Posts by tag: Trasporti

Cronaca 9 ottobre 2018

Abbonamento bus e treno, sconti per medicinesi e imolesi. Rimborsi on-line fino al 2019

Seppur con un po’ di attesa, sono state rese note le modalità per accedere allo sconto da parte di coloro che hanno un abbonamento annuale al bus o al treno. Si tratta di una possibilità legata al Fondo idrocarburi, ovvero l’indennizzo previsto per i territori sede di estrazione di idrocarburi. Per i medicinesi è previsto uno sconto pari al 50% sul costo effettivo degli abbonamenti annuali di treno e bus, mentre per gli imolesi lo sconto è del 20% e servirà per incentivare il trasporto pubblico su gomma e ferro.

Finora avevano potuto chiedere il rimborso soltanto coloro che avevano fatto un abbonamento entro il 31 luglio 2018. Ora, invece, per quanto riguarda i bus Tper, sono state pubblicate le finestre durante le quali può fare domanda chi ha acquistato un abbonamento dal 1 agosto 2018 fino al 30 settembre 2019. Nello specifico, le domande per gli abbonamenti acquistati dal 1 agosto 2018 al 31 ottobre 2018 potranno essere presentate a partire dal 1 ottobre 2018 fino al 30 novembre 2018, per quelli acquistati dal 1 novembre 2018 al 31 gennaio 2019 dal 1 dicembre 2018 al 28 febbraio 2019, per quelli dal 1 febbraio al 30 aprile 2019 dal 1 marzo 2019 al 31 maggio 2019, infine, per gli abbonamenti comprati dal 1 maggio al 31 luglio 2019 le domande di rimborso potranno essere presentate a partire dal 1 giugno fino al 30 agosto 2019. Le eventuali richieste presentate oltre i termini (comunque entro il 30 settembre 2019) verranno liquidate solo in caso di eventuali disponibilità di risorse.

La richiesta, e questo ha fatto discutere non poco, va fatta direttamente all’azienda che ha emesso l’abbonamento (in questo caso Tper) esclusivamente via internet, compilando il modulo reperibile sul sito (https://www.tper.it/idrocarburi) e indicando l’Iban del conto corrente sul quale si desidera avere accreditata la somma. Chi non dispone di un collegamento internet o ha necessità di un aiuto, può rivolgersi all’Urp del proprio comune (per Imola tel. 0542/602215, per Medicina tel. 051/6979111) oppure al call center Tper al numero 051/290290.

gi.gi.

L”articolo completo su «sabato sera» del 4 ottobre.

Nella foto: la stazione ferroviaria di Imola

Abbonamento bus e treno, sconti per medicinesi e imolesi. Rimborsi on-line fino al 2019
Cronaca 30 agosto 2018

Dal 1° settembre il nuovo abbonamento “Mi muovo anche in città'. La Regione chiede a Trenitalia di organizzarsi meglio

Come tutte le novità “Mi muovo anche in città”, l”iniziativa messa in campo dalla Regione Emilia-Romagna che dal primo settembre permetterà ai pendolari di salire gratuitamente anche sugli autobus delle 13 città principali della regione, sta creando problemi organizzativi. Un po” troppi, però, per l”assessore ai Trasporti, Raffaele Donini, che chiede a Trenitalia di «mettere in campo un”organizzazione adeguata per porre rimedio ai disagi dei pendolari in tempi rapidissimi».

Per l’Emilia-Romagna, prosegue Donini, si tratta di un’«operazione strategica, per la quale abbiamo stanziato oltre 6 milioni e che permetterà a oltre 60.000 cittadini, in particolare studenti e lavoratori, un risparmio annuo fino a 180 euro l”anno». Per questo motivo, ricevute tante segnalazioni di disagi e disservizi da parte dei pendolari che si sono recati alle biglietterie di Trenitalia per attivare il nuovo abbonamento, l’assessore è intervenuto direttamente per chiedere all’azienda di porre velocemente rimedio al problema, «assicurando così il buon esito della manovra di integrazione tariffaria che, dal primo settembre, permetterà a tutti gli abbonati ferroviari di viaggiare gratuitamente sugli autobus urbani».

Intanto la stessa Trenitalia ricorda le caratteristiche del nuovo abbonamento. Innanzitutto, ad averne diritto sono gli abbonati alle tratte con origine e/o destinazione in queste città: Bologna, Carpi, Cesena, Faenza, Ferrara, Forlì, Imola, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia e Rimini. Per usufruire dell’opportunità occorre, inoltre, essere in possesso della Carta Unica Emilia Romagna di Trenitalia, in distribuzione dal mese di aprile, sulla quale sarà caricato il nuovo abbonamento integrato ferro/gomma.

La Carta è rilasciata nelle 13 stazioni interessate all’integrazione tariffaria, negli orari e nei giorni di apertura delle biglietterie, che saranno potenziati per tutto il mese di settembre. Solo a Bologna e Reggio Emilia sono attivati sportelli dedicati a questo servizio. Chi vorrà richiedere la carta dovrà compilare un modulo (scaricabile anche on line su trenitalia.com – sezione Trasporto regionale Emilia Romagna), allegare una foto tessera ed esibire un documento di identità valido. Ricevuta la carta stessa, l’abbonamento si potrà richiedere in una qualunque biglietteria ferroviaria o self service Trenitalia dell’Emilia Romagna.

Tuttavia, al fine di andare incontro agli abbonati mensili che non hanno ancora richiesto la Carta Unica, Trenitalia e Regione Emilia Romagna hanno concordato un periodo transitorio, che durerà fino a dicembre 2018, nel quale sarà possibile acquistare l’abbonamento integrato “Mi Muovo anche in Città” anche su supporto cartaceo, in attesa della Carta Unica, nelle 23 biglietterie Trenitalia della regione e in tutti i punti vendita di Trenitalia aderenti ai circuiti Sisal, Lottomatica e Tabaccai.

Dal 1° settembre il nuovo abbonamento “Mi muovo anche in città'. La Regione chiede a Trenitalia di organizzarsi meglio
Cronaca 26 agosto 2018

Tper amplia gli orari per la campagna abbonamenti all'autobus: ecco le nuove aperture

Gli orari della biglietteria Tper per rinnovare l”abbonamento autobus sono scomodi? Niente paura, la società dei trasporti ha deciso di andare incontro agli utenti in occasione della campagna abbonamenti ampliando le aperture per il pubblico.

Per tutto il periodo coincidente con il ritorno dalle ferie estive e con il maggiore afflusso di persone alle prese con sottoscrizioni e rinnovi, la biglietteria Tper di Imola modificherà il suo orario prevedendo anche l”apertura pomeridiana.

Da lunedì 27 agosto a sabato 22 settembre dunque la biglietteria dell’Autostazione di Imola sarà aperta dal lunedì al sabato, dalle 7 alle 12.30 al mattino e dalle 15.30 alle 18 al pomeriggio.

I numeri dell”eliminacode saranno rilasciati al mattino fino a mezz”ora prima della chiusura, tenendo conto del numero di persone presenti in sala d”attesa. Al pomeriggio sarà possibile ritirare i numeri fino a un”ora prima dell”orario di chiusura, ma in ogni caso gli utenti in possesso del numero saranno tutti serviti anche oltre l’orario di sportello.

Oltre che in biglietteria, l”abbonamento annuale (ad esclusione dei casi particolari come l’acquisto rateizzato o lo sconto-famiglia) si può rinnovare anche agli sportelli bancomat di Unicredit, Carisbo e delle banche del Gruppo Intesa oppure online sul sito web di Tper, alla paginawww.tper.it/abbonati, senza costi aggiuntivi. Sono sottoscrivibili via web non solo i rinnovi, ma anche i nuovi abbonamenti, collegandosi sempre con il sito Tper e seguendo le semplici istruzioni. In questo caso il pagamento può essere effettuato con la carta di credito o tramite bonifico bancario. 

Tper amplia gli orari per la campagna abbonamenti all'autobus: ecco le nuove aperture
Cronaca 21 agosto 2018

Per chi viaggia in bus con la carta MiMuovo arriva l'abbonamento a prova di distratto

Importante novità per gli abbonati mensili Tper che dispongono della tessera MiMuovo. Dal 21 agosto se la ricarica dell”abbonamento sulla tessera sarà fatta negli ultimi 10 giorni del mese (dal 21 all”ultimo giorno del mese) sarà automaticamente valida per il mese successivo, mentre la stessa operazione effettuata nei primi 20 giorni del mese l”abbonamento sarà valido per il mese in corso.

In entrambi i casi, non servirà dunque la prima convalida per attivare il titolo mensile. Una novità che la stessa Tper, nella sua nota, definisce “a prova di distratto”.

Attenzione però: questo schema sarà applicato qualora non ci sia già presente sulla tessera un abbonamento valido. Se l”utente, infatti, ha già una ricarica attiva in corso, la nuova ricarica varrà automaticamente per il mese successivo.Tutto come prima, invece, per gli abbonamenti cartacei a banda magnetica, tuttora in circolazione e acquistabili in molte rivendite autorizzate.

La validità di questo titolo di viaggio continuerà a decorrere dal momento della prima timbratura, stampigliata sul retro al primo utilizzo, fino alla fine del mese in cui è stato convalidato. 

Resta infine in vigore la regola generale della validazione ad ogni accesso al bus, stabilita dalla legge regionale 30 del 1998.

Per informazioni: www.tper.it/mensileacalendario 

Per chi viaggia in bus con la carta MiMuovo arriva l'abbonamento a prova di distratto
Cronaca 4 maggio 2018

Lotta all'inquinamento, un contributo regionale pari al costo del bollo per chi acquista un'auto ibrida

Un “premio” per i cittadini che acquistano veicoli a basso impatto ambientale con l”obiettivo di favorire la riduzione dell”inquinamento. Questa la motivazione alla base della decisione della Regione di offrire un contributo fino ad un massimo di 191 euro, per 3 anni, pari al valore del bollo di una vettura di media cilindrata, a chi decide di acquistare quest”anno un’auto ibrida di categoria M1 di prima immatricolazione. 

Per ottenere il contributo occorre registrarsi sulla piattaforma on line regionale, inserendo i dati anagrafici, quelli dell’auto e le coordinate bancarie sulle quale ricevere l’importo dovuto. La Regione provvederà poi in automatico all’accredito. “E’ un’altra tappa che segna il nostro impegno per tagliare le emissioni, per la tutela dell’ambiente e per la salute- affermano gli assessori regionali Paola Gazzolo (Ambiente) e Raffaele Donini (Trasporti) -. Solo collaborando e adottando stili di vita più attenti possiamo tutti insieme dare una mano per ridurre l’inquinamento e migliorare le condizioni dell’aria che respiriamo”. 

La registrazione è attiva da ieri e terminerà alle ore 12 del 31 dicembre 2018 nella piattaforma online alla pagina http://ambiente.regione.emilia-romagna.it/entra-in-regione/bandi/bandi-2018/bando_bollo/   

Le automobili ibride sono sempre più diffuse in Emilia Romagna: dai 2.776 veicoli ibridi immatricolati nel 2015 in regione si è passati ai 4.369 (+57%) del 2016 e ai 7.056 del 2017 (+61% rispetto all’anno precedente). L”intenzione della Giunta è offrire un analogo contributo anche agli oltre 7 mila automobilisti emiliano-romagnoli che hanno già comprato l’automobile nel 2017, ma occorrerà attendere luglio, quando si prevede di mettere a disposizione le risorse necessarie con la manovra di assestamento del bilancio regionale.

Da notare che la legislazione nazionale prevede per chi acquista un”auto elettrica l”esenzione dal pagamento del bollo per 5 anni, inoltre sempre la Regione ha investito 2,4 milioni per l’acquisto di 103 veicoli elettrici per la pubblica amministrazione e sta stringendo accordi con i Comuni sulle regole di accesso ai centri storici e i parcheggi gratuiti per le auto elettriche. Infine sono 150 le colonnine interoperabili installate e ulteriori 30 sono in corso di installazione. (r.c.)

Lotta all'inquinamento, un contributo regionale pari al costo del bollo per chi acquista un'auto ibrida
Cronaca 27 marzo 2018

Treni in ritardo sulla linea Adriatica per l'investimento di un animale a Cesena

Treni in ritardo e caos tra i pendolari diretti verso Bologna questa mattina sulla linea Adriatica a causa dell”investimento di un animale, probabilmente un cane, avvenuto nella zona di Cesena.

A renderlo noto è l”ufficio stampa delle Ferrovie dello Stato. Tutto è cominciato alle 5 quando l”Intercity proveniente da Lecce e diretto a Torino ha segnalato un investimento tra Cesena e Villa Selva. Come di prassi è stato sospeso il traffico dei convogli per permettere gli accertamenti; i carabinieri giunti sul posto hanno rinvenuto la carcassa di un animale di grossa taglia, presumibilmente un cane.

Alle 6.20 è stato dato nuovamente il via libera ai treni però nel frattempo  otto regionali e tre Frecce hanno accumulato un ritardo fino ad un massimo di 80 minuti; dopo le 7.20 il traffico è ritornato lentamente alla normalità.

l.a.

Nella foto i treni locali affollati causa i ritardi

Treni in ritardo sulla linea Adriatica per l'investimento di un animale a Cesena

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast