Posts by tag: patuelli

Economia 30 Marzo 2021

Banca di Imola chiude il bilancio 2020 con un utile di oltre 1 milione di euro

Banca di Imola ha chiuso il bilancio d’esercizio 2020 con un utile netto di 1 milione 44 mila euro. L’assemblea ordinaria dei soci ha deliberato la distribuzione di un dividendo di 5 centesimi di euro, per ogni azione ordinaria, in contanti, e di destinare a riserva di 638 mila euro. «Nonostante la situazione economica generale rimanga complessa, pur con alcuni timidi segnali di ripresa – fa sapere l’istituto bancario del gruppo La Cassa di Ravenna – i dati di movimentazione delle varie attività e servizi alla clientela sono positivi e in crescita a dimostra-zione del grado di fiducia di cui gode la Banca di Imola». In forte crescita la raccolta diretta da clientela, pari a 1.474 milioni di euro (+14,8%), mentre gli impieghi verso imprese e famiglie ammontano a 882 milioni di euro (-0,29%). L’assemblea all’unanimità ha poi eletto il nuovo Consiglio di amministrazione per il prossimo triennio, confermando Giovanni Tamburini alla presidenza, Antonio Patuelli alla vicepresidenza e Alberto Domenicali nel ruolo di presidente onorario. (lo.mi.) 

Nella foto: da sinistra, il presidente di Banca di Imola, Giovanni Tamburini, e il direttore generale, Sergio Zavatti

Banca di Imola chiude il bilancio 2020 con un utile di oltre 1 milione di euro
Economia 13 Febbraio 2021

Per il gruppo Cassa di Ravenna (Banca di Imola) risultati 2020 migliori delle aspettative

Tutte le società del gruppo Cassa di Ravenna, tra cui Banca di Imola, hanno chiuso il bilancio 2020 in utile. «I risultati conseguiti – spiega in una nota il gruppo bancario ravennate, presieduto da Antonio Patuelli – sono migliori delle aspettative, confermano la solida posizione della Cassa e ne dimostrano la resilienza in questo anno dominato dalla pandemia e dall’emergenza sanitaria».

La raccolta complessiva da sola clientela ha superato i 12.914 milioni di euro (+5,67%). Gli impieghi a famiglie e imprese crescono a 3.880 milioni di euro (+4,45%). L’utile netto è superiore ai 16,8 milioni di euro (-11,88% rispetto all’anno precedente).

I coefficienti patrimoniali di vigilanza al 31 dicembre 2020 confermano l’elevata patrimonializzazione del gruppo: il Cet 1 Ratio di gruppo è pari al 13,64% rispetto al 7,53% richiesto dalle autorità al gruppo Cassa, mentre il Total capital ratio di gruppo è pari al 15,42%, rispetto all’11,45% richiesto. (lo.mi.) 

Nella foto: il presidente del gruppo bancario Cassa di Ravenna, Antonio Patuelli

Per il gruppo Cassa di Ravenna (Banca di Imola) risultati 2020 migliori delle aspettative
Sport 8 Febbraio 2021

Ciclismo, la “spagnola” Alessia Patuelli: «La piccoletta impara»

Anche l’imolese Alessia Patuelli è stata impegnata nei 10 giorni di «training camp» in Spagna, dal 18 al 28 gennaio, del team Alé Btc Ljubljana. Le 12 ragazze dell’unica formazione Uci World Tour femminile italiana hanno vissuto ad Altea, nei pressi di Alicante, un passaggio importante nella costruzione dello spirito di gruppo in vista della stagione, che per Alessia Patuelli, 18 anni compiuti da poco più di un mese, rappresenterà la prima esperienza nella massima categoria del ciclismo femminile.

Alessia, in attesa di poter esordire in gara a livello professionistico, come sono andati i primi ritiri con il nuovo team?

«Fino ad ora mi sono trovata benissimo. C’è un bel gruppo, 10 giorni sono pochi per conoscere bene le persone, ma ho trovato grande disponibilità anche a insegnare a una piccoletta appena entrata in squadra». (ma.ma.)

L’intervista su «sabato sera» del 4 febbraio.

Nella foto: Alessia Patuelli e la ciclista imolese (ultima in fondo) mentre pedala con la squadra

Ciclismo, la “spagnola” Alessia Patuelli: «La piccoletta impara»
Economia 2 Ottobre 2020

Il presidente Abi Antonio Patuelli riceve il «Premio Accademia d’Abruzzo per la Divulgazione Scientifica 2020»

Questa mattina, ad Atri, provincia di Teramo, Antonio Patuelli, presidente dell’Abi e del Gruppo Cassa di Ravenna, ha ricevuto il «Premio Accademia d’Abruzzo per la Divulgazione Scientifica 2020», sotto l’egida delle Nazioni Unite – United Nations Academic Impact. Il prestigioso riconoscimento è stato conferito dal Comitato Scientifico della Fondazione Accademia d’Abruzzo, in occasione della manifestazione dedicata a «Il Mezzogiorno nell’Italia unita».

Nelle motivazioni del premio viene sottolineato che «uno dei suoi mestieri è quello di “divulgatore scientifico”, ancorché Antonio Patuelli sia innanzitutto un “divulgatore etico-morale” sia per la sua onestà intellettuale e trasparenza professionale sia per la passione anche altruistica che traspare dai suoi scritti, dai suoi libri. È studioso significativo della regolazione del mercato in generale e di quello europeo in particolare». Tra le considerazioni riportate anche che «con speciale sensibilità verso il futuro e le nuove generazioni, ma anche con un’insolita attenzione alle lezioni della storia, Antonio Patuelli diffonde negli anni una suggestiva narrazione che ha come “protagonista” la storia stessa di molte delle questioni più significative oggetto del dibattito economico e sociale degli ultimi quarant’anni almeno: la moneta unica europea; i rapporti tra le banche, le imprese ed i cittadini; l’educazione finanziaria e quella al risparmio; la politica economico-finanziaria dello Stato. Il messaggio che emerge dalle sue pubblicazioni è chiaro: la società europea non riuscirà ad uscire dalla lunga e severa crisi congiunturale e dal rischio di declino che sempre più la coinvolge se non sapremo leggere ed imparare le dure lezioni che il passato, anche recente, ci offre». (da.be.)

Nella foto: un momento della premiazione 

Il presidente Abi Antonio Patuelli riceve il «Premio Accademia d’Abruzzo per la Divulgazione Scientifica 2020»
Sport 25 Settembre 2020

Ciclismo «Imola 2020», Alessia Patuelli senza… Mondiale: «Che rabbia non esserci»

Alessia Patuelli è nata il 22 dicembre 2002, è al secondo anno da Juniores, ma nel 2021 di millesimo ne avrà 19 passando Elite, e sarà una delle più giovani. Cresciuta nella «Santerno Fabbi», oggi gareggia per il Team Breganze Millennium guidato da Davide Casarotto, ex pro degli anni ’90 che ha vinto il Gp Liberazione nel 1996, il mondiale di primavera per Under 23, che solo quell’anno si correva come gara open. «Ho fatto un video per l’Uci sul percorso dei Mondiali assieme a Riccardo Spadazzi, un ragazzo che correva ed ora fa il cicloamatore. Me l’ha chiesto Massimo Marani, collaboratore di Selleri. Il video viene postato dall’Uci su Instagram, Facebook e altri social. Il percorso è molto tecnico, strappi duri anche se non lunghissimi, discese altrettanto tecniche con strade strette. Sarà spettacolare».

In questo periodo stai andando forte ma non potrai correre il Mondiale sotto casa.

«Sono arrabbiatissima, non solo perché si corre a Imola. Il ciclismo giovanile è il futuro e impedirgli di mettersi in mostra al Mondiale sminuisce i sacrifici che si fanno. Avrebbero potuto far correre solo le prove in linea alle categorie Under 23 e Juniores maschili e femminili, magari su un circuito alternativo come quello dei Tre Monti». (n.v.)

L’intervista completa su «sabato sera» del 24 settembre.

Nella foto: Alessia Patuelli sul percorso dei Mondiali

Ciclismo «Imola 2020», Alessia Patuelli senza… Mondiale: «Che rabbia non esserci»
Economia 10 Luglio 2020

Antonio Patuelli rieletto presidente dell’Associazione bancaria italiana (Abi)

Si è tenuta oggi, venerdì 10 luglio, con le forme telematiche di collegamento a distanza previste dalla legge, l”annuale Assemblea dell”Abi (Associazione bancaria italiana) che ha rieletto per acclamazione il presidente Antonio Patuelli.

Nella sua prima parte straordinaria, invece, l’Assemblea ha completato le procedure di modifica dello Statuto approvando all’unanimità quanto proposto dal Comitato di Presidenza, dal Comitato esecutivo e dal Consiglio dell”Abi per rendere nuovamente possibile la rielezione del presidente per il quarto mandato, nonché per la più ampia adozione dei sistemi di video-audio conferenza per le riunioni degli Organi dell”Abi. Successivamente, in sede ordinaria, l”Assemblea ha approvato la relazione, e gli atti connessi e conseguenti, del direttore generale Giovanni Sabatini sulle attività dell”Abi nel 2019 e confermato all’unanimità il nuovo Consiglio. (da.be.)

Nella foto: Antonio Patuelli

Antonio Patuelli rieletto presidente dell’Associazione bancaria italiana (Abi)
Sport 12 Maggio 2020

Ciclismo, ritorno agli allenamenti su strada per Alessia Patuelli: «E’ stato bello, difficile riprendere le gare»

L’inizio della cosiddetta «fase-2» ha consentito ai ciclisti, agonisti, amatori e cicloturisti, di tornare a pedalare in forma individuale da lunedì 4 maggio. Per il ciclismo agonistico, però, non si fermano ancora gli annunci di «stop» per gli appuntamenti agonistici del 2020. Tra le ultime conferme, c’è quella del rinvio al 2021 dei Campionati Europei su strada, originariamente in programma a Trento dal 9 al 13 settembre di quest’anno; l’Uec (Unione Europea Ciclismo) cercherà comunque di recuperare in altra location nel 2020, anche se ci sono poche possibilità. In dubbio anche i Campionati del Mondo di Aigle-Martigny in Svizzera (fine settembre). Europei e Mondiali non sono appuntamenti qualsiasi, in particolare per la Juniores Alessia Patuelli, 17 anni compiuti lo scorso dicembre che, fino a un paio di mesi fa, vedeva la partecipazione a queste due competizioni internazionali come i più grandi obiettivi del suo 2020, che ha già visto saltare altre gare prestigiose per la sua categoria come il Trofeo Binda a Cittiglio (rinviato al 2021).

Com’è stato il ritorno su strada lunedì 4 maggio?

«È andata bene, è stato bello tornare a pedalare su strada. Ho incrociato tanti ciclisti, ma tutti rispettosi dell’obbligo di uscire in forma individuale. Credo però sia difficile per adesso riprendere le gare per uno sport in cui si corre in gruppo, non sarebbe giusto fare il tampone ogni settimana a centinaia di sportivi con gli ospedali ancora alle prese con problemi ben più seri e il Covid-19». (ma.ma.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 7 maggio.

Nella foto: Alessia Patuelli in una immagine del 2019 con la maglia del Team Breganze, dove è stata confermata

Ciclismo, ritorno agli allenamenti su strada per Alessia Patuelli: «E’ stato bello, difficile riprendere le gare»
Sport 11 Marzo 2020

Ciclismo, i programmi 2020 della 17enne imolese Alessia Patuelli

Per Alessia Patuelli il 2019 è stato un anno importante, dal punto di vista sportivo, soprattutto per l’opportunità internazionale rappresentata dalla partecipazione al Campionato del Mondo di ciclismo nello Yorkshire, dove solo una caduta a 200 metri dal traguardo, nel corso dello sprint finale, le ha tolto la possibilità di lottare per un posto sul podio. Per la 17enne imolese (classe 2002, ma nata a fine anno), il passaggio alla categoria Juniores nel 2019 non era stato facile, tra un periodo di indebolimento delle difese immunitarie e un incidente stradale in allenamento causaato da un incauto comportamento di un automobilista: la seconda parte della stagione ha comunque trasformato il bilancio di una stagione, nel complesso, estremamente positiva, che ha creato qualche aspettativa in più per il 2020, quando Alessia sarà al secondo anno tra le Donne Juniores.

La maglia sarà sempre quella del team Breganze Millennium. E quali saranno i principali obiettivi stagionali?

«Cittiglio è sempre una delle corse più importanti, è la prima stagionale e quindi non si conosce ancora il livello di preparazione delle avversarie, ma cercherò di arrivarci nelle migliori condizioni possibili. A maggio poi c’è il Giro di Campania e a seguire il Campionato Italiano, che quest’anno è ancora più importante per noi, perché a organizzarlo è la mia squadra; il percorso sarà molto impegnativo. Se la stagione andrà bene e arriveranno le convocazioni in Nazionale, ci saranno gli Europei a Trento e un paio di settimane dopo, in settembre, i Mondiali in Svizzera. Sulla carta gli Europei sono adatti alle mie caratteristiche». (ma.ma.)

Nella foto (Isolapress): Alessia Patuelli mentre riceve il premio Rotary Sport ad inizio febbraio

Ciclismo, i programmi 2020 della 17enne imolese Alessia Patuelli
Sport 9 Ottobre 2019

Ciclismo, la sfortuna… Mondiale di Alessia Patuelli: «Potevo salire sul podio»

C’è stata tanta sfortuna nella partecipazione di Alessia Patuelli ai Campionati del Mondo di ciclismo, nella categoria Donne Juniores. Un virus che alla vigilia ha messo a rischio la partecipazione alla gara; una foratura nel tratto di trasferimento, mostrata anche in diretta Tv; una caduta a soli 200 metri dall’arrivo, quando Alessia stava per lanciare il proprio sprint nella volata valevole per la medaglia d’argento. La giovane imolese, 17 anni a dicembre, era attorno alla terzaquarta posizione del gruppo alle spalle della statunitense Jastrab e, sì, aveva concrete speranze di salire sul podio. Aver tagliato il traguardo il 38ª posizione è un grande risultato per una ragazza al primo anno nella categoria, ma non basta per nascondere la delusione e la rabbia per ciò che poteva essere ma che non è stato.

Alessia, venerdì 27 settembre, in Yorkshire hai fatto una grande gara.

«In quanto a sfortuna, non è mancato niente. Virus, foratura, nelle fasi decisive della corsa mi bruciava lo stomaco e non ero riuscita ad alimentarmi al meglio durante la corsa. Nonostante tutto, però, ero lì a giocarmi la medaglia al momento giusto e nella posizione giusta. La volata era in leggera salita, la velocità non era alta, ma le due davanti si sono toccate e le possibilità di medaglia sono svanite». (ma.ma.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 3 ottobre.

Nella foto: Alessia Patuelli in maglia azzurra

Ciclismo, la sfortuna… Mondiale di Alessia Patuelli: «Potevo salire sul podio»
Sport 26 Settembre 2019

L'imolese Alessia Patuelli domani sarà al via del Mondiale su strada di ciclismo

Domani, venerdì 27 settembre, alle 8.40 (9.40 italiane) in diretta Rai Sport (ed Eurosport), l’imolese Alessia Patuelli vestirà la maglia azzurra della Nazionale italiana ai Campionati del Mondo di ciclismo «Donne Juniores» in Yorkshire, nel Nord-Est dell’Inghilterra. Sarà una gara di 92 km completamente in linea, senza circuiti da affrontare più volte: dopo la partenza da Doncaster, le ragazze pedaleranno verso Nord per arrivare alle 11.15 circa (12.15 italiane) ad Harrogate, ricalcando la parte iniziale della gara Under 23 (mentre i professionisti partiranno da Leeds). Le azzurre al via saranno quattro, con la Patuelli che, visto il suo spunto veloce, potrebbe essere un «jolly» nel finale (o apripista della Collinelli in volata).

Tra le principali incognite: la pioggia, il vento (soprattutto nei primi 60 km) e il percorso in linea, difficile da controllare per chi è abituato ai circuiti. Favorite le atlete olandesi, russe, inglesi e francesi, sempre presenti negli ordini d’arrivo delle prove di Coppa delle Nazioni. Alessia è in forma: ha vinto anche domenica 22 settembre a Sarcedo (Vicenza), gara di casa per il suo Team Breganze. Martedì è volata in Inghilterra, dove giovedì arriveranno anche i suoi genitori Michela e Andrea per poter fare il tifo venerdì. «La convocazione al ritiro in altura a Livigno era già stata una sorpresa – ha commentato il padre – ma partecipare ai Mondiali non era ancora scontato. Evidentemente i tecnici hanno visto Alessia in forma e adatta al percorso. E’ al primo anno nella categoria, comunque vada sarà una grande esperienza dopo una stagione difficile». (ma.ma.)

L”articolo completo e gli approfondimenti su «sabato sera» de 26 settembre.

Nella foto (Isolapress): Alessia Patuelli al centro, con a sinistra il padre Andrea e a destra lo zio Fabio, entrambi ex professionisti, davanti al negozio «di famiglia»

L'imolese Alessia Patuelli domani sarà al via del Mondiale su strada di ciclismo

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast