Posts by tag: marchetti

Cultura e Spettacoli 15 Dicembre 2020

Dalla Regione fondi per le scuole di musica, finanziati progetti a Castello, Medicina e Ozzano

Nessuno spenga la musica. Per 66 scuole di educazione e formazione musicale dell’Emilia-Romagna sono infatti in arrivo dalla Regione quasi 250 mila euro come contributi per l”acquisto di dispositivi tecnologici per la didattica a distanza, in modo da favorire la massima partecipazione e la continuità dei percorsi di crescita artistica delle ragazze e dei ragazzi in condizioni di assoluta sicurezza durante la pandemia. «La musica, la cultura e la formazione sono al centro della ripartenza. Credo che per uscire da questa emergenza sia necessario pensare al futuro delle nostre scuole, pensando anche a potenziare una didattica inclusiva e creativa che metta al centro i bisogni dei nostri ragazzi e dia a tutti le stesse possibilità di apprendimento». Lo dice la Presidente della Commissione Scuola e Cultura in Regione Emilia-Romagna Francesca Marchetti, commentando la nuova misura regionale a sostegno delle scuole di musica. 

Per quanto riguarda il territorio bolognese sono stati finanziati i progetti di 15 scuole di musica con 54.458,56 euro, per un investimento complessivo di 78.166,48 euro. Tra i progetti finanziati, il Corpo Bandistico Città di Castel San Pietro riceverà 4.200 euro; la scuola di musica «Giovanni Capitanio» dell”Associazione Gruppo Musicale di Ozzano Emilia spetteranno 3.864,33 euro, mentre alla scuola di musica della Banda Municipale di Medicina Aps è previsto un contributo di 3.864,33 euro. (da.be.)

Dalla Regione fondi per le scuole di musica, finanziati progetti a Castello, Medicina e Ozzano
Cronaca 20 Novembre 2020

Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, la riflessione della presidente della Commissione regionale Scuola Francesca Marchetti

Oggi, venerdì 20 novembre, ricorre la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. «Quest’anno a maggior ragione deve farci riflettere per non lasciare indietro nessun bambino e ragazzo i cui diritti sono stati messi a dura prova dalla pandemia». A dirlo è la presidente della Commissione Scuola in Regione Emilia-Romagna Francesca Marchetti. «Credo sia necessario oggi più che mai pensare ad una nuova strategia politica che rimetta al centro il diritto dei i diritti delle nuove generazioni e le accompagni in un futuro oltre il Covid-19. L’ho detto fin dall’inizio delle legislatura è necessario che la politica e le istituzioni, mostrino lungimiranza investendo su un piano straordinario per l’infanzia e l’adolescenza che intervenga con un approccio sistemico che raccolga le esigenze dei nostri bambini».

La Commissione Scuola in Regione proprio in questi giorni ha fatto il punto sulla scuola emiliano-romagnola e su come studenti, famiglie e personale scolastico stanno vivendo la seconda ondata di Coronavirus. «Stiamo lavorando a stretto contatto con il mondo della scuola, per essere al fianco dei nostri studenti in questo momento complicatissimo. Il futuro della scuola è la nostra priorità – prosegue -. La didattica a distanza non è certo facile e il nostro obiettivo è quello di tornare in presenza, ma dobbiamo garantire il meglio per la salute di tutti e nel frattempo offrire un’offerta formativa di qualità». (da.be.)

Nella foto: Francesca Marchetti

Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, la riflessione della presidente della Commissione regionale Scuola Francesca Marchetti
Cronaca 11 Novembre 2020

La Regione finanzia i progetti delle Pro Loco, quasi 20 mila euro a Circondario imolese e Ozzano

Prosegue il sostegno della Regione nei confronti del volontariato, in particolare alle Po Loco, vero valore aggiunto per la promozione e valorizzazione dei territori. Nello specifico sono stati messi a disposizione delle associazioni emiliano-romagnole circa 200 mila euro per finanziare progetti per l’anno 2020 volti alla valorizzazione e l”animazione turistica e delle risorse naturali, ambientali, artistiche, storiche e culturali dei territori regionali.

Tra questi, 65.525,50 euro per il territorio bolognese e, nello specifico, 19.780 euro per l’associazione turistica Pro Loco che raggruppa Castel San Pietro Terme, Borgo Tossignano, Castel Guelfo di Bologna, Alidosiana, Dozza, Imola, Medicina, Mordano e Ozzano Emilia. «Grazie ai tanti volontari che, anche durante la pandemia, non hanno smesso di credere nel valore dell’associazionismo e nel progettare insieme per animare le nostre comunità – commenta la consigliera regionale Pd, Francesca Marchetti – Queste risorse premiano il lavoro di squadra e la messa in rete delle Pro Loco nei territori». (da.be.)

Nella foto: Francesca Marchetti

   

La Regione finanzia i progetti delle Pro Loco, quasi 20 mila euro a Circondario imolese e Ozzano
Cronaca 6 Novembre 2020

Progetto «A scuola di Legalità», dalla Regione 20 mila euro per Castel San Pietro

Anche il Comune di Castel San Pietro ha aderito al progetto «A scuola di Legalità» indetto dalla Regione. «Pieno sostegno ai progetti che diffondono la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile – ha detto la presidente della Commissione regionale Legalità, Francesca Marchetti -. Si tratta di iniziative, rivolte soprattutto ai giovani che confermano l’obiettivo della Regione Emilia-Romagna di sensibilizzare  in alleanza con i territori una cultura di contrasto di tutte le mafie».

Nello specifico, «sono 39 i progetti presentati da enti locali e università, sostenuti dalla Regione con un contributo di quasi un milione di euro nell’ambito delle proprie politiche per la legalità e la prevenzione del crimine organizzato. – spiega Marchetti –. Il Comune di Castel San Pietro Terme punta all’educazione alla legalità rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo grado del comune. Il progetto, dal costo di 35 mila euro e sostenuto con il contributo della Regione di 20mila euro, prevede una serie di attività formative e informative nelle scuole sui temi della legalità, le regole e la cittadinanza attiva rivolte sia agli alunni che al personale docente e alle altre figure educative. Il progetto mira soprattutto a promuovere tra gli alunni la conoscenza della Costituzione attraverso il progetto “Dizionario Costituzionale – La Trama”, un progetto di voci di dizionario dedicate alla Costituzione italiana realizzate da un gruppo di giuristi ed esperti in comunicazione che verrà diffuso in rete e con altri strumenti multimediali». (da.be.)

Nella foto: Francesca Marchetti

 

Progetto «A scuola di Legalità», dalla Regione 20 mila euro per Castel San Pietro
Sport 28 Ottobre 2020

F.1 a Imola a porte chiuse, Francesca Marchetti (presidente Commissione Sport): «Decisione sofferta ma la salute è prioritaria»

Anche la presidente della Commissione Sport regionale, Francesca Marchetti ha voluto commentare la notizia delle porte chiuse per il prossimo Gp di Imola di F.1. «È una decisione sofferta per tutti, ma la tutela della salute dei cittadini è prioritaria. L’Emilia-Romagna è stata la prima a credere in questa bellissima opportunità per il territorio a livello internazionale, ma siamo di fronte ad una situazione emergenziale, che non possiamo sottovalutare. La Regione insieme all’amministrazione comunale imolese ha fatto il possibile confrontandosi con il Governo per garantire la manifestazione a porte aperte ma in questo momento, a seguito anche di un approfondimento a livello nazionale è necessario non abbassare la guardia e avere la massima cautela nei confronti di un virus che ancora non è sconfitto. Sono certa che si è già al lavoro per rimborsare tutti coloro che avevano acquistato i biglietti nel più breve tempo possibile». (da.be.)

Nella foto. Francesca Marchetti

F.1 a Imola a porte chiuse, Francesca Marchetti (presidente Commissione Sport): «Decisione sofferta ma la salute è prioritaria»
Imola 18 Settembre 2020

#Imola2020, l’appello al voto della Segretaria del Pd imolese Francesca Marchetti

Domenica 20 e lunedì 21 settembre a Imola si vota per il futuro della città. Per questo la Segretaria del Pd imolese Francesca Marchetti ha avuto rivolgere un appello ai cittadini.

«In gioco ci sono i sogni e le speranze di tutti quelli che a Imola vivono, studiano, lavorano, che qui hanno costruito il proprio progetto di vita. Di chi quotidianamente rende la nostra comunità viva, accogliente, operosa. Sono energie che abbiamo percepito in questi mesi di campagna elettorale, incontrando centinaia e centinaia di persone che ci hanno raccontato le loro idee, ci hanno proposto soluzioni alle cose che non vanno, ci hanno travolto con la loro voglia di partecipare, di prendersi cura della nostra città. E noi le abbiamo ascoltate. Il Partito Democratico di Imola si è reso protagonista di una campagna che mai come questa volta si è aperta alla cittadinanza. Abbiamo voluto esserci, organizzando tutte le iniziative possibili. Abbiamo girato per le strade con i nostri volontari parlando di sanità, welfare, lavoro, ambiente,  infrastrutture. E con il nostro candidato Marco Panieri siamo andati nelle frazioni a parlare dell’importanza di rilanciarle e delle problematiche che possono sembrare piccole ma riguardano la quotidianità. Bisogna costruire un nuovo modo di coinvolgere gli imolesi nel governo della città ed è con questo obiettivo in mente che ci siamo candidati. Votare per il Pd a sostegno di Marco Panieri vuol dire garantire una guida giovane e sicura, dinamica e innovativa per il futuro sviluppo di Imola e un governo stabile, responsabile, partecipato della città, dopo due anni di isolamento e immobilismo. Un governo capace di condividere con gli altri Comuni del Circondario, con la Città Metropolitana di Bologna e con la Regione le politiche di sviluppo del nostro territorio. In questa campagna elettorale abbiamo posto al centro l’urgenza e la necessità di una forte e veloce ripartenza di Imola, dopo il lockdown dovuto alla pandemia del Covid, sia sul versante dell’economia e del lavoro che della scuola. Il tema più urgente è garantire gli ammortizzatori sociali a chi rischia di perdere il lavoro e la liquidità alle imprese, creare una nuova protezione sociale a chi ha perso molto durante l’epidemia. Creare nuovo lavoro soprattutto per i giovani è la priorità assoluta: vogliamo attrarre imprese nel nostro territorio e favorire la creazione di nuove imprese, garantendo loro liquidità. Vogliamo predisporre un piano straordinario di investimenti pubblici per creare lavoro, per dotare la nostra città di nuove infrastrutture della mobilità, per migliorare e potenziare i servizi sociali e sanitari. Saremo ambiziosi su tutte le tematiche ambientali, per migliorare la qualità dell’aria, per garantire che l’acqua rimanga pubblica, per mettere in sicurezza il territorio, per rigenerare il patrimonio edilizio della nostra città e far rinascere il nostro centro storico, per favorire la mobilità sostenibile e per attrarre imprese ambientali. Il nostro appello al voto utile per il cambiamento è rivolto a tutti i cittadini, a coloro che hanno smesso di votare da tempo, che sono insoddisfatti e hanno visto peggiorare le loro condizioni di vita, a coloro che ormai non credono più nella politica. Votare per protesta non serve, non porta nulla di buono alla nostra città. Astenersi favorisce la destra leghista. Votare per chi ha governato Imola negli ultimi due anni, al di là delle buone intenzioni dell’ultima ora è un nuovo azzardo. Il voto essendo segreto è libero e lo è da molto prima dell”inutile appello dell’ultima ora di una candidata che si definisce “civica”. Siamo in una repubblica democratica ed i partiti sono la forma e la sostanza della rappresentanza, non riducono la libertà al contrario la garantiscono anche a chi ha opinioni diverse. Ecco perché non ha senso contrapporre la società ai partiti. Noi siamo i democratici, abbiamo una identità, crediamo nell”equità e nella progressività fiscale, sappiamo che migliorare i diritti significa progettare un”alleanza tra il lavoro e l”impresa, che lo sviluppo va creato solo rispettando l’ambiente, che la scuola deve servire a ridurre le disuguaglianze e che la sanità deve essere di qualità e alla portata di tutti. Parlare di voto libero significa non distinguere la destra e la sinistra, il riformismo dal sovranismo: le istituzioni non hanno padroni. Quindi votare per lei, per chi ha voluto dividere il centro-sinistra favorisce la Lega e l’ennesimo isolamento istituzionale di cui Imola non ha bisogno. Marco Panieri rappresenta il cambiamento e il futuro di Imola, la lista del PD, con molti giovani e donne esprime una grande voglia di impegnarsi per la nostra città e di mettersi al servizio dei cittadini e della nostra comunità, rispettando e mettendo in valore il pluralismo culturale dei cittadini imolesi. Votare Pd per eleggere Marco Panieri significa dare fiducia ad un vero cambiamento, ad un governo stabile e competente, che guarda ai prossimi dieci anni, che guarda al futuro di Imola e degli imolesi, che mira a valorizzare le energie migliori della nostra comunità». (da.be.)

Nella foto (scattata prima dell’emergenza Coronavirus): Francesca Marchetti e Maco Panieri

 

#Imola2020, l’appello al voto della Segretaria del Pd imolese Francesca Marchetti
Imola 17 Settembre 2020

#Imola2020, il candidato della coalizione del centrodestra Daniele Marchetti oggi chiude la campagna elettorale

Oggi, alle 11.30, conferenza stampa aperta al pubblico di chiusura della campagna elettorale del centrodestra. Appuntamento, alle 11.30, all’Opera Dulcis in piazza Matteotti. Presente il candidato sindaco Daniele Marchetti, insieme ai candidati delle liste a sostegno e i referenti territoriali di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Popolo della Famiglia. (da.be.)

Nella foto: Daniele Marchetti

#Imola2020, il candidato della coalizione del centrodestra Daniele Marchetti oggi chiude la campagna elettorale
Imola 15 Settembre 2020

#Imola2020, l’economista e senatore della Lega Alberto Bagnai incontra il candidato Marchetti

Questa sera, alle ore 20.30, presso l’Auditorium ex Chiesa Osservanza (Parco dell’Osservanza – via Vittorio Padovani) è in programma la conferenza dal titolo «Effetti dell”accesso ai prestiti europei (Mes, Sure, Recovery fund) per gli interventi locali».

Sarà l’occasione per conoscere ulteriormente il programma del candidato sindaco Daniele Marchetti sulle prospettive economiche di Imol. Ospiti il senatore della Lega, noto economista ed accademico italiano, Alberto Bagnai e l’onorevole Jacopo Morrone, segretario Lega Romagna. (da.be.)

Nella foto (dalla sua pagina Facebook): il senatore Alberto Bagnai

#Imola2020, l’economista e senatore della Lega Alberto Bagnai incontra il candidato Marchetti
Imola 12 Settembre 2020

#Imola2020, il senatore Ignazio La Russa in città per sostenere la campagna elettorale di Daniele Marchetti

Oggi, sabato 12 settembre, alle ore 15, appuntamento elettorale con il candidato sindaco Daniele Marchetti.

Nei pressi del Bar Roma, infatti, è in programma una conferenza stampa aperta al pubblico organizzata da Fratelli d’Italia. Ospiti il vicepresidente del Senato Ignazio La Russa, fondatore ed esponente nazionale di Fratelli d”Italia, e l’onorevole Galeazzo Bignami. (da.be.)

Nella foto: la locandina dell’evento

#Imola2020, il senatore Ignazio La Russa in città per sostenere la campagna elettorale di Daniele Marchetti
Cronaca 2 Settembre 2020

Montecatone stabilizza 40 precari, Francesca Marchetti (Pd): «Intesa preziosa, ma ora l’Istituto va valorizzato e reso pubblico»

Dopo la notizia che il Montecatone Rehabilitation Institute ha stabilizzato 40 dipendenti precari, sull’argomento è intervenuta la consigliera regionale del Pd Francesca Marchetti. «Abbiamo appreso positivamente la sottoscrizione dell’accordo tra l’istituto e le organizzazioni sindacali per la stabilizzazione del personale assunto a tempo determinato. – spiega Marchetti –. Un’intesa preziosa che si integra ad accordi precedenti volti a stabilizzare i professionisti impegnati quotidianamente nella attività di cura e riabilitazione dei pazienti. Ma innesca anche la necessità di arginare l’adesione degli operatori dell’istituto al richiamo delle strutture sanitarie pubbliche. Di fatto, assistere impotenti a questo travaso non è più possibile: questo fenomeno produce un turn-over del personale insopportabile che crea appesantimenti nella formazione e difficoltà nel mantenere stabile il gruppo degli operatori e alto il valore delle competenze professionali; elementi essenziali per una struttura che rappresenta un riferimento assistenziale in Italia».

Francesca Marchetti ha poi proseguito: «La sanità pubblica imolese inoltre va rafforzata e sviluppata attraverso le reti nella domensione metropolitana, valorizzando le nostre eccellenze come l’Istituto di Riabilitazione di Montecatone che rappresenta un punto di riferimento non solo regionale nel campo della neuroriabilitazione». Il Pd imolese infatti considera superata per Montecatone Rehabilitation Institute la forma giuridica di SpA. «Gli ultimi dieci anni hanno messo in evidenza alcune criticità che è oggi indispensabile superare – conclude Marchetti -. La limitazione per il personale di potere accedere alla mobilità fra gli Enti del Ssn, le difficoltà a partecipare a bandi competitivi sulla ricerca, l’impossibilità di sostenere in proprio un piano di investimenti sempre più necessario, sono aspetti fortemente limitanti per lo sviluppo dell’Istituto. Diventa dunque per noi indispensabile “traghettare” quanto più rapidamente possibile la struttura nel campo delle aziende sanitarie pubbliche. In modo da offrire al personale la possibilità di accedere al contratto pubblico e all’Istituto quella di valorizzare la grande mole di dati clinici e di conoscenza per lo sviluppo di una adeguata attività di ricerca». (da.be.)

Nella foto: Francesca Marchetti

Montecatone stabilizza 40 precari, Francesca Marchetti (Pd): «Intesa preziosa, ma ora l’Istituto va valorizzato e reso pubblico»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA