Posts by tag: studenti

Cronaca 1 Febbraio 2023

Borse-lavoro per “tutor amicali”, bando per giovani diplomati e studenti universitari

Ragazzi che affiancano altri ragazzi per fare i compiti o attività sociali e culturali. È questa l’idea alla base del bando per il tutor amicale pubblicato dall’Itac Scarabelli-Ghini, assieme ad altri Istituti superiori del territorio, al Circondario imolese, al Comune di Imola, all’Asp e al Cisst. Dieci borse-lavoro destinate a giovani diplomati, laureati o studenti universitari, che risiedono nel circondario imolese. Nel dettaglio, il loro ruolo sarà quello di affiancare gli studenti con disabilità durante l’orario scolastico nelle attività o nei laboratori, aiutarli a fare i compiti a casa, inoltre li potranno accompagnare in attività sociali e culturali. La borsa-lavoro comporta un impegno di 100 ore da svolgere nell’anno scolastico 2022/2023, l’importo ammonta ad un massimo di 976,50 euro lordi.

Per partecipare alla selezione occorre presentare domanda tramite e-mail all’indirizzo bota03000d@istruzione.it entro le ore 12 di sabato 4 febbraio. Per maggiori informazioni consultare il sito dell’istituto www.scarabelli-ghini.it. (r.cr.)

Nella foto aula dello Scarabelli Ghini (dal sito web dell’Istituto scolastico)

Borse-lavoro per “tutor amicali”, bando per giovani diplomati e studenti universitari
Cronaca 16 Novembre 2022

Il 37° Premio Rotary Sport quest’anno riconosce meriti sportivi e scolastici a 61 tra ragazzi e ragazze imolesi delle superiori

Il Rotary premia i giovani che si sono distinti per preparazione sportiva e scolastica. Il 10 novembre scorso si è tenuto il momento conclusivo e la consegna degli attestati ai 61 partecipanti alla 37° edizione del premio promosso dal Rotary Club Imola per le scuole medie superiori.

Quest’anno hanno partecipato 22 giovani dello Scarabelli-Ghini, 16 studenti dell’Istituto Alberghetti, 13 del Liceo Rambaldi-Valeriani e Alessandro da Imola e 10 dell’Istituto Paolini – Cassiano. I 61 giovanissimi, 32 ragazze e 29 ragazzi, hanno avuto un ottimo profitto scolastico (media complessiva pari o superiore a 7,5) e risultati sportivi di rilievo certificati dalle rispettive società, dalle federazioni o dagli enti di promozione sportiva.

In totale 14 sono stati gli studenti che hanno raggiunto una votazione media superiore a 9 mentre 12 sono le ragazze: Dania Cenni, Giulia Rango, Gaia Ceroni del Liceo Linguistico, Sara Fabbri del Liceo Scienze Umane e Brandola Francesco del Liceo Classico del Liceo Rambaldi -Valeriani e Alessandro da Imola; Davide Bernardis, Irene Pasotti, Emma Cervellati, Valentina Scala, Giorgia Quattrini del Liceo Scientifico Scienze applicate e Jennifer Gollini di Informatica e Telecomunicazioni dell’Istituto Alberghetti; Sofia Fabbri di Costruzione, ambiente e territorio e Sofia Lorenzoni di Relazioni internazionali per il marketing dell’Istituto Paolini-Cassiano, Giorgia Molinaro del Tecnico Chimico Materiali e Biotecnologie del Scarabelli –Ghini.

L’iniziativa ha sempre riscosso vivo interesse e larga partecipazione e nelle sue 36 edizioni ha premiato più di 2.700 giovani imolesi. Inoltre 15 le discipline sportive praticate: tennis, tiro al volo, Mtb enduro, golf, equitazione, danza sportiva, pattinaggio artistico a rotelle, ginnastica artistica, nuoto, rugby, atletica leggera, pallacanestro, pallavolo, judo, calcio.

L’incontro ha visto la presentazione e il conferimento delle medaglie di riconoscimento del merito da parte di Elisabetta Baldazzi, Presidente del Premio Rotary Sport, della Presidente 2022-2023 del Rotary Club Imola, Paola Perini, del Sindaco di Imola, Marco Panieri, di Rodolfo Ortolani Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, e di tutti gli sponsor dell’evento.

Inoltre 3 le medaglie d’oro assegnate: Lorenzo Cesari per Mtb-Enduro (Appenninobike Asd), Jacopo Campoli per pattinaggio artistico (Imola Roller Asd) e Alice Beltrame per nuoto (Imolanuoto Asd). (r.cr.)

Nella foto del Rotary club le premiazioni

Il 37° Premio Rotary Sport quest’anno riconosce meriti sportivi e scolastici a 61 tra ragazzi e ragazze imolesi delle superiori
Cronaca 18 Ottobre 2022

Successo e partecipazione per gli Open day degli Istituti superiori di Imola, oltre 1.000 presenze tra ragazzi e genitori

Oltre mille tra ragazzi e genitori hanno partecipato all’open day per le scuole superiori della città. Dopo la partecipata illustrazione dell’evento serale di presentazione della Giornata dell’Orientamento scolastico, giovedì scorso nella Sala Grande di palazzo Sersanti, ha riscosso grande successo l’Open day di tutti gli istituti superiori imolesi, in occasione della Giornata dell’Orientamento scolastico, che si è svolta sabato pomeriggio scorso, all’Istituto comprensivo 7, nella scuola media Orsini, in Pedagna.

Ad organizzare le due iniziative, rivolte agli studenti delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado e alle loro famiglie, sono stati il Nuovo Circondario Imolese e il Distretto per l’istruzione, la formazione e il lavoro del territorio imolese – Ciss/T, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. 

«Dopo gli anni della pandemia, per la prima volta l’open day si è svolto in presenza, con la presenza di tutti gli istituti superiori imolesi e la partecipazione di oltre mille fra alunni e genitori. Il patto educativo fra alunni, famiglie e docenti è la miglior garanzia della scelta più responsabile per quanto riguarda il passaggio alla scuola secondaria superiore di secondo grado – sottolineano il vice sindaco ed assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari e il sindaco di Fontanelice e con delega all’Istruzione nel Nuovo Circondario Imolese, Gabriele Meluzzi –. Il rapporto fra scuola e territorio è fondamentale, perché la scuola che svolge il proprio ruolo educativo-formativo sa che può contare sul territorio e sul suo sistema economico, sociale e culturale. La scuola rappresenta il futuro e vuole meglio garantire ai giovani adeguate ed idonee prospettive di inserimento lavorativo». (r.cr.)

Nella foto dell’Ufficio Stampa del Comune alcuni momenti dell’Open day

Successo e partecipazione per gli Open day degli Istituti superiori di Imola, oltre 1.000 presenze tra ragazzi e genitori
Cronaca 17 Ottobre 2022

Gli studenti «olimpionici» Davide Bartoli e Leonardo Morotti ricevuti dal sindaco Panieri

Riconoscere e valorizzare ufficialmente la qualità dell’impegno nella «professione» studentesca. Questo è quanto ha voluto fare il sindaco Marco Panieri che ha ricevuto in municipio Davide Bartoli e Leonardo Morotti, studenti più medagliati della storia imolese, per complimentarsi con loro.

«Ho incontrato con grande piacere Davide Bartoli e Leonardo Morotti, diplomati al liceo scientifico di scienze applicate Alberghetti che hanno ottenuto importanti risultati nelle competizioni internazionali sulle materie studiate. In particolare – sottolinea il sindaco Marco Panieri, a margine della consegna dei giovani studente di un volume e un attestato – parliamo delle Olimpiadi di informatica e di biologia, nelle quali hanno conseguito numerosi riconoscimenti e si sono classificati ai più alti livelli, in ambito mondiale. Tutto questo ci rende profondamente orgogliosi e ho voluto cogliere questa occasione per complimentarmi di persona a nome della città. Rendono infatti merito al nostro sistema d’istruzione locale, che si conferma di grande livello, e a tutte le persone come i docenti e i presidi che nella formazione spendono la propria vocazione per la comunità».

Ad accompagnare Leonardo Morotti e Davide Bartoli c’erano le docenti Sonia Manaresi, che è stata la loro insegnante di biologia e scienze, facendo appassionare Leonardo alla biologia e Francesca Ferri, che ha seguito le Olimpiadi di informatica.

Dopo essersi diplomati con lode al Liceo scientifico delle scienze applicate Alberghetti hanno intrapreso le fasi di preparazione per poter affrontare al meglio le Olimpiadi internazionali e rappresentare l’Italia, confrontandosi con i migliori studenti provenienti da ogni parte del mondo.

Davide Bartoli è un plurimedagliato olimpico, essendosi piazzato per tre anni consecutivi sui gradini più alti del podio nazionale delle Olimpiadi di Informatica nel 2020, nel 2021 e nel 2022, conquistando rispettivamente una medaglia d’argento e due medaglie di bronzo.  Davide ha scelto la facoltà di Ingegneria e scienze informatiche a Cesena.

Anche Leonardo ha vinto ben tre medaglie olimpiche: l’ultima nel luglio scorso, in Armenia, paese ospitante delle recenti Olimpiadi di Biologia, dove ha vinto la medaglia d’argento. Era stato il migliore studente d’Italia nelle Scienze naturali nel 2019, risultato che gli ha consentito di volare in Corea del Sud, dove ha conquistato l’argento olimpico nelle Scienze della Terra, a cui è seguita un’altra medaglia d’argento, alle Olimpiadi internazionali di Biologia nel 2021. Ha appena iniziato il corso di laurea in biotecnologie alla Scuola Normale Superiore di Pisa. (r.cr.)

Nella foto del Comune di Imola l’incontro tra sindaco e studenti

Gli studenti «olimpionici» Davide Bartoli e Leonardo Morotti ricevuti dal sindaco Panieri
Cronaca 24 Maggio 2022

A Imola la marcia dei… 1.300 studenti per i valori della legalità

A 30 anni dalla strage di Capaci del 23 maggio 1992, in cui persero la vita oltre a Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, ieri 1.300 studenti imolesi, dalle elementari alle superiori (con capofila l’IC6), hanno fatto sentire la loro voce, camminando insieme dal cortile delle scuole Carducci fino a piazza Matteotti. Tutto gli istituti partecipanti hanno ricevuto in ricordo uno specchio per riconoscersi «Ambasciatori di valori». 

Tante magliette bianche a ricordare i lenzuoli bianchi e quei concetti puliti alla base della legalità cari ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
Tra i tanti momenti emozionanti la lettura della poesia di Alda Merini «La mafia è il cavallo nero dell’apocalisse che porta in sella un relitto mortale…» a la canzone «Cento passi» dedicata a Tonino Impastato.

«Un evento davvero emozionante e bello – ha commentato sul palco il sindaco Panieri -. Grazie anche alle forze dell’ordine che sono punto di riferimento fondamentale per garantire ogni giorno la sicurezza delle nostre comunità. La lotta per la giustizia e l’equità nella società spetta però a tutti, ogni giorno». 

Presenti anche Francesca Marchetti, presidente della Commissione regionale Legalità, Elisa Renda, per ConCittadini – Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, Flavio Lotti, coordinatore nazionale delle scuole di Pace e Filippo D”Amato di Libera. (r.cr.)

Foto Isolapress

A Imola la marcia dei… 1.300 studenti per i valori della legalità
Cultura e Spettacoli 26 Novembre 2021

Lettura, in piazza a Imola la «biblioteca umana» degli studenti dell’Andrea Costa

In occasione dell’iniziativa #Ioleggoperché, che consente di regalare un libro alle biblioteche scolastiche, gli studenti della scuola media Andrea Costa (Istituto comprensivo 6 di Imola) hanno organizzato un flashmob letterario in programma domani, sabato 27 novembre, in piazza Matteotti (ore 9-12).  «Ciascuna delle 18 classi della scuola – spiega Elena Gurioli, tra le promotrici dell’evento – ha “adottato” un libro e ne ha imparato capitoli a memoria. In piazza verrà allestita una vera e propria biblioteca di “uomini libro”: per cui, se vi capiterà di imbattervi in un ragazzino che vi ferma, si toglie il cappello e vi saluta dicendo “Salve, io sono Se questo è un uomo di Primo Levi”, prestategli ascolto qualche minuto ed ascoltatelo mentre recita se stesso».

Da tre anni più di 400 ragazzi della scuola imolese sono coinvolti nella promozione della lettura. Già nel 2019 la scuola si è aggiudicata il contest, risultando vincitrice tra più di 1000 scuole di tutta Italia e ricevendo in premio 10 buoni-libro da 1.500 euro. 

Nella foto: alcuni degli studenti coinvolti nel progetto dell’Andrea Costa

Lettura, in piazza a Imola la «biblioteca umana» degli studenti dell’Andrea Costa
Cronaca 20 Agosto 2021

Autobus, abbonamenti gratuiti per gli studenti under 14 dell’Emilia Romagna, richieste al via da fine agosto

Come lo scorso anno la Regione Emilia Romagna offre agli studenti under 14 (nati tra il 2008 e il 2015) l’abbonamento annuale gratuito al trasporto pubblico urbano, per gli spostamenti casa-scuola e per il tempo libero.

La gratuità vale anche per tutti gli altri studenti delle scuole superiori fino ai 19 anni di età, purchè con Isee del nucleo familiare (contenente il codice fiscale dello studente) minore o uguale a 30 mila euro.

Per l’area di Imola e Bologna, il genitore può richiedere l’abbonamento gratuito scrivendo all’indirizzo email grande@tper.it. C’è tempo dalla fine di agosto, fino al 31 ottobre. L’abbonamento potrà essere rilasciato fino al 30 novembre tramite l’app Roger, scaricabile gratuitamente sullo smartphone dello studente intestatario. In alternativa, è possibile richiedere, anche on line, una tessera tradizionale. Ulteriori informazioni sulla pagina web rogerapp.it/grande oppure sul sito della Regione Emilia Romagna, nella sezione «Mobilità». (lo.mi.) 

Foto d’archivio

Autobus, abbonamenti gratuiti per gli studenti under 14 dell’Emilia Romagna, richieste al via da fine agosto
Cronaca 14 Maggio 2021

Dalla Regione 8 milioni di euro per centri estivi e opportunità formative fuori dall'aula per i ragazzi delle scuole superiori

Dopo oltre un anno scolastico segnato dalle difficoltà della pandemia, la Regione Emilia Romagna finanzia con 8 milioni di euro numerose iniziative per permettere una maggiore socialità di bambini e ragazzi durante il periodo estivo. Il programma presentato dalla Regione risulta in linea con il piano scuola estate 2021 delineato dal Governo.

Dal 7 giugno riaprono i centri estivi pubblici e privati, per bambini e ragazzi dai 3 ai 17 anni. La Regione ha stanziato 6 milioni per abbattere le rette delle famiglie. Verranno favorite attività all”aria aperta, nel rispetto delle normative anti-Covid, per garantire massima tutela dei ragazzi e delle loro famiglie. La platea dei beneficiari dei bonus famiglia si allarga rispetto agli anni precedenti: potranno usufruire degli sgravi famiglie con un reddito Isee pari a 35 mila euro, rispetto ai 28 mila dello scorso anno. La Regione offrirà un contributo massimo di 336 euro a famiglia.

Anche i ragazzi delle scuole superiori avranno l”opportunità di socializzazione fuori dalle aule, con l”arricchimento dell”offerta curricolare. La Regione ha stanziato 2 milioni di euro per finanziare lo svolgimento di attività ricreative quali visite ai musei, spettacoli, escursioni nella natura e attività sportive. Il progetto mira ad estendersi per l”estate 2021 e per l”anno scolastico 2021/2022.

«Questo significa far “rinascere” i nostri giovani – dichiara la consigliera regionale Francesca Marchetti presidente della commissione Cultura, scuola, formazione, lavoro, sport e  legalità –  e dare l”opportunità di costruire servizi per l”infanzia e una scuola ancora migliori, più vicini al territorio». (r.cr.)

Su «sabato sera» in edicola dal 13 maggio un approfondimento sul futuro della scuola con le interviste agli assessori Fabrizio Castellari (Imola), Giulia Naldi (Castel San Pietro) e Dilva Fava (Medicina)

Immagine di repertorio

Dalla Regione 8 milioni di euro per centri estivi e opportunità formative fuori dall'aula per i ragazzi delle scuole superiori
Cronaca 9 Marzo 2021

Coronavirus e scuola, oltre tremila spettatori all’assemblea on line per parlare di contagi e giovani

Oltre tremila spettatori collegati simultaneamente e già 11.500 visualizzazioni su canale YouTube «Futurimola Aps». Sono questi i numeri dell’assemblea «L’andamento dei contagi e le responsabilità individuali», trasmessa ieri mattina on line e organizzata da tutti gli istituti superiori imolesi.

«Ci riteniamo molto soddisfatti dell’evento realizzato e ci auguriamo di essere riusciti a trasmettere ai nostri studenti l’importanza delle scelte che ognuno di noi prende quotidianamente» dicono i rappresentati di istituto.

Oltre alla testimonianza della studentessa Ilaria Dall’Olio, finita in terapia intensiva a causa del Covid, all’assemblea hanno partecipato anche  il sindaco Marco Panieri, il direttore generale dell’Ausl di Imola Andrea Rossi, il comandante della polizia locale Daniele Brighi e la presidente della commissione Sanità del Consiglio comunale Sonia Maranesi.

«Grazie per la vostra attenzione e per la maturità che avete dimostrato e che vi chiedo di continuare ad avere – ha detto il sindaco Panieri -. A tutti, non solo a voi, rinnovo un appello alla responsabilità e alla prudenza. La campagna vaccinale prosegue, vediamo la luce in fondo al tunnel, non possiamo mollare ora».

«È necessario che le nuove generazioni comprendano appieno l’importanza di mantenere comportamenti responsabili, attenendosi scrupolosamente a quelle regole che tutti oramai conosciamo e che sono fondamentali per ridurre le possibilità di contagio: distanziamento fisico, uso delle mascherine e norme igieniche come il lavaggio delle mani – aggiunge Rossi -. Sono certo che usciremo da questa situazione, ma potremo farlo più facilmente e più velocemente se ognuno farà la propria parte. Ai giovani si richiede questo sacrificio, fatto di molte privazioni, difficili alla loro età, ma necessarie per tornare quanto prima alla didattica in presenza ed alla piena socialità, “ingredienti” indispensabili del futuro di tutti noi». (gi.gi.)

Ulteriori approfondimenti sul tema su «sabato sera» in edicola dall”11 marzo.

Nella foto (Isolapress) il sindaco Marco Panieri, il coordinatore Luca Carofiglio (portavoce di Futurimola Aps) e Ilaria Dall”Olio durante l”assemblea

Coronavirus e scuola, oltre tremila spettatori all’assemblea on line per parlare di contagi e giovani
Cronaca 18 Febbraio 2021

Coronavirus, le scuole superiori in Emilia Romagna proseguono al 50% in presenza fino al 6 marzo

Le scuole superiori continueranno con la didattica in presenza fino al 50% fino a sabato 6 marzo. La decisione è stata presa dall’Ufficio scolastico regionale dell’Emilia Romagna che ha inviato in mattinata una nota ai presidi siglata dal direttore generale Stefano Versari.

Le  motivazioni  “fondano  su  principi  di  ragionevolezza,  prudenza, congruenza  territoriale e  su  elementi  conoscitivi  in  ordine  all’andamento  epidemico  e  alla frequenza  scolastica,  progressivamente  trasmessi  dalla  Direzione  generale  cura  della persona, salute e welfare della Regione Emilia-Romagna – precisa la nota -. Nell’aggiornamento tecnico ricevuto in data odierna, osservato che nelle due ultime settimane – sulla base di campioni random esaminati nell’ambito della survey nazionale – si registra in regione un incremento di 10 punti percentuali della incidenza di casi della variante inglese” che interessa soprattutto la  popolazione  giovanile quindi, continua Versari – appare accomandabile la non variazione delle condizioni nelle quali viene garantita la frequenza scolastica al momento attuale”. 

Non solo, vista la situazione, il dirigente mette le mani avanti e anticipa che tutto ciò avrà valore “a meno di provvedimenti di ulteriore limitazione che potranno essere assunti dai livelli istituzionali competenti in materia, in ragione dell’eventuale peggioramento epidemico”.

Le scuole superiori sono ritornati sui banchi lunedì 18 gennaio e da quella data frequentano al 50%. Inizialmente la Regione aveva previsto di ripartire con la presenza solo dal 25 gennaio ma un ricorso al Tar dell’Emilia Romagna di 21 genitori aveva ha annullato l’ordinanza regionale e si era partiti. (r.cr.)

Coronavirus, le scuole superiori in Emilia Romagna proseguono al 50% in presenza fino al 6 marzo

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA