Posts by tag: tour

Cultura e Spettacoli 27 Novembre 2019

La cantante imolese Giada Maragno sul palco con Anastacia nel musical «We will rock you»

«Essere sul palco con la tua star preferita, di cui sei da sempre fan sfegatata, non è cosa da tutti i giorni. Ed è quello che mi succederà con la partecipazione al musical «We will rock you» che nel tour olandese vede protagonista Anastacia». Giada Maragno, cantante imolese che da diversi anni sta lavorando in vari campi del mondo dello spettacolo per far diventare realtà il suo sogno di vivere di musica, sta vivendo un momento di grande eccitazione. Ha trascorso il mese di ottobre, infatti, a Roma per le prove italiane del musical basato sulle musiche dei Queen, prima di partire alla volta dei Paesi Bassi.

Ma andiamo per ordine. Quest’anno i Queen le stanno evidentemente portando fortuna, perché questa nuova avventura prende il via a maggio quando Giada è a Roma per le prove del tour estivo di Queen at the Opera, lo show concerto sinfonico basato sulle canzoni della band di Mercury, di cui era una delle vocisoliste. «In questa ripresa ho iniziato anche ad interpretare i brani con voce da soprano, oltre quelli pop – spiega la Maragno – e siamo partiti per un tour che ha toccato una ventina di date nel sud, per concludersi il 20 agosto sul palco dell’Ariston a Sanremo. Una grande emozione».

Torniamo al cast di «We will rock you» con Anastacia. Tu come ci entri?
«Mentre ero a Roma per le prove, ho saputo di un bando in cui cercavano una cover (nel gergo teatrale la sostituta, Nda) per la Killer Queen, uno dei ruoli protagonisti del musical che dal 2002 ha successo in tutto il mondo, scritto in collaborazione con Roger Taylor e Brian May, batterista e chitarrista dei Queen: il musical racconta di un pianeta nel futuro in cui sono stati banditi il rock e la musica dal vivo, per colpa della terribile Killer Queen. La resistenza è portata avanti da un gruppo di giovani, i Bohemians, che cerca di recuperare i brani musicali del passato. Lo spettacolo è allestito in diversi Paesi: in questo caso si tratta di una produzione della Peep Arrow, cioè Massimo Romeo Piparo, regista, autore ed uno dei produttori più famosi di musical, in collaborazione con la compagnia olandese Tec, per produrre lo spettacolo appunto in Olanda. E a ricoprire il ruolo della Killer Queen è stata chiamata proprio Anastacia».

Come sono andate le audizioni? E, se sei la sostituta, come fai ad essere sul palco con il tuo mito?
«L’audizione era al teatro Sistina. Quando mi sono presentata il primo giorno per quel ruolo specifico eravamo in quattro o cinque in tutto, perché richiedevano una competenza alta di inglese, lingua in cui ci hanno chiesto sia la prova di canto che di recitazione. Il secondo giorno c’ero solo io e ho cominciato a sperare per il meglio. Mi hanno fatto ricantare due brani, “Another one bites the dust” e “Killer Queen”. Dopo un mese dall’audizione mi hanno chiamata. Faccio parte dell’Ensemble cover, cioè di quelli che ballano e cantano nelle scene di gruppo dietro i protagonisti, quindi sono sempre in scena in tutte le settanta repliche che ci saranno da novembre a febbraio in giro per l’Olanda. Nel caso in cui la protagonista sia indisposta, ricoprirò il ruolo di Killer Queen, al posto quindi di Anastacia o della sua alternate Tia Architto: chiaramente la famosa star ci sarà nelle tappe principali, poi sarà sostituita da questa bravissima artista sudafricana che ho già conosciuto quando ho partecipato al musical Sister Act, dove Tia interpretava Delores, il ruolo che nel film era di Whoopi Goldberg. Quando mi ha vista mi ha riconosciuta ed ha detto di essere contenta di lavorare ancora con me». (fa.vi.)

L”intervista completa è su «sabato sera» del 21 novembre

La cantante imolese Giada Maragno sul palco con Anastacia nel musical «We will rock you»
Cultura e Spettacoli 26 Luglio 2019

Con Cinema in tour i film si guardano gratis sotto le stelle girando per i comuni del circondario

La proiezione di un film sul muro di una casa del paese è l’evento attorno a cui si sviluppa la tragedia in “Nuovo cinema paradiso”. Ma è anche emblema della magia del cinema, che esce da qualsiasi confine per invadere cuori e menti. E se la commozione e l’incantamento della pellicola di Giuseppe Tornatore resteranno una pietra miliare nella cinematografia italiana, altrettante emozioni declinate in tutta la scala cromatica vengono fatte nascere dalle proiezioni di storie sul grande schermo. Talvolta, poi, ad amplificarle, interviene l’ambiente, la suggestione di un luogo, l’arte o la natura.

Ne sa qualcosa chi prende parte a “Cinema in tour”, la rassegna itinerante iniziata il 4 luglio e in programma fino a inizio settembre: proposta nei comuni del circondario, vede la proiezione di film in luoghi insoliti, nelle piazze, all’ombra di rocche e palazzi, nei parchi, nei prati. Ogni sera un luogo diverso,ogni sera un paese diverso. Come un vecchio camioncino pieno di film che girano, girano, girano… finché non trovano gli spettatori giusti. Quelli che si siedono sotto le stelle, su sedie talvolta messe appositamente dagli organizzatori talvolta portate da casa talvolta di fortuna, che hanno un giubbottino a portata di mano perché non si sa mai e che, col sorriso, si apprestano a vivere una storia. Ad entrare nel magico mondo dei film: che fa sorridere, piangere, arrabbiare, amare, sperare. E che fa condividere: questo accade sempre, perché in qualsiasi sala cinematografica senti il tuo vicino che vive la storia con te, ma sotto le stelle, in una compagnia estiva, hai anche la sensazione di una gita, una scampagnata, un ritrovo tra amici.

E allora arrivi, ti siedi davanti al grande schermo, ti guardi intorno, vedi gli alberi che ondeggiano sopra di te o le ombre che calano sui palazzi antichi. Intanto giungono altre persone che prendono posto, qualcuno introduce il film, partono i trailer e sale l’attesa… fino a che la storia comincia. Può essere un thriller ad alta tensione o un delicato e divertente film per bambini, un amore tormentato o una biografia intensa e dolorosa. Su tutto brillano le stelle e sbircia la luna, mentre in lontananza senti le voci dei ragazzi che giocano e si divertono, vedi la luce di qualche bicicletta che passa. E respiri l’estate. (s.f.)

Gli appuntamenti dei prossimi giorni con “Cinema in tour”:

venerdì 26 luglio – Toscanella (Dozza)- Piazza Libertà
LUPIN III – IL CASTELLO DI CAGLIOSTRO di Hayao Miyazaki, animazione

sabato 27 luglio – Zello (Imola) – Area feste circolo Mcl, via Zello
IL CASTELLO ERRANTE DI HOWL di Hayao Miyazaki, animazione

domenica 28 luglio – Osteria Grande (Castel San Pietro Terme) – Piazzetta interna Centro Commerciale, via Secondo Grassi 9
DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES di Jaco Van Dormael, commedia

lunedì 29 luglio – Castel Guelfo – Piazza XX Settembre
NON CI RESTA CHE VINCERE di Javier Fesser, commedia

martedì 30 luglio – Imola – Centro Sociale Zolino, via Tinti 1
INDIANA JONES E L’ULTIMA CROCIATA di Steven Spielberg, avventura

mercoledì 31 luglio – Ponticelli (Imola) – Centro Sociale, via Montanara 250
SAMBA di Eric Toledano, commedia

Nella foto, di Isolapress, il pubblico in attesa della proiezione durante una serata di Cinema in tour al centro sociale La Tozzona di Imola

Con Cinema in tour i film si guardano gratis sotto le stelle girando per i comuni del circondario

Lisa Manara, la cantante imolese in tour con Gianni Morandi

Sul palco del Gianni Morandi Tour 2018 “d’amore d’autore” c’è anche Lisa Manara. La ventiseienne cantante originaria di Sesto Imolese fa così parte della band del tour partito da Rimini sabato 24 febbraio (con una data zero a Jesolo giovedì scorso). Band che, capitanata dal Gianni nazionale, vede Alberto Paderni alla batteria, Mattia Bigi al basso, Lele Leonardi e Elia Garutti alla chitarra, Alessandro Magri alle tastiere, Simone D’Eusanio al violino, Francesco Montisano al sax, Lisa Manara (appunto), Augusta Trebeschi e Moris Pradella ai cori.

Il tour, prodotto e organizzato da F&P Group, ha dovuto nutrirsi in corsa di ulteriori date, visto le continue richieste (a Rimini, ad esempio, è andato sold out) e coprirà tutta la penisola: sarà anche all’Unipol Arena di Casalecchio il 24 marzo e avrà una data speciale all’Arena di Verona il 25 aprile.

Ma come è entrata Lisa, che conosciamo per la voce bellissima e il suo repertorio principalmente blues e afro, in una delle produzioni musicali più importanti d’Italia?

«Mi ha chiamata il direttore della band di Gianni Morandi, che è anche il pianista, Alessandro Magri, per fare un provino – ci racconta con entusiasmo -. Quando, dopo un po’ di tempo, ho saputo l’esito ero veramente contenta! È un’esperienza nuova per me, che non avevo mai fatto la corista: è un ruolo bello, difficile, che, al servizio dell’artista, ti fa scoprire tante cose. È bellissimo vedere tutto il lavoro che riesce a gestire un artista come Gianni Morandi, che ha un’esperienza grandissima».

Organizzare un concerto del genere deve essere un lavoro particolarmente curato.

«Morandi, la produzione, i suoi collaboratori, tutti quelli che sono coinvolti non lasciano nulla al caso: ogni dettaglio è studiato e seguito, così come ogni particolare necessario per dare al pubblico un grande concerto di due ore e mezza».

Com’è Gianni Morandi dal vivo?

«È veramente come lo si vede: pieno di energia, super positivo. Ci ha dato e ci dà tanta carica. È un grande maestro, preciso, attento, non lascia nulla al caso, sa quello che vuole. Sto imparando molto».

L”intervista completa su “sabato sera” dell”1 marzo.

r.c.

Nella foto: Lisa Manara sul palco con Gianni Morandi

Lisa Manara, la cantante imolese in tour con Gianni Morandi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast