Posts by tag: Trasporti

Cronaca 19 Novembre 2020

Trasporti e infrastrutture, a Bologna inaugurata la navetta elettrica People Mover

Ieri mattina, alle 5.40, è stata inaugurata con i suoi primi passeggeri la navetta elettrica People Mover che, scavalcando il traffico della città, collega la stazione centrale all’aeroporto in poco più di 7 minuti.

L’infrastruttura, gestita da Marconi Express Spa, realizzata dalle società di ingegneria MATE Engineering e STS di Bologna e progettata dall’architetto Massimo Iosa Ghini, ha un costo complessivo di circa 125 milioni di euro, di cui 27,5 milioni di investimento regionale.

Nel video, la presentazione del servizio da parte dell’assessore regionale alla Mobilità e Turismo, Andrea Corsini. (da.be.)

Foto tratta dal sito della Regione Emilia-Romagna

Trasporti e infrastrutture, a Bologna inaugurata la navetta elettrica People Mover
Economia 12 Novembre 2020

Trasporti, domani sciopero di quattro ore del personale Tper

«Dopo la riduzione della capienza sugli autobus al 50%, mentre i dati della pandemia salgono in modo preoccupante, siamo costretti a scioperare per tutelare la sicurezza del personale di guida».

Così le segreterie regionali di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal e Ugl-Autoferro annunciano lo sciopero di 4 ore del personale Seta e Tper, indetto per domani, venerdì 13 novembre. Una azione di protesta volta a chiedere «l’immediato ripristino della chiusura della porta anteriore, nonché il divieto per i passeggeri a oltrepassare l’area antistante il posto guida in tutti i bus urbani ed extraurbani».

Tale provvedimento era già stato adottato nella prima fase della pandemia. Successivamente però alcune aziende di trasporto pubblico locale hanno unilateralmente modificato questa modalità. Nello specifico, Seta e Tper hanno riaperto la porta, mentre Start Romagna e Tep hanno mantenuto la porta anteriore chiusa. «In più occasioni – spiegano i sindacati – con Tper e Seta (che gestiscono il servizio di trasporto nelle province di Bologna, Ferrara, Piacenza, Reggio Emilia e Modena) abbiamo sostenuto la necessità di ripristinare la chiusura della porta anteriore per consentire la separazione del posto guida e il distanziamento di almeno un metro tra utenti e conducente. Siamo convinti, infatti, che per la salita e discesa dei passeggeri si possano utilizzare le sole porte centrali e posteriori, con tempi di attesa idonei ad evitare il contatto tra chi scende e chi sale. Se la porta anteriore dei bus rimane chiusa non si compromette in alcun modo la sicurezza dei passeggeri e dei conducenti e non si pregiudica lo svolgimento regolare del servizio». (lo.mi.)

Trasporti, domani sciopero di quattro ore del personale Tper
Cronaca 3 Novembre 2020

Tper, nonostante la pandemia proseguono assunzioni e investimenti

Nonostante la pandemia e l’impegno nella gestione dei servizi durante l’emergenza, l’ultimo Cda di Tper ha confermato l”importante piano investimenti in corso. Il piano finalizzato al rinnovo della flotta in ottica di massima ecocompatibilità e in coerenza con i piani di sviluppo di mobilità sostenibile approvati prevede per i prossimi 4 anni oltre 150 milioni di investimento per circa 340 nuovi mezzi.

Non solo mezzi e tecnologie, ma anche l’investimento in capitale umano. Sono, infatti, 41 le persone assunte da Tper nella prima metà del 2020, a cui si sono aggiunte 8 assunzioni in ottobre e ulteriori 18 nuove assunzioni di conducenti che stanno divenendo operative in questi primi giorni di novembre, tutte con contratto di lavoro a tempo indeterminato. Complessivamente sono dunque 67 le nuove matricole entrate in Tper nel corso del 2020. Gli inserimenti sono legati sia al naturale turnover che al costante rafforzamento dei servizi. La gran parte dei nuovi assunti del 2020 ha compiti di guida. Si tratta in maggioranza di giovani, uomini e donne, la cui età media è decisamente inferiore ai 30 anni. (da.be.)

Tper, nonostante la pandemia proseguono assunzioni e investimenti
Cronaca 2 Novembre 2020

Bonus bici, domani via ai rimborsi con il «click day»

Scatta domani la corsa per accedere la bonus bici. Per inserire i dati necessari a ottenere l’incentivo statale, il ministero dell’Ambiente ha infatti deciso che il click-day inizierà alle 9 del mattino ed il portale dedicato prima di quell’orario non sarà attivo. Da quell”ora quindi si potrà registrare la fattura o lo scontrino parlante dell”acquisto e mettersi in coda per accedere all”incentivo fino a 500 euro per chi ha acquistato biciclette, anche a pedalata assistita, e monopattini. 

Gli aventi diritto dovranno collegarsi e registrarsi con le credenziali Spid, inserire appunto la fattura o lo scontrino parlante e completare con il proprio Iban. Per gli eventuali vari problemi tecnici si potrà telefonare al centralino del ministero al numero 06-57221 o all”Urp (06-57225722, urp@minambiente.it). (da.be.)

Foto d’archivio

Bonus bici, domani via ai rimborsi con il «click day»
Cronaca 30 Ottobre 2020

Bus, dalla Regione undici corse in più per potenziare soprattutto la tratta Ozzano-Castel San Pietro-Imola

Sono già in circolazione i bus aggiuntivi promessi dalla Regione Emilia Romagna nei giorni scorsi per alleggerire le corse esistenti. «Tutti gli 80 bus privati reperiti per rafforzare le corse resteranno attivi fino al 24 novembre, anche in caso di prevedibile calo dell’utenza» precisano dalla Regione facendo riferimento all’ultimo Dpcm che ha innalzato al 75% la didattica a distanza per gli studenti delle scuole superiori.

Per il nostro territorio, questo incremento dei bus si è tradotto in undici corse in più, operative da merco-ledì 28 ottobre. Eccole nel dettaglio che ci ha fornito Tper:
Linea 101: Ozzano-Imola autostazione (6.57-7.46); Imola terminal-Castel San Pietro Martiri Partigiani (7.50-8.10); Castel San Pietro Martiri Partigiani-Imola autostazione (8.20-8.40); Imola terminal- Castel San Pietro Martiri Partigiani (12.15-12.35); Imola Saffu Cup-Ozzano (14.01-14.47).
Imola San Benedetto-Scania Togliatti (13.01-13.20); Castel San Pietro Martiri Partigiani-Imola autostazio-ne (13.45-14.05).
Linea 247: Terme Castel San Pietro-Medicina (12.45-13.05); Medicina San Carlo-Imola autostazione (13.08-13.48).
Linea 104: Imola stazione B-Borgo Casale (7.30-7.55); Borgo Casale-Imola stazione A (8.10-8.35)

Nella foto (Isolapress): un autobus della linea 101

Bus, dalla Regione undici corse in più per potenziare soprattutto la tratta Ozzano-Castel San Pietro-Imola
Cronaca 22 Ottobre 2020

Bus Tper, da novembre con l'app Roger si può sapere in anticipo quante persone ci sono a bordo

A partire dall’inizio di novembre, per gli utenti Tper sarà possibile conoscere il livello indicativo di riempimento dell’autobus in arrivo alla fermata, consultando l’app gratuita Roger, già disponibile gratuitamente su ogni smartphone.

Da inizio novembre verranno monitorati oltre i 2/3 dei mezzi urbani di Bologna; entro la fine del mese di novembre si arriverà alla completa copertura del servizio urbano bolognese. Da dicembre, invece, l’app funzionerà anche per le linee urbane di Imola e di Ferrara. Con il nuovo anno, si arriverà a registrare e fornire anche i dati del servizio extraurbano di entrambi i bacini.  

Ma come funziona? Nella sezione dell’app che consente di conoscere gli arrivi dei bus alla fermata in tempo reale, sarà possibile anche vedere, accanto ai primi mezzi in arrivo, il livello di passeggeri a bordo: l’immagine di un piccolo autobus stilizzato risulterà colorata di verde, arancione o rosso quando il numero di passeggeri sarà rispettivamente minore di un terzo, minore di due terzi oppure superiore a due terzi di quanto consentito dalle norme attualmente vigenti. «Un’informazione preziosa per conoscere la situazione e decidere se salire sul bus o attendere la corsa successiva» sottolinea la presidente di Tper Giuseppina Gualtieri.

L’app rileva in automatico e in forma anonima quanti smartphone con antenna wi-fi sono presenti a bordo di ciascun bus, poi un algoritmo di natura statistica elabora una stima del numero di passeggeri totali. Oggi la forbice di errore medio è compresa tra 0 e un massimo di 9 passeggeri. (r.cr.)

Bus Tper, da novembre con l'app Roger si può sapere in anticipo quante persone ci sono a bordo
Cronaca 21 Settembre 2020

Trasporto scolastico, Tper aggiunge 30 corse a servizio degli studenti del circondario

Ben 30 corse di autobus aggiuntive a servizio del circondario imolese. Sebbene le linee guida nazionali per il trasporto pubblico, condizionate dall’esigenza di contenimento dei contagi da Covid, consentano una capienza fino all’80%, con i noti problemi di sovraffollamento delle corriere, Tper ha dovuto prevedere delle linee aggiuntive, potenziando con un secondo mezzo, allo stesso orario le corse esistenti.

Nel dettaglio, per la linea 101 sono state introdotti il raddoppio delle corse dall’autostazione di Imola a Bologna delle 6.40 e delle 8.10; dall’autostazione di Bologna a Castel San Pietro (partenza ore 9.50 e 13.14) o a Imola (ore 17.14) e da piazza Martiri Partigiani di Castello a Bologna (ore 14.40). Per la linea 104 c’è una corsa «bis» dall’autostazione di Imola a Castel del Rio alle 8.39 e in senso opposto alle 10.32. Per la linea 151 si prevede un raddoppio da Lugo a Imola alle 6.45, mentre per la linea 154 da Imola a Conselice alle 13.19. Per la linea 161 c’è una corsa aggiuntiva verso l’istituto Scarabelli alle 7.50 e in senso opposto verso l’autostazione alle 13.03. Per la linea 163 c’è una corsa «bis» verso le scuole alle 7.37 e di ritorno alle 13.07.

Infine, sono ben 14 le corse aggiuntive della linea 247 Castel San Pietro-Medicina e già operative dall”inizio della scuola.

Tper si è riservata di apportare delle modifiche in corso d”opera a seconda delle reali esigenze dell”utenza scolastica. (r.cr.)

Trasporto scolastico, Tper aggiunge 30 corse a servizio degli studenti del circondario
Cronaca 26 Agosto 2020

Abbonamento riservato agli under 14 dell’Emilia-Romagna per viaggiare gratuitamente su bus, treni regionali e mezzi pubblici

E’ stato presentato oggi «Grande – crescere viaggiando per l’Emilia-Romagna», il nuovo abbonamento gratuito che tutti gli under 14 residenti in regione potranno utilizzare, a partire dal prossimo 1 settembre e fino al 31 agosto 2021 e poi per l’anno scolastico 2021-2022, per spostarsi con gli autobus e i treni lungo i percorsi casa-scuola e nel tempo libero, per la tratta coperta dall”abbonamento.

Il nuovo abbonamento è una card a cui hanno diritto i ragazzi e le ragazze nati tra il 2007 e il 2014, che frequentano le scuole primarie e secondarie di primo grado e che consente l’accesso gratuito ai servizi urbani di trasporto pubblico e ai servizi extraurbani su bus e ferroviari su rete regionale. Agli under 14 residenti nelle 13 città con più di 50 mila abitanti, la card arriverà direttamente a casa nei prossimi giorni. I ragazzi, invece, che ne hanno diritto ma sono residenti negli altri Comuni, potranno invece richiedere il rilascio dell’abbonamento annuale personale all’azienda che svolge il servizio di trasporto pubblico nel proprio comune di residenza.

Le risorse regionali stanziate per realizzare la misura superano i 2 milioni e 700mila euro per la sola copertura degli abbonamenti che riguardano le città con più di 50mila abitanti, a cui si aggiungono i fondi per le richieste dei residenti negli altri comuni, che porteranno a un investimento complessivo finale di circa 5 milioni di euro.

“In pochi mesi- afferma Bonaccini-, grazie a una misura che giudico straordinaria, rispettiamo un impegno preso con la comunità regionale. E dal 14 settembre in Emilia-Romagna ragazzi e ragazze con meno di 14 anni andranno a scuola in sicurezza, utilizzando se lo vorranno gli autobus, i treni e i mezzi pubblici del trasporto pubblico locale a costo zero. Un primo passo importante, visto che già dal prossimo anno estenderemo la misura fino ai 19 anni. Istruzione e mobilità sostenibile sono per noi delle priorità. E in questo modo vogliamo essere vicini a genitori e famiglie, garantendo un importante risparmio – basti pensare che la spesa per un abbonamento arriva oltre i 200 euro, a seconda dei bacini – e incentiva il diritto allo studio permettendo l’accesso al trasporto pubblico, con grande senso civico per i beni comuni e un occhio di riguardo all’ambiente in cui viviamo”.

“In questi mesi non ci siamo mai fermati- sottolinea Corsini- abbiamo lavorato sodo, e continuiamo a farlo, per migliorare, incentivare e rendere accessibile il trasporto pubblico per i cittadini, anche perché in questo modo miglioriamo la qualità della nostra vita oltre a rispettare l’ambiente. Su questo, sottolineo anche l’enorme risparmio di carta reso possibile dalla dematerializzazione degli abbonamenti per gli studenti, che potranno anche scaricarli sul cellulare dall’app Roger attraverso il QR code. Con ‘Grande’ parte un importante investimento sulla gratuità di bus e treni, oggi per gli under 14 e nel giro di un anno per i giovani fino a 19 anni, non escludendo di arrivare agli universitari nel corso della legislatura”.

Trasporti gratis per 330mila giovani emiliano-romagnoli

A beneficiare della misura saranno circa 330mila ragazze e ragazzi residenti in Emilia-Romagna, di cui oltre 130mila solo nelle 13 città con più di 50mila abitanti. Di questi ultimi, oltre 85mila sono i bambini che frequentano la scuola primaria e più di 53mila gli studenti della scuola secondaria di primo grado.

La Romagna è il bacino più corposo, con un totale di 41.553 utenti di cui 15.229 in provincia di Ravenna, 15.404 in quella di Forlì-Cesena, 10.920 in quella di Rimini. Poi la provincia di Bologna con 35.561 giovani, mentre sono 19.160 nella provincia di Modena, 14.229 in quella di Parma, 13.454 in quella di Reggio Emilia, 7.780 in quella di Ferrara e 7.408 nella provincia di Piacenza.

L’abbonamento arriva a casa o si scarica con la app

Per i residenti nelle 13 città della regione con più di 50mila abitanti che frequentano la scuola primaria (nati nel periodo 2010-2014), le società di trasporto pubblico Tper, Start, Tep e Seta stanno provvedendo in questi giorni all’invio dell”abbonamento personale caricato anche su supporto elettronico, direttamente a domicilio, mentre i ragazzi e le ragazze della scuola secondaria di primo grado fino alla terza media (nati nel periodo 2007-2009) potranno scaricare l’abbonamento annuale personale urbano sul proprio cellulare mediante l’app Roger gratuita o richiedere la card di abbonamento su supporto elettronico anche on line.

I ragazzi e le ragazze che non rientrano negli anni di nascita 2007-2014, ma che frequentano istituti scolastici in queste aree urbane, possono richiedere alle società di trasporto interessate il rilascio dell’abbonamento gratuito valido per il percorso casa-scuola presentando documentazione che attesti comunque la condizione per ottenerlo, ovvero anticipazione scolastica, alunni respinti, cambio di residenza, ecc.

Per gli under 14 residenti negli altri Comuni emiliano-romagnoli su cui transitano servizi extraurbani auto filoviari e ferroviari su rete regionale è previsto, dietro richiesta, il rilascio dell”abbonamento annuale personale gratuito direttamente dall”azienda che svolge il servizio di trasporto pubblico nel proprio comune di residenza.

La richiesta può essere fatta anche on line presso i portali aziendali, allegando l”autocertificazione sottoscritta da chi esercita la responsabilità parentale. L”abbonamento gratuito sarà emesso sulla base del percorso che l’utente dovrà effettuare per raggiungere l’istituto scolastico di frequenza.

Per gli under 14 che usufruiscono della gratuità è obbligatorio validare ad ogni salita e cambio mezzo l’abbonamento annuale e, per i nati dal 2007 al 2009, è obbligatorio accompagnare la card con un valido documento di riconoscimento.

Gratis in treno con lo stesso abbonamento

“Grande” garantirà il viaggio gratuito anche sui treni regionali. Nell’area urbana di Bologna è già attiva da tempo l’integrazione tariffaria ‘bus più treno’, l’abbonamento annuale under 14 permetterà quindi automaticamente l’accesso a bus e servizi ferroviari. Per colmare tale differenza, la Regione rimborserà integralmente l’abbonamento ferroviario per ragazzi e ragazze under 14 residenti nelle altre città e negli altri comuni dell’Emilia-Romagna, che utilizzano il servizio ferroviario regionale per il percorso casa-scuola non avendo un servizio di bus alternativo.

Nella foto: il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore regionale alla Mobilità, Andrea Corsini.

   

Abbonamento riservato agli under 14 dell’Emilia-Romagna per viaggiare gratuitamente su bus, treni regionali e mezzi pubblici
Cronaca 17 Luglio 2020

Prorogate fino al 31 agosto le agevolazioni per i pendolari sui treni a lunga percorrenza

I pendolari del servizio ferroviario regionale in possesso degli abbonamenti “Carta mi muovo tuttotreno Emilia-Romagna” e “Mi muovo Fb/Ic” potranno continuare a viaggiare sui treni a lunga percorrenza, in particolare i Frecciabianca (nella foto) e gli Intercity in esercizio lungo la direttrice Milano-Bologna-Ancona, beneficiando fino al prossimo 31 agosto delle attuali condizioni tariffarie agevolate.
Lo ha deciso la Giunta regionale, che ha prorogato la validità dell’accordo stipulato con Trenitalia, scaduto il 30 giugno scorso.

«Sono molto soddisfatto dell’intesa raggiunta con Trenitalia – commenta Andrea Corsini, assessore regionale ai Trasporti –, che permetterà agli abbonati al servizio ferroviario regionale di mantenere le agevolazioni tariffarie in essere. Si tratta di un buon accordo, soprattutto in considerazione della situazione d’emergenza causata dal Coronavirus, che ha comportato una riduzione di tutti i servizi di trasporto ferroviario, compresi quelli a lungo raggio». (r.cr.)

Prorogate fino al 31 agosto le agevolazioni per i pendolari sui treni a lunga percorrenza
Economia 14 Luglio 2020

L’assemblea dei soci di Tper ha approvato all'unanimità il bilancio 2019

Approvato all’unanimità il consuntivo 2019 di Tper, con un utile netto d’esercizio di 5,2 milioni di euro.
Il bilancio approvato ha anche riportato le prime valutazioni per i primi mesi del 2020 collegate alla emergenza Covid: «La pandemia con il lockdown dei mesi scorsi ha impattato in modo rilevante anche su tutto il sistema dei trasporti – osserva la società –. Per Tper, pur in presenza di scenari di possibili risultati economici negativi per il 2020, è stata evidenziata la solidità aziendale, la capacità di affrontare al meglio i servizi e impegni di tutela sicurezza e di mantenere i piani di investimento programmati per migliorare il trasporto pubblico e contribuire alla ripresa, una volta superata l’attuale fase».

I soci, su proposta del Consiglio di amministrazione, in considerazione del difficile momento storico, hanno deciso di porre a riserva gli utili di esercizio. Pur dando atto della solidità finanziaria dell’azienda che ha anche deciso di proseguire con l’importante piano di investimenti già programmati. (r.cr.)

L’assemblea dei soci di Tper ha approvato all'unanimità il bilancio 2019

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast