Cronaca

Studenti ed effetto Covid: ansia, irritabilità, calo della motivazione e concentrazione

Studenti ed effetto Covid: ansia, irritabilità, calo della motivazione e concentrazione

Non è solo il rendimento scolastico degli studenti degli istituti superiori a risentire dell’emergenza sanitaria, che ha portato al protrarsi della didattica a distanza e al ritorno sui banchi solo del 50% dei ragazzi, lunedì scorso. «Dal confronto con i docenti emerge un calo di concentrazione e una maggiore difficoltà a seguire le lezioni» osservano Elisa Grillini, psicologa referente del punto di ascolto del polo liceale e dello Scarabelli-Ghini di Imola, e Ylenia Fiano, al suo fianco all’Agrario.

Le difficoltà per cui gli studenti si stanno rivolgendo ai punti di ascolto in questi mesi sono differenti: «Il disagio espresso in ambito scolastico fa riferimento anche ai continui cambiamenti rispetto alla chiusura o la riapertura delle scuole – continuano – in generale esiste una vasta gamma di comportamenti che dobbiamo riconoscere come segnali di allarme: la ricerca della solitudine che può sfociare nel ritiro sociale o al contrario la ricerca di una socialità smisurata, la difficoltà di concentrazione, l’irritabilità, il nervosismo, stati d’ansia e malessere fisico come mal di testa, nausea e perdita di energia vitale». (lu.ba.)

Ulteriori dettagli su «sabato sera» del 21 gennaio.

Foto d’archivio 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast