 74° anniversario della Liberazione d’Italia domani è in programma una mattinata di cerimonie e cortei, dalle 9.15 in poi con partenza dalla sede dell”Anpi nel piazzale Giovanni dalla Bande Nere 14. Si inizia con la posa di una corona alla lapide dei partigiani ed antifascisti caduti e fucilati a Bologna. Successivamente, alle ore 9.30, partenza di un corteo per piazza Gramsci, con la partecipazione di Massimiliano Minorchio, assessore allo Sviluppo sostenibile del territorio del Comune di Imola. In piazza Gramsci si terrà il concerto della Banda musicale Città di Imola, al cui termine, alle ore 10.30, si svolgerà la celebrazione ufficiale della giornata. Intervengono Manuela Sangiorgi, sindaca di Imola, e Gabrio Salieri, presidente dell’Anpi di Imola. Al termine, posa di una corona nell’androne del Comune alla lapide dei caduti in guerra, partenza del corteo diretto al monumento al Partigiano (piazzale Leonardo da Vinci) e deposizione di una corona. (r.c.)

Foto tratta dal sito del Comune di Imola

Festa della Liberazione, ad Imola oltre a cerimonie e corteo anche il concerto
Cronaca 5 Aprile 2019

Sala gremita a Imola per la proiezione del docufilm «La Regina di Casetta». IL VIDEO

Tanti spettatori hanno fatto da cornice ieri sera, alla Sala Bcc Città & Cultura cinema Centrale di Imola, alla proiezione del docufilm «La Regina di Casetta» di Francesco Fei. Alla serata, organizzata dal Cai di Imola, da Università Aperta e dal nostro giornale, non potevano mancare Fabrizio Castellari, promotore dell”iniziativa, Gregoria Giorgi, protagonista del film, insieme ai genitori Leonardo e Sonia, ed il produttore del film Alessandro Salaorni.

Nella foto (Isolapress): gli spettatori durante la serata 

Sala gremita a Imola per la proiezione del docufilm «La Regina di Casetta». IL VIDEO
Cronaca 4 Aprile 2019

Stasera alla sala Bcc cinema Centrale il docu-film “La Regina di Casetta' con la giovanissima Gregoria Giorgi

E” tutto pronto alla Sala Bcc Città & Cultura cinema Centrale (via Emilia 212) per la proiezione del docu-film “La Regina di Casetta” di Francesco Fei. L”appuntamento è per questa sera, giovedì 4 aprile, alle 20.30, per conoscere la storia che ha per protagonista la giovanissima Gregoria Giorgi, intervistata da «sabato sera» nel numero del 28 marzo

La serata, organizzata dal Cai di Imola, da Università Aperta e dal nostro settimanale, sarà introdotta da Fabrizio Castellari, promotore dell”iniziativa e coordinata dalla giornalista di «sabato sera» Lara Alpi. Saranno presenti Gregoria Giorgi e il produttore del film Alessandro Salaorni, oltre ai genitori di Gregoria, Leonardo e Sonia. La serata è ad ingresso gratuito fino all”esaurimento dei 150 posti disponibili. 

La proiezione del docu-film, nella sala gentilmente concessa dalla Banca di Credito Cooperativo Ravennate Forlivese e Imolese, sarà un’occasione per approfondire anche la conoscenza di Casetta di Tiara, un piccolo paese sull’Appennino tosco emiliano, tra le valli del Santerno e del Senio, a 640 metri, posto nel territorio del comune di Palazzuolo sul Senio, ma facente parte, come parrocchia, del vicariato di Firenzuola.

Maggiori informazioni su questo caratteristico luogo montano sono pubblicate nel numero di «sabato sera» del 4 aprile.

Nella foto la giovanissima Gregoria Giorgi, protagonista del docu-film “La Regina di Casetta”

Stasera alla sala Bcc cinema Centrale il docu-film “La Regina di Casetta' con la giovanissima Gregoria Giorgi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast