Posts by tag: medicina

Cronaca 15 Giugno 2020

Medicina non rinuncia alla stagione culturale estiva: da giovedì ad agosto oltre 35 eventi

Dal 18 giugno prende il via E…state a Medicina, la stagione culturale estiva con oltre trentacinque eventi dal vivo: spettacoli teatrali, concerti, presentazione di libri, appuntamenti musicali e proiezioni cinematografiche nel giardino della Biblioteca del capoluogo e in alcune frazioni del territorio, ad ingresso gratuito o ad offerta libera ma con prenotazione obbligatoria.

Si inizia con Teatro d’istanti, una rassegna teatrale di tre spettacoli (I prolissi sposiImparando a sognare e Troy Story) con repliche tutti i giovedì fino al 20 agosto, per la direzione artistica di Dario Criserà.

«Dopo il terribile periodo d’emergenza, crediamo sia importante ripartire con le attività dal vivo – commenta Enrico Caprara, presidente del Consiglio comunale con delega alla Cultura –. Siamo fieri di avviare la nostra stagione estiva già dal 18 giugno con una ricca programmazione rivolta non solo agli adulti ma anche ai bambini. La scelta di organizzare la maggior parte del cartellone nel giardino della Biblioteca è stata dettata dalla volontà di promuovere eventi nella massima sicurezza, in uno spazio delimitato e protetto, mal tempo stesso gradevole e ricco di fascino».
A causa delle prescrizioni stabilite dai protocolli di sicurezza «Dovremo rinunciare certamente ai grandi numeri e alle platee piene, ma sarà bello ripartire insieme – aggiunge Caprara –, fisicamente distanti ma uniti dallo stesso amore per la cultura e per la nostra città». (r.cr.)

Medicina non rinuncia alla stagione culturale estiva: da giovedì ad agosto oltre 35 eventi
Cronaca 15 Giugno 2020

Il Pd locale chiede garanzie per i lavoratori di Medicina a casa nei giorni di «zona rossa»

«No cassa integrazione o ferie obbligatorie, ma il riconoscimento dell’assenza per malattia». La segretaria del Partito democratico dell’unione comunale di Medicina Valentina Baricordi e il segretario del Pd dell’unione territoriale imolese Marco Panieri si schierano a fianco dei lavoratori medicinesi che si sono dovuti forzatamente assentare dal lavoro nei giorni in cui Medicina è stata dichiarata “zona rossa”.

«Quella decisione, che è stata seguita da grande senso di responsabilità da tutti i medicinesi a favore dei comuni confinanti, deve trovare piena tutela e non può essere fattore penalizzante – aggiungono la Baricordi e Panieri –. Abbiamo chiesto un impegno e una risposta da parte del Partito democratico nazionale e dai nostri parlamentari (lo sguardo è all’emendamento presentato alla Camera in discussione questa settimana), oltre a tenere in considerazione la zona rossa di Medicina in eventuali interventi economici a sostegno della ripartenza dalla Regione Emilia.Romagna». (r.cr.)

Il Pd locale chiede garanzie per i lavoratori di Medicina a casa nei giorni di «zona rossa»
Cronaca 27 Maggio 2020

Chef Bruno Barbieri in campo per l’Antoniano

Lo chef medicinese Bruno Barbieri e pasta Sgambaro uniscono le forze per donare oltre 1.500 chilogrammi di pasta all’Antoniano di Bologna, sostenendo, in questo periodo di grande emergenza, la mensa francescana “Padre Ernesto”, che, ogni giorno, distribuisce ai più fragili oltre 130 pasti caldi.
Chef Barbieri, che da anni è al fianco dell’Antoniano e dell’iniziativa solidale Operazione pane” in favore di una rete di 15 strutture francescane in tutta Italia, dedica la ricetta “orecchiette con salsiccia, fonduta e basilico” a favore di questo progetto. Il video è disponibile sul suo profilo Instagram e sul suo canale YouTube.

«Ho conosciuto Fra Giampaolo qualche anno fa perché mi invitarono allo Zecchino d’Oro – ricorda Barbieri –, mi raccontò sin da subito dell’impegno costante di Antoniano nell’occuparsi quotidianamente della mensa francescana di Bologna e dell’importanza del progetto Operazione Pane, di cui lui stesso è coordinatore. Fra Giampaolo è divenuto poi nel corso degli anni un amico, sempre impegnato ad aiutare il prossimo… e questa volta ho deciso di aiutarlo io… ho coinvolto un altro amico, Pierantonio Sgambaro, presidente del Pastificio Sgambaro, che ha accolto subito la mia richiesta … sono arrivati cosi, in pochissimi giorni, 1500 kg di pasta di grano duro, 100% italiana, nelle cucine delle mense francescane».

Chef Bruno Barbieri in campo per l’Antoniano
Cronaca 19 Maggio 2020

Coronavirus, a Medicina mascherina obbligatoria sotto i portici, nelle vie e piazze centrali del capoluogo e delle frazioni

Regole più restrittive riguardo l”utilizzo della mascherina nel Comune di Medicina. Come è noto, la Regione ha imposto di indossarla nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e all’aperto laddove non sia possibile mantenere il distanziamento di un metro. Il sindaco di Medicina, Matteo Montanari, da oggi ne ha reso obbligatorio l’uso (in alternativa va bene anche una sciarpa o qualunque altro indumento che copra naso e bocca) anche «nelle aree pubbliche e/o di uso pubblico quali i portici, le vie e le piazze centrali del capoluogo e delle frazioni» anche se si rispetta la distanza interpersonale di un metro. Se si indossano maschere con valvola espiratoria «è necessario indossare in aggiunta una mascherina chirurgica». Esentati i bimbi sotto i sei anni e chi ha disabilità non compatibili con l’uso continuativo. La sanzione prevista è sempre pari a 400 euro.

Perchè questa decisione? «Al fine di attuare la prevenzione sul territorio del Comune, occorra adottare, in ragione del carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia, una specifica misura di prevenzione e precauzione coerente e non in contrasto con i provvedimenti di rilievo nazionale e regionale, al fine di obbligare la cittadinanza ad attuare precauzioni nei luoghi pubblici e privati in caso di accesso in luoghi aperti al pubblico in considerazione del fatto che detto accesso può costituire condizione idonea alla diffusione del contagio» si legge nell”ordinanza e conclude dicendo che questa misura «potrà essere aggiornata in base all’evoluzione della situazione epidemiologica del virus». (gi.gi.)

Nella foto: Corrado Peli con la mascherine quando Medicina era ancora «zona rossa»

Coronavirus, a Medicina mascherina obbligatoria sotto i portici, nelle vie e piazze centrali del capoluogo e delle frazioni
Cronaca 19 Maggio 2020

All’oasi Felix di Medicina ci si prende cura anche dei mici dei ricoverati per Covid

All’oasi felina Felix di Medicina, gestita da volontari dell’omonima associazione dal 1997, la vita scorre abbastanza normalmente ai tempi del Coronavirus, nonostante la chiusura al pubblico.
«Cerchiamo di lasciare cibo in abbondanza fra una visita e l’altra per minimizzare i nostri spostamenti – racconta la veterinaria responsabile del gattile, la dottoressa Cinzia Mezzaroba –. Abbiamo anche effettuato alcuni recuperi di gatti feriti e ci siamo messe a disposizione per accudire gli animali di alcune persone ricoverate per Covid-19 che non avevano altri cui lasciare i loro animali, un’emergenza che per fortuna sta rientrando». (mi.mo.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 14 maggio.

Nella foto: volontarie dell”oasi Felix di Medicina

All’oasi Felix di Medicina ci si prende cura anche dei mici dei ricoverati per Covid
Medicina 11 Maggio 2020

Medicina e il commercio: «Andremo oltre la sospensione di Tari, Tosap e Imposta di pubblicità»

Il Comune di Medicina ha scelto di puntare sul piccolo commercio per la ripresa.
«Dopo la sospensione di Tari, Tosap e Imposta di pubblicità, siamo pronti ad un’altra sospensione in attesa di capire quali e quanti aiuti governativi e regionali potranno arrivare – spiegano Matteo Montanari, primo cittadino, e Donatella Gherardi, assessore alle attività produttive -. Vogliamo andare oltre la sospensione di questi tributi. Vogliamo  ridurli e rivederli per dare un aiuto significativo e concreto ai nostri negozianti».
Per questa ragione, «abbiamo attivato un Tavolo di confronto con le associazioni di categoria e commercialisti – aggiungono –. Con un piano di nuove agevolazioni per l’occupazione del suolo pubblico in modalità gratuita recupereremo all’esterno lo spazio perso internamente per facilitare il rispetto delle disposizioni sanitarie». (r.cr.)

Immagine tratta dal sito del Comune di Medicina

Medicina e il commercio: «Andremo oltre la sospensione di Tari, Tosap e Imposta di pubblicità»
Cronaca 6 Maggio 2020

Il Consiglio metropolitano approva le localizzazioni per nuovi ambiti produttivi nel circondario

Via libera da parte del Consiglio metropolitano alle modifiche all”accordo territoriale per gli ambiti produttivi del circondario imolese, conseguenti al recepimento delle politiche per la grande logistica del Pums-Piano urbano per la mobilità sostenibile e delle nuove politiche territoriali per l’ambito di Fossatone (Medicina).

Per quello che riguarda Imola e il circondario, le strutture per la logistica –a cui sono assimilate le attività di e-commerce– di grandi dimensioni, ovvero superiori a 10.000 mq di superficie fondiaria, potranno essere localizzate all’interno degli ambiti produttivi sovracomunali di Imola e San Carlo.
Le attività di logistica di dimensioni inferiori o uguali a 5.000 mq, invece, potranno insediarsi negli ambiti produttivi sovracomunali di Osteria Grande (Comune di Castel San Pietro) e Valle del Santerno (Comuni di Borgo Tossignano e di Casalfiumanese).

Nell’ambito di Fossatone si potrà insediare un’attività di logistica di dimensioni inferiori o uguali a 10.000 mq di superficie utile in strutture già edificate all’interno dei volumi produttivi esistenti. (r.cr.)

Il Consiglio metropolitano approva le localizzazioni per nuovi ambiti produttivi nel circondario
Cronaca 5 Maggio 2020

La biblioteca di Medicina lancia prestito su prenotazione e consegna a domicilio per over 65

A Medicina, da giovedì, parte un servizio di prestito con prenotazione obbligatoria dei libri della biblioteca (l’accesso ai locali e la consultazione non sono permessi al momento), telefonando al numero 051/6979209 o scrivendo all’indirizzo e-mail serviziculturali@comune.medicina.bo.it.

Prima di effettuare la prenotazione si consiglia di consultare il catalogo on line Sebina You, catalogo delle biblioteche del polo bolognese, per verificare la disponibilità dei volumi. Una volta effettuata la prenotazione, l’utente riceverà indicazioni sul giorno, sull’orario e sulle modalità di ritiro.

«Oltre al servizio di prestito su prenotazione abbiamo attivato anche un servizio di consegna a domicilio rivolto agli over 65 o a chi presenta problemi di mobilità – spiega Enrico Caprara, presidente con delega alla Cultura –. Le consegne verranno fatte ogni mercoledì su prenotazione contattando il numero 051/6979209». (r.cr.)

La biblioteca di Medicina lancia prestito su prenotazione e consegna a domicilio per over 65
Cronaca 29 Aprile 2020

Intesa Città metropolitana-Rfi per progettare i Centri di mobilità. Interessate Imola, Castel San Pietro e Medicina

Il primo cittadino metropolitano Virginio Merola e l’amministratore delegato di Rete ferroviaria italiana Maurizio Gentile hanno firmato il protocollo d’intesa per l”elaborazione delle linee di indirizzo che guideranno la progettazione dei trenta Centri di mobilità previsti dal Pums-Piano urbano della mobilità sostenibile.

«Collocati prevalentemente in corrispondenza delle stazioni ferroviarie, i Centri di mobilità sono nuovi hub urbani, tecnologicamente attrezzati, in cui poter offrire un elevato livello di servizi diversificati – ricorda la Città metropolitana –. Luoghi pensati per garantire intermodalità e multi modalità, fornire adeguati spazi di sosta per i diversi mezzi (velostazioni, velopark, parcheggi scambiatori) e per la ricarica elettrica, prioritariamente per i veicoli pubblici e condivisi. Inoltre i Centri permetteranno di promuovere servizi innovativi, mobility on demand, sharing (car-scooter-bike-monopattini), smart parking, pick point per l’e-commerce, e garantire a tutti i cittadini l”accesso a servizi diversificati in modo chiaro, facile e sicuro».
Nel circondario, sono interessate dal progetto Imola, Castel San Pietro e Medicina.

«Una buona progettazione dei Centri di mobilità consentirà di favorire l’interscambio e di sfruttare al meglio le potenzialità del trasporto pubblico, migliorandone l’offerta – sottolinea Marco Monesi, consigliere metropolitano con delega alla Mobilità sostenibile –. Potenziare il trasporto pubblico e la mobilità sostenibile e attiva puntando alla sicurezza dei passeggeri sono temi previsti nel Pums e ora più che mai centrali nelle politiche di rilancio superata la fase di emergenza Covid-19». (r.cr.)

Intesa Città metropolitana-Rfi per progettare i Centri di mobilità. Interessate Imola, Castel San Pietro e Medicina
Cronaca 20 Aprile 2020

Medicina riparte anche dalla cultura. Ogni giorno una proposta social per tutti i gusti

Medicina riparte anche dalla cultura. E per tenere compagnia ai propri cittadini la pagina Facebook “Medicina cultura” si organizza con una programmazione quotidiana per tutti i gusti.

La settimana comincia con la rubrica Medicina in musica: brani musicali eseguiti dalle scuole di musica del territorio (in collaborazione con la scuola di musica classica Medardo Mascagni, la scuola di musica moderna “Enrico Larry Buttazzi e la Banda municipale).
Il martedì è la volta di Medicina nel cassetto: curiosità per grandi e piccini, aneddoti, storie e leggende della città del Barbarossa (in collaborazione con il Museo civico del Risorgimento di Bologna).
Il mercoledì è dedicato Alla scoperta del Museo civico di Medicina: visite virtuali alla sezione archeologica, al laboratorio di liuteria di Ansaldo Poggi, agli erbari seicenteschi dei Padri carmelitani, alla ricostruzione dell’antica Farmacia dell’Ospedale e alla Pinacoteca Aldo Borgonzoni, ma anche un laboratorio o un’attività didattica (in collaborazione con l’archeologa Serena Sarti, volontaria del gruppo Acrasma.
Il giovedì arriva Medicina racconta: storie per i più piccoli lette dalle volontarie del progetto “Nati per leggere” della biblioteca comunale.
Il venerdì c’è Ragazzi, si legge!: consigli di lettura per ragazzi a cura delle insegnanti Sarah Giordano e Francesca Boschi.
Il sabato sera, infine, Medicina va a teatro: schetch comici o piece teatrali sotto la direzione artistica di Dario Criserà dell’associazione Eclissidilana.

«La cultura può essere un importante aiuto per affrontare questa periodo straordinariamente difficile della nostra storia – commenta Enrico Caprara, presidente del Consiglio comunale di Medicina con delega alla Cultura –. Siamo da sempre le città della musica, dell”arte, del teatro e della storia. Dimostriamo insieme il nostro valore». (r.cr.)

Medicina riparte anche dalla cultura. Ogni giorno una proposta social per tutti i gusti

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast