Posts by tag: salute, sanità

Cronaca 16 Ottobre 2020

Coronavirus, 11 positivi in più a Imola, un ricovero in terapia intensiva. Donini: “Spegnere i focolai. Ragioniamo su altri provvedimenti

Sono 11 oggi i positivi al Coronavirus in più nel circondario di Imola, 7 presentano sintomi della malattia. Nove sono di Imola, 1 di Dozza ed 1 risiede fuori territorio. In particolare, dai dati dell’Ausl emerge che 9 sono contatti riferibili ad ambienti scolastici o a focolai famigliari. Salgono a 77 i casi attualmente attivi. Sempre oggi si registrano anche 3 persone guarite. 

Nel resto dell’Emilia Romagna i casi in più odierni sono 544, nel giro di cinque giorni il numero dei nuovi positivi individuati è raddoppiato. Soprattutto crescono i ricoveri nei reparti Covid della regione sono 404, cioè 12 in più di ieri, e 61 in terapia intensiva, anche qui 12 in più di ieri (tra questi una persona ricoverata nella terapia intensiva di Imola ma stabile), detto ciò il 95% dei positivi continuano ad essere persone con sintomi lievi che si stanno curando a domicilio o asintomatici. Nelle ultime 24 ore si conta una nuova vittima, una donna di 95 anni nel Piacentino. E la provincia con il maggior numero di nuovi casi oggi è Bologna 110 (a cui vanno aggiunti i dati di Imola). 

La situazione, quindi, preoccupa soprattutto alla luce dei dati attorno a noi delle altre regioni che hanno contagi ben più alti oggi come la Lombardia (2419), la Campania (1261), il Piemonte (821), Lazio (795), Toscana (755), Veneto (704), Liguria (585), Sicilia (578).

L’assessore alle Politiche per la salute Raffaele Donini ha sottolineato, tramite una diretta facebook sulla pagina della Regione: “Oggi si registrano moltissimi casi di coronavirus in europa in italia e ovviamente anche in Emilia Romagna. Ma la nostra regione non è tra le primissime per circolazione del virus, stiamo ragionando con le Regioni insieme al Governo quali provvedimenti ulteriori adottare nei prossimi giorni per contrastare la diffusione del virus”. 

L’obiettivo, ha concluso Donini, è “individuare e spegnere i focolari che per la la gran parte sono familiari ma generati anche da cene di lavoro, eventi sociali o assembramenti non sempre protetti dalla mascherina e molte derivano dagli screening che svolgiamo nelle cra e nei centri disabili. Per contrastare la diffusione del virus la regola è sempre quella: mantenersi a distanza dove possibile e usare la mascherina. Non dobbiamo aspettare il vigile urbano o il carabiniere capiamo da soli dove mettere in campo protezioni ulteriori per la salute nostra e dei nostri familiari e concittadini”. (l.a.)

Coronavirus, 11 positivi in più a Imola, un ricovero in terapia intensiva. Donini: “Spegnere i focolai. Ragioniamo su altri provvedimenti
Cronaca 2 Ottobre 2020

Coronavirus, ancora un positivo in una scuola, un insegnante a Fontanelice. Crescono i casi in regione

Ancora un caso di positività al Coronavirus in una scuola. In questo caso si tratta di un insegnante. Nella giornata odierna è giunto al Dipartimento di Sanità pubblica dell”Ausl di Imola la notifica di un referto positivo riferito alla primaria di Fontanelice.

L”insegnante era assente da scuola già dal 25 settembre. Sono state attivate immediatamente le procedure di verifica e 33 alunni di due diverse classi dell”elementare, oltre ad altri 8 colleghi del docente, sono stati chiamati per effettuare un tampone di controllo (in parte già oggi pomeriggio e in parte lo faranno domani).

Dall”indagine epidemiologica è stato accertato che tutte le misure precauzionali erano state assicurate come da protocollo e non si profilano contatti stretti in ambito scolastico. Pertanto qualora tutti gli interessati risultassero negativi al tampone, lunedì le lezioni riprenderanno regolarmente per tutti (a parte per l”insegnante positivo).

Nel circondario di Imola si sono già verificati casi di positività nelle scuole, ma fino ad ora hanno riguardato degli studenti.

L”insegnante si aggiunge ad un altro caso di positività refertato oggi dall”Ausl. In questo caso si tratta di una persona con sintomi, residente a Castel San Pietro, recentemente rientrata dai Paesi Bassi, e posta in isolamento domiciliare. Sempre oggi si sono registrati anche 4 persone guarite (doppio tampone negativo), pertanto i casi attivi (positivi) presenti attualmente nel circondario di Imola scendono a 94 (2 sono i ricoverati in un reparto Covid a Bologna).

Per quanto riguarda il resto dell”Emilia Romagna oggi salgono decisamente i numeri dei contagi: ben 163 i casi positivi in più rispetto a ieri, di cui metà con sintomi e gli altri individuati nell’ambito delle attività di tracciamento e screening. In particolare in provincia di Bologna dove ci sono 37 nuovi casi. Di questi, 20 i sintomatici, di cui 3 sporadici e 17 legati a focolai (ad esempio quello segnalato durante una festa tra studenti Erasmus presso lo Chalet dei Giardini Margherita). Tra i sintomatici, un caso è un rientro dall’estero (Polonia).

Il numero totale dei casi attivi in regione (malati effettivi o positivi) sono 4.677. Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono  4.465, ovvero il 95% dei casi attivi. I pazienti in terapia intensiva sono 11 (-3 rispetto a ieri), quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 201 (-5). Oggi non si è registrato alcun decesso. (l.a.)

Coronavirus, ancora un positivo in una scuola, un insegnante a Fontanelice. Crescono i casi in regione
Cronaca 22 Luglio 2019

Ondata di calore da “allarme rosso' in pianura, tra Imola, Medicina e Castel Guelfo

Nuova ondata di calore prevista dall’Arpae per i prossimi giorni per la pianura della provincia di Bologna. L’allerta arriva anche dall’Ausl che prevede condizioni di disagio bioclimatico, dato dalla presenza di umidità e temperature elevate, da allarme arancione a rosso per le giornate di domani martedì 23 e in particolare mercoledì 24 luglio. I comuni del nostro circondario interessati dall’allarme rosso (forte disagio bioclimatico) sono quelli di Imola, Medicina e Castel Guelfo, mentre per i rimanenti il disagio sarà solo debole (allarme giallo). 

“Quando la temperatura e l”umidità dell”aria aumentano, le capacità dell”organismo di raffreddarsi diminuiscono considerevolmente, aumentano traspirazione e sudorazione – meccanismo peraltro fondamentale che il nostro corpo mette in atto per disperdere calore – e si incorre nel pericolo maggiore: la disidratazione. Per questo è importante ricordare alcuni suggerimenti per ridurre i rischi di salute legati alle ondate di calore, soprattutto per anziani e bambini” ricordano dall’Azienda sanitaria imolese.

Da maggio e fino a settembre è possibile verificare la situazione del “rischio calore” sul sito dell’Arpae dedicato alla previsione di queste ondate di calore. (c.cr)

Ondata di calore da “allarme rosso' in pianura, tra Imola, Medicina e Castel Guelfo
Cronaca 12 Gennaio 2019

Beppe Grillo firma il Patto pro-scienza di Burioni, insorgono i no-vax. Ma le adesioni all’appello volano

La notizia che Beppe Grillo ha firmato insieme a Matteo Renzi l’appello pro-Scienza promosso dal noto virologo Roberto Burioni, bestia nera degli anti-vaccinisti, ha fatto il giro del web. Colti alla sprovvista molti di quegli attivisti ed elettori 5Stelle, che notoriamente avevano visto proprio in Grillo un grande sostenitore delle ragioni no-vax. La parte dell’appello nel quale si sostiene che «l’anti-vaccinismo» è quella pseudo-scienza o pseudo-medicina da «non tollerare» ha scatenato sulla rete accuse di ogni tipo, da «traditore» a «ti ho votato ma non sei più credibile». Costringendo Grillo sulla sua pagina Fb e su beppegrillo.it a precisare: «Non c’è stata nessuna svolta, io critico l’obbligatorietà dei #vaccini, che è questione politica; non i vaccini in sé, che quando sono sicuri ed efficaci rappresentano il frutto della scienza». Tradotto, i vaccini fanno bene ma sono contro l’obbligatorietà. Però ha aggiunto «la Lorenzin credeva che io fossi no-vax: un ragionamento da terrapiattisti radicali».   

Nel frattempo ne ha guadagnato in notorietà l’appello, tanto che nel giro di due giorni vanta già oltre 120 firmatari compresa la stessa senatrice Beatrice Lorenzin (già ministra della Sanità del Governo Gentiloni) alla quale si deve il famoso decreto per l”obbligatorietà delle vaccinazioni per poter frequentare le scuole italiane, tanto contestato proprio dai no-vax, e se vogliamo anche da Grillo.

Comunque sia, spulciando nell’elenco dei firmatari del Patto troviamo anche vari eletti nelle fila del M5S come i deputati Marco Bella (professore dell’Università la Sapienza) e Fabiola Bologna (neurologa), la senatrice Maria Domenica Castellone (ricercatrice Cnr) e l’eurodeputato Piernicola Pedicini (fisico medico), poi il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, giornalisti come Enrico Mentana e Myrta Merlino, Maria Grazia Pascucci (pediatra e responsabile programmi vaccinali della Regione Emilia Romagna) o Stefano Vella, direttore di Dipartimento, dell’Istituto Superiore di Sanità. 

Burioni ha commentato: «Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno sottoscritto (insieme a molti altri), un patto a difesa della scienza. Perché ci si può dividere su tutto, ma una base comune deve esserci. La scienza deve fare parte di questa base. Perché non ascoltare la scienza significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte di esseri umani. Oggi sono molto contento, perché due persone rivali e distanti sono d’accordo sul fatto che non possiamo permetterci di buttarla via».

Nella foto grande: a destra Beppe Grillo a Imola nel 2015, a sinistra Roberto Burioni a Imola due mesi fa in occasione della presentazione del suo libro «Balle mortali» all’interno della rassegna curata da CooperAttivaMente (il cartellone voluto dal Consiglio di zona dei soci Coop Alleanza 3.0 e dalla Cooperativa Bacchilega, editrice del «sabato sera»).

Nelle altre foto i post pubblicati sulle pagine Fb di Burioni e Grillo, due immagini della serata imolese di Burioni a novembre.

Beppe Grillo firma il Patto pro-scienza di Burioni, insorgono i no-vax. Ma le adesioni all’appello volano

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast