Posts by tag: if

Cronaca 13 Luglio 2020

«Geovagando» alla scoperta dei paesaggi naturali, artistici e musicali della valle del Santerno

Quattro fine settimana alla scoperta della valle del Santerno. E’ la ricetta di <i>Geovagando</i>, un’iniziativa messa in campo con il coordinamento di If-Imola Faenza Tourism Company per valorizzare dal punto di vista turistico il patrimonio naturale dei comuni di Borgo Tossignano, Fontanelice, Casalfiumanese e Castel del Rio.

I quattro fine settimana prenderanno il via sabato 18 luglio e si protrarranno fino al 9 agosto, con un programma che animerà la valle del Santerno di passeggiate, eventi musicali e teatrali, incontri con la tradizione enogastronomica e con i prodotti agroalimentari di qualità. Ma l’attenzione sarà focalizzata soprattutto sulla presentazione dei siti di interesse geologico che rappresentano davvero la risorsa locale di eccellenza: la Vena del Gesso e i 12 geositi designati dalla Regione Emilia-Romagna, che i partecipanti agli eventi potranno visitare accompagnati da esperti e guide.
Comune per comune, a Fontanelice si raggiungerà la Riva dei Cavalli, nel territorio di Casalfiumanese si incontreranno spettacolari calanchi, a Tossignano si camminerà sul raro gesso selenitico della Vena mentre a Castel del Rio si conoscerà la storia della pietra serena, estratta dai poderosi affioramenti della marnosa-arenacea. Inoltre, il Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola e il Ceas-Centro educazione alla sostenibilità regaleranno ai presenti gadget, mappe e pubblicazioni. (r.cr.)

Nella fotografia, uno dei manifesti dell”iniziativa

«Geovagando» alla scoperta dei paesaggi naturali, artistici e musicali della valle del Santerno
Cronaca 8 Luglio 2020

Marcella Pradella nuova direttrice di If

È passato un po’ in sordina, a causa dell’emergenza Coronavirus, il cambio della guardia alla direzione di If Imola Faenza, la società di promo commercializzazione turistica pubblico-privata nata nel 2016 dalla fusione tra l’imolese Stai e Terre di Faenza per il comprensorio faentino.
Marcella Pradella, 55 anni, è dal 16 maggio la nuova direttrice generale di If Imola Faenza. Una soluzione all’insegna della continuità rispetto al predecessore Erik Lanzoni: Pradella era la più diretta collaboratrice del direttore uscente, già responsabile della parte di amministrazione e affari generali della società, con competenze che spaziavano (e spaziano tuttora) dai rapporti con le istituzioni alla contrattualistica.

(…) A cosa punta il nuovo corso di If?
«E’ in via di completamento l’iter per far evolvere la società in una direzione più commerciale tramite la costituzione di un’agenzia viaggi, in grado di gestire la crescita delle proposte e delle offerte partendo dalla valorizzazione dei servizi turistici e delle attività fornite direttamente dai soci e dagli operatori privati presenti sul territorio: cantine, agriturismi, strutture ricettive in generale, musei. Una svolta più commerciale che dovrà essere affiancata, almeno questo è uno dei miei obiettivi, allo sforzo di equilibrare tutte le parti del territorio If e di promuovere Imola e Faenza come prodotto unico. Stiamo organizzando con i nostri dipendenti, che in questi anni hanno sviluppato una grande professionalità, diventando un team davvero qualificato, una formazione interna funzionale alla nascita dell’agenzia viaggi, per migliorare la conoscenza di tutte le ricchezze e le potenzialità offerte da entrambe le aree di riferimento di If, per creare offerte interessanti e strutturate in grado di attrarre visitatori anche dall’estero. E per rendere appetibile il territorio per i visitatori stranieri l’autodromo resta un asset fondamentale». (mi.ta.)

L’intervista completa sul numero del Sabato sera del 2 luglio

Marcella Pradella nuova direttrice di If
Cronaca 7 Luglio 2020

Approvato il Programma turistico di promozione locale: 200mila euro per quattro progetti del circondario

Arrivano 400.000 euro per i servizi turistici di base dei Comuni e la promozione turistica di interesse locale: è stato approvato, con atto del sindaco metropolitano, il Programma annuale delle attività turistiche 2020 con la ripartizione delle risorse destinate alla realizzazione dei progetti inseriti nel Programma turistico di promozione locale.

Il finanziamento di 400.000 euro sarà suddiviso fra 200.561,46 euro per i “Servizi turistici di base dei Comuni”, che comprende sia interventi di qualificazione dei servizi di informazione e accoglienza al turista, sia interventi di animazione ed intrattenimento turistico, e 199.438,54 euro per la “Promozione turistica di interesse locale”, che comprende progetti di promozione dell”immagine, delle peculiarità e della qualità dei prodotti turistici locali nel territorio di riferimento.
Tra le iniziative previste da questo secondo filone anche Geovagando-Alla scoperta dei geositi più belli sulle orme di Giuseppe Scarabelli (Castel del Rio), Slow Tours-Eventi di cultura enogastronomica (Castel San Pietro Terme), Baccanale 2020-Rassegna culturale ed enogastronomica (Imola) e Enjoy Routes-Percorsi esperienziali per gustare il territorio (If-Imola Faenza Tourism Company) (r.cr.)

Nella fotografia, la sede di If all”autodromo Enzo e Dino Ferrari

Approvato il Programma turistico di promozione locale: 200mila euro per quattro progetti del circondario
Cronaca 20 Giugno 2020

If vi porta alla scoperta delle colline attorno a Casola Valsenio. Si parte domani con il Trekking del Cardello

If Imola Faenza Tourism Company vi regala l’opportunità di scoprire le colline che circondano Casola Valsenio e le sue ricchezze artistiche, culturali e naturalistiche con escursioni e visite guidate, intervallate da picnic in luoghi speciali.

Si comincia domenica 21 giugno con il Trekking del Cardello, che prevede al mattino una escursione di 3 ore e al pomeriggio la visita alla Casa Museo dello scrittore Alfredo Oriani, raro e splendido esempio di casa signorile dell’otto/novecento ottimamente conservata. Per chi vuole un picnic senza rinunciare ad assaporare le specialità del territorio, è possibile prenotare il proprio pranzo da asporto in uno dei ristoranti di Casola Valsenio. Se il picnic è al Museo Il Cardello, è possibile ottenere uno sconto del 20% sul menù da asporto. La prenotazione al Museo è consigliata, poichè si può entrare solo in piccoli gruppi.Il ritrovo è sempre alle ore 9.30, nei luoghi previsti dal programma.

Per ulteriori informazioni consultate il sito di If. (da.be.)

Foto tratta dal sito di If Imola Faenza Tourism Company

If vi porta alla scoperta delle colline attorno a Casola Valsenio. Si parte domani con il Trekking del Cardello
Cronaca 5 Maggio 2020

Erik Lanzoni si dimette da direttore generale di If

Novità in casa If Imola Faenza Tourism Company. Dal 16 maggio, infatti, Erik Lanzoni non sarà più il direttore generale. Lanzoni ha infatti deciso di rassegnare le dimissioni dall’incarico che ricopre dal 2016, anno di costituzione della società di promo commercializzazione turistica delle aree imolese e faentina, per cimentarsi in una nuova e stimolante opportunità professionale. «Ringraziamo Erik per il grande lavoro svolto in questi anni di avvio dell’esperienza di If – dichiara il presidente di If, Gianfranco Montanari -. Vorrei inoltre sottolineare la correttezza e il senso di responsabilità che ha dimostrato in queste difficili settimane per il comparto turistico, accettando di congelare le dimissioni fino all’avvio della “fase 2” dell’emergenza Coronavirus».

«A tre anni e mezzo dalla sua costituzione – sottolinea a sua volta Lanzoni – If ha raggiunto importanti obiettivi: ha completato i processi di aggregazione dei soggetti istituzionali del territorio, allargato la compagine societaria a nuovi operatori privati e consolidato le funzioni e attività assegnate dalla Regione. Grazie al know-how in termini di capacità di progettazione e sviluppo progetti turistici, If è riuscita sempre ad aggiudicarsi i principali bandi regionali in materia di turismo (primo fra tutti il Bando regionale “Promo-commercilizzazione”). Un’altra tappa fondamentale è il raggiungimento della piena operatività come Dmc (Destination management company) grazie all’apertura dell’agenzia viaggi, per cui si sta completando l’iter con il Comune di Imola. Oggi possiamo dire che la società ha il completo controllo di tutte le attività della filiera turistica e può operare in piena libertà sul mercato, inserendosi a pieno titolo nell’intermediazione commerciale e nella vendita dei pacchetti turistici. Tra l’altro siamo l’unica Dmc che può operare su due destinazioni turistiche diverse: quella bolognese e quella romagnola, un valore aggiunto in vista delle sfide che abbiamo di fronte. Infine, a conferma delle azioni poste in essere sul territorio di riferimento si sono registrati incrementi di arrivi e presenze turistiche significative, superiori alle medie regionali ed agli obiettivi fissati dalle linee guida della stessa Regione; ciò conferma la validità dell’offerta turistica del territorio e delle azioni di promozione poste in essere».

.E a proposito delle nuove sfide, legate all’emergenza Coronavirus e agli inediti scenari che questa ha aperto, Lanzoni aggiunge: «Sono convinto che il nostro territorio abbia le carte in regola per affrontare questa situazione, grazie ai punti di forza sui quali abbiamo lavorato in questi anni: borghi, enogastronomia, natura, bike, trekking ed un patrimonio artistico e culturale capillare e diffuso su tutto il territorio; oltre agli asset che torneranno ad essere fondamentali alla fine dell’emergenza sanitaria, come i grandi eventi motoristici e musicali, le grandi mostre, soprattutto al Mic e al Museo dell’Autodromo, le sagre e così via. Un grazie ai soci, agli stakeholder, a tutto lo staff di If: i numeri in crescita fino al 2019 confermano che abbiamo fatto un bel lavoro di squadra, andando nella giusta direzione». (da.be.)

Nella foto: Erik Lanzoni insieme al c.t. della Nazionale italiana di ciclismo Davide Cassani

Erik Lanzoni si dimette da direttore generale di If
Sport 24 Aprile 2020

Il territorio tra Imola e Faenza finisce nella «top ten» delle mete più adatte per chi gira in bici

Belle notizie per il territorio tra Imola e Faenza e per tutti gli appassionati delle due ruote. Mentre il turismo locale pensa infatti a ripartire dopo l’emergenza Covid-19 e punta sulle attività outdoor, in modo particolare sulla bicicletta e sul trekking, è di questi giorni la pubblicazione, sul sito BiciClubItaliano – Il favoloso mondo dei ciclisti, uno dei più importanti dedicato ai cicloturisti, delle dieci mete più interessanti per chi ama percorrere strade e sentieri su due ruote (per saperne di più).

Al sesto posto di questa ideale «top ten» c’è appunto il territorio di Imola e Faenza, che viene descritto con queste lusinghiere parole: «Imola e Faenza non sono solo fabbriche ed efficenza industriale. Basta attraversare la via Emilia per scoprire un mondo completamente nuovo fatto di tanta natura, poco traffico e tanti sentieri sterrati. Terra natale del nostro Ct Davide Cassani, le sue strade tagliano l’Appennino fino in Toscana e le valli del Senio e Santerno sono tutte collegate tra loro. La Vena del Gesso poi è un luogo unico da scoprire con la propria Mtb».

«Siamo ovviamente contenti di questa attenzione da parte di un sito così importante per il settore, tra l’altro collegato alle riviste Cicloturismo MTB Magazine e Bci Sport – sottolinea il direttore di If Imola Faenza Tourism Company, Erik Lanzoni -. Abbiamo puntato moltissimo su questo segmento, in particolare con il ciclobrevetto “Romagna4Bike” e a maggior ragione riteniamo che oggi sia uno degli asset del nostro territorio da cui ripartire dopo la pandemia Coronavirus. Ora più che mai il nostro territorio, con le sue bellezze naturali, l’Appennino, il Parco della Vena del Gesso, i borghi, l’enogastronomia, le pievi e le attrazioni diffuse, ha le caratteristiche per intercettare un turismo che sarà per forza diverso da prima: un turismo che si muove con mezzi propri e cerca tragitti brevi, punta ad andare lontano dalle mete affollate ed è a caccia di esperienze uniche, fuori dagli standard cui si era abituati fino a poco tempo fa». (da.be.)

Foto concessa da If Imola Faenza Tourism Company

Il territorio tra Imola e Faenza finisce nella «top ten» delle mete più adatte per chi gira in bici
Cronaca 21 Aprile 2020

Coronavirus, come cambierà il turismo?

Nel mezzo dell’emergenza Coronavirus, mentre ancora si valuta quanto sia pesante l’impatto di questa sull’economia e si ragiona di misure di sostegno alle imprese, c’è un settore che più di altri risente del clima generale di incertezza. Questo settore è il turismo, che per sua natura vive di ciò che al momento è vietato al fine di contenere il contagio: viaggi, spostamenti, visite ai musei, frequentazioni di luoghi d’arte e cultura, soggiorni nelle più svariate località di villeggiatura.
Ma non per questo chi si occupa di turismo resta fermo in queste settimane. Al contrario, pur in attesa di maggiori dettagli sulla «fase due» dell’emergenza e sulle riaperture più o meno graduali delle attività, si cerca di attrezzarsi per gestire al meglio la ripresa, quando ci sarà.

«Il turismo sarà l’ultima attività a riaprire – è la prima considerazione di Erik Lanzoni, direttore della società di promozione turistica pubblico-privata If Imola Faenza –. Sarà l’ultimo settore a riprendersi non solo perché la socialità è il punto di partenza e ora è tutto fermo, ma anche per i cambiamenti di abitudini e culturali che questa emergenza ha determinato. Il tema non è solo riaprire le attività, ma anche con quali prescrizioni, quali regole. E’ presto per fare previsioni».
Le difficoltà, aggiunge Lanzoni, richiederanno misure specifiche di sostegno. «Ad oggi – sottolinea – gli unici provvedimenti presi riguardano dilazioni e spostamenti di pagamenti. Siamo in attesa del decreto nazionale, che dovrebbe arrivare a fine aprile, contenente misure solo per il turismo e che sarà un punto fermo importantissimo. Ci auguriamo che tali misure siano consistenti e concrete, perché la situazione è drammatica». (mi.ta.)

L”intervista completa sul numero del Sabato sera del 16 aprile

Coronavirus, come cambierà il turismo?
Cronaca 6 Marzo 2020

Coronavirus, il settore turistico chiede contromisure. Lanzoni (If): «Senza provvedimenti forti molte aziende a rischio chiusura»

Un piano urgente nazionale per sostenere le aziende turistiche che rischiano la chiusura. E’ la soluzione che chiede a gran voce la Destinazione Turistica Bologna, che lunedì 2 marzo ha riunito a Bologna i suoi due organi di governo, il Comitato di indirizzo (formato dalle istituzioni, dalle società di promozione Bologna Welcome e If Imola Faenza, da Fiera, Camera di Commercio, Università, Gal e aeroporto) e la cabina di regia formata dai soggetti privati.

All’incontro, presieduto dal presidente della Destinazione Matteo Lepore, assessore al Turismo del Comune di Bologna, erano presenti, data la gravità della situazione, anche le rappresentanze sindacali. «La situazione è davvero difficile, si parla di cancellazioni con percentuali tra il 50 e il 90 per cento – sottolinea Erik Lanzoni, direttore di If Imola Faenza -. Senza provvedimenti economici forti molte aziende rischiano di chiudere. Le più piccole addirittura in pochi giorni, le più grosse in qualche mese. Per questo si attende un provvedimento del Governo che decida per l’attivazione della cassa integrazione, che rateizzi i mutui e aiuti a far fronte alle spese per il personale. Non c’è tempo, non si possono aspettare mesi e non solo nella “zona rossa”. (r.cr.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 5 marzo.

Nella foto: Erik Lanzoni

Coronavirus, il settore turistico chiede contromisure. Lanzoni (If): «Senza provvedimenti forti molte aziende a rischio chiusura»
Sport 24 Giugno 2019

Cicloturismo, la guida ed i percorsi di «If» per ammirare pedalando le bellezze di Imola e Faenza

In bicicletta alla scoperta delle attrazioni del territorio di Imola e Faenza, su e giù per le valli del Santerno, del Sillaro, del Senio e del Lamone. Sono 11 i percorsi suggeriti dalla guida «If Cycling Road & Gravel», realizzata da If Imola Faenza Tourism Company e presentata martedì 11 giugno al Mic, cioè il Museo internazionale delle Ceramiche di Faenza. Gli itinerari, partendo dall’immancabile autodromo «Enzo e Dino Ferrari», si snodano attraverso cinque fili conduttori che ricalcano le aree di attività sulle quali If concentra la propria attività di promozione del territorio. (r.s.) 

Su «sabato sera» del 20 giugno la mappa dettagliata e tutti i percorsi.

Nella foto: ciclisti sulle strade della Romagna

Cicloturismo, la guida ed i percorsi di «If»  per ammirare pedalando le bellezze di Imola e Faenza
Sport 10 Novembre 2018

«Camminar per sagre», l'ultimo appuntamento con «Grani e Melograni» a Oriolo dei Fichi

Domani, domenica 11 novembre, prosegue «Camminar per Sagre», l’iniziativa di «IF Imola Faenza» che unisce trekking e scoperta dei sapori del territorio. L’ultimo dei 4 appuntamenti previsti è in occasione di «Grani e Melograni» a Oriolo dei Fichi, con ritrovo alle ore 8.45 e ritorno previsto per le ore 12.30. Il percorso si snoda sulle colline di Faenza, nella bella cornice della Torre di Oriolo, dove si svolge questa rassegna dedicata alle antiche colture locali: i grani antichi e le varietà del melograno.

I costi di partecipazione sono di 10 euro a persona (solo trekking con guida escursionistica) oppure 25 euro col pranzo compreso. E’ obbligatorio prenotarsi entro la sera precedente l’escursione, contattando Imola Faenza Tourism Company (tel. 0542-25413). Si raccomanda un abbigliamento adatto alla stagione e scarpe da trekking. (Redazione sportiva)

Foto tratta dal sito di «If Imola Faenza»

«Camminar per sagre», l'ultimo appuntamento con «Grani e Melograni» a Oriolo dei Fichi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast