Cronaca

Centri estivi, a Castello un sondaggio con questionario per raccogliere i bisogni delle famiglie


Centri estivi, a Castello un sondaggio con questionario per raccogliere i bisogni delle famiglie


I centri estivi sono senza dubbio il tema «caldo» di questi giorni. Dopo le linee guida nazionali ed il protocollo della Regione Emilia-Romagna per contrastare l”epidemia di Covid-19, l”Amministrazione comunale di Castel San Pietro ha dato seguito al lavoro che da settimane gli uffici stanno predisponendo con i soggetti coinvolti nell”organizzazione dei centri estivi e che, avendo partecipato al “Progetto regionale di Conciliazione vita-lavoro”, fanno parte dell”elenco dei gestori del nuovo Circondario imolese. «Eravamo in attesa di avere le guide nazionali e di ricevere la cornice in cui operare dalla Regione Emilia-Romagna – afferma l”assessore Giulia Naldi con delega a Scuola e Welfare – ma siamo pronti per sostenere anche quest”anno le famiglie per la gestione dei figli durante i mesi estivi. Anche per questo abbiamo predisposto un sondaggio per rilevare il fabbisogno delle famiglie, sondaggio che i nuclei familiari hanno già ricevuto».

Il sondaggio (per il questionario clicca qui) va considerato come una semplice manifestazione d’interesse e non costituisce obbligo di iscrizione al servizio. L”Amministrazione Comunale ha, però, fissato nel 4 giugno la scadenza per la sua compilazione al fine di adeguare al numero delle richieste il numero degli operatori necessari e di organizzare le attività educative e ludiche. «Come sapete, le caratteristiche dei centri estivi – prosegue la Naldi – saranno necessariamente differenti da quelli degli anni precedenti: sarà necessario implementare in modo significativo il numero degli educatori, condurre operazioni di igienizzazione, disporre triage agli ingressi e prevedere inevitabilmente una gestione diversa delle attività dei socializzazione dei bambini. Per far fronte a tali necessarie indicazioni, stiamo organizzando piccoli gruppi al fine di ampliare e di rendere efficace l”offerta del servizio alle famiglie, coordinandoci con associazioni, parrocchie e altri soggetti presenti sul territorio». «Purtroppo – conclude Naldi –, i costi per i gestori aumenteranno significativamente e il Comune si sta adoperando per contenere le rette affinché siano il più possibile accessibili a tutti i nuclei familiari richiedenti. Il nostro obiettivo è quello di partire entro il 15 giugno». (da.be.)

Foto concessa dal Comune di Castel San Pietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

Campagna Abbonamenti

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast