Cronaca

Cefla chiede la proroga della cassa integrazione Covid. Niente accordo però su ferie, permessi e tredicesima

Cefla chiede la proroga della cassa integrazione Covid. Niente accordo però su ferie, permessi e tredicesima

«Per la prima volta sul nostro territorio non siamo riusciti a firmare un accordo sindacale con Cefla, la seconda più grande cooperativa metalmeccanica a livello mondiale». Così i sindacati Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil hanno commentato quanto accaduto al momento della richiesta di apertura di cinque settimane di cassa integrazione Covid-19. «L’azienda – affermano i sindacati con ramma- rico – non ha accettato di fare maturare i ratei di ferie, permessi e tredicesima ai propri lavoratori. Ha rinunciato all’importantissimo ruolo cooperativo di mutualità che l’ha sempre contraddistinta».

L’azienda, respingendo le accuse dei sindacati, replica: «La maturazione dei ratei, pur non obbligatoria per legge, è stata concessa nelle prime nove settimane di cassa integrazione con il tacito accordo che, per eventuali ulteriori estensioni della cassa, sarebbe stata valutata alla luce della situazione economica globale e delle previsioni del gruppo. La tutela dei nostri dipendenti è stato e rimane il nostro massimo interesse». A conferma di questo, nel mese di giugno Cefla erogherà a tutti i dipendenti un premio di produzione lordo di 1.800 euro. (lo.mi.)

Nella foto: lo stabilimento della Cefla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook