Posts by tag: Trasporti

Cronaca 29 Giugno 2019

Imola entra nella rete Flixbus, gli autobus green che mettono in collegamento le città d'Europa

Viaggiare per l”Europa a bordo di autobus a basso impatto ambientale partendo direttamente da Imola oggi si può. La nostra città è infatti entrata nella rete FlixBus, la società che, con i suoi bus verdi in grado di collegare 2.000 destinazioni in 29 paesi, è leader in Europa nel settore e assicura il più esteso network di collegamenti intercity del mondo. Otto le mete in Emilia Romagna e Lombardia alle quali Imola è collegata direttamente senza cambi, compresi l’aeroporto milanese di Linate e quello bergamasco di Orio al Serio. In Emilia Romagna sono connesse a Imola, invece, Ravenna, Forlì, Bologna e Piacenza.

Inoltre, la rete permette ai viaggiatori imolesi di raggiungere con un solo biglietto tante località europee: una volta raggiunta Bologna, ad esempio, si potrà salire sui mezzi per Parigi, Praga, Budapest e Vienna. Arrivando a Milano, invece, sono attivi interscambi con destinazione Madrid, Barcellona, Berlino e Amsterdam, solo per fare alcuni nomi.

Flixbus è attivo dal 2013 con i suoi mezzi che assicurano ogni giorno oltre 350.000 collegamenti con un livello di efficienza energetica alto e un”emissione di gas a effetto serra molto bassa. La fermata imolese si trova in via Romagnoli 15 e i ticket sono acquistabili online direttamente sul sito della compagnia o scaricando l’apposita app, ma anche rivolgendosi alle agenzie viaggi del territorio e nelle edicole convenzionate con questo servizio. (r.cr.)

Imola entra nella rete Flixbus, gli autobus green che mettono in collegamento le città d'Europa
Cronaca 16 Maggio 2019

Treni, orari rivoluzionati per “frecce' e intercity il 18 e 19 maggio per i lavori sulla tratta Bologna-Rimini-Ancona

Sabato 18 e domenica 19 maggio 2019 Rfi, la società del gruppo Ferrovie dello Stato che si occupa della rete infrastrutturale, ha programmato lavori sulle linee ferroviarie Bologna-Rimini (tra Castelbolognese e Rimini) e Rimini-Ancona che determineranno una serie di modifiche alla circolazione dei treni a lunga percorrenza. Le corse interessate dai cambiamenti sono quelle di Frecciarossa, Frecciabianca, IC (Intercity) e ICN (Intercity notte), che subiranno cancellazioni, limitazioni e variazioni di percorso (in questo caso con una nuova numerazione).

Per i viaggiatori saranno presenti servizi sostitutivi:

– sulla linea Bologna-Rimini sarà a disposizione un servizio di bus con fermate in tutte le stazioni tranne Riminifiera;

– sulle linee Genova/Voghera/Piacenza/Bologna Centrale – Rimini/Ancona/Pescara i nuovi treni seguiranno il percorso via Bologna-Castelbolognese-Lugo-Ravenna–Rimini con fermate aggiuntive a Solarolo, Lugo, Bagnacavallo, Russi, Godo, Lido Classe/Savio, Cervia M.M., Cesenatico, Igea Marina, mentre non effettueranno le fermate tra Castelbolognese e Rimini, via Faenza-Cesena;

– sulle linee Ravenna-Rimini e Bologna-Rimini saranno effettuati servizi di bus Tper.

L”orario dettagliato è disponibile nelle stazioni, sui sistemi informatici e di vendita dove, digitando stazione di partenza, arrivo e data del viaggio, è possibile verificare in automatico l’offerta alternativa. Sul sito dell’impresa ferroviaria, nella sezione “Orari regionali digitali”, è inoltre possibile scaricare le fiches con l’orario completo dei treni regionali dell’Emilia Romagna nei due giorni interessati dai lavori.

Tornando ai lavori, oltre 150 tecnici di Rfi e delle ditte appaltatrici eseguiranno vari interventi lungo la linea che rientrano nel progetto di velocizzazione della direttrice adriatica Bologna–Lecce, che consentirà ai treni di viaggiare fino alla velocità massima di 200 chilometri orari. Nell”occasione si faranno anche lavori di manutenzione in seguito alle esondazioni di lunedì 13 maggio.

Per maggiori informazioni: sito www.trenitalia.com (r.cr.) 

Nella foto un “Frecciarossa” tratto dal sito www.trenitalia.com

Treni, orari rivoluzionati per “frecce' e intercity il 18 e 19 maggio per i lavori sulla tratta Bologna-Rimini-Ancona
Cronaca 13 Maggio 2019

Maltempo, esonda il Savio, treni fermi tra Faenza e Cesena, ritardi e problemi sulla linea Bologna-Rimini

Ritardi o modifiche negli orari per chi deve viaggiare sulla linea Bologna-Rimini. Il Savio è esondato e altri torrenti sono a rischio, da qui la decisione di bloccare la circolazione dei treni  nel tratto che va da Faenza a Cesena. «I convogli a lunga percorrenza e alcuni regionali sono stati fatti deviare su percorsi alternativi, via Ravenna, e le persone sono invitate ad utilizzare questi per muoversi, è chiaro che si allungano i tempi – confermano da Ferrovie dello Stato -. Abbiamo potenziato il personale nelle stazioni interessate per fornire assistenza ai viaggiatori ma la situazione è in continuo cambiamento. Al momento stiamo riorganizzando l’offerta».

Alle ore 13 quindi, tra Faenza e Cesena sono stati attivati dei servizi sostitutivi con dei bus; per ritornare a Imola da Bologna sono previsti ritardi, così come da Faenza è più conveniente il bus; qualche problema in più per chi deve andare o tornare da Rimini. Ma la situazione può cambiare. «Il consiglio è controllare gli aggiornamenti sul nostro sito nell’area delle informazioni sulla viabilità oppure chiamando il numero verde 800892021 attivato per questa emergenza» dicono sempre da Ferrovie dello Stato.

«L’infrastruttura non ha alcun problema ma è una scelta precauzionale per un’eventuale esondazione, stiamo monitorando costantemente la situazione e anche i tratti interessate possono cambiare nelle prossime ore». Ovviamente la speranza è che tutto torni alla normalità nel più breve tempo possibile. (l.a.)

Foto d”archivio

Maltempo, esonda il Savio, treni fermi tra Faenza e Cesena, ritardi e problemi sulla linea Bologna-Rimini
Cronaca 15 Marzo 2019

Treni, introdotte novità positive per i pendolari. Ma per quelli di Varignana manca ancora qualcosa

Un paio di treni in più per il rientro dei pendolari da Bologna e uno per chi deve viaggiare in direzione contraria, tutti nel tardo pomeriggio. E’ uno degli ulteriori aggiustamenti introdotti da Trenitalia da lunedì 11 marzo, dopo l’avvio a dicembre del nuovo orario pensato, in accordo con la Regione, per accorciare i tempi di percorrenza per chi viaggia da Bologna a Ravenna e potenziare il Servizio ferroviario metropolitano (Sfm), la cosiddetta «metropolitana di superficie» tra capoluogo e Imola, ma che, alla prova dei fatti, aveva portato non pochi disagi ai pendolari. Da qui proteste, di cittadini e Comuni, e varie correzioni, sempre in accordo con la Regione.

Nella nostra zona i problemi si erano evidenziati soprattutto per i collegamenti con le stazioni minori, San Lazzaro, Ozzano, Varignana e Castel San Pietro. Da lunedì sono state aggiunte due nuove fermate a Castel San Pietro dei Regionali 2981 e 2983 da Bologna per Ravenna, il primo fermerà nella stazione castellana alle 18.05, il secondo alle 20.05. In direzione contraria, invece, un nuovo treno da Imola verso Bologna partirà alle ore 18.40, con fermate a Castel San Pietro, Varignana, Ozzano Emilia, San Lazzaro e Bologna San Vitale; circolerà nei giorni feriali, dal lunedì al sabato.

«C’è voluto del tempo, ma alcune delle nostre richieste fondamentali sono state accolte» commenta Stefania Scarale, che lavora a Imola e abita a San Lazzaro e fa parte del gruppo Pendolari Caselle. «E’ cosa rara e preziosa quando l’amministrazione pubblica riconosce l’errore e pone rimedio. Rimane il nodo dei nostri amici che ancora hanno difficoltà a tornare da San Lazzaro in Romagna, ma confidiamo che anche questo problema venga presto risolto».

Parzialmente soddisfatto il sindaco di Castel San Pietro, Fausto Tinti, che, insieme a Luca Lelli di Ozzano e alla collega di San Lazzaro, hanno incontrato più volte la Regione per sottolineare i problemi dei loro cittadini: «Rimane il problema di Varignana – dice Tinti -, vorremmo che fermasse un treno alla sera, alle 18.44, per i pendolari di ritorno da Bologna». (l.a.)

Treni, introdotte novità positive per i pendolari. Ma per quelli di Varignana manca ancora qualcosa
Cronaca 8 Marzo 2019

Ad Alessandra Lucaroni il premio per la “camionista dell'anno', messo in palio dal Roberto Nuti Group di Castel Guelfo

Viene da Monterotondo, in provincia di Roma, la vincitrice della decima edizione del premio Sabo Rosa, dedicato nella ricorrenza dell”8 marzo alle donne che lavorano in un campo di solito ritenuto appannaggio degli uomini, vale a dire la filiera del trasporto pesante: guida, logistica, officine e ricambi. Alessandra Lucaroni è stata votata come “camionista dell”anno” dalla giuria composta dalle dipendenti del main sponsor, il Roberto Nuti Group, che ha la sua sede centrale a Castel Guelfo e che da oltre mezzo secolo è leader nel settore dei veicoli industriali con i ricambi a marchio Sabo. La votazione del Sabo Rosa, che è attribuito una volta all”anno, è avvenuta online, sulla base delle candidature pervenute via web.

La vincitrice gestisce a Fiano Romano l”officina di famiglia “Ormia”, specializzata nei mezzi Scania e nota nell”ambiente come “L”Officina delle Donne”. Il premio vinto lo ha dedicato a suo padre, fondatore dell”officina di cui oggi la figlia è titolare e che le ha trasmesso l’amore per la meccanica. «Fin da bambina – racconta Alessandra Lucaroni -. sono stata il ”maschiaccio” di casa e sono cresciuta accanto a mio padre che riparava mezzi dell’esercito, e da li è sbocciato l’amore. Mi ricordo ancora l”emozione fortissima che provavo quando mi faceva salire sui carri armati»”.

La camionista dell”anno 2019 si è dunque ritagliata, con molta determinazione, uno spazio riconosciuto e apprezzato in un ambiente solitamente considerato per soli uomini. «Si deve partire con l”idea che non esistono lavori da uomini o da donne – sottolinea – e che nel lavoro contano solo la passione, l’impegno e il cuore che uno mette in ciò che fa. È chiaro che all”inizio è complicato farsi rispettare, e occorre metterci un carattere forte e magari fare il doppio della fatica per essere accettate. Una volta abbattuti i muri, però, e si riesce a mostrare quanto si vale, lo scetticismo finisce e ci si trova in un mondo appassionato di meccanica in cui è facile farsi ascoltare perché si conosce la materia e si sa quello che si dice. Oggi i camionisti ci chiamano e dicono ”pensaci tu, mi fido di te”. È il miglior complimento possibile».

Nella sua azienda lo scorso anno è stato assunto un meccanico donna e in squadra ci sono anche due magazziniere che masticano meccanica ogni giorno. E con una piena e impegnativa carriera lavorativa Alessandra concilia anche una famiglia. «Sono mamma di tre figli maschi di 27,18 e 16 anni – scherza -, quindi sono circondata da uomini ovunque, che però tengo a bada senza troppi problemi. Per conciliare famiglia e lavoro occorrono tanto amore e tanta pazienza, e soprattutto correre sempre, perché la casa e l”officina richiedono tempo e attenzioni. I miei figli hanno accettato di buon grado il mio ruolo e spero di vedere almeno uno di loro in officina accanto a me, per poter passare le consegne alla terza generazione, perché vorrei che il sogno di mio padre possa proseguire ancora nel tempo».

Il premio Sabo Rosa è stato consegnato da Elisabetta Nuti, direttore finanziario del Roberto Nuti Group e presidente della giuria, che commenta: «Per la decima edizione la giuria ha deciso di premiare la tenacia e l”imprenditorialità di Alessandra Lucaroni, capace di raccogliere il testimone dell”azienda di famiglia dalle mani del padre e di portare la propria officina a un traguardo impensabile anche solo dieci anni fa. E” bello immaginare la soddisfazione del papà di Alessandra, nel saperla realizzata in ciò che sempre ha amato, senza dimenticare il valore della famiglia e degli affetti». (r.cr.)

Ad Alessandra Lucaroni il premio per la “camionista dell'anno', messo in palio dal Roberto Nuti Group di Castel Guelfo
Cronaca 13 Febbraio 2019

Costi altissimi per il ripristino della ferrovia a Medicina, così dice lo studio di fattibilità della società Tps Pro di Bologna

Il risultato dell’analisi costi benefici per riattivare la linea ferroviaria Budrio-Medicina (e prosieguo verso Massa Lombarda e Ravenna) dice che c’è «mancanza di sostenibilità economica degli interventi in tutti e quattro gli scenari analizzati». Non solo. I quattro scenari ipotizzati vedono tutti come «condizione indispensabile» la contestuale realizzazione del raddoppio della tratta Bologna Via Larga-Budrio della linea verso Portomaggiore del Sistema ferroviario metropolitano (progettata ma priva di copertura finanziaria). Altrimenti occorrerà prevedere il cambio a Budrio che determina un allungamento dei tempi su ferro a valori prossimi a quelli della gomma «con conseguente perdita di appetibilità del nuovo servizio».

Questo è in estrema sintesi quanto si legge sul documento redatto da Tps Pro, società di ingegneri di Bologna esperti di mobilità, e visibile anche sul sito del Comune di Medicina. Questo è quanto detto durante la seduta di giovedì 24 gennaio della Commissione trasporti ferrovia con la quale si è concluso il percorso tecnico avviato a inizio 2018 dal Consiglio comunale. I soli costi d’investimento stimati per realizzare l’infrastruttura vanno da quasi 89 milioni (fermandosi a Medicina) salendo fino a 196 milioni (per arrivare a Ravenna). I 26 chilometri della ferrovia Budrio-Massa Lombarda, gestiti dall’allora Società Veneta, vennero inaugurati nel 1887, ma l’avvento dell’automobile fu tra i principali motivi che portarono alla chiusura nel 1964, con il servizio che venne via via sostituito da autobus.

Il ripristino è un decennale cavallo di battaglia di Legambiente e ora del Movimento 5 stelle del medicinese con raccolte firme, petizioni, pagine Facebook per sensibilizzare sul tema, visto come una soluzione percorribile e utile per un trasporto pubblico locale meno inquinante. Durante gli incontri del Piano strategico locale medicinese è emersa la richiesta di fare almeno un aggiornamento dello studio di fattibilità (commissionato nel 2003 dalla Provincia di Bologna che parlava di oltre 130 milioni di euro per la riattivazione delle rotaie). Il Comune un anno fa ha acconsentito stanziando 20 mila euro. E’ stata istituita anche la Commissione consigliare ad hoc, alla quale hanno partecipato anche dirigenti e tecnici della Città metropolitana e della Regione, nonché assessori dei comuni limitrofi.

In particolare, l’aggiornamento dello studio di fattibilità, ha presentato anche una ricognizione del sedime, evidenziato vantaggi e criticità alla luce delle caratteristiche che una nuova infrastruttura dovrebbe oggi avere per legge, individuato un’ipotesi di nuovo tracciato e di servizio realizzabile, stimato i relativi costi di realizzazione, gestione e gli effetti sulla domanda di trasporto dei potenziali interessati. Ovviamente per la linea è stata prevista solo la finalità del trasporto persone, in quanto il trasporto merci ha standard differenti e la programmazione regionale e nazionale esclude il transito merci dentro la città di Bologna. La ricognizione fatta dai tecnici sul tracciato dice che è ancora in gran parte riconoscibile, anche se per oltre la metà «oggetto di riuso per viabilità e posa di sottoservizi (principalmente acqua, gas e fognature)», e per un 5 per cento «compromesso», cioè coperto da case e attività produttive.

Per il tratto di Medicina la proprietà è del 52 per cento del Comune e il 45 per cento del ConAmi, che al di sotto ha fatto scorrere acquedotti e altri sottoservizi, il 9 per cento della Cooperativa lavoratori della terra, un 3 per cento proprio non esiste più. L’ipotesi di ripristino prevede l’innesto con la linea Bologna-Portomaggiore alla stazione di Budrio secondo il tracciato originale e con la linea Lugo-Lavezzola a Massa Lombarda in variante proprio per l’indisponibilità dell’ex sedime (un’ipotesi prevista, tra l’altro, anche dagli strumenti urbanistici comunali di Massa Lombarda). Nel Psc di Medicina nel tratto che non è ripristinabile è stato mantenuto un ipotetico tracciato con una fascia verde come unica tutela possibile dal punto di vista urbanistico (la ferrovia non c’è nella programmazione provinciale e regionale della mobilità).

Il vicesindaco Matteo Montanari conclude: «Nel Piano della mobilità della Città metropolitana, condiviso con la Regione, è previsto che sia realizzata una Brt tra Medicina e Bologna cioè tratti di corsie preferenziali per gli autobus che così possono superare i punti di rallentamento extraurbani del traffico e garantire un tempo di percorrenza più veloce e costante per tutta la giornata. Questa è la prospettiva nel medio o breve periodo perchè, come ci dice lo studio, anche se fossimo d’accordo e ci fossero i soldi per la ferrovia, occorrono almeno 10 o 15 anni per averla».(l.a.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 7 febbraio

Nella foto la riunione della Commissione trasporti dedicata alla ferrovia

Costi altissimi per il ripristino della ferrovia a Medicina, così dice lo studio di fattibilità della società Tps Pro di Bologna
Cronaca 17 Gennaio 2019

Orari dei treni, due fermate in più a Ozzano Emilia, ancora nulla di fatto per Castel San Pietro e Varignana

Dopo le polemiche seguite all’avvio del nuovo orario dei treni, qualcosa si è mosso, ma non tutti sono soddisfatti, in particolare i castellani. Come si ricorderà, il 9 dicembre scorso Trenitalia ha introdotto, in accordo con la Regione, una serie di modifiche agli orari delle corse da Bologna verso la Romagna e viceversa, con il duplice obiettivo di accorciare i tempi di percorrenza per chi viaggia da Bologna a Ravenna e potenziare (inserendo corse cadenzate allo stesso minuto di ogni ora) il Servizio ferroviario metropolitano (Sfm), la cosiddetta «metropolitana di superficie» che collega il capoluogo con Imola facendo tutte le fermate.

Alla prova dei fatti, però, i nuovi orari hanno creato non pochi disagi ai pendolari delle stazioni minori del sistema Sfm, per restare al nostro territorio parlia-mo di quelle di Castel San Pietro, Varignana e Ozzano Emilia. La situazione ha innescato l’immediata mobilitazione dei pendolari, supportati dai loro sindaci, che si sono attivati con la Regione e Trenitalia per ottenere modifiche a favore dei propri concittadini.

Fausto Tinti, il sindaco di Castel San Pietro, e Luca Lelli di Ozzano, a metà dicembre hanno incontrato la Regione, insieme alla collega di San Lazzaro. E la protesta, come detto, ha già prodotto qualche risultato. A Ozzano, come rac-conta lo stesso sindaco Lelli sulla sua pagina Facebook, «Il regionale 2920 per Bologna ferma da oggi anche ad Ozzano (alle 7.16) per arrivare a Bologna alle 7.32. Questa è una novità assoluta, da tempo richiesta che va a colmare un “buco” tra le altre due corse del mattino (6.59 e 7.47) verso il capoluogo. Ripristinata invece la fermata del regionale veloce da Bologna (partenza alle 17.32) ad Ozzano alle 17.41. Questa modifica riduce il disagio indotto dalla cancellazione di 2 delle 4 fermate ad Ozzano nell’orario di punta del pomeriggio introdotto a dicembre».

Se i pendolari ozzanesi possono tirare un sospiro di sollievo, per quelli del territorio castellano, invece, la lotta non è ancora finita. Barbara Boninsegna, che ogni giorno parte da Castel San Pietro per raggiungere Lugo per lavoro, conferma: «Tra le modifiche apportate non c’è nulla per Castello…». Stesso discorso per Varignana, come precisa via social network lo stesso sindaco Tinti che annuncia l’intenzione di rivolgersi nuovamente all’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini, per «segnalare questa insufficienza, chiedendo di risolvere questa criticità e altre ancora presenti». Nella stessa situazione, ad esempio, c’è ancora San Lazzaro dove, almeno per il momento, non si registrano novità.

L’agguerrito comitato dei pendolari costituitosi proprio in queste settimane (dopo la raccolta di firme avviata on-line a dicembre come «Pendolari Caselle») dice di avere ricevuto dal sindaco Isabella Conti «rassicurazioni in merito all’intenzione della Regione di accettare le richieste di modifica dell’orario». Ma in attesa che le promesse si traducano in fatti, i pendolari non stanno comunque a guardare e nei giorni scorsi hanno ribadito, in una lettera rivolta all’assessore Donini e postata sulla pagina Facebook «Comitato pendolari di Romagna RomBo», le cause del loro disagio. «Il nodo è la completa mancanza di collegamenti ragionevoli verso le stazioni “minori” tra le 17.49 e le 19.08 – spiega Stefania Scarale, che vive a San Lazzaro e lavora a Imola –. Vogliamo inoltre segnalare che dal 10 dicembre il ritorno verso la Romagna è da incubo». (mi.ta.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 17 gennaio

Nella foto Barbara Boninsegna (a sinistra) e Stefania Scarale

Orari dei treni, due fermate in più a Ozzano Emilia, ancora nulla di fatto per Castel San Pietro e Varignana
Cronaca 20 Dicembre 2018

Il nuovo orario dei treni non piace ai pendolari delle stazioni più piccole. Anche i sindaci e la Regione in campo per cambiarlo

Il nuovo orario dei treni, in vigore da domenica 9 dicembre, sta creando qualche problema anche nella nostra zona, soprattutto ai pendolari che salgono e scendono nelle stazioni di Castel San Pietro, Varignana, Ozzano Emilia e San Lazzaro (Caselle) e a quelli diretti nel lughese. La piccola rivoluzione degli orari sulla tratta Bologna-Ravenna Rimini, messa in atto da Ferrovie dello Stato in accordo con la Regione, pare funzionare bene per i viaggiatori di Imola, che possono contare ogni giorno su un maggior numero di convogli diretti, ma penalizza le stazioni intermedie del Servizio ferroviario metropolitano (Sfm).

Dall’immediata e spontanea mobilitazione di pendolari nata sui social e in alcuni casi già sfociata in raccolte firme e gruppi organizzati, per quanto riguarda il nostro territorio le difficoltà maggiori sono legate, da un lato, alla modifica degli orari di alcuni convogli nelle fasce più affollate scuola-lavoro, dall’altro alla soppressione della fermata dei cosiddetti regionali veloci nelle stazioni più piccole, vale a dire le corse introdotte, su richiesta della Regione, per accorciare i tempi di percorrenza verso Ravenna. Nel primo caso, pochi minuti di scostamento hanno comportato per molti l’impossibilità di usufruire delle coincidenze con altri mezzi, treni o autobus; nel secondo, la scomparsa di treni proprio negli orari decisivi per i pendolari, in particolare tra le 18 e le 19. Il risultato? Tempi di viaggio allungati e gelide attese nelle stazioni.

Diversi sindaci si sono subito mobilitati per tutelare i propri cittadini. Sempre rimanendo nella nostra zona, Fausto Tinti, il sindaco di Castel San Pietro, e Luca Lelli di Ozzano, hanno già incontrato la Regione, insieme alla collega di San Lazzaro. Nel territorio castellano, la stazione della frazione di Varignana, che doveva essere tra le più avvantaggiate dal potenziamento delle corse del Servizio ferroviario metropolitano di cui è entrata a far parte a tutti gli effetti, risulta invece penalizzata, poiché i treni in più ci sono, ma non negli orari comodi per chi li utilizza ogni giorno per studio o lavoro. «Abbiamo chiesto di ripristinare almeno un treno nella fascia tra le 7 e le 8 con direzione Bologna – dice Tinti illustrando l’esito dell’incontro a Bologna – e uno tra le 17 e le 18 con direzione Rimini-Ravenna nelle stazioni con fermate solo Sfm».

La mobilitazione è partita da San Lazzaro ma si sta allargando alle altre stazioni Sfm di Ozzano, Castel San Pietro e Varignana. Non c’è ancora un comitato, ma un sito web di riferimento (che ha gia 210 firme raccolte): https://sites.google.com/view/pendolari-caselle/home.

Stefania Scarale parte dalla sua esperienza per spiegare cosa sta succedendo: «I treni in più ci sono, va detto – esordisce – ma in orari di scarsa utilità. Nella fascia oraria dalle 18 alle 19 sono stati tolti tutti. Per me, che sono di San Lazzaro ma lavoro a Imola, c’è solo un treno alle 18.34 che non fa fermate intermedie ma arriva a Bologna Centrale, poi sono costretta a prendere un altro mezzo per tornare a San Lazzaro».

Disagi importanti lamentano anche coloro che provengono dalle stazioni minori e si spostano verso il ravennate. Fabrizio Dondi, assessore a Castel San Pietro ma anche pendolare in quanto insegnante in una scuola di Lugo, ha affidato ad un commento su Facebook il racconto di cosa è cambiato per chi fa il suo stesso tragitto: «Fino a ieri al minuto 00 quasi ogni ora c”era un treno diretto che in 30 minuti riportava a casa; da oggi il treno parte ai 12 (12 minuti da aspettare in stazione) poi bisogna cambiare a Castel Bolognese, o a Imola secondo l”orario, e si arriva a Castel San Pietro ai 44 o addirittura agli 08 dell”ora successiva. Considerando anche i nuovi tempi di attesa in stazione a Lugo, sono 14 o 38minuti in più per tornare a casa e la scomodità del cambio. Su un viaggio che fino a ieri era di mezz”ora e diretto». 

Sulla stessa linea Barbara Boninsegna, che vive a Toscanella ma prende il treno a Castel San Pietro per raggiungere Lugo, dove lavora. «Il viaggio Castello-Lugo che era di 35 minuti è salito improvvisamente a 56. La mattina, a parte il diretto delle 7.04, poi si deve sempre cambiare, per i ragazzi delle scuole è un grande disagio perché se non hanno il permesso di entrare in classe un po’più tardi devono prendere il treno prima e stanno 30-40 minuti in giro, un problema anche di sicurezza. Per il ritorno non ci sono treni diretti che arrivano a Castel San Pietro e nelle altre stazioni minori né nella fascia oraria 13-15 per il ritorno da scuola, né in quella 17-19 per chi lavora. Io, che ero a casa alle 18.40, ora arrivo verso le 19.30».

Intanto la Regione, committente del nuovo orario e quindi chiamata direttamente in causa dalle proteste, una prima risposta l’ha già data. L’assessore alla Mobilità, Raffaele Donini, ha chiesto a Trenitalia di intervenire sui problemi. «Ho ottenuto – informa Donini con una nota – che si istituisse un coordinamento tecnico permanente fra Trenitalia, Regione e Comuni del territorio ravennate, ferrarese e Città metropolitana, aziende di trasporto pubblico, per valutare quali correttivi immediati apportare al nuovo orario. Confido nel lavoro tecnico che si sta facendo in queste ore e mi aspetto che si apportino le giuste correzioni all’orario in accordo con il territorio, per risolvere i problemi ancora rimasti, mantenendo però il più possibile i benefici di velocizzazione della linea. Ma la
Regione è anche disponibile a richiedere a Trenitalia l’immediata applicazione del vecchio orario». (m.t.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 20 dicembre

Il nuovo orario dei treni non piace ai pendolari delle stazioni più piccole. Anche i sindaci e la Regione in campo per cambiarlo
Cronaca 8 Dicembre 2018

Al via il nuovo orario dei treni, i vantaggi della tratta Imola-Bologna alla prova dei fatti

Trenitalia la definisce «piccola rivoluzione» per dare l’idea di cosa capiterà con l’entrata in vigore del nuovo orario che interessa complessivamente la linea Bologna-Ravenna-Rimini e sarà attivo da domani, domenica 9 dicembre. Qualche numero per cominciare, prendendo in considerazione solo le stazioni ferroviarie del nostro circondario e dintorni: a Imola si fermeranno complessivamente 30 treni in più nell’arco della giornata rispetto agli attuali 90 per un totale di oltre 120. Più arrivi e partenze anche a Varignana (si calcola un 50 per cento in più rispetto alle 29 attuali), che entrerà a pieno titolo così nel Servizio ferroviario metropolitano (Sfm). Più o meno invariati, ma più regolari, i treni per Castel San Pietro e Ozzano Emilia.

La rimodulazione è stata elaborata da Ferrovie dello Stato in accordo con la Regione per raggiungere tre obiettivi: ridurre i tempi di percorrenza da Bologna a Ravenna, migliorare l’offerta sulla tratta da Bologna a Rimini e potenziare il Servizio ferroviario metropolitano sulla direttrice Bologna-Imola. Ma quello che conta, orario alla mano, è cosa cambierà per chi prende quotidianamente il treno, in particolare per i pendolari che lo utilizzano per motivi di lavoro o studio. E che si tratti di «materia sensibile» l’hanno testimoniato le tante reazioni a caldo già alla notizia anticipata sul nostro sito web e sulla pagina Facebook di SabatoSeraSettimanale una decina di giorni fa.

L’impatto maggiore per la tratta Bologna-Imola arriverà dal maggior numero di treni, in parte Trenitalia e in parte Tper, che fanno fermate in tutte le stazioni, l’ideale metropolitana di superficie. Le corse del Sfm su questa tratta avranno la caratteristica del cadenzamento al minuto 18 di ogni ora per la partenza da Bologna e al minuto 08 da Imola, con rinforzi alla mezz’ora nelle fasce orarie più affollate, vale a dire quella del mattino e quella pomeridiana. Questo si traduce, come detto, in più treni.

La seconda modifica riguarda l”incremento del numero dei treni regionali veloci, con meno fermate e tempi di percorrenza più brevi, diretti a Rimini e Ravenna. Sempre con un occhio al nostro territorio, i passeggeri diretti da Bologna a Imola e viceversa troveranno un maggior numero di corse con una durata di 20 minuti anziché 30.

Ora si tratterà di vedere nella pratica se lo sforzo di rimodulare il servizio è funzionale e positivo come promette sulla carta. Snodo critico, ad esempio, potrebbero essere le coincidenze con il trasporto su gomma, gli autobus che assicurano i collegamenti tra le stazioni e i piccoli paesi della vallata o della pianura. E se per Imola i numeri presentano diversi vantaggi, nel ravennate si registra già la mobilitazione delle Amministrazioni locali. (m.t.)

Altri particolari nell”articolo completo su «sabato sera» del 6 dicembre

Link al nuovo orario di Trenitalia

Al via il nuovo orario dei treni, i vantaggi della tratta Imola-Bologna alla prova dei fatti
Cronaca 7 Dicembre 2018

Due bus al prezzo di uno per gli studenti delle frazioni castellane grazie alla sperimentazione decisa dal Comune

Due bus al prezzo di uno per i ragazzi delle frazioni più lontane. Grazie ad una sperimentazione votata dalla Giunta comunale castellana, quest’anno gli studenti che abitano nelle piccole frazioni e frequentano le scuole superiori fuori dal territorio comunale potranno usufruire degli autobus scolastici gialli che trasportano i più piccoli fino agli istituti del capoluogo senza alcun costo aggiuntivo. L’importante è che abbiano acquistato un abbonamento Tper.

La novità nasce dalla petizione con la quale alcune famiglie residenti a Molino Nuovo, la frazione collinare lungo la via Viara, hanno chiesto al Comune di risolvere l’annoso problema delle mancate coincidenze tra i mezzi di trasporto pubblici su gomma che collegano Castel San Pietro con le altre città dove sono presenti degli istituti superiori, come Imola, e quelli che da Castello si dirigono poi verso le frazioni. Alcuni studenti erano obbligati ad attendere ore prima di poter tornare a casa dopo la mattinata a scuola.

La sperimentazione proseguirà con questa modalità, in sostanza gratuitamente, per l’intero anno scolastico 2018-19, al termine del quale, precisa l”assessore alla Mobilità, Tomas Cenni, «la nuova Giunta dovrà fare un bilancio del servizio e dei costi e decidere se proseguire oppure no». (mi.mo.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 6 dicembre

Due bus al prezzo di uno per gli studenti delle frazioni castellane grazie alla sperimentazione decisa dal Comune

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast