Posts by tag: auto

Cronaca 12 giugno 2018

Spaccata notturna al Gigi's Bar di Mordano, i ladri poi finiscono con l'auto fuori strada

Ennesimo furto con spaccata ai danni del Gigi”s Bar di via Borgo General Vitali a Mordano. Questa volta, però, i gestori sono almeno riusciti a recuperare la refurtiva, ossia diversi pacchetti di sigarette. Tutto è successo la scorsa notte, verso le 3. Come mostrano le telecamere di videosorveglianza del bar, quattro malviventi con il volto nascosto si sono avvicinati alla porta d”accesso e l”hanno preso a mazzate fino a frantumarla. Una volta dentro, incuranti del fatto che l”allarme era scattato, hanno arraffato quanti più pacchetti di sigarette potevano e poi sono risaliti in macchina per fuggire.

Proprio mentre si stavano allontanando, sul posto è arrivato il titolare del bar, che ha il telefono collegato con l”allarme e li ha seguiti in macchina lungo la via Lughese in direzione di Imola. Arrivati alla prima curva all”altezza dell”intersezione con via Maduno e via Mordano, però, i malviventi avrebbero perso il controllo dell”auto finendo fuori strada. Da lì la decisione di allontanarsi a piedi, abbandonando sia l”auto che la refertiva. «Alla fine siamo riusciti a recuperare praticamente tutti i pacchetti di sigarette rubati» confermano dal Gigi”s Bar. 

Ora spetterà alla polizia cercare di dare un volto ai ladri. Tra l”altro, il Gigi”s Bar, purtroppo, non è nuovo a furti e spaccate notturne. L”ultima in ordine di tempo si era verificata nel novembre del 2017, quando ignoti avevano fatto incetta di sigarette e poi erano fuggiti. Un annetto prima, invece, avevano sfondato una porta-finestra laterale lanciandosi con un”auto in retromarcia per rubare qualche sigaretta. Spesso, tra l”altro, il danno per i vetri frantumati superava il valore del bottino. 

gi.gi.

Nella foto: l”interno del Gigi”s Bar

Spaccata notturna al Gigi's Bar di Mordano, i ladri poi finiscono con l'auto fuori strada
Economia 22 maggio 2018

Test in autodromo per Microlino, l'auto «mini»del gruppo imolese Tazzari

Nei giorni scorsi sulla pista dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari ha sfrecciato Microlino, la microcar elettrica nata dalla partnership tra il gruppo imolese Tazzari e la svizzera Micro, specializzata nella produzione di monopattini elettrici. Sotto esame c’era il sistema frenante, caratterizzato da soluzioni derivate dal motorsport, come le sospensioni anteriori, dette «push-rod», che danno stabilità e dinamicità. «Da diversi mesi stiamo svolgendo i test omologativi – conferma il presidente del gruppo di via Selice, Erik Tazzari – siamo ormai verso la fine, prevista entro giugno».

Il veicolo, ispirato alla Isetta degli anni ’50, ha già all’attivo oltre 6 mila preordini. «Da inizio settembre – prosegue Tazzari – metteremo due Microlino preserie, omologate e targate, a noleggio presso il Flagstore Tazzari Ev al circuito di Imola. In questo modo potremo testare le reazioni del pubblico che guiderà il nuovo prodotto, in vista dell’imminente inizio produzione di serie. Entro quest’anno è prevista la produzione delle prime 500 Microlino “pioneer edition”».

A Imola Tazzari curerà la realizzazione dei veicoli per l’Europa. «Per tutti i mercati extra Ue – dettaglia il presidente – cerchiamo partner, a cui vendere le licenze di assemblaggio. Invieremo da Imola i kit completi da assemblare nei vari Paesi, avendo così poi anche una royalty per ogni veicolo venduto, di cui daremo il 50 per cento a Micro. Già avere a Imola la produzione per l’Europa sarà una bella sfida. Per questo prevediamo di assumere da 40 a 100 persone in più».

lo.mi.

Nella foto: Microlino

Test in autodromo per Microlino, l'auto «mini»del gruppo imolese Tazzari

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast