Cronaca

Domani sabato 18 maggio il saggio di educazione stradale per la prima volta all'autodromo

Domani sabato 18 maggio il saggio di educazione stradale per la prima volta all'autodromo

A conclusione del percorso di educazione stradale per questo anno scolastico domani, sabato 18 maggio, la polizia municipale organizza il 34° Saggio di educazione stradale, che per la prima volta si svolgerà all’autodromo «Enzo e Dino Ferrari».

Il programma prevede il ritrovo alle ore 9 al paddock dell’autodromo con i ragazzi di quinta elementare e tutti gli adulti che vogliono partecipare. Alle ore 9.15 partenza in bicicletta per percorrere una parte della pista (non sarà completato l’intero giro). Al ritorno al paddock, i ciclisti saranno accolti dalla Banda musicale di Imola. Alle 9.45, inoltre, è previsto l’arrivo degli studenti delle scuole medie che la polizia locale ha incontrato durante l’anno scolastico con un progetto che parla di legalità, percezione del rischio, guida in stato di ebbrezza. All’iniziativa sono stati invitati anche i circa 400 bimbi di 5 anni delle scuole dell’infanzia.

Alle ore 10 si svolgeranno le premiazioni del concorso fotografico Obiettivo Sicurezza Urbanae del concorso grafico Immagine sul Patentino del ciclista: il segnale che vorrei. Il concorso, che ha visto in gara tutte le 19 classi quinte che hanno svolto il programma di educazione stradale, è stato vinto dalla classe 5ª B Cappuccini con un disegno che rappresenta un segnale di obbligo (tondo blu) con all’interno un caschetto per la bici e lo slogan “Se in bici vuoi andare… il casco devi agganciare”, che verrà stampato sui Patentini del ciclista e sulle magliette, che saranno consegnati a tutti i ragazzi che parteciperanno al Saggio finale di educazione stradale.

Alle ore 10.30 si svolgeranno dimostrazioni di pronto intervento da parte di polizia locale, carabinieri, polizia di Stato, polizia stradale, vigili del fuoco, 118, Cri, protezione civile, Gev, Volontari civici, volontari del centro anziani Tiro a Segno. Ci saranno veicoli speciali e attrezzature, quali etilometro, autovelox, targa system, e occhiali che, grazie a lenti particolari che deformano e limitano la percezione visiva, simulano gli effetti dell’abuso di alcool sulle attività e i comportamenti. (r.cr.)

Nella foto lezione di educazione stradale alla scuola di Chiusura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast